E-R | BUR

n.226 del 26.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione delle modalità di attuazione del servizio di formalizzazione delle competenze acquisite nelle esperienze di servizio civile nell'ambito del Programma "Garanzia giovani" e parziale modifica della DGR n. 985/2014

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

  • la Legge Regionale 20 giugno 2003, n. 12 recante “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e ss.mm.ii. ed in particolare l’art.5;
  • la L. 20 ottobre 2003, n. 20 “Nuove norme per la valorizzazione del servizio civile. Istituzione del servizio civile regionale. Abrogazione della L.R. 28 dicembre 1999 n. 38” e s.m.i.;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

  • n. 475 del 7 aprile 2014 “Approvazione Schema di convenzione tra Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Emilia-Romagna - Programma Operativo Nazionale per l'attuazione dell'iniziativa europea per l'occupazione dei giovani. Approvazione proposta di Piano regionale di attuazione”;
  • n.985 del 30 giugno 2014 “Piano di attuazione regionale di cui alla DGR n.475/2014. Approvazione delle prime procedure di attuazione”;
  • n. 1676 del 20/10/2014 “Disposizioni per l'attuazione di parte delle misure di cui al piano di attuazione regionale della Garanzia per i giovani approvato con propria Deliberazione n. 475/2014 e del servizio di SRFC in esito ai tirocini attivati ai sensi della legge regionale n. 17/2005 e s.m.”;
  • n. 1964 del 22/12/2014 “Ulteriori disposizioni attuative del piano regionale "Garanzia giovani" di cui alla D.G.R. 475/2014 e modifiche alla propria D.G.R. 1676/2014”;
  • n.177 del 10/02/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.;
  • n. 105 del 01 febbraio 2010 ”Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta Regionale 14/02/2005, n. 265” e s.m.i.;
  • n. 936/2004,”Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale delle Qualifiche”;
  • n. 1434/2005 “ Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze”;
  • n. 1372/2010 “Adeguamento ed integrazione degli standard professionali del repertorio regionale delle qualifiche”, con cui si approva la rivisitazione di tutte le qualifiche facenti parte del Repertorio regionale e ss.mm.ii.;
  • n. 1695/2010 “Approvazione del documento di correlazione del sistema regionale delle qualifiche (SRQ) al quadro europeo delle qualifiche(EQF)”;
  • n. 739/2013 “Modifiche e integrazioni al Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze (SRFC) di cui alla DGR 530/2006”;
  • n.742/2013 ”Associazione delle conoscenze alle unità di competenza delle qualifiche regionali”;
  • n. 818/2014 “Modalità per la presentazione nell'anno 2014 dei progetti di servizio civile regionale”;

Vista la Determinazione dirigenziale n.1201 del 5/2/2015 “Approvazione elenco dei giovani ammessi alla misura del servizio civile nell'ambito della Garanzia Giovani”;

Considerato che, sulla base degli atti sopra richiamati, nello specifico la propria deliberazione n.818/2014 e la Determinazione n.1201/2015:

  • le esperienze di servizio civile regionale rientrano tra le misure previste nell'ambito del programma Garanzia Giovani e recepite con propria deliberazione n. 475/2014;
  • per tali esperienze è stata prevista l'applicazione del Servizio di Formalizzazione delle Competenze acquisite nei progetti approvati in esito alla DGR n.818/2014;
  • sono stati individuati i giovani che potranno realizzare esperienze di servizio civile regionale e che fruiranno del Servizio di Formalizzazione delle Competenze con la Determinazione dirigenziale n.1201/2015;

Dato atto che, nell'ambito del suddetto programma “Garanzia Giovani” sono state definite disposizioni di attuazione, comprensive dei relativi parametri di costo nelle more di specifiche norme attuative e parametri di costo da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;

Visto altresì il Decreto Direttoriale n. 227\II\2015 del 2 luglio 2015 della Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, riguardante la procedura per l'individuazione, la messa in trasparenza e la validazione delle competenze in Servizio Civile, nell'ambito del Programma Garanzia Giovani;

Dato atto che tale decreto prevede, all'art.2, che: “le Regioni, dotate di un proprio sistema di attestazione, validazione e certificazione delle competenze, conforme alla procedura allegata, possono adottare il proprio sistema regionale, garantendo, in ogni caso, gli standard minimi di attestazione ivi previsti”;

Dato atto che la Regione Emilia-Romagna ha istituito il proprio Sistema di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze tenendo conto di quanto definito dalle disposizioni comunitarie e dalle norme e dagli accordi nazionali e interregionali in materia;

Considerato che il Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze (SRFC):

  • disciplina e regolamenta il Servizio finalizzato ad attestare competenze comunque e ovunque acquisite dalle persone, come esplicitato dalla suddetta DGR 1434/05 e ss.mm.ii.;
  • si fonda sul principio che “ogni persona ha diritto ad ottenere il riconoscimento formale e la certificazione delle competenze acquisite”;
  • è rivolto a persone con esperienza maturata in contesti di istruzione e formazione, in contesti lavorativi e professionali e in contesti di vita sociale e individuale, nello specifico trattasi del Servizio “SRFC nell’ambito del Lavoro”;
  • assume a riferimento le competenze previste dal Sistema Regionale delle Qualifiche di cui alle citate DGR 936/04 e DGR. 1372/10 e ss.mm.ii.;
  • è un sistema “unico e unitario”, ossia le competenze considerate hanno lo stesso valore anche se acquisite in contesti di apprendimento diversi e sono accertate e valutate rispetto agli stessi standard professionali di riferimento, indipendentemente dal contesto di apprendimento;
  • gli attestati rilasciati in esito al Servizio sono i medesimi e hanno la stessa spendibilità, a prescindere dai luoghi in cui le competenze si sono formate e sviluppate;
  • prevede una fase di “Accertamento tramite evidenze”, di cui al capitolo 3 dell’allegato 1 della sopra citata deliberazione n. 739/2013, denominata “Formalizzazione” e che tale procedura di accertamento e validazione delle competenze risulta conforme alla procedura individuata dal Decreto Direttoriale n. 227\II\2015 del 2 luglio 2015, sopra richiamato;

Dato atto che il succitato Decreto Direttoriale, all'art. 3) “Parametri di costo” ha individuato i parametri di costo da applicare al Servizio di Formalizzazione delle Competenze, prevedendo parametri solo in parte difformi da quanto già previsto all'Allegato 4) della propria soprarichiamata D.G.R. 985/2014 alla lettera G) “Finanziamento delle attività di certificazione”;

Ritenuto, pertanto, sulla base di quanto esplicitato ai punti precedenti, di:

  • recepire il Decreto Direttoriale n. 227\II\2015 del 2 luglio 2015 della Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali riguardante la procedura per l'individuazione, la messa in trasparenza e la validazione delle competenze in Sevizio Civile nell'ambito del Programma Garanzia Giovani;
  • approvare le modalità di attuazione del Servizio Regionale di Formalizzazione delle competenze acquisite nelle esperienze di Servizio Civile, nell'ambito del piano “Garanzia Giovani”, di cui alla D.G.R. n. 475/2014, come esplicitato all'Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • recepire i parametri di costo e di durata previsti dal Decreto Direttoriale sopra citato e di modificare parzialmente ed esclusivamente per la formalizzazione nell’ambito del Servizio Civile, i parametri di costo previsti dall'Allegato 4) lettera G della propria Deliberazione n. 985/2014, che risulta così integrato: “Per la formalizzazione nell’ambito del Servizio Civile, al soggetto attuatore sarà corrisposta una rimunerazione a costi standard. Il servizio sarà retribuito prendendo a riferimento il costo standard orario di € 35,50 per ciascuna ora intera erogata e debitamente documentata. La durata massima riconosciuta del servizio è pari a 8 ore e può ricomprendere tutte le fasi della procedura, sia per le attività di front office che di back office”, come esplicitato all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, alla voce “Durata e valorizzazione del finanziamento del Servizio”;

Vista la L.R. n. 43/01 ”Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.;

Richiamate infine le proprie deliberazioni:

  • n.1057/2006 "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";
  • n.1663/2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente.";
  • n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;
  • n.1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettificata dalla deliberazione n.1950/2010;
  • n.2060/2010 “Rinnovo incarichi a Direttori Generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;
  • n. 258/2015 “Contratti individuali di lavoro stipulati ai sensi dell'art. 18 L.R. n, 43/2001. Proroga termini di scadenza”;
  • n. 335/2015 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti e prorogati nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie – Istituto”; 

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

1) di recepire il Decreto Direttoriale n. 227\II\2015 del 2 luglio 2015 della Direzione Generale per le Politiche Attive, i Servizi per il Lavoro e la Formazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali riguardante la procedura per l'individuazione, la messa in trasparenza e la validazione delle competenze in Servizio Civile, nell'ambito del Programma Garanzia Giovani;

2) di applicare, come stabilito all’art. 2) del Decreto di cui al punto precedente, il proprio Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze, per la parte relativa alla “Formalizzazione”, di cui alla propria Deliberazione n. 739/2013, in quanto conforme alla procedura di messa in trasparenza e validazione delle competenze prevista da tale Decreto e di applicare gli standard di attestazione regionali relativi al Servizio Regionale di Formalizzazione delle competenze;

3) di approvare le modalità di realizzazione del Servizio Regionale di Formalizzazione delle Competenze acquisite nelle esperienze di Servizio Civile, nell'ambito del piano “Garanzia Giovani”, di cui alla DGR 475/2014, secondo quanto esplicitato all’Allegato 1), parte integrante e sostanziale alla presente deliberazione;

4) recepire altresì i parametri di costo e di durata previsti dal Decreto Direttoriale sopra citato e di modificare parzialmente ed esclusivamente per la formalizzazione nell’ambito del Servizio Civile, i parametri di costo previsti dall'Allegato 4) lettera G della propria Deliberazione n. 985/2014, che risulta così integrato: “Per la formalizzazione nell’ambito del Servizio Civile, al soggetto attuatore sarà corrisposta una rimunerazione a costi standard. Il servizio sarà retribuito prendendo a riferimento il costo standard orario di € 35,50 per ciascuna ora intera erogata e debitamente documentata. La durata massima riconosciuta del servizio è pari a 8 ore e può ricomprendere tutte le fasi della procedura, sia per le attività di front office che di back office”, come esplicitato all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, alla voce “Durata e valorizzazione del finanziamento del Servizio”;

5) di dare mandato al dirigente regionale competente di apportare, con propri successivi atti e senza che ciò determini modifiche strutturali alle modalità attuative approvate con il presente atto, gli adeguamenti tecnici che si rendessero necessari per la completa e coerente attuazione del Servizio di Formalizzazione delle Competenze alle esperienze di servizio civile, nell'ambito del programma Garanzia Giovani;

6) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, nonché sul sito della Regione Emilia-Romagna all’indirizzo http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it/

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it