E-R | BUR

n.255 del 10.08.2016 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 7/98 e s.m. - L.R. 4/16, art. 16, comma 5 - Fase transitoria - modifica criteri di cui alla DGR 592/09

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;
  • la legge regionale 4 marzo 1998, n. 7, concernente: “Organizzazione turistica regionale – Interventi per la promozione e commercializzazione turistica” e successive modificazioni;
  • la L.R. 25 marzo 2016, n. 4 concernente: “Ordinamento turistico regionale - Sistema organizzativo e politiche di sostegno alla valorizzazione e promo-commercializzazione turistica. Abrogazione della legge regionale 4 marzo 1998, n, 7” ed in particolare il comma 5 dell'art. 16, che individua i procedimenti amministrativi relativi alla concessione di risorse finanziarie ai quali, se attivati entro il 31 dicembre 2016, si applicano le disposizioni di cui alla legge regionale n. 7/1998;

Richiamata la propria deliberazione 4 maggio 2009, n. 592 concernente: “L.R. 7/98 e succ. mod. - Modalità, procedure e termini per l'attuazione degli interventi regionali per la promozione e commercializzazione turistica” e successive modificazioni ed in particolare:

  • il Capitolo 1) dell'Allegato A), così come modificato dalla determinazione n. 5204/2015, concernente “Programmazione annuale della promozione e della commercializzazione turistica” laddove prevede che la Giunta regionale, entro il 30 aprile di ogni anno precedente a quello di riferimento, stabilisce le Linee guida generali, punto di riferimento propedeutico per la programmazione delle attività di promozione e commercializzazione turistica;
  • il Capitolo 2) dell'Allegato A), così come modificato dalla determinazione n. 5204/2015, concernente “Modalità, procedure e termini per l'attuazione dei progetti di marketing e promozione turistica di prevalente interesse per i mercati internazionali di APT Servizi srl” laddove prevede che APT Servizi srl deve inviare alla Regione, entro il 31 agosto dell'anno antecedente quello di riferimento, le proprie proposte esecutive relative ai progetti di marketing e promozione turistica di prevalente interesse per i mercati internazionali;
  • il Capitolo 4) dell’Allegato A), così come modificato dalla determinazione n. 10763/2014 e successiva determinazione n. 5204/2015, concernente “Modalità, procedure e termini per il cofinanziamento, anche in forma di co-marketing, dei progetti di promocommercializzazione turistica realizzati dalle aggregazioni di imprese aderenti alle Unioni di prodotto” che prevede:
    • al paragrafo 2 denominato “Modalità di presentazione delle domande”, che la domanda di cofinanziamento deve essere presentata entro il 10 settembre dell'anno antecedente quello di riferimento;
    • al paragrafo 6.2 denominato “Metodologia per la valutazione dei progetti”, che per esprimere il giudizio di valutazione dei progetti si considerano, tra l'altro, i parametri relativi alla coerenza con le indicazioni strategiche regionali e alla coerenza con il Programma annuale dell'Unione di prodotto di appartenenza;
    • al paragrafo 7 denominato “Modalità per la formazione della graduatoria dei progetti ammissibili”, che la Giunta regionale provvede all'approvazione della graduatoria entro il 31 dicembre dell'anno antecedente quello di riferimento;
    • al paragrafo 8 denominato “Piano di cofinanziamento”, che la Giunta regionale approva entro il 31 marzo dell'anno di riferimento il Piano di cofinanziamento, sentite le Unioni di prodotto;
  • il capitolo 5) dell'Allegato A), così come modificato dalla propria deliberazione n. 700/2013, concernente “Modalità, procedure e termini per l'attuazione dei Programmi Turistici di Promozione Locale delle province laddove prevede che le Linee strategiche del PTPL sia redatto in piena sintonia con gli atti di indirizzo strategico della Regione Emilia-Romagna;

Considerato che:

  • l'attuazione della L.R. 4/2016 prevede una profonda riforma del sistema dell'organizzazione turistica regionale;
  • la sopracitata riforma, per essere realizzata, richiede l'apertura ed il completamento di un significativo numero di procedimenti amministrativi, molti dei quali già in fase di attivazione;
  • è per altro necessario garantire, anche per l'anno 2017 e senza soluzione di continuità: il finanziamento delle attività e la piena operatività di APT Servizi srl; il cofinanziamento dei progetti di promocommercializzazione turistica presentati dal sistema delle imprese; il finanziamento dei PTPL realizzati dalle Province anche funzionalmente al futuro assetto organizzativo basato sulle Destinazioni Turistiche;

Preso atto che per realizzare i sopracitati obiettivi risulta opportuno modificare parzialmente i criteri di cui all'Allegato A) della propria deliberazione n. 592/2009 e s.m. come di seguito esplicitato:

  • nelle more dell'elaborazione e approvazione delle Linee guida triennali di cui all'art. 5 della L.R. 4/2016, si farà riferimento alle indicazioni strategiche regionali disponibili e tutt'ora vigenti;
  • le Linee guida generali per la promozione e la commercializzazione turistica per l'anno 2016, approvate con deliberazione n. 538/2015, devono essere considerate punto di riferimento propedeutico per la programmazione delle attività di promozione e commercializzazione turistica;
  • APT Servizi srl, le imprese turistiche e le amministrazioni provinciali e la Città Metropolitana di Bologna, sono quindi tenute ad elaborare i propri piani, progetti e programmi in coerenza con le indicazioni contenute nelle sopracitate Linee guida;
  • il termine di presentazione, da parte di APT Servizi srl, delle proposte esecutive relative ai progetti di marketing e promozione turistica di prevalente interesse per i mercati internazionali è posticipato al giorno 20 ottobre 2016;
  • il termine di presentazione, da parte delle province e della Città Metropolitana di Bologna, delle Linee strategiche dei PTPL è posticipato al 15 luglio 2016;
  • il termine di approvazione, da parte della Regione, delle Linee strategiche dei PTPL è posticipato al 15 settembre 2016;
  • il termine di presentazione, da parte delle province e della Città Metropolitana di Bologna, dei PTPL è posticipato al 30 ottobre 2016;
  • il termine di approvazione dei PTPL, di assegnazione e concessione delle risorse finanziarie, da parte della Regione, è posticipato al 31 dicembre 2016;
  • il termine di presentazione alla Regione delle domande di cofinanziamento dei progetti di promocommercializzazione turistica 2017 presentati dalle aggregazioni di imprese aderenti alle Unioni di prodotto è anticipato al giorno 1° settembre 2016;
  • la metodologia per la valutazione dei progetti di promocommercializzazione turistica 2017 e, contestualmente, la griglia di valutazione, devono essere modificate alla luce di quanto evidenziato in merito alle indicazioni strategiche regionali disponibili e tutt'ora vigenti, nonché di una riparametrazione dei punteggi parziali dei vari parametri di valutazione;
  • il termine di approvazione del Piano di cofinanziamento dei progetti di promocommercializzazione turistica 2017 è anticipato al 31 dicembre 2016;

Considerato, inoltre, che risulta opportuno confermare integralmente tutte le altre disposizioni vigenti di cui alla citata deliberazione n. 592/2009 e s.m.;

Preso atto che il Comitato di Concertazione Turistica, di cui alla L.R. 7/98, ha cessato la sua attività ai sensi di quanto previsto dalla L.R. 4/2016;

Sentite le Associazioni del turismo, del commercio e dei servizi maggiormente rappresentative;

Ritenuto pertanto, per quanto sopra esposto di modificare con specifici emendamenti l'Allegato A) della citata deliberazione n 592/2009 e successive modificazioni;

Visto il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 avente ad oggetto: “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”, ed in particolare l'art. 26;

Vista la L.R n. 43 del 26 novembre 2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modificazioni ed integrazioni;

Viste altresì:

  • la legge 16 gennaio 2003, n. 3 “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”, ed in particolare l’art. 11 “Codice unico di progetto degli investimenti pubblici”
  • la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente per oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia”, e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la Vigilanza sui Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture n. 4 del 7 luglio 2011, recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’articolo 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Dato atto che il presente provvedimento è soggetto all’adempimento degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33/2013;

Richiamate infine le seguenti proprie deliberazioni, esecutive nei modi di legge:

  • n. 66 del 25/01/2016 avente ad oggetto: “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e del Programma per la trasparenza e l’integrità. Aggiornamenti 2016-2018”;
  • n. 56/2016 avente ad oggetto: “Affidamento degli incarichi di Direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. n. 43/2001”;
  • n. 270/2016 avente ad oggetto: “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 622/2016 avente ad oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 2416 del 29 dicembre 2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e ss.mm.;

Dato atto del parere allegato

Su proposta dell'Assessore regionale competente in materia di turismo;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa e che qui s’intendono integralmente riportate:

1. di stabilire che le Linee guida generali per la promozione e la commercializzazione turistica per l'anno 2016, approvate con deliberazione di Giunta regionale n. 538/2015, devono essere considerate punto di riferimento propedeutico per la programmazione delle attività di promozione e commercializzazione turistica 2017 relative: al finanziamento delle attività e alla piena operatività di APT Servizi srl; al cofinanziamento dei progetti di promocommercializzazione turistica presentati dalle aggregazioni di imprese aderenti alle Unioni di prodotto; al finanziamento dei PTPL realizzati dalle Province e dalla Città Metropolitana di Bologna anche funzionalmente al futuro assetto organizzativo basato sulle Destinazioni Turistiche di cui alla L.R. 4/2016;

2. di stabilire la parziale modifica della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, nel seguente modo:

EMENDAMENTO 1

Al primo capoverso del Capitolo 2) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “entro il 31 agosto dell'anno antecedente quello di riferimento" è sostituita con la locuzione “entro il 20 ottobre 2016”.

EMENDAMENTO 2

Al primo capoverso del Punto 2) del Capitolo 4) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “entro il 10 settembre dell'anno antecedente quello di riferimento" è sostituita con la locuzione “entro il 1° settembre 2016”.

EMENDAMENTO 3

Il Punto 6. 2) del Capitolo 4) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni è interamente soppresso e sostituito dal seguente:

“6.2 Metodologia per la valutazione dei progetti

Per esprimere il giudizio di valutazione dei progetti si considerano i seguenti parametri:

Valore intrinseco del progetto;

Coerenza con le Linee Guida generali 2016 di cui alla DGR n. 538/2015;

Rating di legalità di cui al Decreto MEF n. 57/2014.

I parametri sono utilizzati al fine di attribuire la valutazione "Alto", "Medio", “Basso" o “Non ammissibile” a ciascun progetto e determinare una graduatoria complessiva.

Valore intrinseco del progetto:

Livello di internazionalizzazione:

con tale parametro si vuole individuare il livello di esposizione del progetto verso i mercati esteri. Nella valutazione, si tiene anche conto della valenza strategica delle azioni previste sui mercati esteri rispetto alla globalità del progetto, nonché del rapporto fra l’investimento finanziario globale e la parte relativa ai mercati esteri.

Incisività di prodotto:

con tale parametro si vuole individuare, anche in base a caratteristiche di specificità/unicità/continuità nonché di corretta e motivata identificazione dei target e dei mercati, il livello di competitività del prodotto, la sua capacità di successo rispetto alla domanda del mercato turistico e, in particolare, rispetto ai bacini geografici, ai segmenti di mercato e ai target cui tale prodotto si rivolge in modo specifico.

Innovazione e/o creatività:

con tale parametro si vogliono individuare e premiare quei progetti che si distinguono per la capacità di presentare un prodotto totalmente nuovo e/o per la capacità di aver introdotto una forte spinta alla diversificazione di un prodotto già esistente. Tali caratteristiche saranno valutate positivamente anche se riferite alle singole azioni che compongono il progetto.

Coerenza tra obiettivi, mercati, azioni e costi:

con tale parametro si vuole individuare la coerenza intrinseca del progetto determinata dalla relazione esistente tra obiettivi prefissati, prodotto prescelto, mercati di riferimento, azioni definite per colpire i mercati e costi da sostenere per attuare strategie e raggiungere obiettivi.

Integrazione tra soggetti di settori diversi:

con tale parametro si vuole individuare il grado di integrazione raggiunta dalle diverse tipologie di operatori partecipanti al progetto. L’integrazione tra soggetti di settori diversi deve produrre un arricchimento concreto dell’offerta turistica e favorire la realizzazione di progetti di promocommercializzazione di prodotti turistici il cui livello di innovazione e qualità è determinato anche dalla molteplicità e dal grado di integrazione dei servizi erogati dai soggetti facenti parte dell’aggregazione.

Coerenza con le Linee Guida generali 2016 di cui alla DGR n. 538/2014:

Per la valutazione dei progetti per l'anno 2017, nelle more dell'elaborazione e approvazione delle Linee guida triennali di cui all'art. 5 della L.R. 4/2016, considerata la necessità di garantire, senza soluzione di continuità, i cofinanziamenti regionali al sistema delle imprese che intendono realizzare progetti di promocommercializzazione turistica, si farà riferimento alle indicazioni strategiche regionali disponibili. Sarà quindi verificato il grado di coerenza con le indicazioni strategiche contenute nella DGR n. 538/2014 e, in particolare, con i mercati e i target di riferimento.

Rating di legalità Decreto MEF n. 57/2014:

Per la valutazione dei progetti si terrà conto dell'eventuale iscrizione del beneficiario nell'elenco di cui all'art. 8 del Regolamento dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato. Nel caso di iscrizione, il punteggio verrà maggiorato di un bonus pari a 5 punti.

Per la determinazione della classe di merito e del punteggio di valutazione ci si avvale della "Griglia di valutazione dei progetti di promocommercializzazione turistica realizzati anche in forma di co-marketing", di cui all’Allegato 3.”

EMENDAMENTO 4

Al primo capoverso del Paragrafo 8) del Capitolo 4) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “sentite le Unioni di prodotto” è interamente soppressa; la locuzione “entro il 31 marzo dell'anno di riferimento” é sostituita dalla locuzione “entro il 31 dicembre 2016”;

EMENDAMENTO 5

Al primo capoverso del Punto 2) del Paragrafo 1) del Capitolo 5) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “entro e non oltre il 31 maggio dell'anno antecedente a quello di riferimento” é sostituita dalla locuzione “entro il 15 luglio 2016”;

EMENDAMENTO 6

Al terzo capoverso del Punto 2) del Paragrafo 1) del Capitolo 5) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “entro il 30 giugno dell'anno antecedente quello di riferimento” é sostituita dalla locuzione “entro il 15 settembre 2016”;

EMENDAMENTO 7

Al primo capoverso del Punto 3) del Paragrafo 1) del Capitolo 5) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, la locuzione “entro il 30 settembre dell'anno antecedente quello di riferimento” é sostituita dalla locuzione “entro il 30 ottobre 2016”;

EMENDAMENTO 8

Il punto 5) del Paragrafo 1) del Capitolo 5) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni, è interamente soppresso e sostituito dal seguente:

“5. Assegnazione delle risorse finanziarie regionali

La Regione approva i PTPL per l'anno 2017, assegna e concede le risorse finanziarie disponibili sui competenti capitoli di spesa del bilancio regionale, entro il 31 dicembre 2016.”

EMENDAMENTO 9

L'Allegato 3) del Capitolo 4) dell'Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni è interamente soppresso e sostituito dall'Allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente atto;

2. di confermare per l'anno 2017, con le dovute variazioni formali in merito ai riferimenti temporali, la modulistica utilizzata per la richiesta di cofinanziamento per l'anno 2016, di cui agli allegati n. 1 e 2 della determinazione n. 5204/2015;

3. dare atto che, fatte salve le disposizioni di cui al precedente punto 1), si applicano integralmente tutte le disposizioni di cui al Capitolo 4) dell’Allegato A) della deliberazione di Giunta regionale n. 592/2009 e successive modificazioni;

4. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it