E-R | BUR

n.66 del 06.03.2019 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 8/2017 - Approvazione del progetto "Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di grandi eventi sportivi di interesse regionale per l'anno 2019" e del relativo schema di contratto - Impegno di spesa

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Vista la Legge regionale n. 8 del 31 maggio 2017 “Norme per la promozione e lo sviluppo delle attività motorie e sportive” ed in particolare la lettera f) del comma 4) dell’art. 1), laddove stabilisce che la Regione promuove la realizzazione di grandi eventi sportivi, nonché di eventi di rilievo regionale o locale, idonei a creare occasioni di sviluppo per il territorio con importanti ricadute culturali, turistiche ed economiche anche avvalendosi delle proprie società in house;

Richiamata la Legge regionale n. 4 del 25 marzo 2016 “Ordinamento turistico regionale - Sistema organizzativo e politiche di sostegno alla valorizzazione e promo-commercializzazione turistica. Abrogazione della Legge regionale 4 marzo 1998, n. 7 (Organizzazione turistica regionale–Interventi per la promozione e la commercializzazione turistica)”;

Richiamata le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 613 in data 15/5/2017, concernente: "L.R. 4/2016 - Modalità per realizzazione da parte di APT Servizi s.r.l. di attività di promozione turistica attuative della programmazione regionale in materia di turismo - Approvazione schema di convenzione quadro di durata poliennale tra Regione e APT Servizi s.r.l.", nonché la relativa Convenzione Quadro sottoscritta tra le parti in data 25/5/2017;

- n. 1061 in data 3/7/2018, concernente: “L.R. 4/2016 – Integrazione Convenzione Quadro con APT Servizi s.r.l. approvata con D.G.R. 613/2017 ed approvazione azioni integrative ai progetti di marketing e promozione turistica anno 2018 – Assunzione impegno ed approvazione schema di contratto – C.U.P. E49H18000010002”, nonché la relativa Convenzione integrativa sottoscritta tra le parti in data 9/07/2018;

Dato atto di quanto contenuto nella nota prot. PG/2019/96271 del 23/1/2019 a firma Presidente della Giunta regionale con la quale, in coerenza con quanto stabilito dall’art. 1, comma 4, lettera f della L.R. 31 marzo 2017, n.8, si comunicava ad APT Servizi srl:

- l’intenzione di avvalersi della suddetta società in house per individuare e promuovere la realizzazione di grandi eventi sportivi che, per le loro caratteristiche di unicità, attrattività, interesse nei confronti di atleti provenienti da altre Regioni italiane e anche da altri Stati europei e extraeuropei, possano rappresentare un’occasione di sviluppo per il territorio emiliano-romagnolo con significative ricadute sull’economia turistica;

- di elaborare il progetto con le suddette caratteristiche e di proporlo alla Regione tenuto conto delle seguenti indicazioni di massima:

  • promozione di manifestazioni sportive di rilievo internazionale e di forte attrazione per appassionati e turisti, capaci di produrre valore aggiunto economico. Si evidenzia, in particolare, la straordinaria opportunità per la Regione Emilia-Romagna rappresentata dalla possibilità di ospitare “La Grande Partenza” a Bologna del Giro d’Italia 2019 e ben altre quattro tappe che toccheranno i Comuni di Riccione, Ravenna, Modena e Carpi. Si tratta di un’occasione unica non solo per avvicinare tantissimi appassionati di ciclismo, ma anche per far conoscere il nostro territorio a migliaia di sportivi, di accompagnatori, visitatori e turisti. Un forte valore aggiunto anche per l’economia regionale. Un secondo grande appuntamento è rappresentato dai Campionati Europei Under 21 di Calcio che prevede lo svolgimento delle partite negli stadi di tre città emiliano-romagnole: Reggio Emilia, Bologna e Cesena. Un evento col quale la UEFA si propone di incentivare una cultura giovanile sportiva caratterizzata da un forte contenuto etico e sociale. Una nuova immagine del calcio da vivere come “festa” dello sport, delle famiglie, delle comunità. Lontano dallo stereotipo del calcio vissuto come fonte di profitto e successo, estrema sintesi della competitività;
  • forte attenzione a manifestazioni dedicate ai giovani;
  • manifestazioni organizzate in aree appenniniche e finalizzati alla rivitalizzazione e fruizione del territorio;
  • eventi estivi con componenti di forte animazione e socializzazione;
  • manifestazioni che interessano ampie aree territoriali;

- di presentare una proposta progettuale del valore finanziario preventivabile in euro 4.200.000,00, avendo a riferimento le disponibilità previste dal Bilancio regionale di previsione per l’anno 2019 ed in particolare dello stanziamento sul Cap. 78742;

Preso atto che con nota del 4/2/2019 trasmessa con pec in pari data e acquisita agli atti del Servizio Turismo, Commercio e Sport con prot. n. PG/129285 del 4/2/2019, avente ad oggetto: Progetto “Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di Grandi eventi sportivi di interesse regionale per l’anno 2019”, APT Servizi s.r.l. ha trasmesso:

a) il Progetto “Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di Grandi eventi sportivi di interesse regionale per l’anno 2019” completo del Piano delle attività strutturato in 5 macro azioni esecutive;

b) la scheda tecnico-finanziaria riportante il quadro complessivo dell'impiego del budget previsionale di Euro 4.220.000,00 IVA inclusa;

Preso inoltre atto che con la sopracitata nota prot. 129285/19 APT Servizi srl ha dichiarato che:

- i servizi e le forniture necessari alla messa in esecutivo dei progetti saranno reperiti da Apt Servizi sul mercato attraverso le procedure ex Codice degli Appalti Dlgs 50/2016, nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza, proporzionalità, pubblicità, tutela dell’ambiente ed efficacia energetica;

- agirà attraverso procedure di selezione trasparenti nell’individuazione dei propri fornitori/expertise professionali, assicurando l’allineamento della qualità delle risorse umane, e del relativo costo, alle condizioni di mercato e come previsto dalla sezione “Società trasparente” del sito www.aptservizi.com;

- i costi delle unità di personale impiegate, sono equivalenti ai costi standard regionali (DGR 1520/2016); 

Dato atto che la proposta esecutiva trasmessa da APT Servizi s.r.l. di cui all’Allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente atto:

  • risulta pertinente e coerente rispetto alle disposizioni di cui alla citata L.R. 8/2017 ed in particolare con quanto stabilito alla lettera f) del comma 4) dell’art. 1);
  • risulta coerente e completa rispetto alle indicazioni di cui alla citata nota a firma Presidente della Giunta regionale prot. PG/2019/96271 del 23/1/2019;
  • contiene gli elementi e le dichiarazioni previsti dalla sopracitata Convenzione Quadro di durata poliennale tra la Regione Emilia-Romagna e l'APT Servizi s.r.l.;

Considerato inoltre che:

- con propria deliberazione n. 514 dell’11 aprile 2016 è stato avviato il processo di razionalizzazione delle partecipazioni societarie della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dei commi 611-616 dell’art. 1, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015);

- in base a tale deliberazione è confermato l’interesse pubblico al mantenimento della propria società in house APT Servizi S.r.l, come peraltro ribadito con propria deliberazione n. 2326 del 21 dicembre 2016;

Richiamati, in particolare:

- l’art. 5 e 192 del D.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 “Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture”;

- l’art. 16 del D. Lgs. 19 agosto 2016, n. 175 “Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica”;

Dato atto che in quanto società in house della Regione APT Servizi s.r.l. è soggetta ad una pluralità di controlli riferibili, in sintesi, alle seguenti verifiche:

- rispetto degli obblighi in materia di prevenzione della corruzione, trasparenza e pubblicità;

- coerenza delle modalità di reclutamento del personale e conferimento di incarichi con i criteri e le modalità individuate dalla Regione;

- contenimento delle politiche retributive in coerenza con gli obiettivi di finanza pubblica;

- rispetto delle disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di cui al D. Lgs. 39/2013;

Dato inoltre atto che il Servizio regionale competente ha provveduto a trasmettere, con prot. n. 12679 del 9 febbraio 2018, la richiesta di iscrizione della società APT Servizi srl all’Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie società in house, previsto all’art. 192, comma 1, del D.Lgs. n. 50/2016 e ss.mm., nonché ai sensi dell’art. 192, comma 2, del medesimo decreto;

Atteso che, ai sensi del richiamato art. 16 del D. Lgs. n. 175/2016, le società in house sono tenute ad effettuare i propri acquisti secondo le disposizioni del D. Lgs. n. 50/2016, fermo restando quanto previsto dall’art. 192;

Considerato inoltre che:

- APT Servizi s.r.l. ha proposto alla Regione di realizzare la commessa relativa al Progetto “Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di Grandi eventi sportivi di interesse regionale per l'anno 2019”, al prezzo complessivo di Euro 4.220.000,00 IVA ed ogni altro onere incluso;

- il prezzo proposto appare motivato ed accettabile anche in considerazione delle dichiarazioni rese dal Presidente di APT stessa e della distribuzione dei costi esposta nelle schede tecnico-economiche presentate;

- APT Servizi s.r.l. ha dichiarato che le attività si realizzeranno entro il 31 dicembre 2019;

Considerato inoltre:

- che APT Servizi s.r.l. è un soggetto in house della Regione Emilia-Romagna che rispetta tutte le condizioni previste dall’art. 5 del D.Lgs. n. 50/2016, in particolare per quanto attiene il controllo analogo;

- che l’attività che APT Servizi s.r.l. è chiamata svolgere riguarda un processo complesso finalizzato alla promozione e al sostegno alla realizzazione di grandi eventi sportivi che rappresentano un’occasione di sviluppo per il territorio emiliano-romagnolo con significative ricadute sull’economia turistica, che si realizza coinvolgendo gli stakeholder che fanno capo al sistema sportivo regionale di cui alla L.R. n. 8/2017;

- che la funzione di promozione sportiva affidata ad APT Servizi s.r.l. ha natura strettamente amministrativa, è attribuita alla società stessa con la Legge regionale n. 8/2017, alla lettera f) del comma 4) dell’art. 1) e rientra nella più ampia funzione di promozione territoriale e turistica affidata ad APT Servizi s.r.l. dalla già citata L.R. 4/2016;

- che per il personale utilizzato dalla società in house è necessaria l’equivalenza del costo dei profili professionali coinvolti con i costi standard dei dipendenti regionali equiparati come funzione, indicati nella deliberazione regionale n. 1520/2016;

- che per le spese generali di struttura potrà essere indicato un importo non superiore al 15% dell’importo complessivo delle spese per personale;

- che per l’utilizzo di fornitori esterni/expertise professionali la società deve utilizzare procedure di selezione trasparenti, assicurando che la qualità delle risorse umane e il relativo costo siano allineati alle condizioni di mercato;

- che relativamente alla acquisizione di lavori, beni o servizi la società deve utilizzare le procedure previste dal codice degli appalti pubblici, D.Lgs. n. 50/2016;

Ritenuto, per quanto sopra esposto, che l’affidamento in oggetto sia coerente con le disposizioni di cui all’art. 192 del D.Lgs. n. 50/2016, come risultante dal documento prot. NP/2019/613 del 9/1/2019 avente ad oggetto “Analisi e verifica in riferimento all’art. 192 del D.Lgs. n. 50/2016 – Programma annuale di attività e progetti 2019 APT Servizi”, con il quale il responsabile del Servizio competente ha attestato la congruità economica dell’attività svolta dalla società APT Servizi s.r.l. per l’anno 2019, comprensiva anche dei progetti speciali e delle azioni di promozione di grandi eventi sportivi di interesse regionale, in particolare alla luce della comparazione tra i costi medi delle risorse umane impiegate da APT Servizi s.r.l., ed i costi previsti da specifica gara CONSIP per servizi comparabili con quelli resi da APT Servizi s.r.l.;

Richiamati:

- il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle Leggi Regionali 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4", per quanto applicabile;

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.24 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2019”;

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.25 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2019‐2021 (legge di stabilità regionale 2019)”

- la L.R. 27 dicembre 2018, n.26 “Bilancio di previsione della Regione Emilia‐Romagna 2019‐2021”;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2301/2018 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2019-2021”;

Dato atto che la copertura finanziaria è assicurata dalla disponibilità di € 4.400.000,00 sul pertinente Capitolo 78742 del Bilancio per l'esercizio finanziario 2019;

Ritenuto pertanto:

- di approvare il Progetto “Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di Grandi eventi sportivi di interesse regionale per l'anno 2019”, al prezzo complessivo di Euro 4.220.000,00 IVA ed ogni altro onere incluso, completo di Scheda tecnico finanziaria, di cui all’Allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente atto;

- di regolamentare i rapporti con APT Servizi s.r.l. mediante apposito contratto, per l’importo di € 4.220.000,00, redatto sulla base dello schema riportato all’Allegato 2, parte integrante della presente deliberazione, ed elaborato in conformità alle disposizioni contenute nella sopracitata Convenzione quadro di durata poliennale, dando atto che alla sottoscrizione dello stesso provvederà, in attuazione della propria delibera n. 2416/2008 e ss.mm. e della normativa vigente, il Dirigente competente per materia;

- che ricorrano gli elementi di cui al D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. in relazione anche all’esigibilità della spesa nell’anno 2019 (scadenza dell’obbligazione), trattandosi di attività che si realizzeranno entro il 31 dicembre 2019 come specificato nella proposta inviata da APT Servizi s.r.l., e che verranno rendicontate entro il 31/1/2020, e che pertanto si possa procedere all’assunzione dell’impegno di spesa;

Preso atto che la procedura dei conseguenti pagamenti disposti in attuazione del presente atto, è compatibile con le prescrizioni previste all’art. 56, comma 6 del citato D.Lgs. n. 118/2011;

Visti:

- il D.Lgs. n. 159/2011, avente ad oggetto "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13/8/2010, n. 136", ed in particolare l’art. 83, comma 3;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 1521 del 28/10/2013, concernente: “Direttiva per l'applicazione della nuova disciplina dei ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali”;

- l'art. 1, commi 629, lett. b) e c), 630, 632 e 633 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 che ha introdotto l'art. 17-ter del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, il quale prevede, per le pubbliche amministrazioni acquirenti di beni e servizi (inclusi i lavori), un meccanismo di scissione dei pagamenti da applicarsi alle operazioni per le quali dette amministrazioni non siano debitori d'imposta ai sensi delle disposizioni generali in materia di IVA;

- la Legge 244/2007 e ss.mm. recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2008)”, art.1, commi dal 209 al 214 e D.M. 3 aprile 2013, n.55 “Regolamento in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica da applicarsi alle amministrazioni pubbliche ai sensi dell'articolo 1, commi da 209 a 213, della legge 24 dicembre 2007, n. 244”;

- la circolare PG/2015/0200894 del 26/3/2015 avente per oggetto: “La fatturazione elettronica nell’Amministrazione pubblica”;

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ. mod., ed in particolare l’art. 22 con riferimento a quanto previsto in relazione alla categoria “società di cui sono detenute direttamente quote di partecipazione”;

- la propria deliberazione n. 122 del 28 gennaio 2019, avente ad oggetto “Approvazione Piano triennale di Prevenzione della corruzione 2019–2021”, ed in particolare l’allegato D) “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

- la propria deliberazione n.1059/2018 recante “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell’ambito delle Direzioni Generali, Agenzie e Istituti e nomina del Responsabile della Prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), del Responsabile dell’anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della protezione dei dati (DPO)”;

Preso atto che, nel rispetto della normativa vigente, si è provveduto all'espletamento degli adempimenti previsti dall'art. 22 del D.Lgs. n. 33/2013;

Viste inoltre:

- la Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” ed in particolare l’art. 11;

- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art.3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Dato atto che è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale ai sensi dell'art. 11 della L. 3/2003, al progetto oggetto del presente provvedimento il C.U.P. (Codice Unico di Progetto) E49F19000060002;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 e succ. mod.;

Richiamate:

- la determinazione dirigenziale n. 9793 del 25/6/2018 “Rinnovo incarichi dirigenziali in scadenza al 30/6/2018” con la quale si è proceduto, tra l’altro, al rinnovo dell’incarico dirigenziale Professional “Destinazioni turistiche, promocommercializzazione, sviluppo e promozione dello Sport, al dott. Venerio Brenaggi dal 01/07/2018 al 31/10/2020;

- la determinazione dirigenziale n. 10460 del 3/7/2018 avente ad oggetto “Delega di potere provvedimentale al titolare della posizione dirigenziale Professional "Destinazioni turistiche e promo-commercializzazione, sviluppo e promozione dello sport" e messa a disposizione di unità di personale;

- la determinazione dirigenziale n. 10502 del 3/7/2018 “Delega di funzioni in materia di gestione del personale al titolare della posizione dirigenziale Professional sp000235 "Destinazioni turistiche e promo-commercializzazione, sviluppo e promozione dello sport";

- la determinazione dirigenziale n. 2373 del 21/2/2018 “Conferimento dell'incarico dirigenziale di responsabile del Servizio "Turismo, Commercio e Sport”;

Richiamate le seguenti proprie deliberazioni, esecutive nei modi di legge:

- n. 56/2016, n. 270/2016, n. 622/2016, n. 702/2016, n. 1107/2016, n. 468/2017, n. 477/2017 e n. 975/2017;

- n. 2416 del 29/12/2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e succ. mod., per quanto applicabile;

Richiamato il decreto del Presidente della Regione Emilia-Romagna n. 220 del 29/12/2014, successivamente modificato ed integrato con il Decreto n. 4/2015, con il quale sono stati nominati i componenti della Giunta regionale e definite le rispettive attribuzioni sulla base delle quali competono al Presidente le “politiche correlate con quelle turistiche e culturali in materia di promozione delle attività sportive con particolare riferimento allo sport non professionistico ed al tempo libero”;

Dato atto che il Responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Dato atto dell’allegato visto di regolarità contabile;

Su proposta del Presidente della Giunta regionale;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni indicate in premessa e che si intendono qui integralmente richiamate:

1. di approvare il Progetto “Azioni di promozione e di sostegno alla realizzazione di Grandi eventi sportivi di interesse regionale per l’anno 2019” completo di apposita Scheda tecnico finanziaria, la cui documentazione è stata trasmessa da APT Servizi s.r.l. con nota trasmessa via pec il 4/2/2019, che in Allegato 1 al presente atto ne forma parte integrante e sostanziale;

2. di approvare il relativo schema di contratto di cui all’Allegato 2 parte integrante e sostanziale del presente atto, per l’importo di € 4.220.000,00 IVA ed ogni altro onere incluso, nel rispetto di quanto previsto dalla Convenzione Quadro sottoscritta il 25/5/2017 e succ.mod., dando atto che alla sottoscrizione dello stesso provvederà, in attuazione della propria delibera n. 2416/2008 e ss.mm. e della normativa vigente, il Dirigente competente per materia;

3. di stabilire che il contratto di cui al precedente punto 2. avrà decorrenza dalla data di sottoscrizione, e che le attività saranno realizzate da APT Servizi s.r.l. entro il 31/12/2019 e dovranno essere rendicontate entro il 31/1/2020; i termini relativi alla realizzazione delle attività e/o alla rendicontazione possono essere prorogati su motivata richiesta di APT Servizi s.r.l. con atto del dirigente competente. L’eventuale proroga comporterà la rivisitazione delle scritture contabili ai fini della corretta imputazione dell’impegno di spesa assunto con la presente delibera, in linea con i principi e postulati previsti dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

4. di imputare la spesa di Euro 4.220.000,00, registrata al n. 3056 di impegno sul Capitolo n. 78742 “Spese per la promozione di grandi eventi sportivi e di eventi di rilievo regionale o locale (Art. 1, comma 4, lettera F) L.R. 31 maggio 2017, n. 8)" del Bilancio finanziario gestionale 2019-2021, anno di previsione 2019, che presenta la necessaria disponibilità, approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 2301/2018;

5. di dare atto che in attuazione del D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, è di seguito espressamente indicata:

Missione 06- Programma 01- Codice Economico U.1.03.02.02.999 – COFOG 08.1- Transazione UE 8 - SIOPE 1030202999 – C.I. Spesa 3 – Gestione Ordinaria 3 – C.U.P. E49F19000060002 

6. di precisare che, ai sensi del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., nonché della deliberazione n. 2416/2008 e successive modificazioni, il Dirigente regionale competente provvederà, con propri atti, a disporre le liquidazioni secondo le modalità stabilite dal contratto di cui al precedente punto 3., e, secondo quanto previsto dalla nota PG/2015/200894 del 26 marzo 2015, sulla base di fatture emesse conformemente alle modalità e contenuti previsti dalla normativa, anche secondaria, vigente in materia; le fatture dovranno essere emesse successivamente al rilascio dell'attestazione di conformità da parte della Regione a seguito del ricevimento e verifica con esito positivo della documentazione prevista all’art. 4 del contratto di cui al precedente punto 3. del dispositivo, ed il relativo pagamento avverrà nel termine di 30 giorni dal ricevimento delle fatture stesse, che dovranno essere inviate tramite il Sistema di Interscambio (SdI) gestito dall’Agenzia delle Entrate indicando come codice univoco dell’Ufficio di fatturazione elettronica il codice ZA2OT0;

7. di dare atto che si provvederà agli adempimenti previsti dall’art. 56, comma 7°, del D. Lgs. n. 118/2011 e successive modifiche e integrazioni;

8. di dare atto che l’amministrazione regionale ha adempiuto a quanto previsto dall’art. 22 del D.Lgs. 33/2013 e ss.mm. secondo le disposizioni indicate nel piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza citata in premessa e che si provvederà altresì agli adempimenti di cui all’art. 7 bis comma 3 del medesimo D.Lgs;

9. di dare atto infine che ad APT Servizi s.r.l. compete l’adempimento degli eventuali obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

10. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

11. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it