E-R | BUR

n.142 del 17.05.2022 (Parte Seconda)

XHTML preview

Variante cartografica al PTCP/PTPR presentata dal PUG del Comune di Cesenatico (FC) adottato con delibera di Consiglio comunale n. 31 del 19/7/2021. Intesa sulle modifiche cartografiche al Piano Territoriale Paesistico Regionale. (Delibera della Giunta regionale n. 257 del 28 febbraio 2022)

L’ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Richiamata la deliberazione della Giunta regionale progr. n. 257 del 28 febbraio 2022, recante ad oggetto: “Variante cartografica al PTCP/PTPR presentata dal PUG del Comune di Cesenatico (FC) adottato con delibera di Consiglio comunale n. 31 del 19/7/2021. Proposta all'Assemblea legislativa dell'intesa sulle modifiche cartografiche al Piano Territoriale Paesistico Regionale”;

Preso atto del parere favorevole espresso dalla commissione referente "Territorio, Ambiente, Mobilità” di questa Assemblea legislativa, giusta nota prot. PG/2022/10663, in data 13 aprile 2022;

Previa votazione palese, a maggioranza dei votanti,

delibera

- di approvare le proposte contenute nella deliberazione della Giunta regionale progr. n. 257 del 28 febbraio 2022, sopra citata e qui allegata quale parte integrante e sostanziale;

- di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 FEBBRAIO 2022, N. 257

Variante cartografica al PTCP/PTPR presentata dal PUG del Comune di Cesenatico (FC) adottato con delibera di Consiglio comunale n. 31 del 19/7/2021. Proposta all'Assemblea legislativa dell'intesa sulle modifiche cartografiche al Piano Territoriale Paesistico Regionale

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la L.R. 21 dicembre 2017, n. 24 “Disciplina regionale sulla tutela e l’uso del territorio”, ed in particolare:

- l’articolo 31 (Piano Urbanistico Generale “PUG”), che individua il PUG quale strumento di pianificazione del Comune per tutto il suo territorio delineando le invarianze strutturali e le scelte strategiche di assetto e sviluppo urbano di propria competenza;

- l’articolo 52 (Modificazione della pianificazione di altri livelli territoriali), che prevede al comma 1 che per assicurare la flessibilità del sistema della pianificazione territoriale e urbanistica, le proposte dei piani possano contenere esplicite proposte di modificazione ai piani generali o settoriali di altri livelli territoriali, e al comma 2 che le proposte comunali di modifica delle previsioni dei piani di tutela del territorio, dell'ambiente, del paesaggio, della protezione della natura, delle acque e della difesa del suolo possono attenere unicamente alla cartografia dei piani;

- il capo III (Semplificazione del procedimento di approvazione dei piani”), articoli 43, 44, 45, 46 e 47, che delineano le fasi procedimentali alle quali è assoggettata l’approvazione dei piani nonché l’organo a cui è affidato il compito di formulare il parere motivato sugli stessi;

- l’articolo 65 (Procedimento di approvazione del PTPR), comma 1, a mente del quale per l'elaborazione e l'approvazione delle varianti al PTPR, nonché per la verifica e l'adeguamento della pianificazione paesaggistica regionale di cui all' articolo 156 del decreto legislativo n. 42 del 2004, trova applicazione il procedimento disciplinato dagli articoli 43, 44, 45, 46 e 47 della stessa legge;

- il Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 "Codice dei beni culturali e del paesaggio" che definisce i principi e la disciplina per la tutela del paesaggio e dei valori culturali che esprime;

- il Piano Territoriale Regionale (PTR), approvato dall’Assemblea Legislativa con deliberazione n. 276 del 3/2/2010, che definisce gli obiettivi da perseguire per assicurare lo sviluppo e la coesione sociale ed individua gli indirizzi e le direttive alla pianificazione di settore;

- il Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR), approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 1338 del 28/1/1993, che definisce gli obiettivi di tutela e valorizzazione del paesaggio e delle sue emergenze territoriali nonché gli altri strumenti di programmazione e pianificazione settoriale regionale;

- il Piano Territoriale di Coordinamento (PTCP) della Provincia di Forlì Cesena, approvato con delibere del Consiglio Provinciale n. 1595 del 31/7/2001 (componente paesistica), n. 68896/146 del 14/9/2006 (componente insediativo-infrastrutturale), n.70346/146 del 19/7/2010 (Variante integrativa) e n.103517/57 del 10/12/2015 (variante specifica);

Dato atto che:

- ai sensi dell’art 76, della L.R. n. 24/2017 e ss.mm.ii., fino all’entrata in vigore del PTR redatto ai sensi dell’art. 40, della stessa legge, i PTCP approvati ai sensi della previgente L.R. n. 20/2000 e ss.mm.ii., costituiscono l'unico riferimento per gli strumenti urbanistici comunali in materia di pianificazione paesaggistica;

- il PTCP della Provincia di Forlì-Cesena dà attuazione alle prescrizioni dell'art. 4, comma 4, delle Norme del PTPR e specifica e approfondisce i contenuti del medesimo piano regionale;

Premesso che il Comune di Cesenatico:

- con Delibera di Giunta n. 92 del 3/4/2019 ha istituito l’Ufficio di Piano, posto in capo al Settore Urbanistica – SUE – SUAP, il cui responsabile è il dirigente del medesimo Settore;

- con nota Prot. 0504441.E del 15/7/2020 ha avviato la fase di consultazione preliminare del PUG con effetto di Piano dell’Arenile;

- con deliberazione di Giunta Comunale n. 30 del 27/11/2020 ha assunto la proposta di PUG comprensivo di Piano dell’Arenile, comportante modifica al PTCP della Provincia di Forlì-Cesena e al PTPR, stabilendo il decorso degli effetti di salvaguardia a norma dei disposti combinati degli articoli 45.2 e 27.2, della L.R. n. 24/2017 dalla data di adozione del piano;

- il PUG comprensivo di Piano dell’Arenile è stato depositato presso il Comune di Cesenatico dal 9/12/2020 al 8/2/2021. Del deposito si è provveduto a dare notizia mediante pubblicazione nel BURERT e sul sito dell’ente;

- con DCC n. 31 del 19/7/2021 è stato adottato il PUG comprensivo di Piano dell’Arenile e con il medesimo atto di consiglio è stato approvato il Regolamento Edilizio.

Dato atto che:

- la variante adottata al PTCP ed al PTPR consta dei seguenti elaborati:

- Relazione tecnica - Variante relativa alla zonizzazione paesistica del PTCP_PTPR;

- Elaborato - Tutela e valorizzazione paesistica Proposta di modifica cartografica al PTPR/PTCP;

- V1- Documento di Valsat (in A3 con tavole schematiche);

- V2 - Orientamento alle trasformazioni (tavola 1:10.000);

- V3 - Sintesi non tecnica;

- i succitati elaborati sono stati trasmessi ai fini degli adempimenti di cui agli artt. 19 e 52 della L.R. n. 24/2017, ed assunti agli atti con prot. 27/07/2021.0679013.E;

- dalla data di pubblicazione dell’avviso di adozione sul Bollettino Ufficiale n. 242 il 4/8/2021 della Regione Emilia-Romagna, la variante è stata depositata per sessanta giorni presso la sede dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna e della Provincia di Forlì-Cesena;

- nel periodo del deposito, ovvero dal 4/8/2021 al 3/10/2021, non sono pervenute osservazioni in merito ai contenuti di variante cartografica al PTPR e al PTCP della Provincia di Forlì-Cesena.

Richiamate:

- la Delibera di Consiglio Provinciale n. 24 del 6/9/2018 di costituzione del Comitato Urbanistico di Area Vasta (CUAV) della Provincia di Forlì-Cesena, come previsto dall'art. 47 della succitata L.R. n. 24/2017;

- la propria deliberazione n. 1875 del 12/11/2018 e la determinazione del Direttore Generale della Direzione Cura del territorio e dell’ambiente n. 19646 del 26/11/2018 di nomina del Rappresentante Unico Regionale nel Comitato urbanistico della Città Metropolitana di Bologna (CUM) e nei Comitati urbanistici di Area Vasta (CUAV);

Dato atto che la variante in parola, meglio descritta negli allegati che costituiscono parte integrante e sostanziale del presento atto, provvede a verificare e ad un aggiornare la Tavola n. 2 “Zonizzazione Paesistica“ del PTCP della Provincia di Forlì-Cesena costituente approfondimento paesistico del PTPR, in attuazione dell’art. 7 del Piano regionale stesso, procedendo ad una revisione delle zonizzazioni paesistiche di cui agli artt.13, 14 e 16 del PTCP/PTPR, in ragione dell’individuazione di alcune difformità e errori materiali riscontrati e della rendicontazioni di avvenute modifiche intercorse nel tempo;

Gli aggiornamenti ed adeguamenti cartografici propongono lievi modificazioni delle seguenti perimetrazioni:

- art. 16 (Colonie Marine), di cui si propone la riclassificazione in articolo 14 (Zone urbanizzate in ambito costiero), limitatamente a dieci ex Colonie marine che, per effetto delle trasformazioni fisiche e funzionali subite, hanno perso l’originaria connotazione e si connotano come appartenenti al tessuto edilizio ordinario del territorio;

- art. 16 (Colonie Marine), di cui si propone la riclassificazione in art. 13 (Zone di riqualificazione della costa e dell’arenile), a fronte di studi e approfondimenti condotti inerenti la vulnerabilità idraulica del territorio, in considerazione delle effettive caratteristiche delle aree contraddistinte da una matrice a prevalenza sabbiosa e limitatamente ad aree ed immobili prospicienti il mare e collocate in zone soggette a frequenti mareggiate e ad eventi alluvionali, erosivi e di ingressione marina;

- art. 13 e art. 14, di cui si propone la riclassificazione in art. 19 (Zone di particolare interesse paesaggistico ambientale) limitatamente ad una porzione di territorio interessata prevalentemente dalla presenza di una attività ricettiva all’aperto, in quanto ritenuta una classificazione più rappresentativa delle caratteristiche morfologiche e vegetazionali storicizzate.

Si procede, inoltre, con ulteriori limitati adeguamenti cartografici riguardanti:

- la rappresentazione della linea di costa secondo quanto rilevato dalle ortofoto regionali del 2017;

- l’adeguamento della perimetrazione del Canale Tagliata a seguito degli interventi effettuati che ne hanno modificato la morfologia con lo sdoppiamento del Canale Vena;

- la rettifica cartografica da “ambiti di qualificazione dell’immagine turistica” (art. 14 del PTCP) a “zone di particolare interesse paesaggistico-ambientale” (art. 19 del PTCP) della porzione della particella catastale identificata dal Fg. n. 31, map. n.2309 coerentemente alla individuazione paesistica che interessa la maggior parte del parco di Levante, dando continuità all’effettiva destinazione a parco dell’area;

- l’errata rappresentazione cartografica inerente le Colonie Stella Maris (edificata quale colonia marina in data antecedente al 1961) e Don Bosco (edificata in data antecedente al ’58 e tutt’oggi in attività), attualmente rispettivamente identificate come “zone urbanizzate in ambito costiero”, ai sensi dell’art.14 del PTCP, e “zone di riqualificazione della costa e dell’arenile”, ai sensi dell’art. 13, del PTCP;

- la rettifica puntuale, operata ai sensi dell’art. 8 del PTCP, della delimitazione di zone per portarle a coincidere con gli elaborati cartografici a scala maggiore;

- la rappresentazione del perimetro del Centro Storico, sostitutivo alla generica simbologia di insediamenti urbani storici (art. 22 del PTCP).

Ritenute tecnicamente condivisibili le modificazioni proposte data la loro modesta entità e la sostanziale natura di mera presa d’atto della situazione in essere;

Vista la Delibera di Consiglio Provinciale n 28 del 8/11/2021, con cui la Provincia di Forlì-Cesena ha espresso l’intesa sulle modifiche cartografiche al PTCP proposte con l’adozione del PUG del Comune di Cesenatico, senza formulare riserve né osservazioni.

Visto inoltre il parere motivato favorevole con raccomandazioni relativo alla valutazione ambientale, ai sensi dell’art. 19, della L.R. n. 24/2017 espresso con DPG/2021/24983 del 21/12/2021 dal Direttore Generale della DG Cura del Territorio - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale.

Ritenuto pertanto di:

- sottoporre all'Assemblea Legislativa la proposta di variante cartografica al PTPR presentata dal Comune di Cesenatico con l’adozione del PUG, illustrata negli elaborati, parte integrante e sostanziale del presente atto, di seguito indicati:

- Relazione tecnica - Variante relativa alla zonizzazione paesistica del PTCP_PTPR;

- Elaborato - Tutela e valorizzazione paesistica Proposta di modifica cartografica al PTPR/PTCP;

- V1 - Documento di Valsat (in A3 con tavole schematiche);

- V2 - Orientamento alle trasformazioni (tavola 1:10.000);

- V3 - Sintesi non tecnica.

Visti:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii., ed in particolare l’art. 26, comma 1;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii.;

Viste le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm.ii.;

- n. 468 del 10/4/2017, “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 2013 del 28/12/2020 avente ad oggetto “Indirizzi organizzativi per il consolidamento della capacità amministrativa dell’Ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato per far fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’Ibacn”;

- n. 2018 del 28 dicembre 2020 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell’art. 43 della L.R. e ss.mm.ii.”;

- n. 111 del 31 gennaio 2022 “Piano triennale di prevenzione della corruzione e trasparenza 2022-2024, di transizione al piano integrato di attività e organizzazione di cui all’art. 6 del D.L. n. 80/2021” e la determinazione dirigenziale n. 2335 del 9/2/2022 “Direttiva di indirizzi interpretativi degli obblighi di pubblicazione previsti dal Decreto legislativo n. 33 del 2013. Anno 2022”;

- n. 771 del 24 maggio 2021 che ha approvato gli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell'ambito delle Direzioni generali e Agenzie della Giunta regionale;

Richiamate le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore alla Montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità, Barbara Lori;

Ai sensi del combinato disposto degli articoli 52 e 65, della L.R. n. 24/2017;

A voti unanimi e palesi

delibera

di proporre all’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna:

a) di esprimere l'intesa, per le motivazioni espresse in premessa, sulle proposte di variante cartografica al Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR), proposte dal Piano Urbanistico Generale del Comune di Cesenatico adottato con deliberazione di Consiglio n. 31 del 19/7/2021, come riportate negli elaborati, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione:

- Relazione tecnica - Variante relativa alla zonizzazione paesistica del PTCP_PTPR;

- Elaborato - Tutela e valorizzazione paesistica Proposta di modifica cartografica al PTPR/PTCP;

- V1 - Documento di Valsat (in A3 con tavole schematiche);

- V2 - Orientamento alle trasformazioni (tavola 1:10.000);

- V3 - Sintesi non tecnica.

delibera inoltre

b) di dare atto che il Comune di Cesenatico potrà approvare il Piano Urbanistico Generale previa acquisizione dell'intesa dell'Assemblea legislativa sulle proposte di variante cartografica al PTPR;

c) di dare atto che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it