E-R | BUR

n. 56 del 13.04.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

“Ampliamento cimitero S. Martino in XX”. Determinazione dell'indennità provvisoria di esproprio

Con determinazione dirigenziale n. 436 del 23/3/2011, pratica n. 1399761 del 23/3/2011, ai fini della realizzazione dell’opera in oggetto, espletati gli adempimenti, di cui agli artt. 16 e 18 L.R. 37/02, sulla base della relazione di stima acquisita agli atti con prot. n. 42451 del 23/3/2011, è stata quantificata l’indennità provvisoria di esproprio, ammontante complessivamente ad Euro 86.551,00 da corrispondere alle ditte, di cui al Piano Particellare di esproprio ed Elenco Ditte, approvati con la deliberazione G.C. n. 299/06, come da di seguito:

  • ditta 1: Tentoni Pietro,

area in esproprio distinta al C.T. foglio 137, mapp. 5/parte mq. 2.240: Euro 48.384,00;

  • ditta 2: Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero della Diocesi di Rimini,

area in esproprio distinta al C.T. foglio 137, mapp. 317/parte mq. 2.181: Euro 22.900,00,

indennità aggiuntiva di coltivazione ai sensi dell’art. 42 del 327/2001: Euro 15.267,00. 

Si è disposto che le indennità provvisorie di esproprio, come quantificate con la citata determinazione, siano notificate agli interessati nelle forme degli atti processuali civili, ai sensi e per gli effetti dell’art. 20 e seguenti del DPR 8/6/2001, n. 327. 

Si è stabilito che, se le indennità provvisorie di esproprio siano ritenute congrue dagli interessati, siano loro corrisposte direttamente, se le medesime indennità non fossero ritenute congrue dagli interessati, siano depositate a favore degli interessati presso la Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze e sia richiesta alla Commissione provinciale competente la determinazione dell’indennità definitiva di esproprio, con la precisazione che le indennità, di cui trattasi, sono soggette, ove ne ricorrano i presupposti, sia al disposto dell’art. 37 comma 7, del DPR 327/01, sia alla ritenuta del 20% a favore dell’Erario, ai sensi dell’art. 35 del medesimo DPR.

Si è stabilito che responsabile del procedimento, inerente alla procedura espropriativa, è la Dott.ssa Gabellini Francesca, Istruttore Direttivo dell’Ufficio per le Espropriazioni.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it