E-R | BUR

n.308 del 22.10.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Avviso di deposito - Procedura in materia di valutazione di impatto ambientale ai sensi della L.R. n. 9 del 18 maggio 1999 "disciplina della procedura di valutazione dell'impatto ambientale" e smi. Procedura di verifica (screening) relativa al complesso degli interventi previsti all'interno del CAAB (Centro Agroalimentare di Bologna)

L’Autorità competente: Comune di Bologna - Settore Ambiente ed Energia avvisa che, ai sensi dell’art. 9 della legge regionale 18 maggio 1999 n. 9 e smi, sono stati depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di verifica (screening) relativa al complesso degli interventi previsti all'interno del comparto CAAB. L'ambito interessato dal progetto è quello del Centro Agroalimentare Bolognese - CAAB Bologna in Via Paolo Canali n. 1, Comune di Bologna.

Proponenti: Società Prelios SGR SpA e Società Centro Agro Alimentare di Bologna CAAB S.C.P.A..

Il progetto appartiene alla seguente categoria, di cui al punto B.3.4) dell'allegato B.3 della legge 9/99, “progetti di sviluppo urbano all'interno di aree urbane esistenti che interessano superfici superiori ai 10 ha”. Trattandosi di “progetti di modifiche o estensioni di progetti di cui agli Allegati A.1, A.2, A.3, B.1, B.2 e B.3, già autorizzati, realizzati o in fase di realizzazione, per le parti non ancora autorizzate, che possono avere notevoli ripercussioni negative sull'ambiente”. Ai sensi dell’articolo 4 bis comma 1 della L.R. 9/99 e smi, dovrà essere svolta la procedura di verifica (screening), di competenza comunale.

Il progetto prevede la riorganizzazione delle aree CAAB attraverso lo spostamento degli operatori del mercato ortofrutticolo all'ingrosso in una struttura esistente localizzata a nord del complesso edilizio attualmente occupato, sempre all'interno delle aree CAAB, e l’insediamento, nella struttura principale liberata dalle attività mercatali all'ingrosso, di una attività denominata “Fabbrica Italiana Contadina” (F.I.Co.). F.I.Co, che si propone di diventare il riferimento per la divulgazione e la conoscenza dell’agroalimentare italiano, avrà specifiche aree dedicate alla “Coltivazione”, “Produzione”, “Vendita” dei prodotti e “Ristorazione”.

L’autorità competente è il Comune di Bologna (Settore Ambiente ed Energia).

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati depositati per l’effettuazione della procedura di verifica (screening) presso la sede dell’Autorità competente, Settore Ambiente ed Energia (Ufficio VIA) Comune di Bologna, Piazza Liber Paradisus n. 10 - Torre A - 7 piano, previo appuntamento telefonico al n. 051/2193840; inoltre gli elaborati sono consultabili sul sito internet del Comune di Bologna.

Gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di verifica (screening) sono depositati per 45 (quarantacinque) giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Entro lo stesso termine, chiunque, ai sensi dell’art. 9, comma 4, può presentare osservazioni scritte, in carta semplice all’Autorità competente: Comune di Bologna - Settore Ambiente ed Energia (Ufficio VIA), Piazza Liber Paradisus n. 10 - 40129 Bologna. Le osservazioni possono essere presentate anche a mezzo PEC all'indirizzo: protocollogenerale@pec.comune.bologna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it