E-R | BUR

n.216 del 26.07.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

DGR n. 2180/2015 e DD n. 226/2016. Convenzione con il Coordinamento Associazioni Volontariato di Protezione Civile di Ferrara (CAVPCFE). Integrazione DD. n. 1347/2017. Approvazione POA 01/06/2017-31/12/2017 di CAVPCFE, assegnazione contributi ed assunzione impegno di spesa

IL DIRETTORE

Visti:

- la L. 24 febbraio 1992, n.225, recante "Istituzione del servizio nazionale della protezione civile", e s.m.i. e, in particolare, gli artt. 6 e 12, relativi al ruolo delle regioni nell’ambito del servizio nazionale e l’art. 18, relativo alle attività di volontariato di protezione civile;

- il decreto legislativo n. 112 del 31 marzo 1998, “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59”;

- il decreto-legge n. 343 del 7 settembre 2001, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;

- la L. 11 agosto 1991, n.266, recante "Legge-quadro sul volontariato" e, in particolare, l’art.1, che riconosce il valore sociale dell’attività di volontariato; gli artt. 6 e 7, che disciplinano il ruolo delle regioni nei confronti dell’attività di volontariato rinviando ad apposite convenzioni; l’art.13 che delinea un regime particolare per le organizzazioni di volontariato di protezione civile;

- la DGR n. 2320 del 10 dicembre 1998 con la quale è stato approvato il progetto per la costituzione di una colonna mobile regionale del volontariato di protezione civile;

- la L.R. 7 febbraio 2005, n.1, e s.m.i. recante "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile” ed in particolare: l’art.15, commi 1 e 2, che prevedono la possibilità, per l’Agenzia regionale, di stipulare convenzioni con soggetti pubblici e privati che svolgono compiti di interesse della protezione civile, al fine di assicurare la pronta disponibilità di particolari servizi, mezzi ed attrezzature, strutture e personale specializzato da impiegare in situazioni di crisi e di emergenza; l’art.17, concernente disposizioni in materia di organizzazione e impiego del volontariato di protezione civile ed, in particolare, il comma 8, che rinvia ad un regolamento della Regione la disciplina relativa ai criteri e alle modalità di erogazione dei contributi e di rimborso delle spese sostenute dalle organizzazioni di volontariato di protezione civile; l’art.18, concernente misure formative, contributive e assicurative a favore del volontariato di protezione civile;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2320 del 10 dicembre 1998 con la quale è stato approvato il progetto per la costituzione di una colonna mobile regionale del volontariato di protezione civile;

- la L.R. 21 febbraio 2005, n.12, recante "Norme per la valorizzazione delle organizzazioni di volontariato. Abrogazione della L.R. 2 settembre 1996, N. 37 (Nuove norme regionali di attuazione della legge 11 agosto 1991, n.266 - Legge quadro sul volontariato. Abrogazione della L.R. 31 maggio 1993, n.26)", come modificata e integrata dalla L.R. 28 luglio 2006, L.R. n. 13 e L.R. n. 8/2014 e L.R. n. 11/2016 ed in particolare l’art. 9 (Contributi);

- il R.R n. 1 del 25 novembre 2010 “Regolamento regionale in materia di volontariato di protezione civile della Regione Emilia-Romagna”, con particolare riferimento all’art. 9 (Piani operativi annuali e contributi alle organizzazioni di volontariato);

- la DGR n. 1193 del 21 luglio 2014 recante “Approvazione degli Standard Minimi per la formazione del volontariato di Protezione Civile in materia di sicurezza e comportamenti di autotutela”;

- la D.G.R n. 2180 del 21 dicembre 2015 “Approvazione della convenzione quadro per la regolamentazione dei rapporti fra regione Emilia-Romagna e le organizzazioni di volontariato di protezione civile”;

- la determinazione del sottoscritto Dirigente n. 226 del 15 aprile 2016 “Approvazione e adozione della modulistica per la presentazione del programma operativo annuale delle attività e dei progetti di protezione civile a cura delle organizzazioni di volontariato convenzionate con la regione Emilia-Romagna Agenzia Regionale di Protezione Civile. delibera di giunta regionale 2180 del 21 dicembre 2015.”

Viste altresì:

- la L.R. 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su città metropolitana di Bologna, province, comuni e loro unioni”, con la quale, in coerenza con il dettato della Legge 7 aprile 2014 n. 56, è stato riformato il sistema di governo territoriale e sono stati ridefiniti i nuovi ruoli istituzionali della Regione e dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, ridenominata Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile (articoli 19 e 68), di seguito Agenzia regionale;

- la D.G.R n. 622 del 28 aprile 2016, “Attuazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 21879/2015”, con la quale la Giunta Regionale ha modificato, a decorrere dalla data del 01/05/2016, l’assetto organizzativo e funzionale della ridenominata Agenzia Regionale;

Considerato che, nell’ambito delle attività di protezione civile, la Regione riconosce il Volontariato come espressione di solidarietà sociale e componente del Sistema Regionale di Protezione Civile, attivando, tra le altre, ogni opportuna iniziativa di sostegno e supporto alla crescita delle organizzazioni di volontariato (di seguito OdV) sotto il profilo tecnico-operativo attraverso l’erogazione di contributi a loro favore, subordinati alla stipulazione di apposite convenzioni conformi alle vigenti disposizioni legislative;

Richiamata la DGR n. 2180 del 21 Dicembre 2015 con cui è stato approvato lo schema di Convenzione-Quadro triennale per la regolamentazione dei rapporti fra la Regione Emilia-Romagna e le OdV di protezione civile, per il perseguimento delle iniziative di sostegno e supporto alla loro crescita, sotto il profilo tecnico-operativo, negli ambiti richiamati dalla normativa statale e regionale citata e per consentire una razionale allocazione delle risorse finanziarie disponibili, da destinare all’efficace potenziamento della capacità, efficienza e prontezza di intervento delle strutture operative presenti sul territorio regionale ed, in particolare, della convenzione-quadro:

- gli artt. 1 e 2, sulle finalità, contenuti e articolazioni delle misure finanziabili con il programma operativo annuale, in base alle risorse disponibili per l’erogazione di contributi;

- l’art. 3, sulle modalità per la presentazione, approvazione ed attuazione dei Programmi operativi annuali;

Dato atto che, sulla base dello schema di convenzione – quadro approvato con la richiamata DGR n. 2180/2015, sono state sottoscritte, a far data dal 22 marzo 2016, le convenzioni con 18 ODV operanti sul territorio regionale ed iscritte nel Registro regionale del Volontariato di cui alla L.R. n 12/2005 e nell’Elenco Territoriale delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile istituito ai sensi dell’art. 17, comma 7, della L.R. n. 1/2005;

Evidenziato che, in tale arco temporale, non si è potuto procedere al rinnovo della convenzione con il Coordinamento Associazioni Volontariato di protezione civile di Ferrara (di seguito CAVPCFE), relativamente al quale era in atto un procedimento di verifica, ai sensi della DGR n. 1007/2015, che ha successivamente condotto alla relativa cancellazione:

- dal Registro regionale del Volontariato di cui alla L.R. n 12/2005 e s.m.i, disposta con Determinazione del Responsabile del Servizio Coordinamento Politiche Sociali e Socio Educative della R.E.R. n. 9969 del 23.06.2016;

 - dall’Elenco Territoriale delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile istituito ai sensi dell’art. 17, comma 7, della L.R. n. 1/2005, disposta - in ottemperanza a quanto previsto dal RR n. 1/2010, dalla DGR n. 1071/2013 e, da ultimo, dal punto 5.3 della DGR n. 1008/2016 - con propria determinazione n° 849/2016;

Considerato che, a seguito di presentazione di nuova apposita istanza il CAVPCFE, venute meno le ragioni che ne avevano determinato la cancellazione e verificata la sussistenza dei presupposti e delle condizioni previste dalle norme, è stato reiscritto:

- con determinazione n. 15308 del 29.09.2016, del Dirigente del Servizio coordinamento politiche sociali e socio educative programmazione e sviluppo del sistema dei servizi, nel registro regionale di cui alla L.R. n. 12/2005 e ss.mm.ii.,

- con propria determinazione n. 1892 del 28.10.2016 nell’elenco regionale del volontariato di protezione civile dell’Emilia-Romagna - sezione provinciale di Ferrara;

 Dato atto che:

- ai sensi dell’art. 7, comma 1, della L. 266/91 le Regioni possono stipulare convenzioni con le ODV iscritte da almeno sei mesi nei registri regionali di cui all’art. 6 della legge medesima, e che dimostrino la necessaria attitudine e capacità operativa;

 - in data 01/06/2017, ricorrendo i presupposti sopra richiamati, ed in osservanza di quanto stabilito con la richiamata DGR n. 2180/2015 è stata sottoscritta con CAVPCFE la convenzione che disciplina i rapporti ai fini dello svolgimento delle attività di protezione civile;

solo a partire da tale data è stato possibile per detta Odv la presentazione della proposta di POA riguardante il periodo decorrente dal 01/06/2017 di sottoscrizione della convenzione fino al 31/12/2017 di chiusura del periodo di riferimento del POA, acquisita agli atti dell’Agenzia regionale con n. prot. PC 27090 del 19/06/2017, per un importo complessivo di €132.713,00;

Rilevato che, con riguardo alla suddetta proposta di POA si è provveduto:

- al controllo preliminare della relativa ricevibilità, sotto il profilo della verifica della presentazione a firma del legale rappresentante; del rispetto delle modalità di inoltro; dell’utilizzo della modulistica formalmente approvata corredata dagli allegati documentali richiesti;  

- alla valutazione della coerenza della proposta avanzata rispetto alle linee operative fissate nella convenzione;

- alla verifica della sussistenza della dichiarazione di impegno sui Livelli Essenziali di Prestazione, (c.d. LEP) ai sensi dell’art. 4 della convenzione;

- alla conseguente istruttoria ai fini della definizione degli importi di spesa ammissibili a contributo tenuto conto dell’articolazione delle priorità come declinate nello specifico, nella DD n. 1347 del 04.05.2017, di approvazione del POA e dei singoli POA 2017 delle 18 OdV convenzionate alla data di relativa adozione;

Pertanto:

 - con riguardo alla MISURA A (Gestione delle attività del volontariato), sono state ritenute ammissibili le stime di spesa:

  • riferite a spese fisse di funzionamento della sede e sostenute periodicamente in corso d’anno (ad esempio: utenze acqua/luce, telefonia, assicurazioni, materiali di consumo, etc) o a spese sostenute per contratti di lavoro con eventuale riparametrazione di quelle eccedenti un tetto massimo (sottomisura A.1 attività per la gestione della sede e/o centri unificati);
  • relative ad alcune attività svolte e/o riguardanti la partecipazione alla pianificazione e gestione di squadre volontari AIB operative per le attività inerenti alla campagna AIB annuale, tenuto conto altresì dei LEP dichiarati sulle tipologie di rischio (sottomisura A.2 attività organizzative e/o pianificate del volontariato);
  • proposte dalla OdV, generalmente accolte se di ammontare inferiore rispetto a un tetto massimo di € 5.000,00 per i coordinamenti e le consulte provinciali e € 2.500,00 per le OdV regionali, o ad esso riparametrate se di ammontare superiore, tenuto conto altresì di un’ulteriore riduzione, in alcuni casi effettuata sulla base dei LEP dichiarati sulle tipologie di rischio (sottomisura misura A.3 attività di soccorso);

per un importo complessivo della Misura A di € 45.913,00

- con riguardo alla MISURA B (Attività formative, informative, addestrative) - sottomisura B1 (attività di formazione e addestramento dei volontari di protezione civile), sono state ritenute ammissibili le stime di spesa secondo le seguenti priorità:

1 – Attività formative strettamente attinenti al Dlgs. 81/08 in materia di sicurezza (corsi base, idro, AIB per autotutela sicurezza e incremento della sicurezza del volontariato in generale (corsi guida sicura, di utilizzo attrezzature);

2 – Attività di rinnovo abilitazione conduzione mezzi con documentazione completa (corsi per abilitazioni/patenti speciali);

3 – Attività formative di 2°livello ammesse al contributo in presenza di documentazione completa parametrate secondo le disponibilità dei fondi;

In relazione alla sottomisura B2 (attività di informazione sui rischi, su attività di protezione civile, su compiti e peculiarità del volontariato) sono state ritenute ammissibili le stime di spesa nel limite massimo di €. 5.000,00;

per un importo complessivo della Misura B di € 6.500,00

- con riguardo alla MISURA C (Gestione e potenziamento delle attrezzature e dei mezzi della colonna mobile regionale – si ammette al finanziamento la sottomisura C1 (attività inerenti la gestione della colonna mobile regionale) destinando le risorse secondo il procedimento di riparto, utilizzato negli ultimi anni, di seguito precisato:

  • gli importi stimati necessari per la gestione del segmento di colonna mobile in capo alla Odv sono calcolati sulla base dell’elenco di mezzi e materiali ricevuto in allegato alla proposta di POA tramite l’apposito modello Allegato C.A;
  • l’esecuzione dei suddetti calcoli, è stata effettuata procedendo a distinguere i mezzi presenti sull’elenco in quattro categorie:
  1. Mezzi pesanti (autocarri superiori 35 q, trattrici per semirimorchi);
  2. mezzi leggeri (autocarri inferiori a 35 q, pulmini, fuoristrada);
  3. altri mezzi (vetture, roulotte, macchine operatrici, etc.), semirimorchi e rimorchi pesanti;
  4. rimorchi leggeri.
  • per ciascuno di questi gruppi sono stati stimati i costi annui di manutenzione, bollo e assicurazione, tenendo conto che per i mezzi di proprietà regionale viene riconosciuto il solo contributo per la manutenzione, in quanto esenti da tasse automobilistiche regionali (bolli) ed effettuate tramite altro canale di finanziamento regionale (le spese assicurative);
  • il totale di € 23.000,00 è stato calcolato riparametrando il totale annuale al periodo di valenza del presente Programma operativo (01/06/2017-31/12/2017) determinato in base alle stime e con i criteri su esposti e pertanto l’importo complessivo della Misura C1 risulta appunto essere di € 23.000,00

- infine, relativamente alla sottomisura C2 - progetti per il potenziamento della Colonna Mobile, si è proceduto alla ammissione dei soli progetti finalizzati al potenziamento della colonna mobile attraverso il ripristino e completamento di quanto già esistente e non già finanziati a valere su risorse statali ordinarie e straordinarie appositamente destinate

per un importo complessivo della Misura C2 di € 5.500,00;

Rilevato che, per il perseguimento delle finalità di cui al presente atto, con la determinazione n. 2466 del 07/12/2016, è stata programmata la relativa spesa sul capitolo U16003 “Contributi al volontariato ed ai relativi enti di servizi per la gestione, l'aggiornamento tecnologico e l'implementazione della capacita' operativa e funzionale, per le esigenze di protezione civile e per l'esecuzione di interventi indifferibili ed urgenti nonché' per fronteggiare situazioni di crisi o di emergenza potenziali o in atto (artt. 3,5,6,8,9,10,14,15,17,18 e 20 L.R. n. 1/05)” del Bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione 2017 dell’Agenzia regionale;

Dato atto che all’esito dell’istruttoria eseguita e tenuto conto dei criteri di priorità sopra enunciati, nonché delle risorse disponibili programmate per la copertura di tali contributi, in coerenza con le valutazioni effettuate ai fini della determinazione dei contributi assegnati con la sopra richiamata DD n. 1347/2017, di cui il presente atto costituisce un’integrazione, si ritiene:

- di valutare, al momento, non finanziabile con il presente atto la sottomisura C.2 relativa ai progetti per il potenziamento della Colonna Mobile, e di rinviare la loro finanziabilità in ragione della disponibilità di risorse nella fase successiva all'assestamento di bilancio dell'Agenzia; 

- di confermare con riferimento alla misura C.1 l’importo ammesso pari ad € 23.000,00;

- di disporre con riferimento alle misure A e B una riduzione percentuale del 21% delle somme ammesse;

- di approvare il POA del CVPCFE relativo allegato 1 al presente atto quale sua parte integrante e sostanziale; 

- di assegnare e concedere al CAVPCFE, a titolo di contributo, l’importo totale pari a complessivi € 64.406,27 relativamente al periodo 01/06/2017-31/12/2017, come evidenziato nel POA 2017 nell’allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente atto;

Richiamate le DGR:

- n. 839 del 24 giugno 2013 e s.m.i, recante “Approvazione, ai sensi dell'art. 21, comma 6, lettera a) della L.R. n.1/2005, del "Regolamento di organizzazione e contabilità dell'Agenzia regionale di protezione civile” adottato con determinazione dirigenziale n. 412 del 23 maggio 2013;

- n. 1023 del 27 luglio 2015, di approvazione delle modifiche al regolamento di organizzazione e contabilità dell'Agenzia regionale di protezione civile, adottate con determinazione dirigenziale n. 535 del 9 luglio 2015;

Visti:

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4” e smi per quanto applicabile;

- il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e successive modifiche ed integrazioni;

- la determinazione n. 2454 del 7 dicembre 2016 con cui è stato adottato il Piano annuale delle attività dell'Agenzia regionale per l’anno 2017;

- la determinazione n. 2466 del 7 dicembre 2016 “Adozione del bilancio di previsione 2017-2019 dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile”; 

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 2353 del 21 dicembre 2016 recante “Approvazione del bilancio di previsione 2017-2019 e Piano annuale delle attività dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile”;

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui al D. Lgs. n. 118/2011 e s.m.i. in relazione anche all’esigibilità della spesa nell’anno 2017 e che pertanto si possa procedere, all’assunzione dell’impegno di spesa complessiva di € 64.406,27 a favore della OdV convenzionata beneficiaria secondo quanto previsto nel citato allegato1, parte integrante e sostanziale del presente atto.;

Viste:

- la legge 13 agosto 2010, n. 136, avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Preso atto che la procedura del conseguente pagamento che sarà disposto in attuazione del presente atto è compatibile con le prescrizioni previste all’art. 56, comma 6, del citato D.Lgs.n. 118/2011;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna;

Richiamate infine le seguenti deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.”, e smi;

- n. 2260/2015 del 28 dicembre 2015 con cui l’incarico di Direttore dell’Agenzia regionale di protezione civile conferito al dott. Maurizio Mainetti con DGR. n. 1080/2012, è stato prorogato sino al 31 luglio 2017;

- n. 702 del 16 maggio 2016 “Approvazione incarichi Dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali - Agenzie - Istituto, e nomina dei Responsabili della Prevenzione della Corruzione, della Trasparenza e Accesso civico, della Sicurezza del Trattamento dei Dati personali, e dell'anagrafe per la Stazione Appaltante” con la quale, tra le altre, sono stati approvati gli incarichi conferiti con la determinazione n. 286 del 29/04/2016 alla dott.ssa Monica Lombini e alla dott.ssa Gloria Guicciardi, rispettivamente, di Responsabile del “Servizio Affari Giuridici Volontariato e Contratti” e del “Servizio Bilancio Pianificazione Finanziaria e Risorse per lo Sviluppo”, sino al 30.06.2018;

Visti infine:

- Il D.Lgs.n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ. mod.;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 89 del 30 gennaio 2017 “Approvazione piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019” e la DGR n. 486/2017 “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;

Dato atto dei pareri allegati;

 determina

Per le ragioni sopra espresse che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di approvare, a sostegno del Sistema di Protezione Civile basato sulla collaborazione ed il coinvolgimento operativo delle Organizzazioni di Volontariato (OdV) di protezione Civile convenzionate con la Regione Emilia-Romagna, il POA del Coordinamento Associazioni Volontariato di protezione civile di Ferrara relativo al periodo 01/06/2017-31/12/2017 allegato al presente atto quale sua parte integrante e sostanziale;

2. di assegnare e concedere a titolo di contributo al suddetto coordinamento l’importo di € 64.406,27;

3. di impegnare a favore del CAVPCFE la spesa complessiva di € 64.406,27, registrata al n. 290 di impegno, sul capitolo U16003 “Contributi al volontariato ed ai relativi enti di servizi per la gestione, l'aggiornamento tecnologico e l'implementazione della capacita' operativa e funzionale, per le esigenze di protezione civile e per l'esecuzione di interventi indifferibili ed urgenti nonché' per fronteggiare situazioni di crisi o di emergenza potenziali o in atto (artt. 3,5,6,8,9,10,14,15,17,18 e 20 L.R. n. 1/05) del Bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione 2017, che presenta la necessaria disponibilità;

4. che in attuazione del D.lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della transazione elementare, come definita dal citato decreto risulta essere la seguente:

Missione 11 - Programma 01 - Codice economico u.1.04.04.01.001 - COFOG 03.2 - Transazioni U.E. 8 - SIOPE 1040401001 - C.I. Spesa 3 - Gestione ordinaria 3

5. che, con successivo provvedimento, si procederà alla liquidazione in favore del CAVPCFE delle risorse finanziarie per la realizzazione delle attività previste e dei progetti concordati nel POA, nei limiti delle somme assegnate e nel rispetto dei criteri e modalità previste nella convenzione;

6. di pubblicare il presente atto, ai sensi dell’art. 26 del D.lgs. 33/2013 «Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni», e smi nonché ai sensi delle DGR n. 89/2017 e n. 486/2017;

7. di pubblicare il presente atto sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna nonché sul sito dell’Agenzia regionale di protezione civile al seguente link: http://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/argomenti/volontariato;

8. di provvedere agli adempimenti previsti dall’art. 56, 7° comma, del citato D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.

Il Direttore

Maurizio Mainetti

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it