E-R | BUR

n. 32 del 02.03.2011 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Presa d'atto della D.G.R. Lombardia del 15/12/2010 e conseguente modifica della D.C.I. n. 46 del 18/12/2008, avente per oggetto "Applicazione dell'Accordo costitutivo di AIPO art. 3, comm 2"

IL COMITATO DI INDIRIZZO

(omissis)

tutto ciò premesso e per quanto sopra esposto, all’unanimità dei componenti,

delibera:

1. il reticolo di competenza dell’Agenzia Interregionale per il fiume Po, per quanto riguarda l’Area Po lombardo, è definito secondo quanto indicato in premessa ed in particolare secondo i contenuti degli Allegati 1 e 2, che sono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2. il nuovo quadro delle competenze dell’Agenzia, concertato e condiviso con la Regione Lombardia, risulta dalla documentazione cartografica allegata al presente atto (Allegato 3), quale parte integrante e sostanziale;

3. di prendere atto dei punti del dispositivo deliberativo, dal n. 4. al n. 12., della DGR Lombardia n.1.001 del 15/12/2010, in ordine all’applicazione effettiva ed operativa delle competenze di AIPo sul complessivo reticolo idrografico regionale, esplicitate nel seguito:

- per il tratto di Fiume Lambro dall’incile del lago di Pusiano fino a Villasanta, attribuito ad AIPo per ragioni di continuità idraulica, AIPo procederà a stipulare apposito accordo con il Parco Regionale della valle del Lambro che già attualmente svolge per conto di Regione Lombardia attività progettuali, di realizzazione di opere e gestionali, nonché iniziative di raccordo e governance con tutti i soggetti pubblici e privati interessati alla tutela e salvaguardia del fiume e delle aree vallive ad esso connesse;

- per i corsi d’acqua Serio Morto, Scolmatore Serio Morto e Aspice, attribuiti al reticolo idrico principale di competenza regionale, la Regione Lombardia procederà con successivo provvedimento ed in accordo con i soggetti interessati, all’attribuzione degli stessi ai Consorzi di Bonifica territorialmente competenti;

- per i corsi d’acqua Fissero Tartaro – Canal Bianco, già attribuiti al reticolo idrico principale regionale ma non appartenenti al Bacino del Fiume Po, si procederà con successivo provvedimento al trasferimento delle competenze idrauliche all’AIPo, d’intesa con l’Autorità di bacino del Fiume Adige;

- per quanto riguarda il sistema Ancona - Mortizza e Allacciante – Gandiolo, AIPo procederà a stipulare apposito accordo con il Consorzio di Bonifica Muzza – Bassa Lodigiana per garantire una gestione integrata delle piene e dei recapiti in fiume Po;

- per la gestione del complesso sistema idraulico a protezione dell’area metropolitana di Milano, AIPo procederà mediante accordi specifici a coinvolgere i Consorzi di Bonifica territorialmente competenti, al fine di potenziare il presidio, la manutenzione, la regola di gestione e la sorveglianza idraulica;

- viene individuato un periodo di tempo transitorio di 6 (sei) mesi dalla data di pubblicazione della presente deliberazione, per permettere il trasferimento effettivo da AIPo a Regione e viceversa, delle documentazioni, degli atti e delle informazioni necessarie a garantire l’effettivo passaggio delle competenze per l’esercizio delle funzioni di autorità idraulica sui tratti dei corsi d’acqua oggetto del presente provvedimento;

- per ogni tratto di corso d’acqua in fase di passaggio di competenza da AIPo alla Regione e viceversa si sottoscriverà e si approverà, a cura dei dirigenti competenti dello STER e di Area di AIPo, uno specifico “verbale di trasferimento competenza tratto” che espliciti la documentazione e gli atti trasferiti ed ogni ulteriore informazione ritenuta utile per il buon esito del trasferimento della competenza stessa;

- l’esercizio della funzione di Autorità idraulica di cui al R.D. 523/1904 da parte di AIPo e Regione sui nuovi tratti oggetto della presente deliberazione verrà attivato dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell’atto di approvazione del “verbale di trasferimento competenza tratto”, a cura dei dirigenti competenti dello STER e di Area di AIPo;

- gli interventi attualmente in corso lungo i tratti oggetto di trasferimento continueranno ad essere attuati, salvo diversa pattuizione, sino al collaudo delle opere effettuato dal soggetto attualmente operante in virtù di preesistenti accordi.

La presente deliberazione sarà pubblicata nei Bollettini Ufficiali delle Regioni Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto.

Il testo integrale della delibera è reperibile sul sito dell’Agenzia http//www.agenziapo.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it