E-R | BUR

n.292 del 19.08.2020 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR) comprensivo di Valutazione di impatto ambientale (VIA) ai sensi del Capo III della L.R. n. 4/2018 relativo al progetto denominato “Realizzazione 5° Stralcio per rifiuti non pericolosi e pericolosi stabili non reattivi, in ampliamento alle discariche esistenti per rifiuti pericolosi e non pericolosi "EX SOTRIS" (1°/2° - 3°- 4° stralcio)" sito all'interno del comparto polifunzionale di trattamento di rifiuti localizzato in Via S.S 309 Romea Km 2.6, in comune di Ravenna (RA) che comprende la procedura di Autorizzazione integrata ambientale (L.R. 11/10/2004, n. 21) e che costituisce variante al Regolamento Urbanistico Edilizio del Comune di Ravenna (L.R. n. 24/2017), la cui Autorità competente è definita dall'art. 7, comma 2, della L.R. n. 4/2018

ARPAE, per conto dell’autorità competente Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, ai sensi dell’art. 15 della L.R. n. 4/2018 avvisa che la Sig.ra Katia Gamberini in qualità di procuratore speciale (rep. n. 81314 racc. n. 36338 del 31/7/2018) della Società HERAmbiente spa, con sede legale in Viale Berti Pichat n. 2/4 - 40127 Bologna, ha presentato istanza di Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR) comprensivo di VIA per il progetto denominato “Realizzazione 5° stralcio per rifiuti non pericolosi e pericolosi stabili non reattivi, in ampliamento alle Discariche esistenti per rifiuti pericolosi e non pericolosi "Ex Sotris" (1°/2° - 3°- 4° stralcio)” sito all'interno del comparto polifunzionale di trattamento di rifiuti localizzato in Via S.S. 309 Romea Km 2.6, in Comune di Ravenna (RA).

Ai sensi dell’art. 16 della L.R. n. 4/2018, il presente avviso al pubblico tiene luogo delle comunicazioni di cui agli articoli 7 e 8, commi 3 e 4, della L. n. 241/1990, in particolare gli atti che prevedono la pubblicazione nel BURERT sono la procedura di Autorizzazione Integrata Ambientale (L.R. 11/10/2004, n. 21) e la variante agli strumenti urbanistici del Comune di Ravenna (Regolamento Urbanistico Edilizio - RUE e Progetto Unitario di Comparto - PUC) con VALSAT.

Il progetto è localizzato in Provincia di Ravenna, nel Comune di Ravenna e potrà avere impatti diretti e indiretti nella Provincia e nel Comune indicati.

L’istruttoria della procedura in oggetto è effettuata dal SAC di ARPAE di Ravenna in applicazione dell’art. 15, comma 4, della L.R. n. 13/15.

Il progetto appartiene alle seguenti tipologie progettuali di cui agli allegati A.2 e B.2 della L.R. n. 4/2018: A.2.18) “Ogni modifica o estensione dei progetti elencati nel presente allegato, ove la modifica o l'estensione di per sé sono conformi agli eventuali limiti stabiliti nel presente allegato” con riferimento all'esistente impianto di discarica, il quale configura la fattispecie A.2.3) “Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti pericolosi, mediante operazioni di cui all'allegato B, lettere D1, D5, D9, D10 e D11 e all'allegato C, lettera R1, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006” ed A.2.6) ”Discariche di rifiuti urbani non pericolosi con capacità complessiva superiore a 100.000 metri cubi (operazioni di cui all'allegato B, lettere D1 e D5, della parte quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006); discariche di rifiuti speciali non pericolosi (operazioni di cui all'allegato B, lettere D1 e D5, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006), ad esclusione delle discariche per inerti con capacità complessiva sino a 100.000 metri cubi”.

Il progetto appartiene alla tipologia progettuale di cui all'allegato VIII del D.Lgs n. 152/2006: "5.4. Discariche, che ricevono più di 10 Mg di rifiuti al giorno o con una capacità totale di oltre 25.000 Mg, ad esclusione delle discariche per i rifiuti inerti.”.

Il progetto in esame prevede la realizzazione di un nuovo settore discarica denominato 5° stralcio in ampliamento ed in continuità gestionale con le discariche esistenti per rifiuti pericolosi e non pericolosi 1°/2° stralcio – 3° stralcio e 4° stralcio "Ex Sotris".

La realizzazione del 5° stralcio in progetto è prevista nell'area su cui attualmente insiste l’impianto di recupero energetico (IRE) ed il connesso impianto di produzione CDR/CSS; ne consegue che l’iniziativa in progetto prevede la demolizione dell’impianto CDR-IRE quale attività propedeutica alla realizzazione del 5° stralcio di discarica. Il nuovo 5° stralcio è classificato come “discarica per rifiuti non pericolosi”, e rientra, ai sensi dell’art. 7, comma 1, lett. a) del D.M. 27/9/2010, nella sottocategoria delle “discariche per rifiuti inorganici a basso contenuto organico o biodegradabile".

Ai sensi dell’art. 6, comma 4 del D.M. 27/9/2010, potranno essere conferiti anche rifiuti pericolosi stabili e non reattivi. La volumetria utile complessiva è pari a 302.000 mc, con capacità di smaltimento rifiuti pari a 501.358 t.

Ai sensi dell’art. 16 della L.R. 4/2018 la documentazione è resa disponibile per la pubblica consultazione sul sito web della Regione Emilia-Romagna: (https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas ).

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati depositati presso la Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera 8, Bologna, presso ARPAE SAC di Ravenna, Piazza Caduti per la Libertà n.2, Ravenna e presso il Comune di Ravenna, Piazzale Farini n. 21, Ravenna.

Entro il termine di 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione nel BURERT e sul sito web della Regione Emilia-Romagna del presente avviso, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale sul sito web della Regione Emilia-Romagna, presentare in forma scritta proprie osservazioni, alla Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera n. 8 – 40127 Bologna o all'indirizzo di posta elettronica certificata vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it.

Le osservazioni devono essere presentate anche ad ARPAE di Ravenna al seguente indirizzo di posta certificata aoora@cert.arpa.emr.it. Le osservazioni saranno integralmente pubblicate sul sito della Regione Emilia-Romagna (https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas).

Si precisa che le osservazioni potranno concernere la Valutazione di Impatto Ambientale e, ove necessarie, l’Autorizzazione Integrata Ambientale e la Variante agli strumenti urbanistici del Comune di Ravenna (RUE e PUC) con VALSAT.

Ai sensi dell’art. 20 della L.R. n. 4/2018, secondo quanto richiesto dal proponente, l’eventuale emanazione del Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale (PAUR) comprenderà e sostituirà le seguenti autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari alla realizzazione ed esercizio del progetto: Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), Permesso di costruire relativo al progetto di realizzazione nuovo 5° stralcio e al progetto di demolizione impianto CDR-IRE, Valutazione di incidenza, Autorizzazione Paesaggistica, Concessione scarico di acque meteoriche nel canale Consorziale Scolo Tomba, Autorizzazione agli scavi da effettuarsi per le fondazioni al fine della Tutela delle Potenzialità Archeologiche, parere per intervento edilizio su edificio di valore testimoniale art. IV.1.9 NTA RUE, Variante agli strumenti urbanistici del Comune di Ravenna (RUE e PUC) con VALSAT.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it