E-R | BUR

n.172 del 13.06.2018 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Provvedimento relativo alla procedura di verifica (screening) riguardante il progetto di "Recupero di rifiuti non pericolosi presso il sito di Via Arianuova n. 28-30 in comune di Bondeno (FE)". Proponente: NB ERRE SRL

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

(omissis)

determina

a) di fare propria la Relazione Istruttoria redatta dalla Struttura Autorizzazioni e Concessioni dell’Arpae di Ferrara, inviata alla Regione Emilia-Romagna con prot.PGFE/2018/5784 del 16/0/2018, che costituisce l’Allegato 1 della presente determina dirigenziale e ne è parte integrante e sostanziale, nella quale è stato dichiarato che sono stati applicati i criteri indicati nell’Allegato V alla Parte Seconda del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. per la decisione di non assoggettabilità a VIA;

b) di escludere, ai sensi dell’art. 11, comma 1 della Legge Regionale 20 aprile 2018, n. 4 e dell’art. 19, comma 8, del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., il progetto denominato “Recupero di rifiuti non pericolosi presso il sito di via Arianuova n. 28-30, comune di Bondeno (FE)“ dalla ulteriore procedura di V.I.A., a condizione che vengano rispettate le prescrizioni di seguito indicate:

1) in sede di successiva istanza ai sensi dell'art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. dovrà essere presentata idonea planimetria di dettaglio in scala adeguata dove si evidenzino i confini dell'area oggetto di intervento rispetto ai vincoli territoriali posti subito ad ovest, così come definiti dal PTCP dal PPGR;

2) in sede di successiva istanza ai sensi dell'art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. dovrà essere presentata idonea documentazione ai fini dell'acquisizione dell'autorizzazione paesaggistica;

3) la ditta dovrà presentare istanza ai sensi dell'art. 208 del D.lgs. 152/2006 e s.m.i. di autorizzazione unica relativa alla realizzazione e gestione di un impianto di recupero di rifiuti non pericolosi;

4) con riferimento alla messa a dimora di una barriera verde sul perimetro dell'area, dovranno essere rispettate le indicazioni di cui all'art. 69 del PRG vigente del Comune di Bondeno, “Specie arboree consigliate per le piantumazioni urbane ed extraurbane ed indicazioni per le piantumazioni stradali”;

5) in sede di successiva istanza art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. dovranno essere presentate le tavole progettuali relative agli argini perimetrali in terra, individuati come opere di contenimento nello studio preliminare, tenuto conto delle possibili altezze dei cumuli di materiale inerte stoccato presso l'impianto;

6) il progetto definitivo in sede di successiva istanza art. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. dovrà prevedere la rete di raccolta e trattamento delle acque meteoriche di dilavamento con scarico nel Cavo Rondone Primo, previa concessione da parte del Consorzio di Bonifica competente;

7) in sede autorizzativa art. 208 D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. va rivalutato il dimensionamento delle vasche di raccolta e trattamento in continuo delle acque di dilavamento dei piazzali, tenuto conto delle indicazioni riportate nelle Linee Guida Arpa (LG28/DT) “Criteri di applicazione DGR 286/05 e DGR 1860/06”, con particolare riferimento all'esempio di cui al punto 5.5.3 “Lavorazione inerti” e alla corretta intensità di pioggia (0,02 lt/sec) di cui al punto 5.4.1 “Determinazione dell’intensità delle precipitazioni piovose”;

8) il progetto definitivo dovrà prevedere un pozzetto di campionamento delle acque di dilavamento prima dello scarico in corpo idrico superficiale;

9) l'impianto in fase di esercizio dovrà rispettare i limiti di emissione e immissione definiti dalla classificazione acustica comunale vigente del Comune di Bondeno;

10) in sede autorizzativa art. 208 D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. dovrà essere individuato il piano di monitoraggio per la matrice rumore per la verifica della rispondenza rispetto alla valutazione previsionale di impatto acustico;

11) le terre da scavo dovranno essere gestite nel rispetto delle norme vigenti in materia, così come proposto nel progetto preliminare e integrazioni;

c) di dare atto che la non ottemperanza alle prescrizioni sarà soggetta a sanzione come definito dall’art. 29 del D.lgs. 152/2006 e s.m.i.;

d) di stabilire, ai sensi dell’art. 25 della LR 4/2018, che la relazione di verifica di ottemperanza delle prescrizioni dovrà essere presentata alla Regione Emilia-Romagna e ad Arpae SAC di Ferrara;

e) di determinare le spese per l’istruttoria relativa alla procedura predetta a carico del proponente in euro 500,00 (cinquecento/00) ai sensi dell’articolo 31 della Legge Regionale 20/4/2018, n. 4; importo correttamente versato ad Arpae all’avvio del procedimento;

f) di trasmettere copia della presente determina al proponente, al SUAP del Comune di Bondeno, all'AUSL di Ferrara, all'ARPAE Ferrara, al Consorzio della Bonifica Burana;

g) di pubblicare, per estratto, la presente determina dirigenziale nel BURERT e, integralmente, sul sito web della Regione Emilia-Romagna;

h) di dare atto, infine, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it