E-R | BUR

n.108 del 19.04.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

POR FESR 2014-2020 - Asse 1 Attività 1.4.1. "Bando per il sostegno alla creazione e al consolidamento di start up innovative" approvato con D.G.R. 11/2016. - Seconda concessione di contributi alle imprese - Domande presentate nel periodo luglio - settembre 2016 - Accertamento entrate

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

Visti:

  • il Regolamento n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel quadro strategico comune e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, relativo al periodo della nuova programmazione 2014-2020 che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006, ed in particolare l’art.47, comma 1, in cui si stabilisce che per ciascun Programma Operativo, lo Stato membro istituisce un Comitato di Sorveglianza, entro tre mesi dalla data di notifica della decisione di approvazione del Programma Operativo medesimo;
  • il Regolamento delegato (UE) n. 240/2014 della Commissione del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell’ambito dei fondi strutturali e d'investimento europei, e in particolare l’art.10 “Norme che disciplinano la composizione del comitato di sorveglianza”;
  • il Programma Operativo Regionale FESR Emilia-Romagna 2014/2020, approvato con Decisione di Esecuzione della Commissione Europea C(2015) 928 del 12 febbraio 2015;
  • l'art. 1 della Legge 28 dicembre 2015, n. 208, recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016) commi da 792 a 799 (G.U 30,12,2015, n. 302 – S.O n.70);
  • la deliberazione di Giunta Regionale n. 179 del 27/2/2015 recante “Presa d'atto del Programma Operativo FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e nomina dell’autorità di gestione”;
  • la deliberazione di Giunta Regionale n. 11 del 11/1/2016 avente ad oggetto: “POR FESR 2014-2020. APPROVAZIONE BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE START UP INNOVATIVE. IN ATTUAZIONE DELL'ATTIVITA' 1.4.1”, (in seguito denominato semplicemente “bando”);
  • i punti 3) e 4) della sopracitata deliberazione nei quali si indica che “le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.” e si precisa che “la copertura finanziaria prevista nell'articolazione dei capitoli di spesa indicati nel presente provvedimento riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati”;
  • la deliberazione della Giunta regionale n. 2338 del 21 dicembre 2016 “Approvazione del Documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 25 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2017”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 26 “Disposizioni per la formazione del Bilancio di previsione 2017-2019 (Legge di stabilità regionale 2017)”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”

Considerato che:

  • con determinazione dirigenziale n. 2844 del 25/2/2016 avente ad oggetto “POSTICIPO DELL'APERTURA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO DEL "BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E AL CONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE", APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DEL 11 GENNAIO 2016 N. 11” è stato posticipata, dal 1/3/2016 al 21/3/2016, l’apertura dello sportello telematico per l’inserimento delle domande;
  • con determinazione dirigenziale n. 11397 del 15/7/2016 avente ad oggetto “POR FESR 2014-2020 - ASSE 1 ATTIVITA' 1.4.1. "BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E AL CONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE" APPROVATO CON D.G.R. 11/2016. - PROGETTI PERVENUTI, PROGETTI AMMISSIBILI E PROGETTI NON AMMISSIBILI - PERIODO MARZO – APRILE 2016.” sono state individuate le imprese ammesse a cofinanziamento regionale che hanno presentato domanda nella prima call del bando;
  • con determinazione dirigenziale n. 14283 del 12/9/2016 avente ad oggetto “POR FESR 2014-2020 - ASSE 1 ATTIVITA' 1.4.1. "BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E AL CONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE" APPROVATO CON D.G.R. 11/2016. - PROGETTI PERVENUTI, PROGETTI AMMISSIBILI E PROGETTI NON AMMISSIBILI - PERIODO MAGGIO –GIUGNO 2016.” sono state individuate le imprese ammesse a cofinanziamento regionale che hanno presentato domanda nella seconda call del bando;
  • con determinazione dirigenziale n. 19030 del 28/11/2016 avente ad oggetto “POR FESR 2014-2020 - ASSE 1 ATTIVITA' 1.4.1. "BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E AL CONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE" APPROVATO CON D.G.R. 11/2016. - PRIMA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE - DOMANDE PRESENTATE NEL PERIODO MARZO - GIUGNO 2016 - ACCERTAMENTO ENTRATE.” sono stati concessi i contributi alle imprese ammesse a cofinanziamento regionale che hanno presentato domanda nella prima e nella seconda call del bando;
  • con determinazione dirigenziale n. 19573 del 6/12/2016 avente ad oggetto “POR FESR 2014-2020 - ASSE 1 ATTIVITA' 1.4.1. "BANDO PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE E AL CONSOLIDAMENTO DI START UP INNOVATIVE" APPROVATO CON D.G.R. 11/2016. - PROGETTI PERVENUTI, PROGETTI AMMISSIBILI E PROGETTI NON AMMISSIBILI - PERIODO LUGLIO - SETTEMBRE 2016.” sono state individuate le imprese ammesse a cofinanziamento regionale che hanno presentato domanda nella terza call del bando;

Dato atto che:

  • per l’azienda AWHY S.r.l. non è ancora stato possibile ottenere un DURC con esito regolare e quindi si demanderà ad atto successivo l’impegno delle risorse e la concessione del contributo;
  • per poter finanziare tutti i progetti indicati nella sopracitata graduatoria approvata con determinazione dirigenziale n. 19573/2016, esclusa la sopracitata impresa AWHY S.r.l., le risorse necessarie ammontano ad € 2.643.014,67 compatibili con le attuali disponibilità di bilancio che consentono di impegnare il totale pari a € 2.643.014,67;

Preso atto che:

  • le aziende hanno inviato a corredo della domanda un cronoprogramma che prevedeva, come indicato nel Bando, un budget diviso su più annualità e nello specifico il 50% delle spese realizzate nell’anno 2016 per entrambe le tipologie;
  • le procedure di valutazione si sono concluse regolarmente il 30/11/2016 come indicato dal bando all’art. 12;
  • le procedure di pubblicazione delle graduatorie, di comunicazione degli esiti e di recupero dei DURC e delle informative antimafia, ove necessarie, non hanno permesso l’adozione della determinazione dirigenziale di concessione in tempo per assumere l’impegno sull’anno di previsione 2016;
  • le imprese di “Tipologia A” avevano l’obbligo di indicare nel biennio 2016-2017 la tempistica di realizzazione delle spese;
  • le imprese di “Tipologia B” avevano l’obbligo di indicare nel triennio 2016-2018 la tempistica di realizzazione delle spese;
  • le modalità di erogazione prevista dall’art. 13 del bando prevede la liquidazione in unica soluzione del contributo dietro rendicontazione ad ultimazione del progetto;

Preso atto pertanto che le attuali disponibilità di bilancio consentono di impegnare, in relazione ai crono programmi presentati, sui seguenti pertinenti capitoli:

  • cap. 22009 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA UE";
  • cap. 22011 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; L. 183/1987; DELIBERA CIPE 10/2015) - QUOTA STATO;
  • cap. 22012 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA REGIONE”;

del bilancio finanziario gestionale 2017-2019 anni di previsione 2017 e 2018, che presenta la necessaria disponibilità;

Dato altresì atto:

  • che sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale i relativi Codici Unici di Progetto (C.U.P) riportati negli allegati 1 e 2 parti integranti della presente determinazione;
  • che per quanto attiene all’informazione antimafia rilasciata ai sensi del D.Lgs n. 159/2011 avente ad oggetto “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13/08/2010 n. 136” e ss.mm.ii., sono state acquisite dallo scrivente Servizio le relative documentazioni, a norma dell’art.83;
  • che sono stati acquisiti e trattenuti agli atti dello scrivente Servizio i DURC aventi regolare validità;

Ritenuto di procedere alla registrazione complessiva di euro 2.643.014,67, di cui euro 2.075.914,67 per i progetti approvati della tipologia A ed euro 567.100,00 per i progetti approvati della tipologia B;

Considerato pertanto, per quanto indicato in precedenza, di dover impegnare risorse per i progetti approvati secondo il seguente cronoprogramma:

  • progetti di tipologia A, euro 2.075.914,67 nell'annuo di previsione 2017;
  • progetti di tipologia B, euro 23.094,19 nell'anno di previsione 2017, ed euro 544.005,81 nell'anno di previsione 2018, per un totale pari ad euro 567.100,00;

Ritenuto:

  • che ricorrono gli elementi di cui al D.Lgs n.118/2011 e ss.mm.ii, in relazione alla tipologia di spesa prevista e alla modalità gestionali delle procedure medesime, trattandosi di contributi soggetti a rendicontazione unica e che pertanto si possa procedere all’assunzione degli impegni di spesa per la somma complessiva di euro 2.643.014,67;

Ritenuto pertanto di dover utilizzare le risorse finanziarie allocate:

- quanto ad € 2.099.008,86 sui capitoli:

  • n. 22009 per 1.049.504,42,
  • n. 22011 per 734.653,09,
  • n. 22012 per 314.851,35,

del bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione 2017;

- quanto ad € 544.005,81 sui capitoli:

  • n. 22009 per € 272.002,90,
  • n. 22011 per € 190.402,03,
  • n. 22012 per € 81.600,88,

del bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione per l'esercizio finanziario 2018;

per un totale di risorse necessarie e disponibili nel triennio pari ad euro 2.643.014,67;

Dato atto che trattandosi di contributi a rendicontazione, a fronte degli impegni di spesa assunti nel presente atto, si matureranno crediti nei confronti dell’Unione Europea e del Ministero dell’Economia e delle Finanze;

Ritenuto di poter procedere pertanto alla concessione dei contributi regionali ai soggetti individuati negli allegati parte integrante e sostanziale del presente atto e di seguito elencati:

  • "ALLEGATO 1 - PROGETTI DI TIPOLOGIA A FINANZIATI - Ripartizione contributo concesso per capitolo ed annualità";
  • "ALLEGATO 2 - PROGETTI DI TIPOLOGIA B FINANZIATI - Ripartizione contributo concesso per capitolo ed annualità";

nella misura indicata a fianco di ciascun progetto approvato, per un importo complessivo di euro 2.643.014,67;

Preso atto che la procedura dei conseguenti pagamenti che saranno disposti in attuazione del presente atto a valere per l’anno di previsione 2016 è compatibile con le prescrizioni previste all’art.56, comma 6 del citato D.Lgs. n.118/2011, che analoga attestazione dovrà essere resa nei successivi provvedimenti nei quali si articolerà la procedura di spesa per gli anni di previsione 2017 e 2018;

Preso atto che nessuno dei beneficiari oggetto del presente provvedimento rientra nella fattispecie prevista dall'art.4, comma 6, del D.L. 95/2012, convertito, con modificazioni, con Legge 135/2012;

Visti:

  • la L.R. 15 novembre 2001 n. 40 per quanto applicabile;
  • la LR 26 novembre 2001, n. 43 e s.m.;
  • il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159, art. 83 comma 1 e comma 3 lett. a), così come modificato dal D.Lgs. 15 novembre 2012, n. 218;
  • il D.Lgs.23 giugno 2011, n.118 ss.mm.ii;

Visti inoltre:

  • la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante: “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art.3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;
  • il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.”;

Richiamate le deliberazioni di Giunta regionale:

  • n. 89/2017 avente ad oggetto “APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2017-2019.”;
  • n. 2416/2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e succ.mod;
  • n. 270/2016 avente ad oggetto “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 622/2016 avente ad oggetto “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 702/2016 avente ad oggetto “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito delle Direzioni Generali – Agenzie, Istituto e Nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali e dell'anagrafe per la stazione appaltante”;
  •  n. 1107/2016 avente ad oggetto “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta Regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 2123/2016 avente ad oggetto “APPROVAZIONE INCARICHI DIRIGENZIALI CONFERITI NELL'AMBITO DELLE DIREZIONI GENERALI: CURA DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE; AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA; RISORSE, EUROPA, INNOVAZIONE E ISTITUZIONI E NELL'AMBITO DI INTERCENT-ER E CONFERMA RETRIBUZIONE DI POSIZIONE FR1SUPER NELL'AMBITO DELLA D.G. RISORSE, EUROPA, INNOVAZIONE E ISTITUZIONI”;

Richiamata altresì la determinazione n.1174/2017 avente ad oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali presso la Direzione generale Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa”;

Dato atto dei pareri allegati;

determina:

1. di richiamare integralmente le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;

2. di concedere sulla base delle risorse finanziarie disponibili alle aziende indicate negli allegati:

  • "ALLEGATO 1 - PROGETTI DI TIPOLOGIA A FINANZIATI - Ripartizione contributo concesso per capitolo ed annualità";
  • "ALLEGATO 2 - PROGETTI DI TIPOLOGIA B FINANZIATI - Ripartizione contributo concesso per capitolo ed annualità";

parti integranti del presente atto, i contributi regionali, nella misura indicata a fianco di ciascun progetto approvato per una somma complessiva di 2.643.014,67 per la realizzazione dei progetti di avvio e consolidamento di attività di nuova impresa presentati a valere sul bando approvato dalla D.G.R. 11/2016;

3. di imputare in relazione alle motivazioni espresse in premessa che si intendono qui integralmente riportate, la somma complessiva di € 2.643.014,67, e nello specifico sul bilancio finanziario gestionale 2017-2019, approvato con D.G.R. n.2338/2016, anno di previsione 2017 che presenta la necessaria disponibilità un totale di 2.099.008,86 così ripartito:

  • la somma di 1.049.504,42 al n. di impegno 2340 sul capitolo 2200906 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA UE”;
  • la somma di 734.653,09 al n. di impegno 2341 sul capitolo 22011 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; L. 183/1987; DELIBERA CIPE 10/2015) - QUOTA STATO";
  • la somma di 314.851,35 al n. di impegno 2342 sul capitolo 22012 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA REGIONE”;

sul bilancio finanziario gestionale 2017-2019, approvato con D.G.R. n.2338/2016, anno di previsione 2018 che presenta la necessaria disponibilità un totale di € 544.005,81 così ripartito:

  • la somma di 272.002,90 al n. di impegno 331 sul capitolo 2200906 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020;REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA UE”;
  • la somma di 190.402,03 al n. di impegno 332 sul capitolo 22011 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; L. 183/1987; DELIBERA CIPE 10/2015) - QUOTA STATO";
  • la somma di 81.600,88 al n. di impegno 333 sul capitolo 22012 “CONTRIBUTI A IMPRESE PER LA CREAZIONE E LO SVILUPPO DI START-UP INNOVATIVE E SPIN-OFF DELLA RICERCA (ASSE 1, ATTIVITÀ 1.4.1 POR FESR 2014/2020; REG. CE 1303/2013; DECISIONE C(2015)928 ) - QUOTA REGIONE”;

4. di accertare, a fronte degli impegni di spesa assunti di cui al punto 3), la somma di € 2.246.562,45 così come di seguito specificato:

  • quanto ad € 1.049.504,42 registrati al n. 485 di accertamento sul capitolo 4249 “Contributo dell’Unione europea sul Fondo Europeo di sviluppo regionale per il finanziamento del Programma Operativo Regionale 2014/2020 Obiettivo Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione – quota capitale (regolamento UE n. 1303 del 17 dicembre 2013; Dec. C (2015) 928 del 12 febbraio 2015”, quale credito nei confronti dell’Unione Europea a titolo di risorse del FESR;
  • quanto ad € 734.653,09 registrati al n. 486 di accertamento sul capitolo 3249 “Assegnazione dello Stato per il cofinanziamento del Programma Operativo Regionale 2014/2020 Obiettivo Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione – quota capitale (Legge 16 aprile 1987, n. 183; delibera CIPE n. 10 del 28 gennaio 2015; regolamento UE n. 1303 del 17 dicembre 2013; Dec. C (2015) 928 del 12 febbraio 2015”), quale credito nei confronti del Ministero dell’economia e delle finanze a titolo di cofinanziamento statale a valere sul fondo di rotazione;

del bilancio finanziario gestionale 2017-2019, anno di previsione 2017;

- quanto ad € 272.002,90 registrati al n. 72 di accertamento sul capitolo 4249 “Contributo dell’Unione europea sul Fondo Europeo di sviluppo regionale per il finanziamento del Programma Operativo Regionale 2014/2020 Obiettivo Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione – quota capitale (regolamento UE n. 1303 del 17 dicembre 2013; Dec. C (2015) 928 del 12 febbraio 2015”, quale credito nei confronti dell’Unione Europea a titolo di risorse del FESR;

  • quanto ad € 190.402,03 registrati al n. 73 di accertamento sul capitolo 3249 “Assegnazione dello Stato per il cofinanziamento del Programma Operativo Regionale 2014/2020 Obiettivo Investimenti a favore della crescita e dell’occupazione – quota capitale (Legge 16 aprile 1987, n. 183; delibera CIPE n. 10 del 28 gennaio 2015; regolamento UE n. 1303 del 17 dicembre 2013; Dec. C (2015) 928 del 12 febbraio 2015”), quale credito nei confronti del Ministero dell’economia e delle finanze a titolo di cofinanziamento statale a valere sul fondo di rotazione;

del bilancio finanziario gestionale 2017/2019, anno di previsione 2018;

5. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., le stringhe concernenti la codificazione della Transazione elementare, di cui agli artt. 5 e 6 del D. Lgs. 118/2011 e ss.mm.ii., risultano essere le seguenti:

  • Cap. di spesa 22009 – Missione 14 – Programma 02 - Codice economico U.2.03.03.03.999 – COFOG 04.7 - Transazioni U.E. 3 - SIOPE 2030303999 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3
  • Cap. di spesa 22011 – Missione 14 – Programma 02 - Codice economico U.2.03.03.03.999 – COFOG 04.7 - Transazioni U.E. 4- SIOPE 2030303999 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3
  • Cap. di spesa 22012 – Missione 14 – Programma 02 - Codice economico U.2.03.03.03.999 – COFOG 04.7 - Transazioni U.E. 7 - SIOPE 2030303999 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

6. di dare atto che, in attuazione del D.Lgs. n.118/2011 e ss.mm.ii., che in relazione ai codici CUP, si rimanda agli allegati 1 e 2, parti integranti e sostanziali del presente atto;

7. di dare atto che, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm.ii., nonché sulla base degli indirizzi interpretativi ed adempimenti contenuti nella deliberazione della Giunta regionale n. 89/2017, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

8. di stabilire che alla liquidazione e alla richiesta di emissione di pagamento relativo ai contributi previsti provvederà con propri atti formali, ai sensi del D.Lgs. n. 118/2011 e della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., il dirigente regionale competente, secondo le modalità definite nella D.G.R. n. 11/2016;

9. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it/.

Il Responsabile del Servizio

Silvano Bertini

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it