E-R | BUR

n.30 del 08.02.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Poliambulatorio privata Medi Saluser - Divisione Medi di Parma - Accreditamento di ulteriore attività ad ampliamento dell'accreditamento già concesso con propria determinazione n. 6216 del 19.05.2015

IL DIRETTORE

(omissis)

determina:

1) di concedere, per le motivazioni di cui in premessa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 8 quater, del D.Lgs. 502/1992 e successive modifiche, al Poliambulatorio privato Medi Saluser - Divisione Medi, via Verdi n. 27/A, Parma, già accreditato con proprio atto n. 6216 del 19/5/2015, l'ampliamento dell’accreditamento per attività di Oculistica e prestazioni collegate all’ambulatorio chirurgico oculistico tra le quali:

- facoemulsionamento ed aspirazione di cataratta (cod. 134101);

- impianto secondario di cristallino artificiale (cod. 13.72);

- rimozione di cristallino artificiale impiantato (cod. 13.8);

compatibili ai requisiti applicati elencati in premessa, di cui è stato verificato il possesso;

2) di dare atto che l’ampliamento dell'accreditamento oggetto del presente provvedimento viene concesso per gli effetti previsti dalla normativa vigente richiamata in premessa, decorre dalla data di adozione del presente provvedimento e, trattandosi di ampliamento all'accreditamento già concesso, mantiene la medesima validità temporale dell'atto n. 6216 del 19/5/2015 già menzionato;

3) di prendere atto che l’accreditamento già concesso, comprensivo dell'ampliamento di cui al presente provvedimento, per le attività di seguito elencate (visite ed altre prestazioni, meglio specificate negli atti citati):

- Chirurgia generale;

- Chirurgia plastica;

- Dermosifilopatia (Dermatologia);

- Medicina interna (Medicina generale);

- Gastroenterologia;

- Oculistica (comprese le prestazioni di cui alla DGR 29/2016);

- Ostetricia e ginecologia;

- Attività di diagnostica per immagini (Radiologia convenzionale, ecografia, risonanza magnetica);

- Punto prelievi;

avrà pertanto scadenza il 18/5/2019;

4) di dare atto che, in caso di sussistenza di cause di decadenza nei controlli antimafia attualmente in corso, l’accreditamento già concesso verrà revocato;

5) di dare atto che ai sensi dell’art. 8 quater, comma 2, del DLgs 502/1992, e successive modificazioni, l’accreditamento di cui al presente provvedimento non costituisce vincolo per le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale a corrispondere la remunerazione delle prestazioni erogate, al di fuori degli accordi contrattuali di cui all’art. 8 quinquies del medesimo decreto legislativo relativamente alle attività e prestazioni effettivamente svolte e valutate positivamente in sede di verifica;

6) è fatto obbligo al legale rappresentante della struttura di cui si tratta di comunicare tempestivamente a questa Direzione ogni variazione eventualmente intervenuta ad esempio rispetto alla denominazione, alla sede di erogazione, alla titolarità, all'assetto proprietario, a quello strutturale, tecnologico ed organizzativo, nonché alla tipologia di attività e di prestazioni erogate;

7) di dare atto che, ai sensi del D.Lgs. n. 33/2013, si provvederà agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

8) di pubblicare la presente determinazione sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it