E-R | BUR

n. 91 del 21.07.2010 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna 2007-2013. Modifiche e integrazioni alla deliberazione della Giunta regionale n. 274 del 13 marzo 2009 concernente approvazione programma operativo della Misura 122 "Accrescimento del valore economico delle foreste"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio europeo, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) così come modificato in ultimo dal Regolamento (CE) n. 74/2009;
  • il Regolamento (CE) n. 1290/2005 del Consiglio europeo sul finanziamento della politica agricola comune;
  • il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005, così come modificato dal Regolamento (CE) n. 363/2009 e dal Regolamento (CE) n. 484/2009;
  • il Regolamento (CE) n. 883/2006 della Commissione europea applicativo del Regolamento (CE) n. 1290/2005 concernente la tenuta dei conti degli organismi pagatori, le dichiarazioni di spesa e di entrata e le condizioni di rimborso delle spese nell’ambito del FEAGA e del FEASR;
  • il Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 della Regione Emilia-Romagna (di seguito PSR) nella formulazione allegata quale parte integrante alla propria deliberazione n. 2282 del 28 dicembre 2009, risultante dalle modificazioni proposte dalla Regione Emilia-Romagna ed approvate dalla Commissione con Decisione C(2009)10344 del 17 dicembre 2009;

Richiamate, altresì, le seguenti deliberazioni:

  • n. 1441 in data 1 ottobre 2007 con la quale sono state definite l’articolazione della spesa pubblica per asse a livello territoriale e la ripartizione per misura delle risorse destinate ad interventi di competenza della Regione;
  • n. 1559 in data 22 ottobre 2007 con la quale sono state definite le strategie finanziarie, le modalità di attribuzione della riserva di premialità e di effettuazione delle eventuali compensazioni finanziarie a livello territoriale;
  • n. 101 in data 28 gennaio 2008 con la quale sono state apportate modifiche alle citate deliberazioni n. 1439/2007 e 1559/2007, ed in particolare l’allegato 4 “Articolazione spesa pubblica per Asse - Risorse libere e spese transitorie (trascinamenti ed overbooking”;
  • n. 274 del 13 marzo 2009 che approva il Programma Operativo della Misura 122 “Accrescimento del valore economico delle foreste”, quale ulteriore stralcio del Programma Operativo dell’Asse 1 “Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale”;

Vista, infine, la determinazione del Direttore generale Ambiente e Difesa del suolo e della costa n.2049 del 18 marzo 2009 di approvazione dello schema di avviso pubblico per la Misura 122 “Accrescimento economico delle foreste”;

Atteso che, per mero errore materiale, è stato omesso di indicare al punto 12 dell’Allegato A), parte integrante e sostanziale della citata deliberazione n. 274/09, la possibilità di presentare domanda di erogazione di anticipo sul contributo concesso ad avvenuto inizio dei lavori attestato dal beneficiario, come previsto dal punto 5.2.8 del P.S.R. 2007-2013, ai sensi dell’art. 56 del Regolamento 1974/2006 così come modificato dall’articolo 1 comma 9 del Regolamento n. 363/2009;

Considerato che diversi beneficiari della Misura 122, con alcune note acquisite agli atti del Servizio Parchi e Risorse forestali, hanno richiesto informazioni per potere usufruire dell’anticipazione sul contributo concesso;

Considerato altresì che, a seguito del prolungato periodo di crisi economica che interessa la generalità dei settori produttivi, la minore disponibilità di risorse complessivamente rese disponibili sul mercato dal sistema creditizio e conseguentemente le condizioni più restrittive che si sono determinate nella concessione di prestiti hanno avuto ripercussioni negative sulla capacità di spesa delle imprese agroforestali regionali – pure in presenza di caratteristiche di affidabilità e solidità economica dei soggetti - rallentandone l’operato in termini di possibilità di realizzazione o di completamento degli investimenti progettati;

Ritenuto opportuno, per le ragioni sopra esposte, di integrare il Programma Operativo della Misura 122 approvato con la richiamata deliberazione della Giunta regionale n. 274 del 13 marzo 2009 e, in particolare, il punto 12 dell’Allegato A), garantendo ai beneficiari della suddetta misura la prerogativa di richiedere l’erogazione dell’anticipo, come previsto dalla citata normativa comunitaria;

Considerato:

  • che l’erogazione dell’anticipazione - pari al 50% del contributo concesso - è comunque subordinata alla presentazione di garanzia fidejussoria bancaria o assicurativa prestata a favore dell’Organismo pagatore da parte di Enti autorizzati;
  • che la garanzia deve essere rilasciata per un importo pari al 110% dell’importo anticipato e dovrà avere efficacia fino a quando non sia rilasciata apposita autorizzazione allo svincolo da parte dell’Organismo pagatore;
  • che la garanzia fideiussoria deve essere rilasciata conformemente allo schema predisposto da AGREA, scaricabile nella versione aggiornata nell’apposita sezione dedicata alla modulistica all’indirizzo web http://agrea.regione.emiliaromagna.it e completata della conferma di validità richiesta dall’Amministrazione alla Direzione generale dell’Istituto garante;
  • che la presentazione di schemi difformi, incluse eventuali versioni obsolete, può causare la restituzione della garanzia con pregiudizio dell’erogazione degli aiuti;

Dato atto che l’integrazione proposta non comporta ulteriori adeguamenti e che pertanto resta confermato quant’altro stabilito nella citata deliberazione n. 274 del 13 marzo 2009;

Ritenuto che, trattandosi di errore materiale ed al contempo adeguamento a modifiche regolamentari, la prerogativa di richiedere anticipi su aiuti concessi debba essere recepita dagli Enti territoriali senza la necessità di adeguare i propri documenti attuativi;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna”, e successive modifiche ed in particolare l’art. 37, comma 4;
  • la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore all’Ambiente, Riqualificazione Urbana, Sabrina Freda e dell’Assessore all’Agricoltura, Tiberio Rabboni;

a voti unanimi e palesi

delibera:

  1. di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante del presente dispositivo;
  2. di integrare il punto 12 dell’Allegato A), parte integrante e sostanziale del Programma Operativo della Misura 122 di cui alla deliberazione n. 274/09, prevedendo che possano essere erogati, su richiesta del soggetto beneficiario, pagamenti in anticipazione pari al 50% dell’aiuto concesso;
  3. di dare atto che le erogazioni sono subordinate alla presentazione di garanzia fidejussoria bancaria o assicurativa prestata a favore dell’Organismo pagatore (AGREA) da parte di Enti autorizzati per un importo pari al 110% della somma anticipata;
  4. di dare atto che la suddetta garanzia deve essere rilasciata conformemente allo schema predisposto da AGREA e dovrà avere efficacia fino a quando non sia rilasciata apposita autorizzazione allo svincolo da parte di AGREA medesima;
  5. di disporre che, la prerogativa di richiedere l’erogazione di anticipazioni sugli aiuti concessi di cui al presente atto sia recepita dagli Enti territoriali senza la necessità di adeguare i propri documenti attuativi;
  6. di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e di pubblicizzarne i contenuti nel sito internet Ermesagricoltura.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it