E-R | BUR

n.123 del 28.04.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Programma investimenti aree protette 2021-2023. Approvazione linee guida per la programmazione, la realizzazione, la gestione e la rendicontazione degli interventi

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste le leggi regionali:

- 17 febbraio 2005, n. 6 “Disciplina della formazione e della gestione del sistema Regionale delle Aree naturali protette e dei siti della Rete Natura 2000” e ss.mm.ii.;

- 23 dicembre 2011, n. 24 “Riorganizzazione del sistema Regionale delle Aree protette e dei siti della Rete Natura 2000 e istituzione del Parco regionale dello Stirone e del Piacenziano” e ss.mm.ii.;

- 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni” e ss.mm.ii.;

Premesso che:

- l’art. 12, della L.R. n. 6/2005 e ss.mm.ii., prevede la realizzazione del “Programma per il sistema regionale delle Aree protette e dei siti della Rete Natura 2000”;

- il Programma regionale contiene in particolare le priorità per l’attuazione, la gestione e la promozione del sistema regionale, il quadro finanziario generale, le risorse da utilizzare, i criteri di riparto, nonché le quote di cofinanziamento degli Enti di gestione;

- l’Assemblea legislativa con deliberazione del 22 luglio 2009, n. 243, ha approvato il primo Programma per il sistema regionale delle Aree protette e dei siti Rete Natura 2000;

- la Regione Emilia-Romagna a norma dell'art. 13, comma 3, della L.R. n. 6/2005 e ss.mm.ii., provvede all'attuazione del Programma regionale tramite il riparto annuale e poliennale delle disponibilità finanziarie distinto tra contributi per la gestione e per gli investimenti;

- la Regione Emilia-Romagna a norma dell'art. 61, comma 1, lettera c) della L.R. n. 6/2005 e ss.mm.ii., concede fondi destinati agli investimenti agli Enti di gestione delle Aree protette per la conservazione e valorizzazione ambientale;

Visti gli obiettivi, i target e gli strumenti di attuazione dell’Agenda 2030 declinata nella Strategia dell'UE sulla biodiversità e nella Strategia Nazionale per lo Sviluppo Sostenibile;

Premesso inoltre che:

- in seguito al primo Programma per il sistema regionale delle Aree protette e dei siti Rete Natura 2000 per il triennio 2009-2011 è stato emanato il Programma investimenti per il triennio 2009/2011 per un importo complessivo di 11.000.000,00 euro;

- negli anni successivi gli Enti di gestione delle Aree protette hanno beneficiato della programmazione di risorse per investimenti previste nell’ambito del Piano d’azione ambientale – “Progetti Regionali 2014 – 2015” e “Progetti Regionali 2018”, di cui alle deliberazioni della Giunta regionale n. 1195/2015 e n. 600/2018, per un importo complessivo 5.352.710,88 euro;

Considerato che:

- nelle more della messa a punto di un nuovo Programma regionale per il sistema delle Aree protette e dei siti Rete Natura 2000, si prevede di realizzare un programma d’investimento “transitorio”, destinato agli Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Centrale, Emilia Orientale, Emilia Occidentale, Romagna, Delta del Po e all’Ente di gestione del Parco interregionale del Sasso Simone e Simoncello, mantenendo i criteri di riparto già precedentemente approvati con la deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 243/2009;

- la Regione Emilia-Romagna, in coerenza con gli obiettivi dell’Agenda 2030, prevede investimenti che diano attuazione a:

  • le previsioni del primo Programma regionale triennale per il sistema regionale delle aree protette e dei siti Rete Natura 2000, non attuate attraverso le azioni sviluppate fino a ora, qualora ancora attuali;
  • le Misure di conservazione e i Piani di gestione sito specifici approvati dagli Enti di gestione dei siti Rete natura 2000 e dalla Regione;
  • il PAF (Prioritized Action Framework), quadro di azione prioritario per la Rete Natura 2000, di prossima approvazione regionale;
  • le conclusioni emerse in occasione del IV report finalizzato al reporting ex art. 17 della Direttiva Habitat;
  • le esigenze di conservazione emerse in seguito alla realizzazione della nuova Carta habitat regionale di prossima approvazione;

- gli obiettivi regionali ritenuti prioritari, coerentemente con l’Agenda 2030, consistono:

  • nell’attuare azioni tese ad arrestare la perdita della biodiversità ed a preservare e ripristinare gli ecosistemi e i servizi che essi rendono alla nostra società;
  • nel promuovere il turismo sostenibile e l’organizzazione di una fruizione consapevole, anche e specialmente in epoca pandemica;

Ritenuto, pertanto, opportuno approvare, in considerazione di quanto sopra esposto, il documento avente ad oggetto “Linee guida per la programmazione, la realizzazione, la gestione e la rendicontazione degli interventi” di cui all’Allegato A), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, nel quale sono definiti i criteri per la concessione delle risorse a favore degli Enti di gestione citati e i principi per la realizzazione, la gestione e la rendicontazione degli interventi finalizzati al raggiungimento degli obiettivi sopra indicati, attuati con la partecipazione finanziaria della Regione Emilia-Romagna nell’ambito del Programma Investimenti per il triennio 2021-2023;

Dato atto che:

- le risorse disponibili per l’attuazione del programma di Investimenti 2021-2023 ammontano a € 3.600.000,00, stanziate sul capitolo 38090 “Contributi per spese d’investimento finalizzate al recupero ed alla valorizzazione delle risorse ambientali (art. 35, commi 2 e 4, L.R. 2 aprile 1988, n. 11 abrogata; art. 13, comma 3, lett. a) e art. 61, comma 1, lett. c), L.R. 17 febbraio 2005, n.6.”, del bilancio finanziario gestionale 2021-2023, anno di previsione 2021, nella misura di € 1.200.000,00 per le annualità 2021, 2022 e 2023;

- in continuità con il precedente Programma Investimenti per il triennio 2009-2011, l’individuazione dei budget potenzialmente ripartibili a favore degli Enti di gestione indicati avverrà sulla base dei seguenti criteri:

  • quota fissa pari a 150.000,00 euro;
  • le restanti risorse suddivise sulla base di:

ü superficie delle aree protette (60%);

ü numero delle aree protette (40%) appartenenti a ciascun ente;

stabilendo che una quota, pari almeno al 30% dell’importo complessivo dei progetti candidati dagli Enti beneficiari, dovrà essere dedicata a progetti a favore della biodiversità;

Precisato che:

- l'attuazione gestionale, in termini amministrativo contabili degli investimenti che saranno oggetto operativo del presente programma, verrà realizzata ponendo a base di riferimento i principi e postulati che disciplinano le disposizioni previste dal D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

- nello specifico, al fine di meglio realizzare gli obiettivi che costituiscono l'asse portante delle prescrizioni tecnico-contabili previste per le Amministrazioni Pubbliche dal D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., con particolare riferimento al principio della competenza finanziaria potenziata, le successive fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, impegno, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per renderli rispondenti al percorso contabile tracciato dal Decreto medesimo;

- ne deriva, in ragione di quanto sopra indicato, che le successive fasi gestionali caratterizzanti il ciclo della spesa saranno strettamente correlate ai possibili percorsi contabili indicati dal D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. con riferimento ai cronoprogrammi di spesa presentati dai soggetti attuatori individuati;

- alla luce di ciò, la copertura finanziaria prevista nell'articolazione del capitolo di spesa indicato nel presente provvedimento, riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistemica ed allocazione delle risorse disponibili destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

Visti:

- il D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;

- il D. Lgs. 10 agosto 2014, n. 126 “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42”;

- la L.R. n. 40 del 15 novembre 2001 recante “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e della L.R. 27 marzo 1972, n. 4”, per quanto applicabile;

- la L.R. n. 43 del 26 novembre 2001 recante “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.ii.;

- la L.R. n. 12 del 22 dicembre 2020 “Disposizione per la formazione del Bilancio di Previsione 2021-2023 (Legge di stabilità Regionale 2021)”;

- la L.R. n. 13 del 22 dicembre 2020 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2021-2023”;

- la propria deliberazione 28 dicembre 2020, n. 2004 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2021–2023”;

Richiamati:

- il D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto d'accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione d’informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione del 28 gennaio 2021, n. 111 recante “Piano Triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza. Anni 2021-2023;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008 e ss.mm.ii., così come integrata e modificata dalla propria deliberazione 10 aprile 2017 n. 468;

- n. 2018/2020 “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001 e ss.mm.ii.”;

- n. 2013/2020 avente ad oggetto “Indirizzi organizzativi per il consolidamento della capacità amministrativa dell’Ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato per far fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’Ibacn”;

- n. 415/2021 “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell'ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027: Proroga degli incarichi”;

Vista la determinazione dirigenziale del 30 marzo 2021, n. 5517 avente ad oggetto “Proroga incarichi dirigenziali della Direzione Generale Cura del Territorio e Ambiente”, al 31 maggio 2021;

Viste inoltre le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG.2017.0660476 del 13 ottobre 2017 e PG.2017.0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazioni di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore alla Montagna, aree interne, programmazione territoriale, pari opportunità;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le ragioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente richiamate:

1) di approvare l’Allegato A) “Linee guida per la programmazione, la realizzazione, la gestione e la rendicontazione degli interventi”, quale parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

2) di dare atto che l’ammontare complessivo delle risorse disponibili per l’attuazione del presente programma di finanziamento è pari a € 3.600.000,00 stanziate sul capitolo 38090 “Contributi per spese d'investimento finalizzate al recupero ed alla valorizzazione delle risorse ambientali (art.35, commi 2 e 4, LR 2 aprile 1988, n.11 abrogata; art.13, comma 3, lett. a) e art.61, comma 1, lett. c), L.R. 17 febbraio 2005, n. 6)”, del Bilancio finanziario gestionale di previsione 2021-2023 nella misura di € 1.200.000,00 per ciascun esercizio finanziario 2021, 2022, 2023;

3) di dare atto che i criteri, sulla base dei quali verranno ripartite le risorse disponibili, di cui al punto 2) che precede, al fine di quantificare i budget potenzialmente disponibili per gli Enti di gestione per i parchi e la biodiversità e per il Parco interregionale del Sasso Simone e Simoncello, sono i seguenti:

  • quota fissa pari a 150.000,00 euro;
  • le restanti risorse suddivise sulla base di:

ü superficie delle aree protette (60%);

ü numero delle aree protette (40%) appartenenti a ciascun ente;

4) di stabilire che una quota, pari almeno al 30% dell’importo complessivo dei progetti candidati dagli Enti beneficiari, dovrà essere dedicata a progetti a favore della biodiversità;

5) di precisare che la copertura finanziaria prevista nell'articolazione del capitolo di spesa indicato nel presente provvedimento riveste carattere di mero strumento programmatico-conoscitivo di individuazione sistematica ed allocazione delle risorse destinate, nella fase realizzativa, ad essere modificate anche nella validazione economico-temporale in base agli strumenti resi disponibili dal D. Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., per il completo raggiungimento degli obiettivi in esso indicati;

6) di dare atto che il Responsabile del Servizio Aree protette, Foreste e Sviluppo della montagna provvederà, con successivi atti:

  • alla concessione delle risorse per l’attuazione del Programma investimenti 2021-2023, previa istruttoria delle schede di candidatura e della documentazione indicata nell’allegato A), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • alla liquidazione dei contributi e alla richiesta di emissione dei relativi titoli di pagamento, alla concessione di eventuali proroghe dei termini di realizzazione degli interventi, alla revoca dei contributi e al recupero di somme eventualmente erogate, nonché a tutti gli altri provvedimenti previsti dalla normativa vigente che si rendessero necessari per la gestione del Programma investimenti;

7) di stabilire, in ragione delle argomentazioni indicate in premessa, che le fasi gestionali nelle quali si articola il processo di spesa della concessione, liquidazione, ordinazione e pagamento saranno soggette a valutazioni ed eventuali rivisitazioni operative per dare piena attuazione ai principi e postulati contabili dettati dal D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

8) di dare atto infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

9) di notificare il presente atto agli Enti interessati citati in premessa;

10) di pubblicare integralmente il presente atto, comprensivo dell’Allegato A), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia–Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it