E-R | BUR

n.223 del 31.07.2013 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di verifica di assoggettabilità a VIA relativa alla “Campagna di recupero di rifiuti inerti (R5) tramite impianto mobile – Area ex Officine Casaralta, Via Ferrarese 45, comune di Bologna”. Proponente: Cave Piumazzo Srl L.R. 18 maggio 1999, n. 9 come modificata e integrata dalla Legge Regionale 20 aprile 2012, n. 3

Si avvisa che, ai sensi del Titolo II della Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 come modificata e integrata dalla Legge regionale 20 aprile 2012, n. 3, sono stati depositati per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di verifica (screening), relativa alla “Campagna di recupero di rifiuti inerti (R5) tramite impianto mobile – Area ex Officine Casaralta, Via Ferrarese 45, Comune di Bologna”.

Il progetto è presentato da: Cave Piumazzo Srl, con sede in Via Falloppie n. 932 in comune di Savignano sul Panaro (MO). L'impianto prevede il recupero dei rifiuti provenienti dalle attività di demolizione dell'Area Ex Casaralta in Comune di Bologna, in Via Ferrarese, 45.

Il progetto appartiene alla seguente categoria: B.2.57) “Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti non pericolosi, con capacità complessiva superiore a 10 t/giorno, mediante operazioni di cui all'allegato C, lettere da R1 a R9, della parte quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006, ad esclusione degli impianti mobili volti al recupero di rifiuti non pericolosi provenienti dalle operazioni di costruzione e demolizione qualora la durata della campagna sia inferiore a novanta giorni naturali ed agli altri impianti mobili volti al recupero di altri rifiuti non pericolosi qualora la durata della campagna sia inferiore a sessanta giorni naturali, e qualora non siano localizzate in aree naturali protette o in aree SIC e ZPS; tale esclusione non si applica a successive campagne sullo stesso sito”.

Il progetto interessa il territorio del Comune di Bologna e della Provincia di Bologna. L’Autorità competente è la Provincia di Bologna.

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di verifica di assoggettabilità a VIA presso la sede dell’Autorità competente, Servizio Tutela Ambientale - Ufficio VIA, Via San Felice n. 25, 40122 Bologna e presso la sede del Comune di Bologna, Via Liber Paradisus n. 10, 40129 Bologna.

Inoltre gli elaborati sono consultabili sul sito internet della Provincia di Bologna. Gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura screening sono depositati per 45 (quarantacinque) giorni naturali consecutivi a far tempo dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Entro lo stesso termine, chiunque, ai sensi dell’art. 9, comma 4, può presentare osservazioni scritte, in carta semplice, anche a mezzo PEC - prov.bo@cert.provincia.bo.it - all’Autorità Provinciale competente, Servizio Tutela Ambientale, U.O. Valutazioni Ambientali, Via San Felice n. 25 - 40122 Bologna.

Responsabile procedimento: Alberto Dall'Olio.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it