E-R | BUR

n.210 del 06.07.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

DGR. n. 1604/2021 - Emergenza COVID-19 - Bonus una tantum per le Associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e le Società sportive dilettantistiche (SSD) concessione contributi - Impegno di spesa terza tranche

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

Vista la deliberazione di Giunta regionale n. 1604 del 11/10/2021 avente ad oggetto “Approvazione bando relativo al “Bonus una tantum” per le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e le società sportive dilettantistiche (SSD) in difficoltà a causa dell’emergenza COVID-19 ai sensi di quanto stabilito dal D.L. 22 marzo 2021, n. 41”;

Rilevato che il bando, di cui all’Allegato 1 della richiamata DGR 1604/2021 stabiliva in particolare:

  • i requisiti dei contributi e di ammissibilità;
  • la dotazione finanziaria disponibile per l’erogazione dei contributi, pari all’ammontare massimo di euro 4.488.000,00;
  • la misura del bonus una tantum;
  • le modalità di presentazione delle domande di contributo unicamente tramite l’applicazione web “SFINGE 2020”;
  • i termini di presentazione delle domande di contributo, dalle 
ore 10.00 del 3/11/2021 alle ore 13.00 del 15/11/2021;
  • le procedure di selezione delle domande di tipo valutativo a sportello, con valutazione dell’ammissibilità a contributo effettuata secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse;
  • di demandare al Dirigente professional Destinazioni Turistiche, promo-commercializzazione, sviluppo e promozione dello sport:

- la verifica di regolarità contributiva, nei casi di legge, dei soggetti richiedenti;

- l’adozione degli atti di concessione dei contributi;

Preso atto che a valere sul predetto bando sono state trasmesse alla Regione, attraverso il sistema SFINGE 2020, un numero complessivo di 1.675 domande di contributo;

Richiamate:

- la propria determinazione n. 23547 del 9/12/2021 avente ad oggetto: “DGR n. 1604/2021 - Emergenza COVID-19 - Bonus una tantum per le associazioni sportive dilettantistiche (ASD)e le società sportive dilettantistiche (SSD) - Concessione contributi - Impegni di spesa prima tranche beneficiari”, con la quale si è provveduto ad un primo impegno di spesa pari a euro 1.472.000,00 per un numero globale di 395 beneficiari;

- la propria determinazione n. 5969 del 30/3/2022 avente ad oggetto: “DGR n. 1604/2021 - Emergenza COVID-19 - Bonus una tantum per le associazioni sportive dilettantistiche (ASD)e le società sportive dilettantistiche (SSD) - Concessione contributi - Impegni di spesa seconda tranche”, con la quale si è provveduto ad un secondo impegno di spesa pari a euro 1.578.000,00 per un numero globale di 426 beneficiari

Considerato che, per altre 372 domande e nel rispetto dell’ordine cronologico di arrivo, sono state espletate le seguenti procedure:

  • è stata effettuata la verifica del rispetto delle modalità e dei termini di presentazione;
  • è stato effettuato il mero controllo formale di ammissibilità per l’accesso ai contributi;
  • è stata verificata, con esito positivo, la situazione di regolarità contributiva nei confronti di INPS e INAIL, per i richiedenti tenuti al rispetto delle disposizioni del D.M. 30 gennaio 2015, acquisendo il documento unico di regolarità contributiva (D.U.R.C.) on-line da cui risulta che i beneficiari sono in regola con i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali;
  • gli estremi del D.U.R.C. on-line sono conservati agli atti del competente servizio regionale;

Richiamate:

- la determinazione n. 3102 del 21/2/2022 avente ad oggetto: “Variazione di bilancio per utilizzo quote vincolate del risultato di amministrazione 2021

- la determinazione n. 4504 del 11/3/2022 avente ad oggetto: “Variazione di bilancio ai sensi dell’art.51, comma 4 D.Lgs.118/20011 – Variazione compensativa fra capitoli di spesa del medesimo macroaggregato”;

- la determinazione n. 10346 del 30/5/2022 VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL'ART. 51, COMMA 4, D.LGS. 118/2011 - VARIAZIONE COMPENSATIVA FRA CAPITOLI DI SPESA DEL MEDESIMO MACROAGGREGATO

Dato atto che per le 372 domande l’esito dell’iter istruttorio si è concluso positivamente e si può procedere alla concessione dei contributi e al conseguente impegno di spesa per complessivi euro 1.390.000,00 di cui:

- euro 1.278.000,00 risultanti dalla somma degli importi concedibili alle associazioni sportive dilettantistiche (ASD, che trovano copertura sul capitolo 27770 “Contributi ad associazioni ed istituzioni sociali private soggette a restrizioni in relazione all’emergenza Covid-19 (Art. 32 quater, Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137; art. 27, Decreto Legge 22 marzo 2021, n. 41) – Mezzi statali”;

- euro 112.000,00 risultanti dalla somma degli importi concedibili alle società sportive dilettantistiche (SSD), che trovano copertura sul capitolo 27772 “Contributi alle imprese soggette a restrizioni in relazione all’emergenza COVID-19 (Art. 32 quater, Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 1347; art. 27, Decreto Legge 22 marzo 2021, n. 41) – Mezzi statali”;

Ritenuto quindi di poter procedere:

  • all’approvazione dell’Allegato 1) quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, contenente l’indicazione di n. 338 ASD – Associazioni sportive dilettantistiche beneficiarie ammesse a contributo;
  • all’approvazione dell’Allegato 2) quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, contenente l’indicazione di n. 34 SSD – Società sportive dilettantistiche beneficiarie ammesse a contributo;
  • all’impegno di spesa complessivo di euro 1.390.000,00, sui seguenti capitoli di spesa del Bilancio finanziario gestionale 2022-2024, anno di previsione 2022, come di seguito 
specificato:

- euro 1.278.000,00 sul Cap. 27770, al “Beneficiario generico per contributi emergenza COVID-19 – Associazioni ed Istituzioni sociali private;

- euro 112.000,00 sul Cap. 27772, al “Beneficiario generico per contributi emergenza COVID-19 – Imprese”,

ricorrendo gli elementi di cui al D.Lgs. n. 118/2011 in relazione alla tipologia di spesa prevista;

Dato atto che è stato accertato che le previsioni di pagamento a valere sull’anno 2022 sono compatibili con le prescrizioni di cui all’art. 56, comma 6, del citato D.Lgs. n. 118/2011.

Visti:

- il D.lgs. 23/6/2011, n. 118 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5/5/2009, n. 42” e successive modifiche ed integrazioni;

- le LL.RR. nn. 19, 20 e 21 del 28 dicembre 2021;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2276/2021 avente ad oggetto “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2022-2024;

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ. mod;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 111 del 31 gennaio 2022 ad oggetto “Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e Trasparenza 2022-2024, di transizione al Piano Integrato di Attività e Organizzazione di cui all'art. 6 del D.L. n. 80/2021”;

- la determinazione dirigenziale n.2335 del 9 febbraio 2022 “Direttiva di indirizzi interpretativi degli obblighi di pubblicazione previsti dal decreto legislativo n.33 del 2013. Anno 2022”;

Viste inoltre:

- la Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” ed in particolare l’art. 11;

- la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4 recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;

Considerato che le iniziative oggetto del finanziamento di cui al presente atto non rientrano nell’ambito di quanto previsto dall’art. 11 della sopra citata Legge 16 gennaio 2003, n.3;

Richiamato il D. Lgs. 159/2011 e succ. mod. ed in particolare, l’articolo 83, comma 3 del predetto decreto legislativo, modificato dall’entrata in vigore della legge 24 aprile 2020, n. 27, secondo il quale la documentazione antimafia non è richiesta per i provvedimenti, ivi inclusi quelli di erogazione, gli atti ed i contratti il cui valore complessivo non supera i 150.000,00 euro;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 e succ. mod.;

Vista inoltre la L.R. 15/11/2001, n. 40, “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna”, per quanto applicabile;

Richiamate le seguenti deliberazioni di Giunta regionale:

- n. 2416 del 29/12/2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii. per quanto applicabile;

- n. 468/2017, “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”. Adempimenti conseguenti”;

Viste le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Richiamate inoltre:

  • la D.G.R. n. 324 del 7 marzo 2022 ad oggetto “Disciplina organica in materia di organizzazione dell’ente e gestione del personale”;
  • la D.G.R. n. 325 del 7 marzo 2022 ad oggetto “Consolidamento e rafforzamento delle capacità amministrative: riorganizzazione dell’ente a seguito del nuovo modello di organizzazione e gestione del personale”;
  • la D.G.R. n. 426 del 21 marzo 2022 ad oggetto “Riorganizzazione dell’ente a seguito del nuovo modello di organizzazione e gestione del personale. Conferimento degli incarichi ai Direttori Generali e ai Direttori di Agenzia”;

Richiamata le seguenti determinazioni:

- n. 5595 del 25/3/2022 concernente: Micro-organizzazione della Direzione Generale conoscenza, ricerca, lavoro, imprese a seguito della D.G.R. n. 325/2022. Conferimento incarichi dirigenziali e proroga incarichi di titolarità di posizione organizzativa;

- n. 5514 del 24 marzo 2022 recante “Riorganizzazione della Direzione Generale Politiche finanziarie, conferimento di incarichi dirigenziali, assegnazione del personale e proroga delle posizioni organizzative”;

Attestato che il sottoscritto dirigente non si trova in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto;

Dato atto dell’allegato visto di regolarità contabile;

determina

per le motivazioni indicate in premessa:

1. di approvare l’Allegato 1) quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, contenente l’indicazione di 
n. 338 ASD – Associazioni sportive dilettantistiche beneficiarie ammesse a contributo;

2. di approvare l’Allegato 2) quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, contenente l’indicazione di 
n. 34 SSD – Società sportive dilettantistiche beneficiarie ammesse a contributo;

3. di assegnare e concedere, sulla base delle risorse finanziarie disponibili, ai soggetti beneficiari indicati nei sopracitati Allegati 1 e 2, il bonus una tantum nella misura indicata a fianco di ciascuno di essi, per una somma pari a € 1.390.000,00;

4. di impegnare la spesa complessiva di euro 1.390.000,00 registrata come segue:

- quanto a € 1.278.000,00 all’impegno n. 8575 sul Cap. 27770 “Contributi ad associazioni ed istituzioni sociali private soggette a restrizioni in relazione all’emergenza Covid-19 (Art. 32 quater, Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137; art. 27, Decreto Legge 22 marzo 2021, n. 41) – Mezzi statali” del bilancio finanziario gestionale 2022-2024, anno di previsione 2022, approvato con DGR 2276/2021, che presenta la necessaria disponibilità;

- quanto a € 112.000,00 all’impegno n. 8576 sul Cap. 27772 “Contributi alle imprese soggette a restrizioni in relazione all’emergenza Covid-19 (Art. 32 quater, Decreto Legge 28 ottobre 2020, n. 137; art. 27, Decreto Legge 22 marzo 2021, n. 41) – Mezzi statali”)” del bilancio finanziario gestionale 2022-2024, anno di previsione 2022, approvato con DGR 2276/2021, che presenta la necessaria disponibilità;

5. che in attuazione del D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare, come definita dal citato decreto, è espressamente indicata di seguito:

Capitolo 27770 - Missione 06 - Programma 01 - Codice Economico U.1.04.04.01.001 - COFOG 08.1 - Transazione UE 8 -SIOPE 1040401001 - C.I. Spesa 4 - Gestione Ordinaria 3

Capitolo 27772 - Missione 06 - Programma 01 - Codice Economico U.1.04.03.99.999 - COFOG 08.1 - Transazione UE 8 - SIOPE 1040399999 - C.I. Spesa 4 - Gestione Ordinaria 3

6. di rimandare a propri successivi atti formali, ai sensi del D.Lgs. 118/2011 e del D.Lgs. n. 231/2002, in applicazione delle deliberazioni n. 2416/2008 e ss.mm per quanto applicabile e n. 468/2017, la liquidazione ai beneficiari dell’importo concesso ad avvenuta pubblicazione ai sensi dell’art 26 del D.Lgs 33/2013 del presente provvedimento effettuando in tale sede eventuali modifiche nella denominazione dei beneficiari, in caso di mere difformità formali, fermo restando il codice fiscale individuato nel presente provvedimento;

7. che si provvederà agli obblighi di pubblicazione previsti dall’art. 26 comma 2 del D.Lgs. 33/2013 e alle ulteriori pubblicazioni previste dal Piano Triennale di prevenzione della corruzione nonché dalla Direttiva di Indirizzi interpretativi degli obblighi di pubblicazione, ai sensi dell’art. 7 bis del medesimo D.lgs.

Il Responsabile di area di lavoro dirigenziale

Venerio Brenaggi

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it