E-R | BUR

n.212 del 16.07.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione di nuova qualifica per "Tecnico in meteo-climatologia operativa", ai sensi D.G.R. n. 2166/05

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

  • la L.R. 30 giugno 2003, n. 12 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e in particolare l’art. 32;
  • la L.R. 1 agosto 2005, n. 17 “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del lavoro”;
  • la L.R. 30 giugno 2011, n. 5 “Disciplina del Sistema Regionale dell’Istruzione e Formazione professionale”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n. 936 del 17 maggio 2004,”Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale delle Qualifiche”;
  • n. 1434 del 12 settembre 2005 “Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle Competenze”;
  • n. 105 dell'1 febbraio 2010 "Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 11/2/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta regionale 14/2/2005, n. 265” e ss.mm.;
  • n. 1372 del 20 settembre 2010 “Adeguamento ed integrazione degli Standard professionali del Repertorio regionale delle Qualifiche” e ss.mm.ii;
  • n. 1695 del 15 novembre 2010, “Approvazione del documento di correlazione del Sistema regionale delle Qualifiche (SRQ) al Quadro europeo delle Qualifiche (EQF)”;
  • n. 438 del 16 aprile 2012 “Modifica e integrazione all'avviso pubblico per la presentazione di richieste di autorizzazione di attività non finanziate di cui alla DGR. n. 704/2011”;
  • n. 739 del 10 giugno 2013 “Modifiche e integrazioni al Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle competenze, di cui alla D.G.R. n. 530/2006”;
  • n. 742 del 10 giugno 2013 “Associazione delle conoscenze alle Unita' di Competenza delle qualifiche regionali.”

Viste infine:

  • la propria deliberazione n. 2166 del 19 dicembre 2005 “Aspetti generali e articolazione della Procedura sorgente nel Sistema regionale delle qualifiche”;
  • la determinazione della Responsabile del Servizio Formazione Professionale n. 7119 del 24 luglio 2009 “Approvazione Nuova Modulistica relativa alla Procedura Sorgente del Sistema Regionale delle Qualifiche, di cui alla Delibera G.R. n. 2166/05”;

Dato atto che è pervenuta richiesta, Prot. PGDG/2013/2827 del 05/06/2013 di una nuova qualifica per “Tecnico in meteo-climatologia operativa” da parte di ARPA Emilia-Romagna;

Considerato che tale qualifica può:

  • costituire una prospettiva di sviluppo e specializzazione delle competenze possedute da coloro che già operano nei servizi meteorologici;
  • rispondere ad una specifica richiesta di valorizzazione e riconoscimento delle competenze agite nell’ambito dei servizi meteorologici pubblici;

Dato atto altresì che la sopra citata nuova figura è stata valutata sulla base dei criteri definiti dalla Procedura Sorgente, di cui alla citata delibera n. 2166/05 e questo ha consentito:

  • di procedere all’istruttoria tecnica per la descrizione della nuova qualifica in analogia con le qualifiche già approvate e secondo le modalità previste dal Sistema regionale delle qualifiche;
  • di verificare che la figura di “Tecnico in meteo-climatologia operativa” oltre ad approfondire un ambito innovativo per il sistema delle qualifiche regionale contribuisce a valorizzare un settore di impatto nazionale e di interesse istituzionale per diversi soggetti pubblici regionali e nazionali;
  • di verificare che, in prospettiva, la meteorologia possa assumere una valenza strategica oltre che per il settore dei trasporti anche per i settori ambientale ed agricolo, introducendo nuove opportunità di occupazione;

Tenuto conto:

  • dell’interesse espresso da diverse Regioni ad individuare una qualifica in campo meteorologico, si è valutato utile avviare un confronto interregionale con i rispettivi servizi meteorologici e della formazione professionale, tenutosi a Bologna il 06/12/2013 per valutare congiuntamente il percorso da intraprendere al fine di condividere le caratteristiche generali della figura delineata anche nella prospettiva della futura riconoscibilità della qualifica nell’ambito dell’istituendo repertorio nazionale;
  • che l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) in quanto organismo intergovernativo globale ha definito degli standard internazionali ai quali devono conformarsi tutti paesi per l’erogazione dei servizi e la formazione degli operatori;
  • che il Capo Reparto Meteorologia dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare italiana è rappresentante permanente d’Italia presso Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM) e organismo attestante la conformità delle certificazioni agli standard internazionali OMM;

Valutato opportuno, prima di procedere all’approvazione della qualifica oggetto del presente atto, attivare un contatto interlocutorio con il sopracitato Capo Reparto Meteorologia dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare italiana al fine di attivare i contatti necessari per una sua futura valutazione in termini di aderenza della qualifica agli standard internazionali;

Dato atto che tale contatto è avvenuto a Roma il 5/05/2014, e ha consentito di verificare la disponibilità del Capo Reparto Meteorologia dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare italiana a valutare l’aderenza degli standard professionali della qualifica regionale agli standard dell’OMM;

Valutato inoltre che l’individuazione formale della più volte citata qualifica, unitamente alla sua valutazione di congruenza rispetto agli standard OMM, possa costituire un percorso di riferimento anche per le altre Regioni interessate;

Ritenuto pertanto opportuno approvare la nuova qualifica per “Tecnico in meteo-climatologia operativa” da ricomprendere all’interno dell’area professionale “Sviluppo e tutela dell’ambiente”, già esistente all’interno del Repertorio regionale delle Qualifiche (SRQ);

Stabilito inoltre che, in base al grado di complessità delle competenze che la compongono, a tale nuova qualifica è collegabile la tipologia di standard formativo di cui all’allegato 3) della citata deliberazione n. 105/2010 e ss.mm., di “approfondimento tecnico/specializzazione”;

Ritenuto infine acquisito il parere favorevole della Commissione regionale Tripartita in merito alla sopra richiamata qualifica non essendo pervenuti, al competente Servizio regionale Formazione Professionale, pareri contrari o richieste di approfondimenti entro il termine di 8gg dal 19/09/2013, data di trasmissione degli esiti del lavoro tecnico relativo alla definizione degli standard professionali;

Dato atto del parere favorevole espresso dalla competente Commissione assembleare, ai sensi dell’art. 32 della L.R. 12/03, nella seduta del 24/06/2014;

Vista la legge regionale n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modifiche;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

  • n. 1057/2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;
  • n. 1663/2006 "Modifiche all’assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";
  • n. 2416/2008 "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla Delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della Delibera 450/2007” ss.mm.;
  • n. 1377/2010 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni generali” così come rettificata dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1950/2010;
  • n. 2060/2010 “Rinnovo incarichi a Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010";
  • n. 1222/2011 “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;
  • n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale”;
  • n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera:

1) di approvare, per le motivazioni indicate in premessa, la qualifica di “Tecnico in meteo-climatologia operativa”, di cui all’Allegato 1), parte integrante alla presente deliberazione, inserita nell’area già esistente “Sviluppo e tutela dell’ambiente”;

2) di dare atto che, per le motivazioni citate in premessa, in base all’allegato 3) della citata deliberazione n. 105/2010 e ss.mm., la qualifica di “Tecnico in meteo-climatologia operativa” è collegabile alla tipologia di standard formativo di “approfondimento tecnico/specializzazione”;

3) di disporre la pubblicazione integrale del presente atto nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it