E-R | BUR

n.87 del 26.03.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedure in materia di Impatto Ambientale L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni – Derivazione di acque superficiali dal Po di Volano ad uso piscicoltura, per la Azienda ittica “Valle Cantone” nel Comune di Comacchio (FE), presentato da Basso Anna

L'Autorità competente per la valutazione di impatto ambientale: Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione impatto e Promozione sostenibilità ambientale avvisa che, ai sensi del Titolo III della Legge regionale 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, nonché ai sensi del R.R. 20 novembre 2001 n. 41, del R.D. 1775 dell’11 dicembre 1933, del DPR 327 dell’8 giugno 2001 e della L.R. 37/02 sono stati depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, gli elaborati progettuali per l’effettuazione della procedura di VIA, relativa al progetto:

  • Domanda di concessione di derivazione di acque superficiali dal Po di Volano ad uso piscicoltura, per la Azienda ittica “Valle Cantone”
  • Comune di Comacchio (FE)
  • presentato da Anna Basso

Il progetto appartiene alla categoria B.1.14. “Derivazioni di acque superficiali ed opere connesse che prevedano derivazioni superiori a 200 litri al minuto secondo o di acque sotterranee che prevedano derivazioni superiori a 50 litri al minuto secondo; progetti di ricarica artificiale delle acque freatiche non compresi nel punto A.1.1);”. 

Il progetto interessa il territorio del comune di Comacchio nella provincia di Ferrara.

Il progetto si riferisce alla richiesta di “concessione di derivazione di acque superficiali dal Po di Volano ad uso piscicoltura” in Val Cantone (Volano, Comacchio), una valle salmastra all'interno del Parco Regionale del Delta del Po, Stazione Volano-Mesola-Goro. La gestione idraulica avviene tramite chiavica esistente, posta sull'argine del Po di Volano nella parte settentrionale della Valle Cantone in testa al canale che porta al lavoriero. La chiavica ha una portata massima teorica di circa 1000 l/sec, una portata massima utile per compensare l'evotraspirazione in condizioni di massima sofferenza di 625 l/sec e una portata media annuale di 43 l/sec. La portata di acqua prelevabile dal Volano tramite la chiavica è necessaria alle complesse esigenze di Valle Cantone. 

Il SIA ed il relativo progetto definitivo, prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA, sono depositati per 60 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Entro lo stesso termine di 60 giorni chiunque, ai sensi dell’art. 15, comma 1 della L.R. 9/99 e s.m.i., può presentare osservazioni all’Autorità competente: Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera n. 8 - 40127 Bologna (BO). 

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati depositati presso:

  • Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera n. 8 - 40127 Bologna (BO);
  • Comune di Comacchio con sede in Piazza Folegatti n. 15 - 44022 Comacchio FE; 

Gli elaborati depositati sono inoltre disponibili al seguente indirizzo web:

http://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/Ricerche/servlet/AdapterHTTP?ACTION_NAME=LOGIN_ACTION

avvisa inoltre che, ai sensi dell’articolo 17 comma 3 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, la valutazione di impatto ambientale (VIA) positiva per le opere in argomento, potrà costituire variante allo strumento urbanistico dei Comune di Comacchio, con eventuale apposizione del vincolo espropriativo sulle aree interessate dai progetti, ai sensi dell’art. 11 della L.R. 19 dicembre 2002, n. 37, e dichiarazione di pubblica utilità dell'opera derivante dall'approvazione del progetto definitivo, ai sensi degli artt. 15 e 16 della L.R.19 dicembre 2002, n. 37.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it