E-R | BUR

n.61 del 26.02.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Finanziamento operazioni Rif. PA n. 2012-1816/RER e rif. PA n. 2012-1821/RER approvate con la deliberazione di Giunta regionale n. 679/2013. Variazione di bilancio

 LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Viste:

- la L.R. n. 12 del 30 giugno 2003 “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” ed in particolare l’art. 13 “Finanziamento dei soggetti e delle attività” e ss.mm.;

- la L.R. n. 17 del 1^ agosto 2005 “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro” s.m.;

- la L.R. n. 2 del 2 marzo 2009 “Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile”;

- il Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 “Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e ss.mm.;

- il Decreto Interministeriale 22 dicembre 2010, che provvede al riparto delle risorse di cui all’art. 11 comma 1 lett. b) del Decreto legislativo 9 aprile 2008 n.81 e alla individuazione delle priorità per il finanziamento di attività di formazione;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/3/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013.(Proposta della Giunta regionale in data 7/3/2011, n. 296)”;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 145 del 3 dicembre 2013 “Proroga delle linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013 di cui alla deliberazione dell'Assemblea legislativa n. 38 del 29 marzo 2011. (Proposta della Giunta regionale in data 18 novembre 2013, n. 1662)”;

- la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 101 dell’01/3/2007 “Programma Operativo regionale per il Fondo Sociale Europeo 2007/2013 - Ob. 2 Competitività e Occupazione. (Proposta della Giunta regionale in data 12/2/2007, n. 159”;

- la propria delibera n. 1681 del 12/11/2007 recante “POR FSE Emilia-Romagna obiettivo 2 “Competitività regionale ed occupazione” 2007-2013- Presa d’atto della decisione di approvazione della Commissione Europea ed individuazione dell’Autorità di Gestione e delle relative funzioni e degli Organismi Intermedi”; 

Vista in particolare la seguente disciplina sugli aiuti di stato:

- propria delibera n. 332/2007 con la quale la Regione ha disciplinato gli aiuti di Stato di importanza minore (de minimis) in attuazione del Regolamento CE 1998/2006;

- propria delibera n. 1915/2009 che modifica la DGR n. 1968/2008 “Approvazione nuovo regime di aiuti alla formazione a seguito del Regolamento (CE) n. 800/2008”;

- Regolamento (CE) n. 1857/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006 Applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato CE agli aiuti di stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione dei prodotti agricoli;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 177 del 10/02/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.ii;

- n. 105/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla Deliberazione della Giunta regionale 11/02/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla Deliberazione della Giunta regionale 14/02/2005, n. 265” e s.m.i;

- n. 1487 del 21/10/2013 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alle D.G.R. n. 1037/2013 e dell'elenco degli organismi accreditati per l'obbligo d'istruzione ai sensi della D.G.R. n. 2046/2010”;

- n. 1790/2012 “Approvazione dell'avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni a valenza regionale di cui al "Piano della formazione per la sicurezza" approvato con DGR N. 731/2011”;

- n. 679/2013 “Approvazione e finanziamento operazioni a valere sull' Azione 1 della DGR n. 1790/2012 "Approvazione dell'Avviso pubblico di chiamata di operazioni per l'attuazione di azioni a valenza regionale di cui al "Piano della formazione per la sicurezza"approvato con DGR n. 731/2011";

Vista la Determinazione Dirigenziale n. 3885/2013 “Programmazione FSE 2007-2013: indicazioni sulla chiusura del programma operativo, tempistica e adempimenti”;

Considerato che con la suddetta propria deliberazione n. 679/2013 sono state approvate, nell’ambito dell’azione 1 “Sicurezza nei cantieri della ricostruzione” dell’avviso approvato con la propria deliberazione n. 1790/2012, tra l’altro:

- l’operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2012-1821/RER, presentata da “Ecipar Soc.Cons.a r.l.-Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I.” di Bologna (cod. org. 205) in qualità di capogruppo mandatario del RTI denominato “RTI Rete Ecipar”, costituito con atto repertorio n. 47.124 raccolta 22.401 del 27/4/2010, acquisito agli atti del Servizio regionale competente, al fine di realizzare le operazioni affidate dalla Regione Emilia-Romagna al citato RTI in risposta a bandi e/o inviti della Regione stessa, la cui approvazione è dal 14/3/2010 al 31/12/2014;

- l’operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2012-1816/RER, presentata da “Nuova Didactica - società consortile a responsabilità limitata” di Modena (cod. org. 1377) in qualità di capogruppo mandatario di costituendo RTI, tra, "Cerform” di Sassuolo (MO) (cod.org. 116), CENTOFORM S.R.L. di Cento (FE) (cod. org. 3189) e “CIS Scuola per la Gestione d'Impresa Società consortile a responsabilità limitata” di Reggio nell’Emilia (cod. org. 124) in qualità di mandanti; 

Considerato inoltre che, con la sopracitata deliberazione n. 679/2013, si è previsto di procedere con successivo provvedimento del Dirigente regionale competente per materia, ai sensi della L.R. n. 40/2001 ed in applicazione della deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm, all’assunzione dell’impegno e al finanziamento delle suddette operazioni, a seguito della presentazione del regolamento interno al RTI per l’operazione Rif. P.A. n. 2012-1821/RER, e dell’atto costitutivo di RTI per l’operazione Rif P.A. n. 2012-1816/RER, da inviare al Servizio regionale competente;

Dato atto che: 

- per l’ operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2012-1821/RER:

1. è stato presentato al Servizio regionale competente il regolamento interno al RTI per l’esecuzione e la gestione della citata operazione; 

2. dal suddetto regolamento interno al RTI risulta la suddivisione delle attività e del finanziamento tra i singoli componenti, Allegato 1) parte integrante e sostanziale al presente provvedimento; 

- per l’operazione contraddistinta dal rif. PA n.2012-1816/RER è stato presentato al Servizio regionale competente l’atto di costituzione del RTI, repertorio n. 20.878 raccolta n. 8.496 del 5/7/2013, registrato all’Agenzia delle entrate il 18/07/2013 al n. 1318 serie IT, dal quale risulta che al Capogruppo mandatario è stato conferito mandato speciale con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti della RER per l’esecuzione e la gestione della citata operazione, nonché gli impegni comuni alle parti e gli impegni dei soggetti esecutori delle attività, e la conferma delle quote del finanziamento ai componenti del RTI come già indicate in fase di presentazione dell’operazione e approvazione della stessa;

- sono stati regolarmente acquisiti i Durc, trattenuti agli atti del competente Servizio, e che gli stessi sono in corso di validità, dai quali risulta che i soggetti di cui all’Allegato 1), parte integrante del presente atto, sono in regola con i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali; 

Considerato che non sono disponibili sufficienti risorse sul pertinente capitolo di bilancio 75034 per procedere all’assunzione dell’impegno di spesa e pertanto si rende necessario procedere a una variazione di bilancio; 

Richiamato l’art. 31, comma 2, lett. e) della L.R. 40/2001 che dispone che la legge di approvazione del bilancio possa autorizzare la Giunta regionale ad effettuare con propri provvedimenti amministrativi variazioni compensative - agli stanziamenti di competenza e di cassa – fra i capitoli appartenenti alla medesima unità previsionale di base finanziati da assegnazioni a destinazione vincolata nel limite dei vincoli di destinazione specifica stabiliti dallo Stato, dall’Unione Europea e da altri soggetti; 

Considerato che sul bilancio di previsione 2014: 

- i Capitoli n. 75032 e 75034 appartengono alla medesima unità previsionale di base 1.6.4.2.25095 “Promozione della cultura e di azioni di prevenzione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro - Risorse statali”, contenuta nell’elenco E della L.R. 29/13;

- il Capitolo 75034 non presenta una sufficiente disponibilità da impegnare come sopra precisato, mentre il capitolo 75032 presenta tale disponibilità;

- si rende pertanto necessario destinare risorse pari ad Euro 142.511,39 al Capitolo 75034 reperendole dal Capitolo 75032;

Ritenuto, per economicità di procedura, di provvedere con il presente provvedimento all’assunzione dell’impegno e al finanziamento, nel rispetto della normativa vigente e tenuto conto della natura giuridica dei soggetti beneficiari, delle operazioni di cui trattasi per gli importi approvati con la già citata propria deliberazione n. 679/2013 e come riportato nell’Allegato 2), parte integrante e sostanziale al presente provvedimento, per un importo complessivo di Euro 267.008,00 e un onere finanziario a carico pubblico di Euro 213.606,40- risorse nazionali ex art.11 comma 1 lettera B. Dlgs 81/2008 e ss.mm - (Cap. 75034) a valere sul bilancio 2014;

Preso atto che le modalità di erogazione dei finanziamenti sono definite dalla deliberazione n.679/2013 sopra richiamata a cui si rinvia;

Ritenuto di prevedere che ciascun componente del RTI emetterà regolare nota/fattura nei confronti della RER per le attività di propria competenza, con l'indicazione degli estremi del raggruppamento temporaneo di riferimento. Tali documenti di spesa saranno validati e presentati (anche informaticamente) dal soggetto Capogruppo mandatario del RTI al quale sarà effettuato il pagamento;

Visti:

- il D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonchè nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136", s.m.i, entrato in vigore il 13/2/2013 ed in particolare l’ art. 92 “ Termini per il rilascio delle informazioni” c. 3;

- la circolare del Ministero dell’Interno prot.n. 11001/
119/20(20) uff.II-Ord.Sic.Pub. dell’ 08/2/2013 avente per oggetto “D.lgs.218/2012 recante diposizioni integrative e correttive al Codice Antimafia. Prime indicazioni interpretative”;

Dato atto che per gli organismi "Nuova Didactica - società consortile a responsabilità limitata” (cod. 1377), "Cerform” (cod. 116), "CENTOFORM S.R.L.” (cod 3189), “ECIPAR Ferrara Soc. Coop. a r.l” (cod. 204)è stata acquisita e conservata agli atti del Servizio Formazione Professionale, la documentazione antimafia ai sensi del D.Lgs. n. 159/2011 smi;

Dato atto altresì che per gli organismi "CIS Scuola per la Gestione d'Impresa Società consortile a responsabilità limitata” (cod. 124), "Ecipar Soc.Cons.a r.l.-Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I.” (cod. 205),"ECIPAR Bologna - Soc. Cons. a r.l.” (cod. 888), sono in corso di acquisizione le iformazioni previste dalla normativa antimafia, da parte del servizio competente, e che ricorrono le condizioni di cui al comma 3 dell’art. 92 del citato D.Lgs. n. 159/2011 smi, essendo decorsi quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta da parte della Prefettura;

Viste:

- la Legge 16/1/2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione” in particolare l’art. 11;

- la Legge 13/8/2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e ss.mm.;

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 che delinea le “Linee guide sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art.3 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche”;

Visti altresì:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

- la propria deliberazione n. 1621 del 11 novembre 2013, “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”;

- la propria deliberazione n. 68 del 27 gennaio 2014 "Approvazione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016”;

Dato atto che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nelle citate delibere n. 1621/2013 e n. 68/2014, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

Considerato che i codici C.U.P. (codice unico di progetto) sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale come già riportato nell’Allegato 2) della sopracitata deliberazione n. 679/2013 e ripresi nell’allegato 2) parte integrante del presente provvedimento;

Richiamate le Leggi regionali:

- n. 40/2001"Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4";

- n. 43/2001 "Testo Unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm;

- n. 28/2013 "Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell'art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l'approvazione del Bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014 - 2016";

- n. 29/2013 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2014 e del Bilancio pluriennale 2014 - 2016";

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all’art. 47 comma 2 della L.R. n. 40/2001 e che, pertanto, l’impegno di spesa possa essere assunto con il presente atto sul bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2014;

Richiamate le proprie deliberazioni: 

- n. 1057/2006 "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";

- n. 1663/2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";

- n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;

- n. 1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”così come rettificata dalla deliberazione n. 1950/2010;

- n. 2060/2010 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n. 1222/2011 recante "Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)";

- n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

- n. 221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione generale Cultura, Formazione e Lavoro”;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore competente per materia;

 A voti unanimi e palesi

delibera: 

(omissis)

2) di dare atto, per l’operazione contraddistinta dal rif. PA n.2012-1821/RER, che:

  • è stata presentata da “Ecipar Soc.Cons.a r.l.-Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I.” (cod. organismo 205), in qualità di Capogruppo mandatario di RTI denominato “RTI Rete Ecipar”, costituito con atto repertorio n. 47.124 raccolta 22.401 del 27/4/2010, dal quale risulta che al Capogruppo mandatario è stato conferito mandato speciale con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti della RER;
  • successivamente è stato presentato al Servizio regionale competente il regolamento interno al RTI di cui al precedente alinea, per l’esecuzione e la gestione della citata operazione; 
  • dal suddetto regolamento interno risulta la suddivisione delle attività e del finanziamento tra i singoli componenti, come in Allegato 1) parte integrante e sostanziale al presente provvedimento; 

3) di dare atto inoltre, per l’operazione contraddistinta dal rif. PA n. 2012-1816/RER, che:

  • è stata presentata da “Nuova Didactica - società consortile a responsabilità limitata” di Modena (cod. org. 1377), in qualità di capogruppo mandatario di costituendo RTI, tra, "Cerform” di Sassuolo (MO) (cod.org. 116), CENTOFORM S.R.L. di Cento (FE) (cod. org. 3189) e “CIS Scuola per la Gestione d'Impresa Società consortile a responsabilità limitata” di Reggio nell’Emilia (cod. org. 124) in qualità di mandanti;
  • è stato presentato al Servizio regionale competente l’atto di costituzione del RTI, repertorio n. 20.878 raccolta n. 8.496 del 5/7/2013, registrato all’Agenzia delle entrate il 18/07/2013 al n. 1318 serie IT, dal quale risulta che al Capogruppo mandatario è stato conferito mandato speciale con rappresentanza esclusiva dei singoli mandanti nei confronti della RER per l’esecuzione e la gestione della citata operazione, nonché gli impegni comuni alle parti e gli impegni dei soggetti esecutori delle attività, e la conferma delle quote del finanziamento ai componenti del RTI come già indicate in fase di presentazione dell’operazione e approvazione della stessa;

4) di finanziare, in attuazione della sopracitata propria deliberazione n. 679/2013 le operazioni di cui ai punti 2) e 3) che precedono, per gli importi approvati nell’Allegato 4), parte integrante della citata deliberazione, per un costo complessivo di Euro 267.008,00 e un onere finanziario a carico pubblico di Euro 213.606,40, riportate nell’Allegato 2) parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 

5) di dare atto che sono stati assegnati dalla competente struttura ministeriale alle operazioni oggetto del presente provvedimento i codici C.U.P. (codice unico di progetto) come già indicato nella più volte citata deliberazione n. 679/2013 e riportati nell’Allegato 2) parte integrante del presente provvedimento; 

6) di dare atto inoltre che si procederà, come meglio precisato in premessa, all’acquisizione della documentazione ai sensi del D.Lgs. n. 159/2011 s.m.i, e che la stessa sarà conservata agli atti del Servizio competente, prevedendo di dare conto dell’eventuale avvenuta acquisizione delle informazioni in parola nel primo provvedimento di liquidazione utile, specificando che il finanziamento a favore di "CIS Scuola per la Gestione d'Impresa Società consortile a responsabilità limitata” (cod. 124), "Ecipar Soc.Cons.a r.l.-Formazione e servizi innovativi per l'artigianato e le P.M.I.” (cod. 205),"ECIPAR Bologna - Soc. Cons. a r.l.” (cod. 888) è disposto ai sensi del comma 3 dell’art. 92 del citato D.lgs. 159/2011 e s.m.i. fatta salva la facoltà di revoca prevista dal medesimo comma; 

7) di impegnare con il presente atto, in considerazione della natura giuridica dei beneficiari, secondo quanto previsto all’Allegato 2), parte integrante del presente atto, la somma complessiva di Euro 213.606,40 sul bilancio sull’esercizio 2014, che presenta la necessaria disponibilità a seguito della variazione di cui al punto 1, registrata al n. 417 di impegno sul Capitolo n. 75034 “Assegnazione alle imprese per azioni di promozione della cultura della sicurezza e azioni di prevenzione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (art. 11, comma 7, Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81; Acc. 20 novembre 2008, n. 226/CSR) - Mezzi Statali”- UPB 1.6.4.2.25095; 

8) di prevedere che le modalità gestionali sono regolate in base a quanto previsto dalle Disposizioni approvate con la deliberazione di Giunta regionale n. 105/2010 s.m.i; 

9) di dare atto che si provvederà con successivi provvedimenti del Dirigente regionale competente per materia ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. n. 40/2001, nonchè della delibera n. 2416/2008 e ss.mm tenuto conto di quanto indicato al punto 6) che precede: 

  • alla liquidazione del finanziamento concesso, con le modalità specificate nella deliberazione di approvazione sopra richiamata a cui si rinvia;
  • all'approvazione dei rendiconti delle attività che con il presente atto si finanziano sulla base della effettiva realizzazione delle stesse;

10) di stabilire che ciascun componente di RTI, per le operazioni sopra citate, emetterà regolare nota/fattura nei confronti della RER per le attività di propria competenza, con l'indicazione degli estremi del raggruppamento temporaneo di riferimento. Tali documenti di spesa saranno validati e presentati (anche informaticamente) dal soggetto Capogruppo mandatario del RTI al quale sarà effettuato il pagamento; 

11) di dare atto che, come già previsto al punto 18) del dispositivo della sopracitata deliberazione n.679/2013, il Responsabile del Servizio competente prenderà atto, con successivi provvedimenti relativamente alle operazioni di cui trattasi, qualora si verificassero cambiamenti comportanti una diversa ripartizione all'interno delle RTI stesse, di eventuali variazioni nella distribuzione delle attività e delle quote di spettanza precedentemente definite;

12) di prevedere che, per quanto riguarda l’utilizzo delle risorse disponibili sul capitolo n. 75034, dovranno essere rispettate le norme di pubblicità, informazione, gestione e rendicontazione del Fondo sociale europeo al fine di effettuare operazioni di overbooking a sostegno dell’indice di realizzazione sulle risorse del Programma operativo per l’intervento comunitario del FSE ai fini dell’obiettivo 2 “Competitività regionale e occupazione” della Regione Emilia-Romagna; 

13) di dare atto infine che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33 del 14/03/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nelle proprie deliberazioni n. 1621/2013 e n. 68/2014, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati; 

14) di rinviare per quanto non espressamente previsto nel presente provvedimento alla propria deliberazione n. 679/2013 più volte citata; 

15) di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it