E-R | BUR

n.89 del 22.04.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative della Direzione generale-Assemblea legislativa. Modifiche alla deliberazione UP 71/2014

L’UFFICIO DI PRESIDENZA 

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43: "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e richiamato in particolar modo l’ art. 3 con cui, relativamente all’organizzazione delle strutture, si stabilisce che l’Ufficio di Presidenza, nel suo ambito di competenza, determini “…omissis… a) gli indirizzi in materia di organizzazione e gestione del personale; b)l’istituzione delle Direzioni generali in strutture organizzative di livello dirigenziale, la loro istituzione denominazione e competenza; c) l’articolazione delle Direzioni generali in strutture organizzative di livello dirigenziale, la loro istituzione, denominazione e competenza; d) il limite numerico delle posizioni dirigenziali...omissis..”; 

Richiamate:

- La Delibera UP 48 del 28/2/2007 “Istituzione, denominazione e competenze di strutture organizzative di livello dirigenziale dell’Assemblea legislativa. 1ª fase di intervento 2007”;

- La Delibera UP 111 del 16/5/2007 “Istituzione, denominazione e competenze di strutture organizzative di livello dirigenziale dell’Assemblea legislativa. 2ª fase di intervento 2007”;

- La Delibera UP 139 del 17/6/2009 “Istituzione, denominazione e competenze di strutture organizzative di livello dirigenziale dell’Assemblea legislativa. 3ª fase di intervento 2009”;

- La Delibera UP 112 del 26/7/2011 “Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative dell’Assemblea legislativa. 4ª fase di intervento 2011”;

- La Delibera UP 148 del 23/10/2013 “Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative dell'Assemblea Legislativa. 5ª fase di intervento 2013”;

- La Delibera UP 71 del 17/7/2014 “Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative dell'Assemblea Legislativa. 6ª fase di intervento 2014”;

con le quali l’Assemblea legislativa regionale ha intrapreso un percorso di riorganizzazione con l’obiettivo di procedere verso un assetto semplificato, flessibile ed integrato, al fine di conseguire gli obiettivi fissati dall’Ufficio di Presidenza; 

Richiamata in particolare la Delibera UP 71 del 17/7/2014 “Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative dell'Assemblea Legislativa. 6ª fase di intervento 2014” nella quale vengono individuate e rafforzate le principali funzioni dell’Assemblea Legislativa e cioè:

  1. Pianificazione strategica,
  2. Supporto al processo legislativo,
  3. Relazioni con la comunità regionale e nazionale,
  4. Supporto agli istituti di garanzia statutaria;
  5. Gestione e sviluppo;
  6. Sviluppo delle tecnologie informatiche;
  7. Supporto alle attività del Comitato regionale per le comunicazioni 

Sulla base delle principali funzioni sopra delineate, l’Assemblea Legislativa è oggi articolata, oltre alla Direzione generale, in sette servizi come di seguito riepilogati:

  1. Organizzazione, bilancio e attività contrattuale
  2. Sistemi informativi-informatici e innovazione
  3. Segreteria e affari legislativi
  4. Coordinamento Commissioni assembleari
  5. Documentazione, Europa, cittadinanza attiva
  6. Istituti di Garanzia
  7. Co.Re.Com. 

Dato atto che in relazione alle funzioni di supporto al processo legislativo, con Delibera UP 71 del 17/7/2014 “Istituzione, denominazione e competenze delle strutture organizzative dell'Assemblea Legislativa. 6ª fase di intervento 2014”, si era prospettato un intervento avente come finalità la razionalizzazione dei Servizi posti a presidio dell’intero processo legislativo, in modo tale da creare un’unica struttura organizzativa che supportasse l’iter di normazione primaria e secondaria prevedendo la fusione del “Servizio Segreteria e affari legislativi” con il “Servizio Coordinamento Commissioni assembleari” con decorrenza 1/4/2015;

Valutato opportuno mantenere invariata l’attuale articolazione organizzativa dei servizi riferibili all’area settoriale omogenea “supporto al processo legislativo” rimandando ad atto successivo eventuali interventi di riorganizzazione;

Sulla base di quanto sopra esposto la Direzione generale – Assemblea legislativa resta pertanto articolata in 7 servizi:

  1. Organizzazione, bilancio e attività contrattuale
  2. Sistemi informativi-informatici e innovazione
  3. Segreteria e affari legislativi
  4. Coordinamento Commissioni assembleari
  5. Documentazione, Europa, cittadinanza attiva
  6. Istituti di Garanzia
  7. Co.Re.Com. 

Richiamata la delibera dell’Ufficio di Presidenza n. 67 del 15/07/2014 recante: “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Modifiche alla delibera 173/2007”;

Visto il parere di regolarità amministrativa allegato

A voti unanimi 

delibera: 

Tenuto conto di quanto riportato in premessa:

a) di dare atto che la struttura organizzativa ordinaria della Direzione generale - Assemblea legislativa è articolata in 7 Servizi come di seguito riepilogati:

  1. Organizzazione, bilancio e attività contrattuale
  2. Sistemi informativi-informatici e innovazione
  3. Segreteria e affari legislativi
  4. Coordinamento Commissioni assembleari
  5. Documentazione, Europa, cittadinanza attiva
  6. Istituti di Garanzia
  7. Co.Re.Com.

b) di dare mandato al Direttore generale di provvedere ad affidare un incarico ad interim di responsabilità dirigenziale ad un dirigente dell’Assemblea legislativa, relativamente al Servizio Coordinamento Commissioni assembleari, per il periodo 1/4/2015 - 31/12/2015;

c) di aggiornare la declaratoria delle relative strutture ordinarie così come riportato nell’allegato A) parte integrante e sostanziale del presente atto;

d) di pubblicare la presente deliberazione sul Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna e sul sito Internet dell’Assemblea legislativa. 

Allegato A

Direzione generale

Esercita le funzioni attribuite dall’art. 40 della L.R. 43/2001:

a) formula proposte ed esprime pareri all’Ufficio di Presidenza, anche ai fini della elaborazione di programmi, direttive, o altri atti di competenza dell’Ufficio di Presidenza;

b) cura l'attuazione dei piani, delle direttive generali e dei programmi definiti dai competenti organi regionali;

c) definisce gli obiettivi che i dirigenti devono perseguire e attribuisce le conseguenti risorse umane, finanziarie e materiali;

d) attribuisce gli incarichi di cui all'articolo 44, comma 1 della L.R. 43/2001;

e) esercita i poteri di spesa e quelli di acquisizione delle entrate rientranti nella competenza della propria struttura, salvo quelli assegnati ai dirigenti;

f) istituisce le posizioni di livello non dirigenziale e ne determina la denominazione e la competenza;

g) adotta, nell'ambito dei criteri fissati dall’Ufficio di Presidenza, gli atti generali di organizzazione e di gestione del personale;

h) dirige, coordina e promuove la collaborazione tra i dirigenti, e ne controlla l'attività, anche con potere sostitutivo in caso di inerzia;

i) programma l'orario di lavoro nell'ambito degli indirizzi generali definiti dalla contrattazione collettiva integrativa;

j) fornisce risposte ai rilievi degli organi di controllo sugli atti di sua competenza;

k) costituisce temporanei gruppi di lavoro, secondo gli indirizzi organizzativi fissati dall’Ufficio di Presidenza.

Area pianificazione, programmazione e controllo  

a) gestione degli strumenti di pianificazione (Piano della performance) e programmazione (Programmi di attività) della Direzione generale - Assemblea legislativa

b) coordinamento tra i documenti di pianificazione adottati dalla Direzione (Piano della performance, Piano della trasparenza e Piano per la prevenzione della corruzione)

c) gestione dei sistemi di valutazione, sia del personale che della performance organizzativa, in collaborazione con il Servizio Organizzazione, bilancio e attività contrattuale;

d) coordinamento del sistema di pianificazione strategica delle risorse umane mediante l'attivazione di modalità organizzative volte all'ottimizzazione della gestione delle risorse stesse;

e) programmazione delle risorse finanziarie (bilancio preventivo annuale e pluriennale, variazione, assestamento e rendiconto consuntivo) in collaborazione con il Servizio Organizzazione, bilancio e attività contrattuale;

f) verifica dell’efficienza, dell’efficacia e dell’economicità dell’azione amministrativa attraverso il sistema di controllo di gestione;

g) presidio degli strumenti di reporting collegati al controllo di gestione in collaborazione con il Servizio Organizzazione, bilancio e attività contrattuale;

h) presidio delle attività connesse alle funzioni svolte dall’OIV in relazione alla DG - Assemblea legislativa

i) relazioni con le direzioni generali della Giunta, con particolare attenzione agli aspetti organizzativi, sindacali e legislativi; 

Area supporto alle attività dell’Ufficio di Presidenza

a) preparazione delle sedute di Ufficio di Presidenza e coordinamento degli adempimenti successivi

b) in raccordo con Giunta, supporto al Collegio regionale dei revisori dei conti nell’espletamento delle funzioni assegnate dalla legge regionale 18/2012, quale organo di vigilanza sulla regolarità contabile, finanziaria ed economica della gestione dell'ente.

Area sviluppo progetti strategici trasversali

a) coordinamento e supervisione degli interventi di innovazione e miglioramento organizzativo, con particolare riferimento al Sistema di gestione per la Qualità;

b) coordinamento e supervisione degli interventi di innovazione anche tra Aree e Servizi della struttura ordinaria

c) attività di analisi, studio e ricerca e realizzazione di sistemi informativi per la certificazione dei dati della Direzione generale

d) raccordo e integrazione a livello della Direzione generale dei procedimenti di semplificazione e razionalizzazione dell’attività amministrativa

e) supporto alla dematerializzazione dei procedimenti amministrativi delle strutture dell’Assemblea Legislativa

f) redigere studi di fattibilità ed effettuare analisi costi-benefici

Area rendicontazione sociale e partecipazione

a) predisposizione degli strumenti di rendicontazione sociale e attuazione della L.R. 3/2010;

b) attuazione delle attività previste in capo all’Assemblea legislativa dalla legge regionale 3/2010 “Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali”

Area relazioni istituzionali

a) gestione, coordinamento e monitoraggio della rete di associazioni con le quali l’Assemblea legislativa ha stretto rapporti di collaborazione sulla base di finalità comuni, a partire dai valori e dai principi di riferimento delineati dallo statuto.

Organizzazione, Bilancio e Attività contrattuale

Il Servizio svolge funzioni trasversali, rivolte ad assicurare il buon funzionamento della struttura organizzativa dell'Assemblea legislativa attraverso la gestione amministrativa e la pianificazione dello sviluppo strategico delle risorse umane, la gestione della logistica, delle infrastrutture e delle risorse economiche e finanziarie.

Area Amministrazione e gestione del personale Assemblea legislativa  

a) gestione amministrativa delle risorse umane dell’Assemblea legislativa;

b) organizzazione e riordino della dotazione organica dell’Assemblea legislativa;

c) programmazione e gestione degli incarichi di lavoro autonomo e dei tirocini formativi;

d) programmazione, acquisizione e gestione del personale – strutture ordinarie - attraverso le forme previste dall’ordinamento e dal CCNL;

e) gestione dei processi di mobilità interna e esterna all'Ente;

f) attività ispettiva;

g) controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza;

h) definizione dei criteri e delle procedure per il conferimento di incarichi professionali e gestione delle forme flessibili di impiego e relative pubblicazioni;

i) in collaborazione con la Direzione generale: progettazione e gestione del sistema di valutazione e incentivazione del personale regionale; definizione dei criteri per l'assegnazione degli incarichi dirigenziali di struttura; relazioni sindacali, attività di contrattazione integrativa, contenzioso.

Area Innovazione Organizzativa, Sviluppo e Sistemi di qualità  

a) promozione interna della cultura della qualità;

b) sviluppo di sperimentazioni e progettazioni per l’introduzione di certificazioni di qualità nelle diverse aree dell’Assemblea;

c) gestione del sistema qualità della Direzione Generale;

d) raccordo con le Direzioni generali di Giunta per lo sviluppo di progetti nel campo della qualità;

e) coordinamento dei progetti di innovazione organizzativa: progettazione e realizzazione delle azioni di gestione del cambiamento;

f) programmazione pluriennale e pianificazione annuale delle attività di formazione del personale e inserimento dei neo-assunti in specifiche azioni formative;

g) realizzazione delle attività formative, di analisi e di accompagnamento alla certificazione di qualità dei processi dell'Assemblea legislativa. 

Area Programmazione finanziaria e gestione della spesa  

a) predisposizione e gestione del bilancio dell’Assemblea legislativa

b) predisposizione del rendiconto consuntivo;

c) procedure finalizzate all’approvazione del rendiconto economale periodico;

d) gestione rapporti con la tesoreria;

e) gestione procedure somme in entrata e procedure di spesa;

f) gestione verifiche con EQUITALIA, per pagamenti di importo superiore diecimila euro (Circolare MEF n° 28, G.U. 17.08.2007);

g) monitoraggio e attuazione dei programmi relativamente all’andamento della spesa, fornendo ai dirigenti informazioni e consulenza tecnica;

h) collaborazione con la Direzione generale per istruttoria proposta di bilancio preventivo annuale e pluriennale, variazione e assestamento;

i) monitoraggio della spesa dei singoli centri di costo e collaborazione nella rilevazione della contabilità economica;

j) presidio degli strumenti di reporting collegati al controllo di gestione in collaborazione con la Direzione generale.

Cassa economale e UFE (Ufficio fatturazione elettronica)

a) UFE: costituisce l’interfaccia primaria per il processo di fatturazione digitale, al fine di rendere pienamente trasparente l'assetto delle responsabilità, svolgendo i seguenti compiti:

  • Curare le comunicazioni con i fornitori al fine di assicurare la completezza dei dati di fattura
  • Curare l'aggiornamento dell'elenco dei contratti in corso e dei relativi dati: fornitore, impegni finanziari, codici identificativi ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari, RUP e DEC
  • Curare la trasmissione dei documenti di spesa ai rispettivi RUP e DEC e il caricamento dei dati sul Registro unico delle fatture

b) Cassa economale

  • Presidio dell’attività amministrativa/contabile della cassa economale dell’Assemblea legislativa, secondo quanto previsto dal regolamento di contabilità.
  • Governo della liquidità di cassa e suo andamento.
  • Vigilanza sulla corretta applicazione della convenzione di Tesoreria sui c/c bancari accesi per la gestione del fondo economale, della cassa economale periferica e delle carte di credito, nonché gestione amministrativa/contabile di strumenti di pagamento non ordinari, quali es. carte di credito, disciplinati nell’uso da apposita normativa;
  • Gestione IVA delle fatture pagabili per cassa, mediante meccanismo split payment.
  • Rapporti con il Collegio regionale dei revisori dei conti, per fornire documentazione e informazioni secondo quanto previsto dalla legge regionale n. 18/2012, sulla base della calendarizzazione prevista dal Collegio.
  • Gestione rimborsi.
  • Gestione degli introiti sul Bilancio dell’Ente delle competenze maturate sui c/c bancari.
  • Controllo, accertamenti della documentazione di spesa, dell’imputazione contabile finanziaria ed economica.
  • Verifica regolarità dei DURC.
  • Predisposizione rendiconto analitico delle spese economali e stesura determina di approvazione. 

Area Supporto agli Organi assembleari, Istituti di Garanzia e Organi di controllo  

a) gestione e liquidazione del trattamento indennitario, rimborso spese e autorizzazioni alla attività di rappresentanza agli eletti nell’Assemblea legislativa alla carica di Consigliere, indennità di fine mandato e assegno vitalizio;

b) gestione e liquidazione trattamento indennitario e rimborso spese agli eletti e/o nominati dall’Assemblea legislativa e/o Ufficio di Presidenza (Garanti, Consulta di garanzia Statutaria, componenti Corecom, Collegio revisori dei conti, ecc..);

c) assistenza e gestione rapporti con l’Associazione ex Consiglieri e liquidazione vitalizi;

d) cura dei rapporti con le Amministrazioni di appartenenza dei Consiglieri in aspettativa, per gli adempimenti conseguenti;

e) presidio degli adempimenti attuativi, coordinamento, raccordo e interfaccia per gli aspetti gestionali e operativi in campo fiscale, contributivo e assistenziale;

f) produzione e gestione cedolini delle competenze spettanti agli incarichi professionali in forma di CO.CO.CO, Borse di studio, stagisti e tirocinanti dell’Assemblea legislativa e adempimenti connessi in campo fiscale, contributivo e assistenziale;

g) rapporti con le strutture speciali per la programmazione, acquisizione e gestione del personale – strutture speciali;

h) controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza;

i) predisposizione e gestione delle pubblicazioni della situazione patrimoniale e delle spese elettorali dei Consiglieri regionali;

j) assistenza ai Consiglieri, tramite lo Sportello Unico Consiglieri, per inoltro richieste alle strutture competenti;

Area Approvvigionamenti, logistica, manutenzioni e sicurezza sul lavoro  

a) acquisizione di beni e servizi nel rispetto della normativa nel tempo vigente e gestione dei contratti di competenza – supporto e consulenza alle strutture ordinarie assembleari per l’attività contrattuale di rispettiva competenza;

b) acquisizione del Codice identificativo gara (CIG) e del DURC, tenuta e aggiornamento della relativa banca dati (o del relativo archivio informatico)

c) rilevazione e contabilizzazione dei consumi per i servizi ai Gruppi e ai Consiglieri, secondo le disposizioni del Disciplinare vigente;

d) gestione contratti locazione passivi;

e) controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza;

f) tenuta e aggiornamento dell’inventario dei beni mobili e gestione del magazzino;

g) gestione assicurazioni Consiglieri;

h) attivazione e gestione interventi manutentivi degli immobili occupati dall’Assemblea legislativa;

i) pianificazione, assegnazione e gestione uffici alle strutture ordinarie e speciali dell’Assemblea legislativa;

j) applicazione della normativa in ordine alla sicurezza sul luogo di lavoro e consulenza tecnico-giuridica in ordine alla sicurezza sul lavoro in stretto raccordo con la competente Struttura della Giunta regionale;

k) organizzazione e gestione servizi di accoglienza, distribuzione posta in arrivo alle strutture speciali;

l) assistenza in fase di preparazione ed in fase operativa alle iniziative esterne del Presidente, dei Vice Presidenti, dei Consiglieri, degli organi assembleari, coordinate dal Gabinetto di Presidenza. 

Sistemi informativi, Informatici e Innovazione

Il Servizio pianifica, organizza e gestisce le tecnologie informatiche e i prodotti software utilizzati per lo svolgimento delle attività specifiche dell’Assemblea legislativa. Supporta l’introduzione di nuove tecnologie ed applicazioni volte a rendere maggiormente efficienti e trasparenti le procedure e l’assolvimento dei compiti istituzionali. Garantisce il supporto organizzativo ai processi di cambiamento introdotti dall’adozione di tecnologie informatiche, in particolare nei processi di dematerializzazione. Coordina e presidia la realizzazione del piano della trasparenza. Garantisce il coordinamento, l’integrazione e la standardizzazione del sistema informativo dell’Assemblea Legislativa con il sistema informativo-informatico della Regione Emilia-Romagna e/o soluzioni di private e public cloud. In particolare il servizio, nell’ambito delle sue articolazioni organizzative, garantisce: 

Area supporto utenti, semplificazione e innovazione

a) assistenza di primo livello, supporto e addestramento agli utenti dell’Assemblea nell’utilizzo degli strumenti del sistema informativo;

b) gestione dei sistemi di autorizzazione di accesso alle risorse del sistema informativo e degli strumenti per garantire la sicurezza del Sistema informativo dell’assemblea;

c) cooperazione con i servizi di Giunta per l’individuazione e definizione di standard di erogazione dei servizi integrati;

d) individuazione di fabbisogni evolutivi del sistema informativo dell’Assemblea in coordinamento con i servizi di giunta;

e) individuazione di azioni di miglioramento dei processi di lavoro tramite l’utilizzo di tecnologie e/o il miglioramento dei processi di lavoro;

f) integrazione con i sistemi di help desk di secondo livello di giunta relativamente a strumenti condivisi e/o piattaforma applicative unificate;

g) gestione delle banche dati degli asset a disposizione dell’Assemblea e loro assegnazioni a utenti interni e/o esterni;

h) implementa, aggiorna e gestisce la banca dati dei procedimenti e dei processi al fine di supportare:

  • la stesura del manuale di gestione del protocollo e dell’archivio informatizzato;
  • la pubblicazione dei tempi procedimentali prevista dalla L. 190/2012 e dal D.lgs. 33/2013;
  • la pesatura dei rischi corruttivi;
  • la certificazione di qualità;
  • lo sviluppo di sistemi informativi dematerializzati;

Area Sviluppo e diffusione delle tecnologie informatiche

a) gestione, manutenzione ed evoluzione tecnologica delle infrastrutture informatiche, delle postazioni di lavoro, delle attrezzature per l'automazione d'ufficio e dei sistemi di comunicazione integrata;

b) amministrazione e gestione di infrastrutture di collaborazione finalizzate ad attivare processi di collaborazione interna e processi di social business con reti di stakeholder e cittadini sul territorio regionale;

c) supporto di secondo livello agli utenti relativamente alle infrastrutture proprietarie e/o specifiche dell’Assemblea;

d) gestione, distribuzione e integrazione di tecnologie informatiche e di telecomunicazioni integrate con i sistemi di giunta e/o infrastrutture in public cloud;

e) gestione delle tecnologie per la sicurezza informatica;

Area Sviluppo software e servizi intranet e internet

a)in raccordo con l’Area sviluppo progetti strategici trasversali della Direzione Generale, analisi dei processi interni finalizzata alla definizione delle esigenze di sviluppo di sistemi informativi a supporto delle funzioni verticali e trasversali dell'ente che permettano di migliorare gli indicatori di efficacia, efficienza e trasparenza nei processi e nei procedimenti dell’Assemblea legislativa;

b) progettazione e gestione tecnica e strutturale dei portali intranet e internet in esecuzione dei piani di sviluppo della comunicazione integrata e della trasparenza dell’Assemblea legislativa;

c) definizione e controllo degli standard di usabilità e accessibilità dei siti internet dell’Assemblea;

d) definizione di regole per le realizzazione di applicazioni integrate con l'infrastruttura regionale e supporto agli sviluppatori interni;

e) presidio di tutte le infrastrutture di sviluppo, dispiegamento e accesso, anche in accordo con l’Area sviluppo progetti strategici trasversali della Direzione Generale, ai servizi applicativi verticali finalizzati alla dematerializzazione dei processi dell’Assemblea legislativa;

f) gestione della standardizzazione delle metodologie di sviluppo e individuazione di percorsi per l’introduzione di architetture SOA;

g) progettazione, gestione, amministrazione e consolidamento delle banche dati dell’assemblea anche a supporto di elaborazioni statistiche a supporto dei servizi dell’assemblea; 

Area Presidio informatica giuridica e privacy

a) aggiornamento informatica giuridica e individuazione di azioni per l’adozione del Codice dell’Amministrazione Digitale in Assemblea Legislativa;

b) supporto al Responsabile della sicurezza per l'aggiornamento periodico dei documenti programmatici e relativi dispositivi regolamentari;

c) controllo avanzamento dei piani sulla sicurezza informatica;

d) individuazione delle misure più idonee per migliorare la sicurezza nei trattamenti dei dati personali e verifica dell'osservanza delle disposizioni di legge in materia di trattamento dei dati personali;

e) aggiornamento delle procedure in materia di codice appalti e gestione dei processi di affidamento di forniture di beni e servizi ICT;

f) presidio delle attività amministrative a supporto di tutto il servizio; 

Area supporto alle funzioni di responsabile della prevenzione della corruzione

a) introduzione di misure di prevenzione del fenomeno corruttivo attraverso la redazione del “Piano triennale di prevenzione della corruzione” in collaborazione con i Dirigenti coinvolti;

b) cura, anche tramite propri atti di indirizzo, del rispetto delle disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità degli incarichi di cui al D.lgs. n. 39/2013;

c) progettazione, coordinamento e individuazione di azioni esecutive finalizzate a dare esecuzione al piano della trasparenza di cui al D.lgs. 33/2013 in coordinamento con i servizi di Giunta competenti;

d) diffusione della conoscenza dei codici di comportamento nell'amministrazione, il monitoraggio annuale sulla loro attuazione, ai sensi dell'articolo 54, comma 7, del decreto legislativo n. 165 del 2001, la pubblicazione sul sito istituzionale e della comunicazione all'Autorità nazionale anticorruzione;

e) ruolo di impulso affinché l'organizzazione amministrativa sia resa trasparente, con evidenza delle responsabilità per procedimento, processo e prodotto; 

Servizio Segreteria e Affari legislativi

Il Servizio presta assistenza tecnico-giuridica a tutte le fasi che compongono l’iter assembleare e fornisce consulenza giuridica alle strutture della Direzione generale ed ai consiglieri regionali. 

Area Segreteria Assemblea legislativa

a) cura della fase assembleare, dal momento dell'iscrizione di una materia o di un atto all'ordine del giorno dell'Assemblea legislativa fino al momento in cui l'atto o la discussione concludono il proprio iter;

b) coordina le attività necessarie alla convocazione delle sedute dell’Assemblea legislativa e della Conferenza dei presidenti dei gruppi e ne cura la verbalizzazione (redazione dei processi verbali e dei resoconti integrali delle sedute assembleari);

c) applicazione del Regolamento, attuazione delle decisioni dell'Ufficio di Presidenza e della Conferenza dei Capigruppo, esame in sede di approvazione finale della correttezza dell'atto dal punto di vista del drafting, coordinamento dei vari emendamenti votati in aula;

d) redazione definitiva dei testi (emendati e non) approvati dall’Assemblea e coordinamento delle attività collegate alla loro pubblicazione nel Bollettino Ufficiale Telematico;

e) collegamento con i settori dell'organizzazione competenti per garantire la massima efficacia delle strumentazioni d’aula, in ausilio ai Consiglieri;

f) raccordo con i settori che intervengono nel processo decisionale, con particolare riferimento agli aspetti informativi;

g) aggiornamento del quadro degli argomenti indicati nella programmazione trimestrale ed affrontati in Assemblea legislativa;

h) monitoraggio degli indirizzi di competenza della Giunta in relazione a risoluzioni e ordini del giorno approvati (art. 103 Regolamento interno dell’Assemblea);

i) supporto al Presidente e alla Conferenza dei Capigruppo per la programmazione trimestrale e raccordo con i servizi di Giunta;

j) gestione e coordinamento delle attività necessarie alla pubblicazione nel sito degli oggetti assembleari e relativi passi d’iter. Gestione delle attività necessarie alla pubblicazione nel sito delle varie collezioni (Demetra) dedicate alla normativa regionale e ai lavori dell’Assemblea;

k) coordinamento delle attività a supporto della gestione delle richieste di accesso dei consiglieri ai sensi dell’art. 30 Statuto;

l) supporto alla Consulta di garanzia statutaria nell'esercizio delle competenze ad essa attribuite dalla l.r. 4 dicembre 2007, n. 23 “Costituzione e funzionamento della Consulta di Garanzia Statutaria”;

m) gestione della fase di presentazione dell’iniziativa di legge popolare e delle successive fasi di verifica da parte del Responsabile del procedimento ai sensi dell’art. 45 della legge regionale n. 34/1999 e successive modificazioni, fino alla dichiarazione della regolarità della proposta di legge d’iniziativa popolare;

n) procedure relative ai nominati dell’Assemblea, in applicazione della L.R. 24/1994 “Disciplina delle nomine di competenza regionale e della proroga degli organi amministrativi. Disposizioni sull’organizzazione regionale” e della L.R. 1/2012 “Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Disposizioni sulla trasparenza e l’informazione” 

Area Archivio e Protocollo

a) Gestione, coordinamento e assistenza al sistema di gestione documentale dell’Assemblea legislativa (protocollo, documenti interni e repertori utilizzati per atti e documenti). Cura dell’archivio tramite la raccolta dei versamenti documentali delle strutture, il riordino, l’inventariazione e lo scarto dei documenti e l’assistenza alla ricerca degli utenti interni ed esterni. 

Area supporto legislativo

a) supporto al processo legislativo, fornendo a Consiglieri, Commissioni, Gruppi, Servizi, conoscenze e contributi tecnici tesi a rendere efficace la soluzione giuridica invocata per risolvere specifici problemi posti, nel rispetto della normativa vigente;

b) supporto e consulenza giuridica per la soluzione di problematiche poste dalle varie strutture della Direzione dell’Assemblea legislativa;

c) predisposizione di rassegne documentali e aggiornamenti sull’evoluzione della normativa nazionale che impatta maggiormente sulla pubblica amministrazione e, in particolare, sull’attività svolta dai servizi dell’Assemblea legislativa.

d) implementazione di tecniche per l'inserimento nella legislazione delle clausole di valutazione e per l'acquisizione di informazioni utili alla conoscenza degli esiti di una politica adottata. Monitoraggio delle relazioni della giunta in risposta alla clausola (art. 103 reg.);

e) redazione di progetti di legge e valutazione delle proposte di legge nel contesto giuridico nazionale ed europeo e nel confronto con altre regioni e con i progetti di legge presentati in Parlamento, tenendo conto dei principi fondamentali contenuti nelle sentenze della Corte Costituzionale;

f) adozione di schede tecnico-finanziarie di accompagnamento per i progetti di legge dei consiglieri e per le proposte di legge alle Camere;

g) redazione del rapporto annuale sulla legislazione;

h) attuazione Legge regionale n. 16/2008 - Partecipazione della Regione Emilia–Romagna alla formazione e attuazione del diritto comunitario;

i) collaborazione all'attuazione Legge regionale n. 18/2011 - Misure per l'attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema amministrativo regionale e locale. Istituzione della sessione di semplificazione

j) supporto all’attuazione Legge regionale n. 1/2012 - “Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati. Disposizioni sulla trasparenza e l’informazione”. Pubblicazioni di competenza.

k) controlli successivi di regolarità amministrativa.

Servizio Coordinamento Commissioni assembleari

Il servizio coordina le attività delle segreterie delle Commissioni assembleari volte ad assicurare lo svolgimento delle funzioni istituzionali delle Commissioni, nonché i compiti connessi. In particolare:

a) cura e gestione documentale degli atti relativi alla fase procedurale in Commissione, dal momento dell'assegnazione di un argomento o di un atto all'ordine del giorno dell'Assemblea legislativa fino al momento in cui l'atto o la discussione sono svolti o licenziati;

b) curare l'istruttoria dei progetti di legge e delle proposte di provvedimenti all’esame della Commissione e la documentazione utile alla Commissione sulle materie di riferimento, anche mediante la redazione, ove richiesto, dell’analisi tecnico-normativa;

c) assicurare e verificare la corretta pubblicazione nelle varie collezioni (Demetra) e nel sito web dell’Assemblea delle informazioni relative all’iter svolto in Commissione e all’attività delle Commissioni;

d) collaborare con il Presidente di Commissione e con l’Ufficio di Presidenza nello svolgimento delle loro funzioni, in particolare nella formulazione dell’ordine del giorno delle sedute;

e) supportare i consiglieri relatori nominati dalla Commissione stessa nello svolgimento delle loro funzioni, compresa l’eventuale presentazione e aggiornamento della scheda tecnico-finanziaria;

f) cura dell’organizzazione e pubblicizzazione di udienze conoscitive, audizioni e di ogni momento di consultazione programmato dall’Ufficio di Presidenza o dalla Commissione nella sua interezza;

g) tenuta, aggiornamento e pubblicazione dell’Albo delle associazioni previsto dall’articolo 19 dello Statuto;

h) assicurare il regolare svolgimento delle sedute e fornire assistenza tecnico-giuridica ai commissari;

i) provvedere alla stesura del processo verbale delle sedute;

j) redigere i testi delle proposte di legge licenziati dalla Commissione, nonché i pareri referenti o consultivi sui provvedimenti di competenza;

k) applicazione del Regolamento, attuazione delle decisioni dell'Ufficio di Presidenza della Commissione, esame in sede di trasmissione alla Presidenza dell’Assemblea legislativa della correttezza dei testi licenziati dal punto di vista del drafting, coordinamento dei vari emendamenti votati in commissione;

l) tenere i collegamenti con le altre strutture regionali, in particolare con gli assessorati titolari delle materie di competenza specifiche;

m) collegamento con i settori dell'organizzazione competenti per garantire la massima efficacia delle strumentazioni di sala, in ausilio ai Commissari;

n) raccordo, per quanto attiene all’attività di Commissione, con le altre strutture per gli aspetti informativi relativi al processo decisionale, in particolare per la redazione del rapporto sulla legislazione e del rendiconto sociale. 

Documentazione, Europa, cittadinanza attiva

L’attività del Servizio comprende il coordinamento della Biblioteca, della Videoteca nonché la gestione dei rapporti con scuole, istituzioni e associazioni sui temi della promozione della cittadinanza attiva, della memoria e della partecipazione democratica a livello locale e nazionale ed europeo, con particolare riferimento alle giovani generazioni. 

Area Documentazione

a) gestione delle Biblioteca e della Videoteca dell’Assemblea ed erogazione di servizi di documentazione;

b) gestione del sito web e realizzazione di newsletter e approfondimenti tematici;

c) sviluppo di collaborazioni con analoghe istituzioni, universitarie e non;

d) integrazione dell’attività di documentazione e di comunicazione nel contesto, in particolare, del processo legislativo, in modo da agevolare l’attività dei Consiglieri;

e) gestione, in collaborazione con la Giunta, del Centro stampa della Regione Emilia-Romagna. 

Centro Europe Direct

a) gestione del Centro Europe Direct ed erogazione di servizi ai cittadini di informazioni e consulenza su istituzioni, legislazione, politiche, programmi e finanziamenti dell’Unione europea;

a) predisposizione dei contenuti dei siti web di Centro Europe Direct e di Pace&Diritti e realizzazione di newsletter e approfondimenti tematici;

b) promozione a livello locale e regionale del dibattito pubblico e dell’interesse dei media sull’Unione europea e le sue politiche;

c) collaborazioni con il mondo della scuola e della società civile per sensibilizzare i giovani e i cittadini ai temi dei diritti, della cittadinanza e dell’unificazione europea. 

Percorsi di cittadinanza attiva

a) promozione della cittadinanza attiva a livello locale, nazionale ed europeo, attraverso la realizzazione e il coordinamento di percorsi e progettualità dedicati alle scuole che favoriscano la partecipazione diretta dei giovani alla vita civile della loro comunità;

b) sviluppo e facilitazione delle opportunità di partecipazione dei giovani alla vita democratica attraverso il confronto con rappresentanti politici e istituzionali della regione, in raccordo con istituzioni scolastiche, università, associazioni e altre realtà della società civile, al fine di rafforzare la prossimità dell’Assemblea con i cittadini;

c) supporto alla realizzazione e alla promozione di attività progettuali definite da realtà scolastiche e di aggregazione giovanile, enti locali e terzo settore sui temi della legalità, della memoria e dei diritti;

d) predisposizione di specifici percorsi formativi rivolti a insegnanti ed esperti in raccordo con istituzioni di livello locale, nazionale, europeo ed internazionale finalizzato all’innalzamento del livello di elaborazione dei progetti e della opportunità tematiche;

e) gestione del sito “Percorsi di cittadinanza” per la socializzazione e la valorizzazione dei percorsi di cittadinanza attiva realizzati dalle scuole e dagli altri soggetti coinvolti;

f) promozione e disseminazione delle “pratiche ottimali” relative ai progetti realizzati dalle reti di scuole;

g) raccordo con Enti locali per la promozione della cultura dell’educazione alla cittadinanza attiva;

h) progettazione, attività e percorsi formativi, gestione delle convenzioni e collaborazione con enti e associazioni sul tema Memoria, in raccordo con il gabinetto di presidenza;

i) gestione del Catalogo per le scuole.

Servizio Istituti di Garanzia

Il Servizio opera a supporto dell’attività del Garante regionale per l’Infanzia e l’adolescenza (LR 9/2005, LR 2/2008, Convenzione ONU del 20/11/1989 ratificata con L. 176/1991), del Garante regionale delle persone sottoposte a misure restrittive e limitative della libertà personale (LR 3/2008) e del Difensore civico regionale (LR 25/2003), ai sensi delle leggi regionali di riferimento citate e della LR 13/2011. Il Servizio garantisce, in particolare:

  • l’integrazione, in conformità con le indicazioni dell’Ufficio di Presidenza, fra i piani di attività del Difensore Civico e dei Garanti, nella prospettiva di un efficace servizio ai cittadini;
  • il coordinamento e comunicazione con il Servizio Corecom, in particolare per le problematiche tecnico-amministrative;
  • Il collegamento col Servizio legislativo per informazioni su problematiche incontrate nello stato di attuazione delle leggi regionali;
  • La relazione e la collaborazione con gli Assessorati regionali competenti e con i soggetti pubblici e privati interessati;
  • L’attività di promozione dei diritti, di comunicazione principalmente attraverso il sito web e di supporto nella realizzazione di convenzioni, accordi quadro e protocolli di intesa con soggetti diversi. 

Area Difesa civica

a) realizzazione del sistema di tutela e garanzia del cittadino nei confronti della Pubblica Amministrazione;

b) attività di indirizzo del cittadino: rilascio di informazioni, consigli, pareri;

c) attività di tutela e mediazione dei conflitti: analisi delle segnalazione dei cittadini, istruttoria giuridica, emissione di provvedimenti di segnalazione e richiamo nei confronti di servizi e istituzioni pubbliche su singole situazioni o interessi diffusi nei quali risultano lesi i diritti dei cittadini;

d) collaborazione e confronto con le istituzioni del territorio, relazione e coordinamento con gli uffici degli altri difensori civici nominati/eletti.

Area Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale

a) esercizio delle funzioni di vigilanza sulle condizioni di vita delle persone private di libertà con visite periodiche agli istituti e ai luoghi della privazione della libertà;

b) acquisizione delle segnalazioni singole o collettive da parte degli interessati, o soggetti terzi come familiari o volontariato attivo;

c) iniziative rivolte alla popolazione detenuta per una conoscenza e consapevolezza dei propri diritti e del proprio status anche attraverso la predisposizione e distribuzione di materiale divulgativo e informativo in più lingue;

d) collaborazione e confronto con soggetti istituzionali ed altre realtà del territorio per la migliore tutela delle persone ristrette e per la conoscenza dei diritti a loro riconosciuti (ove possibile e riconosciuto per specificità della competenza in collaborazione con le altre figure di garanzia);

e) partecipazione a tavoli di lavoro regionali o interistituzionali;

f) relazione e coordinamento con gli uffici degli altri garanti nominati/eletti, partecipazione alla conferenza nazionale dei garanti regionali. 

Area Garante per l’Infanzia e l’adolescenza

a) esercizio di una relazione con i servizi sociali, sanitari, educativi, autorità giudiziaria, avvocatura per favorire un dialogo tra i diversi servizi che hanno come compito istituzionale la promozione e la difesa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza;

b) favorire ed attivare percorsi formativi specifici e condivisi sulla promozione e difesa dei dell’infanzia e dell’adolescenza;

c) promuovere una nuova cultura della rappresentanza dell’infanzia e dell’adolescenza attraverso la sensibilizzazione e la formazione di tutori volontari;

d) attivare la collaborazione con terzo settore (associazioni, volontariato) per promuovere la conoscenza dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza;

e) accogliere le istanze di singoli cittadini, servizi sociali e sanitari, autorità giudiziaria, avvocati, associazioni che segnalano situazioni singole o problematiche diffuse nelle quali si evidenziano problematiche lesive dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza;

f) azioni per la conoscenza della realtà dei bambini e adolescenti che vivono in Emilia-Romagna, vigilanza sul rispetto dei diritti e segnalazioni dei casi di violazione e di rischio;

g) relazione e coordinamento con gli uffici degli altri garanti nominati/eletti, partecipazione alla conferenza nazionale dei garanti regionali.

Servizio Co.re.com

Il Servizio opera a supporto dell'attività del Comitato regionale per le Comunicazioni per l'espletamento delle funzioni attribuite dalla l.r. n. 1/2001: funzioni proprie, funzioni delegate dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) e attività per conto del Ministero dello Sviluppo economico – Dipartimento delle Comunicazioni. Il Servizio garantisce, in particolare:

  • lo svolgimento di attività orientate alla tutela di diritti o alla promozione di opportunità per i cittadini e le imprese del territorio regionale ( funzioni di garanzia);
  • lo svolgimento di attività orientate alla verifica del rispetto di disposizioni di legge a carico degli operatori del sistema regionale della comunicazione ( funzioni di controllo);
  • lo svolgimento di attività consultive e di studio a supporto alle decisioni politiche, sul sistema dell’informazione e della comunicazione in ambito regionale ( funzioni di consulenza);
  • la partecipazione a tavoli di lavoro regionali, nazionali o interistituzionali;
  • l’attività di comunicazione per la promozione dei servizi ai cittadini (tra cui l’aggiornamento del sito Corecom) e la realizzazione di pubblicazioni tematiche;
  • le relazioni con Autorità nazionali ed istituzioni locali. 

Area Conciliazioni e Provvedimenti temporanei

a) Gestisce il processo di conciliazione delle controversie fra gestori di telecomunicazione ed utenti, compreso lo svolgimento dell'udienza di conciliazione;

b) gestisce il processo per la riattivazione dei servizi di telecomunicazione sospesi o ridotti nel corso di una conciliazione;

c) fornisce attività di indirizzo a cittadini, studi legali e associazioni di consumatori: servizio di front-office, con accoglienza diretta del pubblico e assistenza agli utenti tramite numero verde;

d) gestisce la piattaforma informatica a supporto delle attività di conciliazione e per i provvedimenti temporanei;

e) effettua controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza. 

Area Definizione delle controversie e Provvedimenti temporanei di secondo grado

a) Gestisce il processo per la definizione delle controversie fra gestori di telecomunicazione ed utenti, compreso lo svolgimento dell’eventuale udienza di discussione;

b) gestisce il processo, di secondo grado, per la riattivazione dei servizi di telecomunicazione sospesi o ridotti nel corso di una definizione;

c) svolge attività di assistenza agli utenti e di informazione agli studi legali e associazioni di consumatori;

d) svolge l’attività istruttoria preliminare ai provvedimenti amministrativi che decidono la controversia (delibera del Comitato o determina del dirigente);

e) gestisce la piattaforma informatica a supporto delle attività di definizione;

f) effettua controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza.

Area Controllo dei Media

a) Gestisce i procedimenti riguardanti la vigilanza e il controllo, compresi gli eventuali procedimenti di contestazione delle violazioni, relativi:

  • al rispetto, da parte delle emittenti locali, delle disposizioni in materia di comunicazione politica e parità di accesso nei periodi elettorali ed ordinari (cd. par condicio);
  • al rispetto, da parte delle emittenti locali, delle norme che regolano la trasmissione dei programmi radiotelevisivi (vigilanza sulla programmazione);
  • alla corretta pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui quotidiani e sulle emittenti radiotelevisive locali;. 

b) gestisce il procedimento riguardante l’esercizio, da parte dei cittadini, del diritto di rettifica nei confronti delle emittenti radiotelevisive locali;

c) gestisce il procedimento riguardante la partecipazione di soggetti collettivi organizzati ai programmi dell’accesso diffusi da RAI Emilia-Romagna;

d) gestisce il procedimento riguardante la pianificazione della messa in onda sulle emittenti radiotelevisive locali di messaggi politici autogestiti a pagamento (MAP), in occasione di consultazioni elettorali o referendarie;

e) svolge attività di informazione e assistenza agli utenti (telefonica e con accoglienza diretta);

f) effettua controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza;

g) presidia l’iter procedimentale per l’elaborazione di studi e ricerche previsti dal programma annuale di attività del Corecom, garantendo il raccordo con gli istituti di ricerca. 

Area Educazione ai Media

a) organizza e coordina laboratori e incontri formativi di educazione alla comprensione dei media per minori, insegnanti, educatori e genitori, in raccordo con gli istituti scolastici e con eventuali centri specializzati;

b) mantiene un costante raccordo con organismi istituzionali, privati, strutture interne ed esterne alla Regione, che si occupano di minori e di formazione. 

Area Servizi alle Imprese

a) gestisce i procedimenti di iscrizione e aggiornamento degli operatori di comunicazione presenti nel Registro regionale (ROC);

b) garantisce la tenuta e l’aggiornamento della banca dati delle radio e TV attive sul territorio regionale;

c) gestisce il procedimento istruttorio per l’erogazione di contributi statali alle emittenti televisive locali (L. 448/1998), garantendo il raccordo con il Ministero dello Sviluppo Economico; 

d) svolge attività di vigilanza e controllo sul rispetto delle norme sulla destinazione delle spese per l’acquisto di spazi pubblicitari sui mezzi di comunicazione di massa per gli Enti diversi dalla Regione;

e) svolge attività di informazione e assistenza agli utenti (telefonica e con accoglienza diretta);

f) effettua controlli sulle dichiarazioni sostitutive di competenza.

Aree a supporto del Comitato e alle attività trasversali

a) garantisce supporto operativo al Comitato nell’espletamento del proprio mandato istituzionale (gestione dell’agenda, raccordo con altre istituzioni, assistenza e coordinamento per iniziative esterne, ecc.);

b) prepara le sedute del Comitato e coordina gli adempimenti successivi;

c) cura gli adempimenti relativi alla gestione del Sistema Qualità;

d) garantisce il supporto amministrativo necessario allo svolgimento delle attività istituzionali e alla gestione del Servizio (procedure per l’acquisizione di beni e servizi, attività contrattuale, segreteria di direzione, adempimenti sulla trasparenza e l’anticorruzione, adempimenti in materia di privacy, ecc.);

e) cura la gestione dei contenuti del sito web tematico, in collaborazione con gli altri Servizi dell’Assemblea. 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it