E-R | BUR

n.73 del 22.03.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Intervento per il disinquinamento del torrente Aposa (zona San Mamolo), in comune di Bologna. WBS R.2010.11.03.00264. - Avviso di deposito del progetto definitivo in variante ex artt. 9, 11, 12, 16 L.R. E.R. 37/2002 e ss.mm.ii.

Hera S.p.A. con sede in Viale Carlo Berti Pichat n.2/4 - 40127 Bologna - C.F./Partita IVA Registro Imprese BO 04245520376 - Capitale Sociale i.v. Euro 1.489.538.745,00 - rende noto che:

a) in data 20 dicembre 2004 è stata sottoscritta la “Convenzione per regolamentare i rapporti fra l’Agenzia di ambito per i servizi pubblici (ora Atersir -– Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti) ed il gestore del servizio idrico integrato (art. 11, comma 2, L. 36/1994 e art. 14, comma 1, L.R. Emilia-Romagna 25/1999, come modificata dalla L.R. Emilia-Romagna 1/2003)”, successivamente aggiornata in data 28/10/2008;

b) Atersir - Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti, con deliberazione del consiglio d’ambito n. 25 del 13/07/2015 come rettificata con deliberazione n. 38 del 26/08/2015, ha deliberato di delegare al gestore del servizio idrico integrato Hera S.p.A. l’esercizio di tutti i poteri espropriativi, compresi i poteri ablatori di natura interinale e/o temporanea che sono riconosciuti ad Atersir quale Autorità espropriante ai sensi e per gli effetti dell’articolo 158 – bis del D.Lgs. n. 152/2006 e ss.mm.ii. e previsti dalla vigente normativa nazionale e regionale in materia (L.R. Emilia-Romagna n. 37/2002 e ss.mm.ii. e D.P.R. n. 327/2001 e ss.mm.ii.) ivi compresa ogni operazione ed attività funzionale all’esercizio degli stessi, per la realizzazione degli interventi previsti nei Piani di Investimento compresi nei Piani d’Ambito di cui all’articolo 149 dello stesso D.Lgs. n. 152/2006, di competenza di Hera S.p.A.;

c) in data 03/11/2015 è stato sottoscritto tra Atersir – Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti ed Hera S.p.A. l’atto integrativo della Convenzione di cui alla precedente lettera a) che inserisce l’art.19 - bis (delega dei poteri espropriativi) che ne disciplina i limiti, termini e modi;

d) Hera S.p.A. ha predisposto il progetto definitivo dell’opera in oggetto denominato “Intervento per il disinquinamento del torrente Aposa (zona San Mamolo), in Comune di Bologna WBS R.2010.11.03.00264”, come definito dal D.P.R. 207/2010, inserito nel Programma degli Interventi del Servizio Idrico Integrato 2014-2017 approvato da Atersir con Delibera del Consiglio Locale di Bologna n. 4 del 07 aprile 2014;

e) detto progetto, finalizzato al risanamento igienico-ambientale del torrente Aposa nel tratto da Villa Alba a Viale XII Giugno, consiste nell’intercettamento degli scarichi mediante la realizzazione di collettori da posarsi su entrambi i lati del torrente tombato lungo le Vie di Roncrio e San Mamolo per una lunghezza di circa 3,1 Km. L’esecuzione dei lavori e le successive attività di manutenzione delle reti rendono necessaria l’occupazione e l’asservimento di parti di aree private e pubbliche sovrastanti;

f) beneficiario dell’esproprio è il Comune di Bologna in quanto comune nel cui territorio sono localizzati i beni espropriati;

g) in data 16/02/2017 si è riunita la Conferenza di Servizi durante la quale Hera S.p.A. ha illustrato e ha messo a disposizione le osservazioni pervenute da parte dei privati interessati dal procedimento espropriativo e le controdeduzioni proposte. Le varianti progettuali intervenute in accoglimento di alcune osservazioni comportano l’interessamento anche di nuovi soggetti e modifiche del progetto già depositato;

h) ai sensi degli artt. 9, 11, 12, 16 della L.R. 37/2002, dell’art. 158 bis commi 1 e 2 del D.Lgs. 152/2006 e per quanto d’occorrenza anche ai sensi delle disposizioni della legge 241/1990, l’avvio del procedimento è diretto all’ottenimento della variante agli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale comprendente l’apposizione del vincolo espropriativo ed all’approvazione del progetto definitivo e dichiarazione di pubblica utilità dell’opera di cui trattasi;

i) l’intervento, in base alle risultanze catastali, interesserà i fondi di ditte in Comune di Bologna così come individuate nel Piano particellare d’esproprio del progetto definitivo in variante completo di tutti gli elaborati che è stato depositato presso:

- l’Ufficio Espropri - Hera S.p.A. sede di Via Razzaboni 80, 41122 Modena;

- la sede Hera di Via Frullo 5, 40057 Granarolo dell’Emilia (BO);

- il Settore Ambiente ed Energia del Comune di Bologna, Piazza Liber Paradisus n.10 - 40129 Bologna;

l) il progetto definitivo in variante depositato è accompagnato da un allegato in cui sono indicate le aree interessate dall’apposizione del vincolo espropriativo, i nominativi dei proprietari secondo le risultanze dei registri catastali ed una relazione che indica la natura, lo scopo e la spesa presunta dell’opera da eseguire.

Il vincolo espropriativo deriverà, anche ai sensi degli artt. 8 comma 2 e 11 della L.R. E. R. 37/2002 dagli esiti della conferenza di servizi di cui all’art. 158 bis, commi 1 e 2 del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. indetta da Atersir – Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti, con sede in Via Cairoli n. 8/F, 40121 Bologna, finalizzata all’approvazione del progetto definitivo in variante, comportante variante agli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale, apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e dichiarazione di pubblica utilità dell’opera; pertanto i soggetti interessati potranno presentare osservazioni per entrambi i fini;

m) Responsabile del Procedimento per la procedura espropriativa è il dott. Franco Fogacci;

n) entro 60 (sessanta) giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente avviso di deposito chiunque vi abbia interesse potrà presentare osservazioni in forma scritta a mezzo raccomandata A. R. inviandole a Hera S.p.A. - Via Frullo n.5 - 40057 Granarolo dell’Emila (BO), con la precisa indicazione dell’oggetto del presente avviso.

Si rende noto che per ogni informazione riguardante il progetto depositato, per la sua presa visione, per le richieste di rilascio di copie ed estratti informali del progetto depositato è fatto obbligo di rivolgersi direttamente a Hera S.p.A. sede di via Frullo 5 in Granarolo dell’Emilia (BO), previo appuntamento, telefonando ai numeri 051.2814557 - 051.2814555 dalle ore 9.00 alle ore 12.00 dal lunedì al venerdì, oppure scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica radmila.vujovic@gruppohera.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it