E-R | BUR

n.334 del 19.11.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di Verifica (Screening) – L.R. 9/99 Titolo II – Progetto di ampliamento dell'impianto di recupero di rifiuti esistente in comune di Modena, Via della Costa n. 457 – Proponente: Italscavi Demolizioni Srl – Esito della procedura di screening

La Provincia di Modena, autorità competente per il procedimento di verifica (Screening) di Assoggettabilità alla VIA relativo al progetto in oggetto, localizzato nel comune di Modena, comunica quanto segue, ai sensi dell’art. 10 della L.R. 9/99. con atto n. 14 del 29/10/2014, il Presidente decide: 

1. di escludere, ai sensi dell’art.10 della L.R. 9/1999, dalla ulteriore procedura di V.I.A. di cui al Titolo III della medesima legge regionale il progetto di ampliamento dell'impianto di recupero di rifiuti esistente in Comune di Modena, Via Della Costa n. 457, presentato dalla Società Italscavi Demolizioni Srl, con sede legale in Via Venezuela n. 55, Comune di Modena, subordinatamente al rispetto delle seguenti prescrizioni:

  • Pr1. Le acque provenienti dal dilavamento dei cumuli devono essere considerate “acque di dilavamento” ai sensi della DGR 286/05 e come tali trattate.
  • Pr2. Il progetto definitivo dell'intervento di ampliamento deve prevedere la realizzazione di una rete fognaria per la captazione e la raccolta delle acque meteoriche di dilavamento dotata di sistema di trattamento (sedimentazione) del le stesse, dimensionato ai sensi delle D.G.R. 286/2005 e D.G.R. 1860/2006, e successivo scarico in pubblica fognatura. In alternativa, può essere presentato un piano di gestione delle acque che preveda il riutilizzo delle acque stesse.
  • Pr3. Nel progetto definitivo dell'ampliamento deve essere valutata la possibilità di realizzare una viabilità interna che permetta di collegare direttamente il capannone all'area di stoccaggio, riducendo il transito dei mezzi sulla viabilità pubblica.
  • Pr4. Qualora non sia possibile realizzare la viabilità interna di cui al punto precedente, il progetto definitivo deve individuare nel dettaglio le azioni da mettere in atto al fine di minimizzare i rischi di incidenti sulla viabilità pubblica.

2. di approvare le valutazioni relative agli impatti ambientali espresse nel documento “Istruttoria Tecnico-Ambientale”, facente parte integrante e sostanziale del presente atto;

3. di dare atto che le spese di istruttoria della procedura di verifica (screening), pari a € 500,00 sono state versate dal proponente al momento della presentazione dell’istanza (accertamento n. 1289/2014);

4.di trasmettere il presente atto alla società proponente, nonché ad ARPA, AUSL, Comune ed ai Servizi della Provincia interessati;

5. di comunicare gli esiti del presente procedimento di Screening per mezzo della pubblicazione del presente atto sul sito web della Provincia di Modena e, per estratto, nel BURERT;

6. di informare che contro il presente provvedimento può essere presentato ricorso giurisdizionale avanti al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni, nonché ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni; entrambi i termini decorrono dalla comunicazione del presente atto all’interessato.

Il testo completo dell’atto è consultabile sul sito web della Provincia di Modena www.provincia.modena.it seguendo il percorso: Ambiente - Valutazione di Impatto Ambientale - Procedimenti conclusi.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it