E-R | BUR

n.226 del 26.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Reg. CE n. 1698/2005 - PSR 2007-2013 Asse 4 "Attuazione Approccio Leader" - Ulteriori disposizioni finanziarie in merito all' attuazione dei PAL e definizione di termini di conclusione dei lavori e rendicontazione dei progetti

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • il Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e successive modifiche ed integrazioni;
  • il Regolamento (CE) n. 1974/2006 della Commissione europea, che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche ed integrazioni;
  • la Decisione n. 144/2006 del Consiglio europeo relativa agli orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale (programmazione 2007-2013), come modificata dalla Decisione n. 61/2009 del Consiglio;
  • il Regolamento (UE) n. 65 del 27 gennaio 2011 della Commissione europea che stabilisce modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 per quanto riguarda l’attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le Misure dello sviluppo rurale, abrogando il Regolamento (CE) n. 1975/2006 che già disciplinava le suddette procedure;

Viste inoltre:

  • la deliberazione dell´Assemblea Legislativa n. 99 del 30 gennaio 2007, con la quale è stato adottato il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2007/2013 (di seguito PSR), attuativo del citato Regolamento (CE) n. 1698/2005;
  • la Decisione della Commissione europea C(2007)4161 del 12 settembre 2007 di approvazione del Programma medesimo;

Rilevato che:

  • il PSR è stato oggetto di successive modifiche sottoposte all'esame della Commissione europea e da questa approvate;
  • da ultimo, con propria deliberazione n. 1997 del 22 dicembre 2014, si è preso atto dell’attuale formulazione del PSR (versione 10), approvata dalla Commissione europea come comunicato con nota Ares(2014)4301888 del 19 dicembre 2014;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n. 739 del 19 maggio 2008 con la quale si è provveduto ad approvare il Programma Operativo dell'Asse 4 “Attuazione dell’approccio Leader” del PSR, nonché il bando per la selezione dei Gruppi di Azione Locale ed i Piani di Azione Locale;
  • n. 313 dell'8 febbraio 2010 recante “Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Emilia-Romagna modifica del Programma Operativo d'Asse 4 approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 739 del 19 maggio 2008”;
  • n. 1846 del 12 dicembre 2011 recante “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Modifiche ed integrazioni al Programma Operativo dell'Asse 4 “Attuazione approccio Leader” approvato con deliberazione n. 739 del 19 maggio 2008 e n. 313 dell'8 febbraio 2010. Seconda modifica”, con la quale si è provveduto ad aggiornare il Programma Operativo;
  • n. 910 del 2 febbraio 2013 recante “Regolamento (CE) n. 1698/2005 PSR 2007-2013 - Asse 4 - Modifiche ed integrazioni al programma operativo dell'Asse 4 “Attuazione approccio Leader”” aggiornato con deliberazione n. 1846 del 2011”;

Visto il nuovo assetto normativo comunitario di riferimento per la programmazione PSR 2014-2020 e di transizione dalla precedente programmazione 2007-2013 ed in particolare i Regolamenti (UE):

  • n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;
  • n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) per il periodo di programmazione 2014 – 2020 e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio;
  • n. 1306/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune e che abroga i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 352/78, (CE) n. 165/94, (CE) n. 2799/98, (CE) n. 814/2000, (CE) n. 1290/2005 e (CE) n. 485/2008;
  • n. 1310/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio che, in particolare, stabilisce alcune disposizioni transitorie sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del FEASR;

Richiamata, inoltre, la propria deliberazione n. 1630 del 13 ottobre 2014 “Regolamento (CE) n. 1698/2005 - PSR 2007-2013 Asse 4 - Attuazione Approccio Leader - Disposizioni finanziarie in merito all'attuazione dei PAL e definizione di termini di conclusione dei lavori e rendicontazione dei progetti” che autorizzava il GAL Delta 2000 soc. cons. a r.l., il GAL dell’Antico Frignano e dell’Appennino Reggiano soc. coop a r.l. ed il GAL L'Altra Romagna soc. cons a r.l. ad assumere, entro la data del 31 dicembre 2014, un sovra impegno tecnico sulle Misure inerenti alla strategia di sviluppo locale (411, 412 e 413) per un ammontare di Euro 684.885,33 ciascuno, in relazione ad una stima presunta di economie, calcolata sulla base dello stato di attuazione dell’Asse 4 a settembre 2014;

Rilevato che l'articolo 41 ter del Regolamento (CE) n. 1974/2006, introdotto dall'articolo 1 del Regolamento di esecuzione (UE) n. 335 del 2013, stabilisce:

  • che gli Stati membri non assumono nuovi impegni giuridici nei confronti dei beneficiari in virtù del Regolamento (CE) n. 1698/2005 a partire dal giorno in cui iniziano ad assumere impegni giuridici nei confronti dei beneficiari nell’ambito del quadro giuridico che disciplina il periodo di programmazione 2014-2020;
  • che gli Stati membri possono applicare il primo comma a livello di programma o a livello di misura;

Visto l’articolo 16 del Regolamento Delegato (UE) n. 807/2014 che definisce, nell’ambito Asse 4, le condizioni in base alle quali gli impegni giuridici assunti nei confronti dei beneficiari durante il periodo di programmazione 2007-2013 sono ammissibili ad un contributo del FEASR nel periodo di programmazione 2014-2020;

Visti, infine, in particolare, i commi 2 e 3 dell’articolo 17 del Regolamento (CE) n. 1698/2005 che stabiliscono di destinare all’Asse 4 la quota minima del 5% del FEASR, non includendo in tale calcolo gli importi derivanti dall’applicazione della modulazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 69 paragrafo 5 bis del medesimo regolamento;

Dato atto che l’importo minimo FEASR da destinare effettivamente all’Asse 4 è pari ad Euro 24.849.600,00, corrispondente ad una spesa pubblica di Euro 49.699.200,00;

Atteso che in relazione allo stato di attuazione dell’Asse 4 verificato alla fine del mese di luglio 2015 dal Servizio Programmi, monitoraggio e valutazione, sulla base delle informazioni rese dal Sistema Operativo Pratiche di AGREA risulta:

  • che i GAL hanno, nel corso della programmazione 2007-2013, dato attuazione ai loro PAL impiegando le risorse destinate all'Asse 4, attraverso la concessione di contributi ai beneficiari e la realizzazione di progetti a regia diretta, attivando anche parzialmente il sovra impegno tecnico di cui alla deliberazione n. 1630/2014;
  • che, tuttavia, a seguito di economie di gestione (rinunce dei beneficiari, revoche di contributo o minor saldo in sede di pagamento degli interventi realizzati) verificatesi, in particolare, nel primo semestre del 2015 risultano attualmente impegnate risorse per Euro 49.357.693, al di sotto pertanto della soglia necessaria a garantire il raggiungimento della dotazione minima del 5%, fermo restando che sono ancora in fase di istruttoria per il pagamento pratiche per Euro 4.306.592 per le quali potrebbero evidenziarsi ulteriori economie;

Verificato, dalla ricognizione effettuata dagli uffici regionali, che l’unica graduatoria attiva con pratiche inevase per carenza di risorse è quella approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione del GAL Delta 2000 del 30 dicembre 2014, a valere sulla Misura 411 Azione 3, destinata a finanziare investimenti delle imprese agricole, i cui tempi di realizzazione potrebbero essere compatibili con i termini necessari a consentire la rendicontazione delle spese alla Commissione Europea entro il 31 dicembre 2015;

Valutato:

  • che l’ammontare dei fabbisogni espressi dalla suddetta graduatoria, ancora inevasi, corrisponde ad Euro 1.353.440,64;
  • che, stante il periodo intercorso dall’approvazione della graduatoria, alcune imprese potrebbero non avere più interesse al finanziamento delle domande presentate;
  • che gli esiti delle istruttorie di pagamento attualmente in corso su tutte le Misure dell’Asse 4, specie alla luce del fenomeno verificatesi nel primo semestre 2015, potrebbero dar luogo ad ulteriori economie stimabili attorno al 20%;
  • che tali economie presunte sommate all’economie già accertate in relazione allo stato di attuazione a luglio 2015 consentono di ipotizzare il soddisfacimento della domande inserite nella citata graduatoria e non ancora finanziate;

Ritenuto necessario, al fine di assicurare il pieno utilizzo delle risorse FEASR vincolate all’Asse 4 e concorrere al raggiungimento della quota minima di spesa del 5% di cui all’articolo 17 del Regolamento (CE) n. 1698/2005, autorizzare il GAL Delta 2000 allo scorrimento della graduatoria rivolta agli investimenti delle imprese agricole, fino al completo esaurimento;

Rilevato che l’avviso pubblico attivato dal Gal Delta 2000 prevedeva come termine ultimo di fine lavori il 30 aprile 2015 e come data ultima di presentazione della domanda di pagamento corredata dalla necessaria documentazione il 30 giugno 2015 e che non erano finanziabili Piani di investimento completamente realizzati prima della data di concessione;

Attesa la necessità di derogare a tali previsioni fissando quale termine ultimo per la realizzazione e rendicontazione degli interventi e la presentazione della domanda di pagamento il 26 ottobre 2015, pena la decadenza dal contributo, ammettendo a finanziamento anche Piani di investimento completamente realizzati purchè successivamente all’approvazione della graduatoria;

Ritenuto infine di prevedere che il GAL Delta 2000 soc. cons. a r.l. provveda in tempi brevi a dar luogo alle concessioni ai beneficiari prescrivendo in tali atti il rispetto dei termini sopra definiti e fermo restando gli ulteriori contenuti e disposizioni previste dall’avviso pubblico;

Dato atto che qualora i progetti finanziati in base al presente atto, dovessero portare all’esaurimento delle risorse finanziarie del periodo di programmazione 2007-2013, si darà applicazione a quanto stabilito dall’articolo 16 del citato Regolamento delegato (UE) n. 807/2014 che prevede la possibilità di transitare i pagamenti sulla nuova programmazione dello sviluppo rurale 2014-2020;

Richiamati:

  • il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 recante "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni";
  • le proprie deliberazioni n. 1621 dell’11 novembre 2013, recante “Indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”, n. 68 del 27 gennaio 2014, avente ad oggetto “Approvazione del programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016” e n. 57 del 26 gennaio 2015 recante “Programma per la trasparenza e l'integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di riorganizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni, ed in particolare art. 37, comma 4;
  • la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche”;
  • la propria deliberazione n. 1950 del 13 dicembre 2010 recante “Revisione della struttura organizzativa della Direzione Generale Attività produttive, Commercio e Turismo e della Direzione Generale Agricoltura”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore all'Agricoltura, Caccia e Pesca Simona Caselli;

A voti unanimi e palesi

delibera: 

  1. di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente dispositivo;
  2. di autorizzare il GAL Delta 2000 soc. cons. a r.l. allo scorrimento della propria graduatoria approvata in data 30 dicembre 2014 a valere sulla Misura 411 Azione 3 per investimenti alle imprese agricole fino al completo finanziamento delle istanze ammissibili, attualmente inevase;
  3. di fissare quale termine ultimo per la realizzazione e rendicontazione degli interventi - a valere sulla graduatoria di cui al precedente punto 1) - e per la presentazione della domanda di pagamento il 26 ottobre 2015, pena la decadenza dal contributo, ammettendo a finanziamento anche Piani di investimento completamente realizzati purchè successivamente all’approvazione della graduatoria;
  4. di prevedere che il GAL Delta 2000 soc. cons. a r.l. provveda in tempi brevi a dar luogo alle concessioni prescrivendo in tali atti i termini definiti al precedente punto 3 e fermo restando gli ulteriori contenuti e disposizioni previsti dall’avviso pubblico;
  5. di dare atto che qualora i progetti finanziati in base al presente atto, dovessero portare all’esaurimento delle risorse finanziarie del periodo di programmazione 2007-2013, si darà applicazione a quanto stabilito dall’articolo 16 del citato Regolamento delegato (UE) n. 807/2014 che prevede la possibilità di transitare i pagamenti sulla nuova programmazione dello sviluppo rurale 2014-2020;
  6. di disporre la pubblicazione della presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che il Servizio Territorio rurale ed attività faunistico-venatorie provvederà a darne la più ampia diffusione anche sul sito internet E-R Agricoltura e pesca. 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it