E-R | BUR

n. 147 del 27.10.2010 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Panariagroup Industrie Ceramiche S.p.A. - Concessione con procedura ordinaria per derivazione di acque pubbliche dal torrente Secchiello e rinnovo della concessione preferenziale per la derivazione di acqua pubblica sotterranea per mezzo di tre pozzi ad uso industriale in comune di Toano località Fora di Cavola - pratica n. 414 – 5586/A-B - 6950 – RE06A0062 e REPPA4904

IL RESPONSABILE

(omissis)

determina:

(omissis)

a) di rilasciare alla ditta Panariagroup Industrie Ceramiche S.p.A. (omissis) la concessione a derivare acqua pubblica superficiale dal torrente Secchiello (in sottensione all’utenza del canale del Mulino di San Bartolomeo) e d’acqua pubblica sotterranea mediante tre pozzi (ubicati in territorio del comune di Villa Minozzo località San Bartolomeo e del comune di Toano, località Fora di Cavola) ad uso industriale;

b) di fissare la quantità d’acqua prelevabile nel volume annuo complessivo di mc 75’000 per la portata max di l/s 14 (l/s 7 dal T. Secchiello e l/s 7 da falda sotterranea per mezzo dei tre pozzi), nel rispetto delle modalità nonché degli obblighi e condizioni dettagliati nel Disciplinare parte integrante e sostanziale del presente atto;

c) di stabilire che la concessione sia rilasciata sino al 31 dicembre 2015;

d) di autorizzare ai fini idraulici le opere di presa e di adduzione come descritte nell’allegato disciplinare, nonché la conseguente occupazione dei terreni di proprietà demaniale pertinenti la derivazione;

(omissis)

Estratto del Disciplinare di concessione parte integrante della determinazione in data15/09/2010 n 10017

(omissis)

Articolo 1- Quantità dell’acqua da derivare, modalità di esercizio della derivazione e destinazione d’uso della stessa

La quantità d’acqua da derivare è fissata nella portata massima di mod.0,14 (l/sec 14), della quale massimi l/s 7 dal torrente Secchiello e massimi l/s 7 da falda sotterranea, per mezzo dei tre pozzi.

Il prelievo complessivo annuo concesso è pari a mc.75’000, per “uso industriale” consistente nel raffreddamento degli impianti, lavaggi e formazione di impasti.

La derivazione dal torrente Secchiello è esercitata in sottensione parziale a quella del Mulino di San Bartolomeo, di proprietà della ditta Dallari Walter e Tagliani Genoveffa Ines, dal cui canale l’acqua è convogliata, previo attraversamento del T. Secchiello mediante condotto interrato, nelle vasche di decantazione e stoccaggio situate nel piazzale dello stabilimento ceramico, alimentate anche da tre pozzi.

La derivazione d’acqua sotterranea è esercitata tramite i tre pozzi la cui perforazione è stata autorizzata con Atto n. 3742 del 26/9/1995 (prat.5586/a-b) e determinazione dirigenziale n.10533 del 19/10/1998 (prat.6950).

Articolo 2 - Descrizione delle opere di presa e loro ubicazione

La presa dal canale del Mulino di San Bartolomeo è costituita da un manufatto munito di paratoia e formato dall’assemblaggio di due pozzetti in cls di m.1,20 per m.1,20 cadauno.

Detto manufatto è posto all’intradosso della seconda briglia a valle del ponte della S.P.19, in area demaniale a fronte della particella catastale 1 del Fg.1, del Comune di Villa Minozzo (RE).

Coordinate UTM X=1617895 Y=4918330.

L’acqua sotterranea è attinta tramite i tre pozzi di cui alle pratiche 5586/a, 5586/b e 6950:

I due pozzi pratica 5586/a e 5586/b sono posti nel piazzale lato ovest dello stabilimento, particella catastale 291 Fg.9, del Comune di Toano (RE) Coordinate UTM X=1617298,31 Y=4917717,36.

Sono entrambi del diametro di mm.158, profondità di m.13, muniti di pompa della portata di l/s 2,3 (5586/a) e l/s 4 (5586/b) e la loro perforazione è stata autorizzata con determinazione n.3742 del 26/09/1995.

Il pozzo pratica 6950 è posto nel piazzale lato est dello stabilimento, particella catastale 264 Fg.9, del Comune di Toano (RE) Coordinate UTM X=1617359,42 Y=4917715,57.

E’ del diametro di mm.158, profondità di m.14, munito di pompa della portata di l/s 4 e la sua perforazione è stata autorizzata con determinazione n.10533 del 19/10/1998.

Articolo 3 - Deflusso minimo vitale

Il valore del DMV, da lasciar defluire in alveo, in corrispondenza della derivazione, è fissato sul T. Secchiello nella misura di 0,170 mc/s pari a 170 l/s. Valore calcolato in rispetto alle Norme del Piano di Tutela delle Acque adottato con deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna con atto n.40/2005.

(omissis)

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it