E-R | BUR

n. 91 del 21.07.2010 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Primo provvedimento attuativo dell’art. 20 del Decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. 102: schema di convenzione con Inps regionale e Comuni

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

  • l’art. 191 della L.R. 21 aprile 1999, n. 3, recante la “Riforma del sistema regionale e locale”, che ha assegnato ai Comuni l’esercizio della materia inerente la concessione dei trattamenti economici a favore degli invalidi civili, precedentemente trasferita alla Regione, ai sensi dell’art. 130 del D. Lgs. 112/98;
  • la DGR del 24 ottobre 2000, n. 1809, avente per oggetto la “Proposta di riparto tra regione ed enti locali delle risorse finanziarie, strumentali e umane relative all’esercizio delle funzioni conferite dal decreto legislativo n. 112 del 1998”, la Giunta della Regione Emilia-Romagna ha attribuito ai Comuni capoluogo di provincia la competenza a svolgere l’attività istruttoria finalizzata alla concessione dei trattamenti economici di cui trattasi, in forma associata con i Comuni della rispettiva area provinciale, ferma restando la titolarità delle funzione in capo ai singoli Comuni;
  • la L.R. 12 marzo 2003, n. 2, recante le ”Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali” ove, tra l’altro, alla lettera e) dell’art. 15, quinto comma, si conferma - tra le funzioni in materia sociale esercitate dai Comuni - “la concessione dei trattamenti economici a favore degli invalidi civili, di cui all’art. 130 del D. Lgs. 31/03/1998, n. 112 conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli Enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59)”, secondo quanto previsto dalla normativa statale e dagli indirizzi di cui all’articolo 19, comma 3” della medesima Legge regionale, il quale prevede che: « la Regione definisce indirizzi per il coordinamento e la semplificazione delle procedure di accertamento delle condizioni di invalidità civile e di concessione dei trattamenti economici»;
  • la Legge 3 agosto 2009, n. 102 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 1º luglio 2009, n. 78, recante provvedimenti anticrisi, nonché proroga di termini e della partecipazione italiana a missioni internazionali” ed in particolare il 4° comma dell’art.20 in base al quale: «4. Con accordo quadro tra il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali e la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, da concludere entro e non oltre novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono disciplinate le modalità attraverso le quali sono affidate all’INPS le attività relative all’esercizio delle funzioni concessorie nei procedimenti di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità. Nei sessanta giorni successivi, le regioni stipulano con l’INPS apposita convenzione che regola gli aspetti tecnico-procedurali dei flussi informativi necessari per la gestione del procedimento per l’erogazione dei trattamenti connessi allo stato di invalidità civile.».
  • la L.R. 19 febbraio 2008 n.4 recante la “Disciplina degli accertamenti della disabilità - Ulteriori misure di semplificazione ed altre disposizioni in materia sanitaria e sociale”, che nel Titolo I disciplina l’esercizio delle funzioni di accertamento e di valutazione della disabilità, spettanti alle Aziende Unità sanitarie locali del Servizio sanitario regionale.

Visto l’accordo quadro, ai sensi dell’articolo 20 Decreto legge n. 78 del 2009 convertito in legge 3 agosto 2009, n. 102 tra il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e le Regioni per l’affidamento della potestà concessiva dei trattamenti di invalidità civile, sancito in data 29 aprile 2010, in sede di Conferenza Permanente per i Rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano. (Repertorio atti n. 30 / CSR del 29 aprile 2010;

Richiamati:

  • il termine di 60 giorni entro il quale, ai sensi dell’art. 2 del citato Accordo (Accordo quadro, ai sensi dell’articolo 20 Decreto legge n. 78 del 2009 convertito in legge 3 agosto 2009, n. 102 tra il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e le Regioni per l’affidamento della potestà concessiva dei trattamenti di invalidità civile) le parti sono tenute a stipulare le convenzioni a livello regionale previste dall’articolo 20, comma 4, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. 102;
  • l’art. 3 dell’Accordo in parola, ove si dice che: “ le Convenzioni in relazione alle competenze istituzionali delle regioni e dell’INPS, definiscono in particolare, le modalità concernenti: (…)

c) lo svolgimento, da parte dell’INPS dell’attività istruttoria e di concessione del beneficio;

d) la gestione amministrativa delle provvidenze, compresi i relativi controlli di permanenza del diritto;

Ritenuto necessario di:

  • provvedere ad approvare lo schema di convenzione, in allegato (Allegato 1) alla presente deliberazione di cui è parte integrante, tra la Regione Emilia – Romagna, l’INPS regionale e i Comuni Capoluogo, per l’affidamento ad INPS della sola funzione concessoria e la gestione amministrativa delle provvidenze, compresi i relativi controlli di permanenza del diritto, a far data dal 1° luglio 2010;
  • rimandare a successivi provvedimenti ed accordi quanto concerne ogni altro aspetto previsto dall’articolo 20 della legge 102/2009 e dal citato Accordo Quadro.

Viste:

la L.R. 15 novembre 2001, n.40;

la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 e successive modificazioni;

Richiamate inoltre le deliberazioni della Giunta Regionale:

n. 1057 del 24 luglio 2006;

n. 1663 del 27 novembre 2006;

n. 2416 del 29.12.2008;

n. 1173 del 27 luglio 2009.

Dato atto del parere allegato;

Su proposta congiunta dell’Assessore alle Politiche per la Salute Carlo Lusenti e dell’Assessore alla Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l’immigrazione, volontariato, associazionismo e terzo settore Teresa Marzocchi

a voti unanimi e palesi

delibera: 

  1. di approvare, per le motivazioni specificate in premessa che qui si intendono integralmente riportate, lo schema di convenzione in allegato alla presente deliberazione (allegato 1) di cui è parte integrante, tra la Regione Emilia – Romagna, l’INPS regionale e i Comuni Capoluogo, per l’affidamento ad INPS a far data dal 1° luglio 2010 della funzione concessoria e della gestione amministrativa delle provvidenze, compresi i relativi controlli di permanenza del diritto;
  2. di dare atto che la convenzione verrà sottoscritta per la Regione Emilia – Romagna dal Direttore Generale Sanità e Politiche sociali, autorizzandolo ad apportare le modifiche, di carattere non sostanziale, che si rendessero necessarie per la definitiva sottoscrizione del testo;
  3. di rimandare a successivi provvedimenti ed accordi quanto concerne ogni altro aspetto previsto dall’articolo 20 della legge 102/2009 e dall’Accordo Quadro sopra richiamato;
  4. di pubblicare per estratto il presente atto, comprensivo dell’allegato, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna ai sensi dell’art.31, comma 8, della L.R. 40/2001.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it