E-R | BUR

n.366 del 31.12.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di verifica (screening) relativa al progetto di modifica dell'impianto molitorio esistente sito in Comune di Gragnano Trebbiense, Via Madonna del Pilastro n. 2

L’Autorità competente - Provincia di Piacenza - comunica la decisione relativa alla procedura di verifica (screening) concernente al

- progetto: modifica per ampliamento dell'impianto molitorio esistente;

- localizzato: nel comune di Gragnano Trebbiense – via Madonna del Pilastro n. 2;

- presentato da: Molino Dallagiovanna G.R.V. S.r.l.

Il progetto interessa il territorio del comune di Gragnano e della provincia di Piacenza.

Ai sensi della Parte Seconda del D.Lgs. 3/4/2006, n. 152, e del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, e loro s.m.i., l’Autorità competente - Provincia di Piacenza - con Provvedimento del Presidente n. 19 del 11 dicembre 2014, ha assunto la seguente decisione:

Dispone,

per quanto indicato in narrativa:

1. di escludere dalla procedura di V.I.A. (Valutazione di Impatto Ambientale), ai sensi dell'art. 20 del D.Lgs. n. 152/2006 e dell’art. 10 – comma 1 – lettera a) della L. R. n. 9/99, l'intervento proposto dalla ditta Molino Dallagiovanna G.R.V. S.r.l. relativo alla “Modifica dell'impianto molitorio esistente”, sito in via del Pilastro n. 2 del Comune di Gragnano Trebbiense, in quanto (come valutato dalla conferenza di servizi) non comporterà impatti negativi e significativi sull'ambiente. L'esclusione dalla procedura di VIA è subordinata al rispetto delle seguenti prescrizioni:

a) lo scarico del troppo pieno del nuovo vassoio assorbente recapiterà nel Rio Vescovo e, pertanto, si rende necessaria la chiusura dell’esistente scarico nel Rio Marazzino;

b) il previsto manufatto di immissione nel Rio Vescovo delle acque reflue domestiche e di prima pioggia dovrà essere progettato in modo da evitare che, in caso di eccezionali precipitazioni e durante il periodo irriguo (quando il canale raggiunge il suo massimo livello) possa avvenire il reflusso delle acque superficiali nel condotto fognario aziendale;

c) l’intersezione della condotta fognaria aziendale con il Rio Marazzino non dovrà interessare la sezione idraulica dello stesso;

2. di dare atto che resta fermo l'obbligo di acquisire tutte le autorizzazioni, concessioni, intese, licenze, pareri, nulla osta o assensi comunque denominati preordinati alla realizzazione del progetto all'esame;

3. di trasmettere la presente delibera alla Ditta proponente, al Comune di Gragnano Trebbiense, all’Azienda U.S.L. di Piacenza, alla Sez. Prov.le dell’Arpa, al Consorzio di Bonifica di Piacenza e al Comando Prov.le Vigili del Fuoco;

4. di pubblicare per estratto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell’art. 20 – comma 7 del D.Lgs. n. 152/2006 e dell'art. 10, comma 3, della L.R. n. 9/1999 e loro s.m.i. nonché, in forma integrale, sul sito web dell'Amministrazione Provinciale, il presente partito di deliberazione;

5. che il presente provvedimento è da intendersi esecutivo all'atto della sua sottoscrizione.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it