E-R | BUR

n.56 del 02.03.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Metanodotto “Razionalizzazione Rete Traversetolo ‐ Bibbiano DN 150 (6’’) – 100 (4’’) DP 75 bar” che interessa la provincia di Reggio Emilia nei comuni di Sant’Ilario d’Enza, Montecchio Emilia, Bibbiano e la provincia di Parma nei comuni di Parma e Montechiarugolo - Proponente: SNAM RETE GAS S.p.a

Arpae – Servizio Autorizzazioni e Concessioni di Reggio Emilia rende noto che Snam Rete Gas s.p.a., con domanda rif. Snam INGCOS/CENORD/743/DEF acquisita ai protocolli di Arpae nn. PG/2021/0121398 del 3/8/2021, PG/2021/189435 del 9/12/2021 e PG/2022/6983 del 18/1/2022 ha chiesto l’autorizzazione ai sensi dell’ art. 52-quater del D.P.R. 8 giugno 2001, n. 327 alla costruzione e all’esercizio del metanodotto “Razionalizzazione Rete Traversetolo ‐ Bibbiano DN 150 (6’’) – 100 (4’’) DP 75 bar” che interessa la provincia di Reggio Emilia nei comuni di Sant’Ilario d’Enza, Montecchio Emilia, Bibbiano e la provincia di Parma nei comuni di Parma e Montechiarugolo.

Per l’infrastruttura in oggetto, Snam Rete Gas s.p.a ha chiesto la dichiarazione di pubblica utilità ai sensi dell'art. 52-quater del D.P.R. 327/01 "Testo unico sugli espropri", a tal fine Snam Rete Gas ha depositato l’elaborato in cui sono indicate le aree su cui si intende realizzare l’opera.

Il provvedimento aut orizzativo finale che comprende l’approvazione del progetto definitivo verrà emanato a conclusione di un procedimento unico mediante convocazione di una Conferenza di Servizi ai sensi della L. 241/1990 e comporterà variante agli strumenti urbanistici dei Comuni di Sant’Ilario d’Enza, Montecchio Emilia e Bibbiano in provincia di Reggio Emilia e dei Comuni di Parma e Montechiarugolo in provincia di Parma, apposizione del vincolo preordinato all’esproprio nonché dichiarazione di pubblica utilità, ai sensi dell’articolo 52-quater del D.P.R. n. 327/2001.

La fascia da asservire al suddetto metanodotto avrà una larghezza variabile a seconda del tratto considerato.

La domanda di autorizzazione e i relativi elaborati di progetto, comprensivi dell’elaborato concernente l’indicazione delle aree da espropriare ed i nominativi di coloro che risultano proprietari secondo le risultanze dei registri catastali, nonché della dichiarazione di cui all’art. 31 del D.Lgs. n. 164/2000, sono depositati presso Arpae – SAC di Reggio Emilia, con sede in Piazza Gioberti n.4, a disposizione di chiunque ne abbia interesse.

Gli interessati possono presentare eventuali osservazioni (in carta semplice o utilizzando l’indirizzo PEC: aoore@cert.arpa.emr.it) all’Unità Autorizzazioni complesse, valutazione impatto ambientale ed energia–SAC di Reggio Emilia, entro e non oltre i 60 giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Il procedimento è di competenza del Servizio Autorizzazioni e Concessioni (SAC) di Reggio Emilia – Unità Autorizzazioni complesse Valutazione Impatto Ambientale ed Energia, il Responsabile del Procedimento è il dott. Giovanni Ferrari, la Responsabile al rilascio del provvedimento autorizzativo è la dirigente dott.ssa Valentina Beltrame.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it