E-R | BUR

n. 54 del 30.03.2012 (Parte Seconda)

XHTML preview

Legge regionale 21 del 22 dicembre 2011, art. 8. Approvazione del bando per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale "Ricerca, innovazione e crescita"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- la L.R. 26/11/2001, n. 43 e succ. mod.;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29/12/2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla 999/08. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07” e ss.mm.;

Richiamati:

- il Regolamento(CE) n. 800 del 6 agosto 2008 della Commissione, pubblicato sulla GUCE L214 del 9 agosto 2008, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 del Trattato (CE) (regolamento generale di esenzione per categoria). In particolare il bando rispetta le disposizioni di cui all’art. 31 del suddetto regolamento;

- il D.M. 18 aprile 2005 concernente l’adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri di individuazione delle PMI, contenuti nella raccomandazione 2003/361/CE del 6 gennaio 2003;

Vista la Legge regionale n. 21 del 22/12/2011 (Legge finanziaria regionale), ed in particolare l’articolo 8, che prevede interventi finalizzati al sostegno di progetti di ricerca industriale inseriti nell’ambito di programmi di investimento e di sviluppo industriale e occupazionale messi in atto da parte delle imprese in Emilia-Romagna;

Considerato che:

- tale intervento è coerente con la strategia regionale che, sulla base della L.R. 7/02 (e del relativo programma attuativo *PRRIITT, nonché dell’Asse 1 del POR FESR 2007-2013), persegue tra i suoi principali obiettivi quello di rafforzare l’orientamento delle imprese regionali verso un forte impegno nella ricerca e sviluppo e la collaborazione tra le imprese e i centri di ricerca delle Università e degli enti di ricerca;

- con questo intervento straordinario la Regione intende sostenere quelle imprese che stanno affrontando la crisi impegnandosi in percorsi di diversificazione produttiva, di rafforzamento strutturale, di ampliamento produttivo e occupazionale, di penetrazione di nuovi mercati, e stanno perseguendo tali obiettivi attraverso la ricerca e sviluppo orientata a precisi obiettivi di innovazione e industrializzazione dei risultati;

- la Regione intende perseguire l’obiettivo di contrastare le prospettive di bassa crescita dell’economia regionale, e, congiuntamente, quello di stimolare investimenti qualificanti e rivolti al rafforzamento della competitività regionale, in coerenza con il “Patto per la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” siglato il 30 novembre 2011 da Regione, forze sociali ed economiche e istituzioni;

- i progetti di ricerca sostenuti attraverso tale intervento dovranno essere funzionali a programmi di investimento rivolti a:

- favorire la diversificazione produttiva, attraverso la messa a punto di prodotti innovativi destinati a nuovi mercati;

- aumentare significativamente la competitività delle produzioni esistenti, aumentandone le quote di mercato ed ampliandone quindi, i livelli produttivi;

- rafforzare le strutture e le filiere produttive regionali;

- migliorare l’efficienza e la sostenibilità ambientale dell’attività produttiva;

- favorire lo sviluppo di nuovi laboratori di ricerca all’interno delle imprese, anche in collaborazione con altre imprese e con le strutture della Rete Alta Tecnologia ed altri organismi di ricerca;

- promuovere nuovi insediamenti produttivi innovativi nel territorio dell’Emilia-Romagna, anche con l’attrazione di investimenti da parte di imprese provenienti da fuori regione, o con la costituzione di nuove imprese, anche in forma di società consortile, in particolare in contesti di rigenerazione industriale.

Viste:

- la L.R. 22 dicembre 2011, n. 21, “Legge finanziaria regionale adottata a norma dell’articolo 40 della Legge regionale 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2012 e del Bilancio pluriennale 2012-2014”;

- la L.R. 22 dicembre 2011, n. 22, “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2012 e Bilancio pluriennale 2012-2014”;

Dato atto pertanto che l’onere finanziario afferente l’attuazione del presente provvedimento troverà nei seguenti capitoli:

- Capitolo 23130 (conto capitale) “Contributi straordinari alle imprese per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, inseriti nell’ambito di programmi di ricerca industriale ed occupazionale (art. 8, L.R. 21/11)” - U.P.B. 1.3.2.3 8320;

 Ritenuto quindi di dover procedere, al fine di dare attuazione al citato art. 8 L.R. 21/2011, alla definizione delle modalità di presentazione delle proposte di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, nonché ai criteri da adottare al fine della loro selezione;

Dato atto che per la valutazione tecnica e scientifica sarà istituito un apposito Nucleo di Valutazione nominato con atto del Direttore generale Attività Produttive, Commercio e Turismo, eventualmente coadiuvato da esperti che saranno espressamente incaricati;

Ritenuto opportuno demandare al dirigente competente per materia:

- l’approvazione di eventuali modifiche di natura tecnica e amministrativa che si rendessero necessarie circa il bando in argomento e del manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione” e gli adeguati supporti cartacei ed informatici per la rendicontazione sui quali obbligatoriamente i beneficiari dovranno produrre le informazioni richieste, in osservanza dei principi indicati nel presente provvedimento;

- l’individuazione, sulla base dei risultati della valutazione, dei beneficiari del contributo;

- la quantificazione e la concessione dei contributi secondo i massimali e i regimi di aiuto applicati;

- l’impegno delle risorse finanziarie sui pertinenti capitoli di bilancio nonché la liquidazione dei contributi e la richiesta di emissione dei relativi titoli di pagamento e tutti gli altri provvedimenti previsti dalla normativa vigente che si rendessero necessari;

- l’approvazione di eventuali modifiche che si rendessero necessarie alla modulistica approvata con il presente provvedimento, in osservanza dei principi indicati nella presente delibera;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore alle Attività Produttive, Sviluppo Economico e Piano Telematico;

A voti unanimi e palesi

delibera:

 1. di approvare, per le ragioni espresse in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate, in attuazione dell’art. 8 della Legge regionale n. 21 del 22/12/2011 i seguenti allegati parte integrante della presente delibera:

Allegato 1: bando “Ricerca, innovazione e crescita” e relativa modulistica:

a) domanda di contributo;

b) schema di presentazione del piano di investimento e di sviluppo industriale e occupazionale con gli investimenti che l’impresa intende effettuare;

c) schema di presentazione della proposta del progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;

d) fac-simile dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante i requisiti di ammissibilità dell’impresa e autocertificazione attestante l’affidabilità economico-finanziaria;

Allegato 2: manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione”;

2. di dare atto che per la valutazione tecnica e scientifica sarà istituito un apposito Nucleo di Valutazione nominato con atto del Direttore generale Attività Produttive, Commercio e Turismo, eventualmente coadiuvato da esperti che saranno espressamente incaricati;

3. di dare atto che l’onere finanziario afferente l’attuazione del presente provvedimento troverà la necessaria copertura nel seguente capitolo:

- Capitolo 23130 (conto capitale) “Contributi straordinari alle imprese per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, inseriti nell’ambito di programmi di ricerca industriale ed occupazionale (art. 8, L.R. 21/11)” - U.P.B. 1.3.2.3 8320;

4. di demandare al dirigente competente per materia:

- l’approvazione di eventuali modifiche di natura tecnica e amministrativa che si rendessero necessarie circa il bando in argomento e del manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione” e gli adeguati supporti cartacei ed informatici per la rendicontazione sui quali obbligatoriamente i beneficiari dovranno produrre le informazioni richieste, in osservanza dei principi indicati nel presente provvedimento;

- l’individuazione, sulla base dei risultati della valutazione, dei beneficiari del contributo;

- la quantificazione e la concessione dei contributi secondo i massimali e i regimi di aiuto applicati;

- l’impegno delle risorse finanziarie sui pertinenti capitoli di bilancio nonché la liquidazione dei contributi e la richiesta di emissione dei relativi titoli di pagamento e tutti gli altri provvedimenti previsti dalla normativa vigente che si rendessero necessari;

- l’approvazione di eventuali modifiche che si rendessero necessarie alla modulistica approvata con il presente provvedimento, in osservanza dei principi indicati nella presente delibera;

5. di pubblicare integralmente la presente delibera comprensiva dell’allegato parte integrante e dell’apposita modulistica nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;

6. di inserire il testo del bando, la modulistica e ulteriori informazioni di servizio per i potenziali proponenti sul sito http://imprese.regione.emilia-romagna.it/.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it