E-R | BUR

n.108 del 19.04.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Approvazione per l'anno 2017 dei criteri, termini e modalità per l'assegnazione, la concessione e liquidazione dei contributi di cui alla L.R. 10 luglio 2006, n.9 e ss.mm.

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

- la legge regionale 10 luglio 2006, n.9, recante “Norme per la conservazione e valorizzazione della geodiversità dell'Emilia-Romagna e delle attività ad essa collegate”, come modificata con legge regionale 23 dicembre 2016, n.25;

- il decreto del Presidente della Giunta regionale n.5 del 19 gennaio 2016, recante “Art.7, comma 2, della Legge Regionale n.9/2016. Nomina dei componenti della Consulta tecnico-scientifica per la conoscenza, la valorizzazione e la tutela del patrimonio geologico e del patrimonio ipogeo dell'Emilia-Romagna”;

Premesso:

- che la Regione Emilia-Romagna all’art.1 della L.R. 9/2016 riconosce il pubblico interesse alla tutela, gestione e valorizzazione della geodiversità regionale e del patrimonio geologico ad essa collegato, promuove la conoscenza, la fruizione pubblica sostenibile nell’ambito della conservazione del bene, e l’utilizzo didattico dei luoghi di interesse geologico, delle grotte e dei paesaggi geologici;

- che la Regione Emilia-Romagna, con propria delibera n.1302 dell’1 agosto 2016 ha approvato il “Catasto dei geositi di importante rilevanza scientifica, paesaggistica e culturale” ed il “Catasto delle grotte, delle cavità artificiali e delle aree carsiche” ai sensi della L.R. 9/2016;

- che l’art.8 della L.R.9/2006 “Contributo alle attività” stabilisce al comma 1 che per il raggiungimento delle finalità di cui all’art.1 la Regione può concedere contributi ai Comuni, alle Unioni dei Comuni e agli Enti di gestione per i Parchi e la biodiversità, finalizzati a sostenere:

a) programmi e progetti per la sistemazione, la tutela e la fruizione dei geositi e delle grotte individuate nei catasti di cui agli art. 3 e 4;

b) progetti di carattere scientifico divulgativo ed educativo diretti alla diffusione della tutela naturalistica e della conoscenza del patrimonio geologico e ipogeo regionale;

Viste:

- la Legge regionale 23 dicembre 2016, n.26 “Disposizioni per la formazione del Bilancio di previsione 2017-2019 (Legge di stabilità regionale 2017)”, pubblicata nel BURERT del 23 dicembre 2016 n.384;

- la Legge regionale 23 dicembre 2016, n.27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”, pubblicata nel BURERT del 23 dicembre 2016 n.385;

- la DGR n.2338 del 21 dicembre 2016 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017 - 2019”;

Considerato:

- che il comma 2 dell’art.8 della L.R. 10 luglio 2006, n.9 e s.m., stabilisce che la Giunta regionale individua le priorità, i criteri e le modalità per la concessione dei contributi relativi alle attività di cui al comma 1;

- che il contributo di € 30.000,00 per l’anno 2017 di cui all’art.8, c.1, della L.R. 9/2006, è allocato sul capitolo di spesa 39538 “Contributi ai Comuni e Unioni per le attività collegate alla conservazione e valorizzazione della geodiversità (art.8, c. 1, L.R. 10 luglio 2006, n.9)”;

- che lo stesso art.8 della L.R. 9/2006 “Contributo alle attività” stabilisce inoltre al comma 3 che la Regione, per la conservazione e aggiornamento del catasto delle grotte, delle cavità artificiali e delle aree carsiche e per gli studi e le pubblicazioni di carattere geologico e speleologico aventi per tema la conoscenza e valorizzazione e la tutela dei geositi, delle aree carsiche e del patrimonio ipogeo, eroga un contributo annuale alla FSRER, con modalità definite dalla Giunta regionale;

- che il contributo di € 10.000,00 per l’anno 2017 di cui all’art.8, c.3, della L.R. 9/2006 è allocato sul capitolo di spesa 39534 “Contributi alla FSRER per attività collegate alla conservazione valorizzazione della geodiversità (art.8, c. 3, L.R. 10 luglio 2006, n.9)”;

- che l’art.9 della stessa L.R. 9/2006 “Contributi alle attività del soccorso speleologico” stabilisce che la Regione eroga altresì contributi destinati:

  • al rimborso di spese sostenute dalle squadre di soccorso speleologico per operazioni di salvataggio, recupero o soccorso, in mancanza di altre forme di rimborso o risarcimento;
  • al rimborso delle spese per il trasporto dei componenti le squadre di soccorso speleologico dal luogo di loro residenza a quello delle operazioni e viceversa, in mancanza di altre forme di rimborso o risarcimento;
  • al potenziamento delle attrezzature e delle attività delle squadre di soccorso speleologico esistenti sul territorio regionale;
  • all'organizzazione di corsi di formazione e di aggiornamento ai fini del soccorso speleologico;
  • all'attuazione di iniziative rivolte alla prevenzione degli infortuni speleologici, anche mediante corsi di insegnamento e formazione speleologica;

- che il contributo di € 10.000,00 per l’anno 2017 di cui all’art.9 della L.R. 9/2006 è allocato sul capitolo di spesa 39532 “Contributi ad associazioni per attività di soccorso speleologico (art.9, L.R. 10 luglio 2006, N.9)”;

- che il punto 2 dello stesso art.9 della L.R. 10 luglio 2006, n.9 e s.m., stabilisce che le domande per ottenere i contributi devono essere rivolte a questa Giunta entro il 30 settembre di ogni anno e devono essere corredate dal programma di massima contenente la previsione di spesa e che i destinatari dei contributi sono tenuti a fornire la documentazione relativa al loro impegno;

- che al fine di procedere con l’assegnazione e la concessione dei sopracitati contributi e la pubblicazione ai sensi dell’art.26, comma 2, del D.lgs. 33/2013, è necessario approvare i relativi criteri;

Richiamata la L.R. n.43/2001 e ss.mm.;

Visti:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n.33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la deliberazione di Giunta regionale n.89 del 30 gennaio 2017 “Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017 - 2019";

- la deliberazione della Giunta Regionale n.2416 del 29 dicembre 2008, avente per oggetto "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modificazioni;

- le deliberazioni della Giunta Regionale n.56 del 25/01/2016, n.270 del 29/02/2016 e 622 del 28/04/2016;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore alla Difesa del suolo e della costa, Protezione civile e Politiche ambientali e della montagna, Paola Gazzolo;

A voti unanimi e palesi

delibera:

di approvare per l’anno 2017 i criteri, termini e modalità per l’assegnazione, la concessione e liquidazione dei contributi di cui alla L.R. 10 luglio 2006, n.9 e ss.mm., in particolare:

1. di approvare l’allegato A, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, “Criteri, termini e modalità per l’assegnazione, la concessione e liquidazione dei contributi previsti dall’art. 8, commi 1 e 2, della L.R. 10 luglio 2006, n.9 e ss.mm.”;

2. di approvare l’allegato B, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, “Criteri, termini e modalità per l’assegnazione, la concessione e liquidazione del contributo previsto dall’art. 8, comma 3 della L.R. 10 luglio 2006, n.9 e ss.mm.”;

3. di approvare l’allegato C, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, “Criteri, termini e modalità per l’assegnazione, concessione e liquidazione del contributo previsto all’art. 9 della L.R. 10 luglio 2006, n.9 e ss.mm.”;

4. di dare atto che, secondo quanto previsto dall’art.26, comma 1, del D.lgs. 14 marzo 2013, n.33 e ss.mm., il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

5. di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it