E-R | BUR

n.362 del 22.12.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedure in materia di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi della L.R. 4/2018 - Procedimento di autorizzazione unica di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) ai sensi del Capo III della L.R. 4/2018 relativo al progetto denominato: Impianto per lo stoccaggio, il pretrattamento e la messa in riserva di rifiuti urbani e speciali nel Comune di SORBOLO-MEZZANI (PR) di competenza regionale previa istruttoria ARPAE che comprende Autorizzazione Integrata Ambientale e Concessione di Derivazione di Acque Pubbliche Sotterranee ad Uso Extra-domestico

La Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, avvisa che Iren Ambiente S.p.A. ha presentato istanza per l’avvio del procedimento unico di VIA per il progetto denominato Realizzazione ed esercizio di impianto per lo stoccaggio, il pretrattamento e la messa in riserva di rifiuti urbani e speciali, sito in Comune di Sorbolo-Mezzani in loc. “Malcantone di Mezzani” in data 15 settembre 2021. Ai sensi dell’art. 7, comma 2, della L.R. 4/2018, ARPAE SAC di Parma effettuerà l’istruttoria di tale procedura.

Il presente avviso al pubblico tiene luogo delle comunicazioni di cui agli articoli 7 e 8, commi 3 e 4, della L. 241/90.

Il progetto è:

  • localizzato nella Provincia di Parma
  • localizzato nel Comune di: Sorbolo-Mezzani
  • oltre il Comune in cui è localizzato il progetto può avere impatti nel Comune di Parma, Torrile, Colorno in Provincia di Parma.

L’impianto oggetto di valutazione rientra nelle categorie di progetti dell’Allegato A della Legge Regionale 4/2018:

A.2. 5)

-

Impianti di smaltimento e di recupero di rifiuti non pericolosi mediante operazioni di raggruppamento o ricondizionamento preliminari e deposito preliminare con capacità superiore a 200 tonnellate al giorno (operazioni di cui all'allegato B, lettere D13 e D14, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006);

A.2. 7)

-

Impianti di smaltimento di rifiuti non pericolosi mediante operazioni di deposito preliminare con capacità superiore a 150.000 metri cubi oppure con capacità superiore a 200 tonnellate al giorno (operazioni di cui all'allegato B, lettera D15, della Parte Quarta del decreto legislativo n. 152 del 2006);

di cui alle categorie di progetto indicate nell’allegato III alla Parte Seconda del D.Lgs. 152/2006: lettera o) e q).

L’impianto oggetto di valutazione rientra, inoltre, nelle categorie di attività IPPC, di cui all’allegato VIII alla parte seconda del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.:

5.3 a) Smaltimento dei rifiuti non pericolosi, con capacità superiore a 50 Mg al giorno, che comporti il ricorso ad una o più delle seguenti attività:

3) pretrattamento dei rifiuti destinati all’incenerimento o al coincenerimento;

5.3 b) Il recupero, o una combinazione di recupero e smaltimento di rifiuti non pericolosi con una capacità superiore a 75 Mg al giorno, che comporti il ricorso ad una o più delle seguenti attività:

2) pretrattamento dei rifiuti destinati all’incenerimento o al coincenerimento;

5.1 Smaltimento o recupero di rifiuti pericolosi con capacità di oltre 10 Mg al giorno con il ricorso ad una delle attività indicate:

c) dosaggio o miscelatura prima di una delle altre attività di cui ai punti 5.1 e 5.2;

d) ricondizionamento prima di una delle altre attività di cui ai punti 5.1 e 5.2;

5.5Accumulo temporaneo di rifiuti pericolosi non contemplati al punto 5.4 prima di una delle attività elencate ai punti 5.1, 5.2, 5.4 e 5.6 con una capacità totale superiore a 50 Mg, eccetto il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono generati i rifiuti”.

L’istruttoria della procedura in oggetto è effettuata dalla SAC di ARPAE di Parma in applicazione dell’art. 15, comma 4, della L.R. 13/15.

Il progetto riguarda la rifunzionalizzazione dell’impianto di compostaggio di Mezzani, sito in Strada Malcantone, località Mazzabue, nel Comune di Sorbolo Mezzani, acquisito da IREN Ambiente S.p.A.

L’emanazione del Provvedimento autorizzatorio unico regionale comprende le seguenti autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari alla realizzazione ed esercizio del progetto e indicati ai seguenti punti:

  • AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (L.R. 21/2004)
  • CONCESSIONE DERIVAZIONE ACQUE PUBBLICHE (SOTTERRANEE) AD USO EXTRADOMESTICO

Ai sensi dell’art. 16 della L.R. 4/2018 la documentazione è resa disponibile per la pubblica consultazione sul sito web delle valutazioni ambientali della Regione Emilia-Romagna: ( https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas ).

Entro il termine di 30 (trenta) giornidalla data di pubblicazione sul sito web della Regione Emilia-Romagna del presente avviso, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale, presentare in forma scritta le proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi, inviandoli mediante posta elettronica certificata al seguente indirizzo: vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it o trasmettendoli per posta ordinaria alla Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera, 8 – 40127 Bologna.

Le osservazioni devono essere presentate anche ad ARPAE SAC Parma al seguente indirizzo di posta certificata: aoopr@cert.arpa.emr.it

Il modulo per l’inoltro delle osservazioni è scaricabile al seguente link: https://ambiente.regione.emilia-romagna.it/it/sviluppo-sostenibile/temi-1/via/osservazioni_via

Le osservazioni saranno integralmente pubblicate sul sito della Regione Emilia-Romagna ( https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavas )

Per quanto riguarda la concessione di derivazione di acqua pubblica richiesta ai sensi del Regolamento Regionale 41/01 da IREN AMBIENTE S.P.A. con sede legale nel Comune di Piacenza si informa che essa viene richiesta per le seguenti condizioni:

Portata massima: 2,78 l/s

Volume annuo: 8.147 mc

Ubicazione prelievo e della eventuale restituzione in corpo idrico:

− Corpo idrico: ACQUE SOTTERRANEE codice:BACINO PRA9947

− Coordinate UTM-RER x 1610650 y 4972000

− Comune di SORBOLO MEZZANI (PR) foglio 24 mappale 70 del N.C.T.

Uso: INDUSTRIALE

Le domande che riguardano derivazioni tecnicamente incompatibili con la presente richiesta di concessione in oggetto saranno accettate e dichiarate concorrenti con questa, se presentate non oltre trenta giorni dalla presente pubblicazione, ai sensi dell’art. 7 del R.D. n. 1775/1933. Le domande dovranno pertanto essere presentate alla Regione Emilia-Romagna, Servizio VIPSA e all’ARPAE SAC di Parma che è delegata all’istruttoria del PAUR e al rilascio della concessione di derivazione o all’ARPAE DT autorità competente al rilascio della concessione di derivazione (in caso non sia l’ARPAE SAC).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it