E-R | BUR

N. 195 del 28.12.2011 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico di mobilità esterna volontaria per passaggio diretto tra Pubbliche Amministrazioni

Il Responsabile del Servizio visti:

- l’art. 30 del DLgs 20 marzo 2011, n. 165 “Passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse”;

- l’art. 1, comma 47, della L. 30/12/2004, n. 311 “ Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005)” che dispone che in vigenza di disposizioni che stabiliscono un regime di limitazione delle assunzioni di personale a tempo indeterminato, sono consentiti trasferimenti per mobilità, anche intercompartimentale, tra amministrazioni sottoposte al regime di limitazione, nel rispetto delle disposizioni sulle dotazioni organiche e, per gli enti locali, purchè abbiano rispettato il patto di stabilità interno per l’anno precedente;

- la delibera dell’Ufficio di Presidenza n. 179 del 21 dicembre 2011 “Adeguamento del budget per la gestione delle risorse umane delle strutture ordinarie dell’Assemblea legislativa e approvazione dei fabbisogni professionali prioritari per l’anno2012”;

- la determinazione della Responsabile del Servizio Gestione e Sviluppo n. 173 del 17 maggio 2011;

rende noto che la Regione Emilia-Romagna intende procedere alla verifica di disponibilità di personale mediante procedura di mobilità esterna ai sensi dell’art. 30 del DLgs 165/01 per la copertura di 4 posti di categoria B3 - profilo professionale Logistica - posizione lavorativa “Operatore di supporto agli organi politici”, scheda descrittiva allegato 1, presso il Servizio Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali con sede in Bologna.

Requisiti di ammissione

1. Essere dipendente in servizio con rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato presso una pubblica Amministrazione, di cui all’art. 1 co. 2 del DLgs 165/01, sottoposta a regime di limitazione delle assunzioni di personale; sono inoltre ammessi i dipendenti in servizio con rapporto di lavoro a tempo parziale ed indeterminato previa dichiarazione di disponibilità alla eventuale sottoscrizione del contratto di lavoro a tempo pieno 35 ore settimanali (trattandosi di attività da svolgersi in turno);

2. essere inquadrato nella amministrazione di provenienza nella categoria - profilo di cui al presente avviso di mobilità o equivalenti;

3. non essere sospeso cautelarmente o per ragioni disciplinari dal servizio;

4. non essere stato rinviato a giudizio per reati che, se accertati con sentenza di condanna irrevocabile, comportino la sanzione disciplinare del licenziamento.

I requisiti necessari all’ammissione e gli altri titoli dichiarati devono essere posseduti alla data fissata come termine ultimo per la presentazione della domanda di ammissione alla procedura in oggetto.

Presentazione delle domande

La domanda di partecipazione alla presente procedura dovrà pervenire secondo le seguenti modalità:

- spedita a mezzo di raccomandata A.R. ( nel qual caso farà fede il timbro dell’Ufficio postale ricevente) al seguente indirizzo: Assemblea Legislativa - Servizio Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali - Area Gestione, Sviluppo e Formazione risorse umane - Viale A. Moro n. 68 - 40127 Bologna;

- consegnata a mano presso il Protocollo dell’Assemblea Legislativa - Viale Aldo Moro n. 50 - 40127 BolognaA - piano 5° stanza - 501 Orario ufficio: 09.00 - 14.30 dal lunedì al venerdì;

- al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: ALOrganizzazione@postacert.regione.emilia-romagna.it. In questo caso la domanda, il curriculum e tutte le dichiarazioni devono essere:

  1. sottoscritte con firma digitale, rilasciata da un certificatore accreditato (lista disponibile all’indirizzo: http://www.digitpa.gov.it/certificatori_firma_digitale) ovvero
  2. sotto forma di scansione di originali analogici firmati in ciascun foglio; all’invio deve essere inoltre la scansione di un documento di identità in corso di validità.

Le domande ed il curriculum-vitae sono ammessi solo se presentati secondo le modalità previste ed utilizzando i modelli allegati e dovranno essere corredate del consenso dell’Amministrazione di provenienza che, agli effetti di quanto disposto all’art. 1, comma 47, della L. 311/2004, dovrà altresì attestare di essere sottoposta a regime di limitazione delle assunzioni di personale e che abbia rispettato il patto di stabilità per l’anno precedente.

Scadenza di presentazione della domanda: 27 gennaio 2012.

Le domande presentate oppure spedite oltre il termine di scadenza e le domande spedite entro il termine ma non pervenute all’Amministrazione entro il 27/1/2012 sono irricevibili.

Procedura valutativa

ll Servizio “Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali” dell’Assemblea legislativa, verifica l’ammissibilità delle domande; l’ammissione è strettamente correlata alla verifica di coerenza tra la posizione oggetto dell’avviso pubblico e la professionalità che emerge dai curricula, nonché al possesso degli ulteriori requisiti di ammissione richiesti.

Per il processo di valutazione e per la formulazione di apposite graduatorie, viene istituito un “Collegio di esaminatori” a cura del Responsabile del Servizio “Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali”, costituito da:

- dirigente responsabile dello stesso servizio “Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali”, che lo presiede o suo delegato,

- funzionario competente in materia di gestione di risorse umane appartenente al medesimo Servizio,

- dirigente o funzionario esperto nella attività professionale della posizione oggetto dell’avviso.

Il “Collegio” di cui al paragrafo precedente esamina i curricula e formula una graduatoria dei candidati.

La valutazione dei curricula avviene in trentesimi, sulla base dei seguenti criteri, da dettagliare nel verbale della prima seduta, prima dell’esame delle candidature:

a) esperienza professionale acquisita, con particolare considerazione del servizio prestato presso l’Amministrazione regionale in comando, distacco o avvalimento (fino a punti 20);

b) qualificazione culturale (es.: titoli di studio, percorsi formativi) (fino a punti 10).

I candidati che si qualificano sulla base della valutazione dei curricula secondo i criteri sopra enunciati, entro la posizione pari al triplo dei posti vacanti vengono avviati ad un colloquio,
al fine di acquisire elementi di approfondimento circa le rispettive professionalità e la maggiore coerenza con l’attività da espletare.

I criteri di valutazione del colloquio, da precisare a verbale a cura del “Collegio” prima dell’avvio dei colloqui, sono così stabiliti:

a) conoscenze ulteriori e specifiche (tecniche settoriali informatiche o linguistiche) (al massimo punti 10);

b) possesso di competenze attitudinali, organizzative e gestionali adeguate al ruolo da ricoprire (al massimo punti 10).

La graduatoria finale dei candidati è espressa in cinquantesimi.

I candidati che non abbiano ottenuto nel corso della procedura di valutazione curata dal “Collegio di esaminatori” un punteggio pari o superiore a 21 punti nella procedura di valutazione senza colloquio e pari o superiore a punti 35 nella procedura di valutazione integrata da colloquio, sono esclusi.

In assenza di candidati che abbiano raggiunto i punteggi minimi sopra indicati la procedura di mobilità non sarà perfezionata. La procedura valutativa sarà svolta anche in presenza di un solo candidato.

Le procedure di riammissione in servizio, ai sensi delle norme di legge e di contratto collettivo di lavoro, attivate a seguito di domande pervenute prima o in pendenza delle procedure di cui al comma 1, hanno la precedenza su queste ultime, ai fini della copertura dei posti vacanti e disponibili. Di seguito saranno altresì accolte e valutate in via prioritaria alle richieste di mobilità esterna le istanze inoltrate dopo la pubblicazione dell’avviso di mobilità esterna:

- da parte di dipendenti regionali di ruolo, in assegnazione temporanea presso altri Enti;

- da parte di dipendenti regionali di ruolo per la copertura di fabbisogni professionali pubblicizzati per i quali non siano state esperite le procedure di mobilità interna.

Il presente procedimento si concluderà con la pubblicazione della graduatoria finale, come risultante dal verbale del “Collegio”, sul sito internet della Regione Emilia-Romagna, entro il termine di 90 gg. che decorrono dalla scadenza prevista per la presentazione delle domande.

La graduatorie esplicano la loro validità esclusivamente nell’ambito della procedura in esito alla quale sono state approntate e per il numero di posti vacanti e disponibili espressamente indicati nei relativi atti di avvio. La partecipazione ad una successiva procedura di mobilità presuppone la presentazione di una nuova domanda.

A seguito di assegnazione dalla presente procedura di mobilità è previsto, in conformità al punto d) del dispositivo della delibera dell’Ufficio di Presidenza n.179/2011, l’obbligo di permanenza per almeno un biennio nella nuova struttura di assegnazione, fatta salva la verifica di congruenza tra le attività svolte e quelle descritte nella rispettiva posizione lavorativa.

Per informazioni rivolgersi al Servizio “Organizzazione Bilancio e Attività contrattuali”- Area Gestione, sviluppo e formazione risorse umane- dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13 ai seguenti recapiti telefonici:

- Michela Bassi: 051/5275035

- Donata Zambelli 051/5275279 - in telelavoro nelle giornate di martedì, giovedì e venerdì è contattabile allo 051/956422

- Antonella Cavallucci: 051/5277662.

Responsabile del procedimento: Antonella Cavallucci 051/5277662.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it