E-R | BUR

n. 284 del 19.12.2012 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di Valutazione di impatto ambientale (VIA), Titolo III della L. R. n. 9/1999 – Procedura di Autorizzazione Unica DLgs n. 387/2003 – Procedura di concessione di derivazione acque pubbliche R.R. n. 41/2001 – Procedura di autorizzazione alla realizzazione di linee elettriche L.R. n. 10/1993 – Procedura espropriativa DPR 327/2001 e L.R. n. 37/2002 - Procedura di variazione degli strumenti urbanistici L.R. n. 9/1999 e L. R. n. 10/1993. Progetto di impianto idroelettrico sul fiume Trebbia in località San Salvatore

La Provincia di Piacenza avvisa che sono depositati, per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati, lo SIA, il progetto definitivo e gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA e di Autorizzazione Unica per la realizzazione e l'esercizio di impianti di produzione energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili relativi a:

  • progetto: impianto idroelettrico ad acqua fluente sul fiume Trebbia;
  • localizzato: nel comune di Bobbio - loc. San Salvatore;
  • presentato da: ing. Flavio Friburgo - Via Isabella Costa n. 2i.5 Santa Margherita Ligure (GE)

Il progetto appartiene alla seguente Categoria (allegati a L.R. n. 9/99): B.2. 12) ed è sottoposto a VIA ai sensi degli artt. 4 e 4bis della L. R. n. 9/1999.

Il progetto interessa il territorio del comune di Bobbio e della provincia di Piacenza.

Il progetto per l'attivazione della centralina idroelettrica prevede i seguenti interventi:

  • sistemazione della traversa esistente con livellamento del ciglio di sfioro alla quota di 267,80 m s.l.m.;
  • realizzazione di un breve canale per la captazione delle acque e l'adduzione alla vasca di carico, ricavati nella roccia in destra idrografica;
  • costruzione della centrale di produzione, con restituzione delle acque immediatamente a valle della traversa esistente;
  • chiusura della galleria di bypass fino al livello di esercizio dell'impianto (276,80 m s.l.m.);
  • realizzazione del passaggio per pesci e di quello per canoe;
  • connessione alla rete elettrica a MT.

I principali dati tecnici dell'impianto sono: portata media derivata 17,58 mc/s, portata massima derivata 50,00 mc/s, salto motore 5,80 m, potenza nominale 999,42 kw, potenza installata 2.500,00 kw, producibilità media annua attesa 6,97GWh. L'energia prodotta verrà ceduta ad ENEL, si prevede la realizzazione di un elettrodotto interrato fino alla cabina esistente in MT posta circa 1.500 m a valle della centrale.

L’Autorità competente è la Provincia di Piacenza.

I soggetti interessati possono prendere visione dello S.I.A., del relativo progetto definitivo e degli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di V.I.A., presso la sede dell’Autorità competente: Provincia di Piacenza - Servizio Ambiente ed Energia via Garibaldi n. 50 - 29121 Piacenza, presso la sede del Comune di Bobbio Pizza S. Chiara n. 2 - 29022 Bobbio, nonché presso la sede della Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale viale della Fiera n. 8 - 40127 Bologna.

Lo SIA, il relativo progetto definitivo e gli elaborati prescritti per l’effettuazione della procedura di VIA, della concessione di derivazione acque pubbliche, della variante urbanistica e del procedimento espropriativo, sono depositati per 60 giorni naturali consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel Bollettino Ufficiale della Regione, su di un quotidiano locale e nei “procedimenti di VIA e screening” presenti sulla pagina iniziale del sito web “www.provincia.piacenza.it”.

Entro lo stesso termine di 60 giorni chiunque può presentare osservazioni all’Autorità competente: Provincia di Piacenza - Via Garibaldi n. 50 - 29121 Piacenza.

Ai sensi dell’art. 17, co. 7 della L.R. 9/99, inoltre, “Per i progetti di produzione di energia elettrica, la procedura di VIA viene svolta all’interno del procedimento unico energetico” (art. 12 del DLgs 387/03) e “il provvedimento positivo di VIA comprende e sostituisce le autorizzazioni e gli atti di assenso comunque denominati in materia ambientale e paesaggistico-territoriale e deve essere espresso antecedentemente o contestualmente all’adozione dell’atto conclusivo del procedimento di Autorizzazione Unica”.

Ai sensi dell’art. 15, co. 6 della L.R. 9/99, le procedure di deposito, pubblicizzazione e partecipazione inerenti il presente procedimento sostituiscono ad ogni effetto le procedure di pubblicità e partecipazione previste dalle norme vigenti per gli atti di assenso e le autorizzazioni che saranno compresi e sostituiti nell’eventuale provvedimento positivo di VIA.

Si informa che il proponente, contestualmente alla procedura di VIA e di Autorizzazione Unica ex art. 12, DLgs n. 387/2003, ha richiesto anche la concessione di derivazione acque pubbliche ai sensi del R.R. n. 41/2001, l'autorizzazione alla realizzazione di linee elettriche ai sensi della L.R. n. 10/1993 e le conseguenti pratiche espropriative ai sensi del DPR 327/2001 e della L.R. n. 37/2002 e di variazione degli strumenti urbanistici ai sensi della L.R. n. 9/1999, del DLgs n. 387/2003 e della L. R. n. 10/1993; il presente avviso assolve, pertanto, anche gli adempimenti di deposito previsti per tutti procedimenti e le pratiche richiamate.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it