E-R | BUR

n.169 del 20.06.2017 (Parte Terza)

XHTML preview

Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia-Romagna approvata con determinazione n. 15936 del 13/10/2016

IL DIRETTORE 

Richiamati:

  • l’art. 11 del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni nella legge 24 marzo 2012, n. 27 come novellato dalla L. n. 135/2012 di conversione del Dl n. 95/2012;
  • il R.D. 27/7/1934, n. 1265 (Testo Unico delle Leggi Sanitarie.);
  • la Legge 8 marzo 1968, n. 221 (Provvidenze a favore dei farmacisti rurali);
  • la Legge 2 aprile 1968, n. 475 (Norme concernenti il servizio farmaceutico);
  • il D.P.R. 21 agosto 1971, n. 1275 (Regolamento per l'attuazione delle L. 2/4/1968, n. 475);
  • la Legge 8 novembre 1991, n. 362 e successive modificazioni (Norme di riordino del settore farmaceutico);
  • il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 marzo 1994, n. 298 (Regolamento di attuazione dell’art. 4, comma 9, della L. 8/11/1991, n. 362);
  • il D.P.R. 28/12/2000, n. 445 (T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa);
  • la Legge 27 febbraio 2017, n. 19 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2016, n. 244, recante proroga e definizione di termini. Proroga del termine per l'esercizio di deleghe legislative);

 Richiamate le seguenti determinazioni:

  • n. 60 del 8/1/2013 del Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali “Indizione concorso e approvazione bando di concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l’assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella regione Emilia-Romagna (art. 11 D.L. 24/1/2012 convertito con modificazioni nella L. 24/3/2012, n. 27)” e in particolare i seguenti articoli del bando di concorso:

◦ l’art. 2, che individua i requisiti di ammissione al concorso;

◦ l’art. 6, recante le cause di irricevibilità, esclusione o non ammissione al concorso;

◦ gli artt. 8 e 9, disciplinanti, rispettivamente, la valutazione dei titoli di studio, di carriera e l’esperienza professionale (art. 8), e le modalità di formazione della graduatoria finale di concorso (art. 9);

◦ l’art. 13, recante “cause di esclusione dalla graduatoria”;

◦ l’art. 14, che ai fini dell’“accertamento dei requisiti” dispone che “in qualsiasi fase del concorso o momento successivo all’assegnazione della sede, qualora emerga la non veridicità di quanto dichiarato dal concorrente, rilevata a seguito dei controlli previsti per legge o comunque accertata, il medesimo concorrente decade dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera”;

  • n. 1654 del 17/2/2015 del Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali “Approvazione della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna ai sensi dell'art. 11 D.L. 1/2012 convertito in L 27/2012, bandito con determinazione n. 60 del 8/1/2013”;
  • n. 8854 del 15/7/2015 del Direttore Generale Sanità e Politiche Sociali e per l'integrazione, di "Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna approvata con determinazione 1654 del 17/2/2015";
  • n. 15936 del 13/10/2016 del Direttore Generale Cura della Persona, Salute e Welfare, di "Rettifica della graduatoria finale dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna approvata con determinazione 8854 del 15/7/015"; 

Richiamata la determinazione del Responsabile del Servizio Assistenza Territoriale n. 5831 del 20 aprile 2017 “Presa d'atto degli esiti del terzo gruppo di controlli di veridicità delle dichiarazioni rese dai partecipanti al concorso straordinario per l'assegnazione di sedi farmaceutiche bandito con determinazione n. 60 dell'8/1/2013”, con la quale si è preso atto degli esiti dei controlli di veridicità delle autocertificazioni e/o dichiarazioni sostitutive rilasciate dai candidati in ordine:

1) al possesso dei requisiti essenziali per l’ammissione al concorso;

2) al possesso dei titoli di studio, di carriera e di esperienza professionale utili ai fini dell’assegnazione di punteggio alle candidature;

3) al permanere fino al momento dell'assegnazione della sede farmaceutica della condizione di non aver ceduto la propria farmacia negli ultimi 10 anni; 

Dato atto che - alla luce della carenza, riscontrata durante i suddetti controlli di veridicità, di un titolo di studio, di carriera o d’esperienza professionale utile ai fini dell’assegnazione di punteggio e del posizionamento nella graduatoria finale – si è proceduto mediante la piattaforma ministeriale alla decurtazione ed al conseguente ricalcolo dei punteggi delle seguenti candidature:

  • domanda con protocollo n. 000375 - 09-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 000831 - 14-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 001933 - 19-02-2013 – 080; 

Ritenuto di disporre l’esclusione delle seguenti candidature a fronte della carenza, riscontrata durante i suddetti controlli di veridicità, di un requisito essenziale per l’ammissione al concorso:

  • domanda con protocollo n. 000529 - 11-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 001684 - 19-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 002517 - 21-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 003381 - 22-02-2013 – 080; 

Ritenuto, altresì, di disporre l’esclusione delle seguenti candidature a fronte della riscontrata perdita di un requisito di partecipazione al concorso straordinario che doveva invece permanere fino al momento dell'assegnazione della sede farmaceutica:

  • domanda con protocollo n. 001090 - 16-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 002503 - 21-02-2013 – 080;

Dato atto che, conseguentemente a tutto quanto sopra, sono state compiute sulla piattaforma ministeriale le operazioni necessarie affinché venisse generata la graduatoria finale del concorso rettificata; 

Ritenuto pertanto di rettificare la graduatoria approvata con propria determinazione n. 1654 del 17/2/2015, già rettificata con proprie determinazioni n. 8854 del 15/7/2015 e n. 15936 del 13/10/2016 e di approvare la graduatoria di cui all’Allegato 1 del presente provvedimento, precisando che la rettifica ha effetti limitatamente alla posizione n. 371 e seguenti della graduatoria approvata con la citata determinazione n. 15936 del 13/10/2016; 

Dato atto che i candidati collocati in posizione utile in graduatoria saranno interpellati, ai sensi degli artt. 10 e 11 del bando di concorso, con modalità web tramite la piattaforma tecnologica ed applicativa unica; 

Richiamate le seguenti deliberazioni della Giunta Regionale, esecutive ai sensi di legge:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modificazioni;

- n. 193 del 27 febbraio 2015, n. 2189 del 21 dicembre 2015, n. 56 del 25 gennaio 2016, n 270 dell’1 marzo 2016, n. 622 del 28 aprile 2016, n. 702 del 16 maggio 2016, n. 1107 del 11 luglio 2016, n. 1681 del 17 ottobre 2016, n. 2344 del 21 dicembre 2016, n. 3 dell’11 gennaio 2017, n. 89 del 30 gennaio 2017 e n. 486 del 10 aprile 2017; 

Richiamata altresì la determinazione n. 20922 del 28 dicembre 2016 recante “Incarichi dirigenziali e assegnazione funzionale di posizioni organizzative presso la Direzione generale Cura della Persona, Salute e Welfare”; 

Attestata, ai sensi della delibera di Giunta 2416/2008 e s.m.i., la regolarità del presente atto; 

Su proposta del Responsabile del Servizio Assistenza Territoriale Dott. Antonio Brambilla; 

determina: 

1. di procedere, per i motivi indicati in premessa, alla rettifica della graduatoria degli idonei al concorso pubblico regionale straordinario per titoli per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna, approvata con propria determinazione n. 1654 del 17/2/2015 e già rettificata con proprie determinazioni n. 8854 del 15/7/2015 e n. 15936 del 13/10/2016, disponendo la sostituzione dell’Allegato 1 della suddetta determinazione n. 15936 con l’Allegato 1 parte integrale e sostanziale del presente provvedimento, dando atto che sono stati rettificati i punteggi attribuiti alle seguenti candidature:

  • domanda con protocollo n. 000375 - 09-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 000831 - 14-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 001933 - 19-02-2013 – 080;

2. di escludere dalla partecipazione al concorso le seguenti candidature, per l’accertata mancanza di un requisito necessario per la partecipazione stessa:

  • domanda con protocollo n. 000529 - 11-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 001684 - 19-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 002517 - 21-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 003381 - 22-02-2013 – 080;

3. di escludere dalla partecipazione al concorso le seguenti candidature, per l'accertata perdita, successiva alla presentazione della domanda di partecipazione al concorso straordinario, di un requisito di partecipazione che doveva invece permanere fino al momento dell'assegnazione della sede farmaceutica:

  • domanda con protocollo n. 001090 - 16-02-2013 – 080;
  • domanda con protocollo n. 002503 - 21-02-2013 – 080;

4. di precisare che la rettifica ha effetti limitatamente alla posizione n. 371 e seguenti della graduatoria precedente;

5. di approvare la graduatoria rettificata dei candidati al pubblico concorso straordinario per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio nella Regione Emilia-Romagna ai sensi dell'art. 11 D.L. 1/2012 convertito in L. 27/2012, bandito con determinazione n. 60 dell'8/1/2013, riportata all'Allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

6. di dare atto che la graduatoria di cui al punto 5 viene approvata sotto condizione dell’accertamento del possesso da parte dei candidati dei requisiti richiesti dal bando, nonché della veridicità delle dichiarazioni da questi rese nella domanda di partecipazione al concorso;

7. di dare atto che, come previsto all’art. 14 del bando di concorso “In qualsiasi fase del concorso o momento successivo all’assegnazione della sede, qualora emerga la non veridicità di quanto dichiarato dal concorrente, rilevata a seguito dei controlli previsti per legge o comunque accertata, il medesimo concorrente decade dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera”;

8. di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, ed assicurarne la diffusione nel portale web del Servizio regionale dell’Emilia-Romagna (www.saluter.it) oltreché nella piattaforma tecnologica ed applicativa unica del Ministero della Salute (www.concorsofarmacie.sanita.it);

9. di dare atto che ai candidati sarà inoltre dato avviso della pubblicazione della graduatoria, con modalità web tramite la piattaforma tecnologica ed applicativa unica all'indirizzo PEC comunicato e, in caso di mancata comunicazione di un indirizzo PEC valido e funzionante, sarà ritenuta validamente notificata con la pubblicazione della graduatoria rettificata nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT);

10. di segnalare all’autorità giudiziaria i casi in cui sono state rilasciate dichiarazioni non veritiere, determinanti per l’ammissione al concorso o per la posizione occupata dalla candidatura nella graduatoria finale, emerse dai controlli di veridicità delle dichiarazioni rese;

11. di provvedere con successivi atti alla esclusione dalla graduatoria o alla rettifica dei punteggi delle candidature che dovessero conseguire al riscontro di elementi non veritieri, determinanti ai fini della formazione della graduatoria, eventualmente accertati nel proseguimento dell'attività di controllo. 

 Il Direttore generale

Kyriakoula Petropulacos 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it