E-R | BUR

n.320 del 05.11.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Riorganizzazione della Direzione Generale Centrale Risorse finanziarie e Patrimonio e modifiche ad alcune strutture della Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale, Sistemi informativi e Telematica

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che:

- il comma 2 dell’art. 3 della L.R. 43/2001 assegna alla Giunta regionale la definizione delle denominazioni e delle competenze delle strutture organizzative di livello dirigenziale e il limite numerico delle posizioni di livello dirigenziale;

- la periodica revisione delle competenze assegnate alle strutture assicura l’efficacia dell’azione amministrativa e il coordinamento tra le stesse;

Considerato che:

- l’applicazione del nuovo sistema contabile previsto dal decreto legislativo 118 del 23 giugno 2011, avente ad oggetto "Disposizioni di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della L. 5 maggio 2009, 42" richiede una nuova struttura e articolazione del bilancio, l’introduzione di un sistema di contabilità economico-patrimoniale, che si affianca a quello tradizionale di tipo finanziario, e del Bilancio consolidato;

- l’implementazione dei suddetti strumenti impongono una revisione dei processi di spesa e di entrata dell’Ente e una diversa impostazione nelle relazioni con il sistema degli enti e degli organismi strumentali e partecipati;

- l’attuale contesto normativo, politico e finanziario richiede anche una crescente attenzione sul sistema dei controlli sulle autonomie, tema su cui si sono succeduti a breve distanza di tempo numerosi interventi normativi che hanno modificato anche in maniera sostanziale il tipo di controllo da esercitare;

- il tema della governance sul sistema degli enti pubblici regionali ed enti di diritto privato in controllo pubblico regionale richiede un diverso assetto organizzativo e metodologico, come rilevato anche dalla Sezione Regionale di Controllo per l’Emilia-Romagna nella Relazione sulla gestione della Regione Emilia-Romagna per l’anno 2012;

- negli ultimi anni, inoltre, sono intervenuti numerosi interventi legislativi in materia di approvvigionamenti di beni e servizi al fine di razionalizzare la spesa pubblica, di aumentare la trasparenza di tali processi, di introdurre strumenti per contrastare il fenomeno corruttivo e di raggiungere la piena digitalizzazione dei procedimenti;

- queste novità normative sulle acquisizioni di beni e servizi stanno incidendo fortemente sulla metodologia dei processi e richiedono una crescente specializzazione da parte delle figure professionali dedicate e veloci processi decisionali sulle modalità di implementazione dei vari cambiamenti;

Dato atto che:

- l’attuale assetto organizzativo delle procedure di acquisizione di beni e servizi della Regione Emilia-Romagna risulta essere definito, principalmente, dalla deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29/12/2008, e solo marginalmente rivisto dalla deliberazione n. 1662 del 13/11/2012;

- tale modello organizzativo, caratterizzato da un forte decentramento, è stato disegnato prima degli interventi normativi sopraesposti di revisione dei processi di fornitura;

- questo sistema delle responsabilità non risulta essere adeguato a fronteggiare le sfide innovative del settore e, pertanto, vi è la necessità di procedere ad un graduale accentramento delle funzioni da attuare in base a valutazioni puntuali e azioni organizzative di accompagnamento;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 217 del 24/02/2014 “Linee di programmazione e finanziamento delle aziende del servizio sanitario regionale per l'anno 2014” ha delineato un profondo mutamento del contesto organizzativo degli acquisti del sistema sanitario regionale - con l’obiettivo di accrescere il livello degli acquisti centralizzati e le capacità di governance regionale sulla spesa per beni e servizi - che vede l’Agenzia Intercent-ER quale perno della programmazione e del monitoraggio della centralizzazione degli acquisti a livello regionale.

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale:

- n. 2416 del 29/12/2008, modificata dalla successiva deliberazione n. 1662 del 13/11/2012, e, in particolare, l’appendice 1 “Attività contrattuale”;

- n. 2191 del 27/12/2010 e ss.mm.ii. e, in particolare, l’allegato 1 che definisce le modalità di raccordo tra l’Agenzia Intercent-ER e la Giunta regionale;

- n. 822 del 13/06/2011 e, in particolare, le funzioni assegnate alla Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021);

- n. 519 del 29/04/2013 e, in particolare, le funzioni assegnate alla Direzione generale centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica (codice D0000022) e al Servizio Approvvigionamenti, centri operativi, controllo di gestione (codice 00000434);

- n. 217 del 24/02/2014 “Linee di programmazione e finanziamento delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale per l’anno 2014”;

- n. 596 del 05/05/2014 e, in particolare, l’Allegato 1) che approva il nuovo schema di Accordo di Programma, in sostituzione della Convenzione Operativa, con cui vengono regolati i rapporti tra la Regione Emilia-Romagna ed Intercent-ER per lo svolgimento delle attività affidate a quest’ultima dal Capo VI e VI bis della L.R. n. 11/2004 e s.m.i. e per quelle previste dal D. Lgs n. 163/2006;

Valutato di dover rivedere l’assetto organizzativo e funzionale delle Direzioni generali centrali Risorse finanziarie e patrimonio e Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica e della Direzione generale Sanità e politiche sociali al fine di garantire un presidio più efficace e performante rispetto alle nuove sfide rappresentate dall’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio, dal modello di monitoraggio e vigilanza sugli enti pubblici regionali ed enti di diritto privato in controllo pubblico regionale e dall’implementazione delle novità normative sul processo di approvvigionamento dei beni e servizi;

Ritenuto pertanto:

- di modificare la declaratoria della Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021) per aggiornare le sue competenze alle novità normative, fiscali e contabili sopra descritte;

- di assegnare, alla suddetta Direzione generale centrale, le competenze in materia di controllo di gestione e strategico, attualmente presidiate dalla Direzione generale centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica (codice D0000022) e dal Servizio Approvvigionamenti, centri operativi, controllo di gestione (codice 00000434), in quanto risultano strettamente connessi con il nuovo sistema di contabilità economico-patrimoniale;

- di affidare alla Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021) il coordinamento degli adempimenti informativi in materia di controlli sulla Regione e il governo del modello di controllo sulle partecipazioni regionali alla luce dell’esperienza maturata in materia di finanza regionale;

- d’istituire un nuovo Servizio presso la Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio al fine di potenziare il suo assetto organizzativo alle nuove funzioni da presidiare;

- di attribuire al Servizio Approvvigionamenti, centri operativi, controllo di gestione (codice 00000434) la definizione, l’aggiornamento e la verifica del rispetto delle procedure standard da seguire nel ciclo degli acquisti di beni e servizi dell’Ente e dei relativi strumenti operativi e il supporto tecnico e normativo alle Direzioni generali nella loro applicazione nell’ottica di razionalizzare la spesa pubblica e di diminuire i costi amministrativi dei procedimenti di acquisizione di beni e servizi;

- di modificare alcuni punti della deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29/12/2008, al fine di adeguarne le previsioni alle nuove funzioni assegnate al Servizio Approvvigionamenti, centri operativi, controllo di gestione, descritte nel paragrafo precedente, e all’esperienza applicativa maturata finora;

- di attribuire il presidio dei rapporti con l'Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici Intercent-ER, attualmente di competenza della Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021), alla Direzione generale Sanità e politiche sociali (codice D0000029) e, conseguentemente, di modificare la deliberazione della Giunta regionale n. 2191 del 27/12/2010 relativamente alle modalità di raccordo tra l’Agenzia e la Giunta regionale;

- di confermare la Direzione generale centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica, quale Direzione generale di riferimento per l’Accordo di servizio con l’Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici INTERCENT-ER;

Dato atto che con propria deliberazione n. 413 del 13 marzo 2014 sono state approvate le linee di indirizzo per la predisposizione ed attuazione del piano programma 2015-2017 dell’ASSR e si è disposto di estendere all’anno 2014 la validità del Piano-programma 2010-2013 dell’Agenzia medesima, di cui alla propria deliberazione n. 1038 del 18 luglio 2011;

Considerato che la richiamata deliberazione n. 413/2014:

- prevede che la piena realizzazione operativa delle linee di indirizzo per la predisposizione e l’attuazione del Piano–programma 2015-2017 dell’ASSR debba essere preceduta di una fase di complessiva revisione organizzativa della Agenzia in collaborazione con la Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali e da un processo elaborativo funzionale alla individuazione puntuale degli ambiti che dovranno essere oggetto delle iniziative progettuali conseguenti;

- dispone, al fine di dare attuazione alla revisione organizzativa della Agenzia e alla predisposizione del programma pluriennale 2015-2017, di estendere all’anno 2014 la validità del Piano–programma 2010-2013 dell’Agenzia medesima, di cui alla propria deliberazione n. 1038 del 18 luglio 2011;

Rilevato, altresì, che l'incarico di Direttore dell'ASSR conferito al Dott. Roberto Grilli con propria deliberazione n. 2088 del 27 dicembre 2010 è in scadenza il 30 settembre 2014;

Ritenuto che:

- l’assetto istituzionale che si determinerà nei prossimi mesi a seguito dello svolgimento delle operazioni elettorali per il rinnovo degli organi politici della Regione Emilia-Romagna, potrebbe non consentire, alla data di scadenza del suddetto incarico, di avere già insediato un organo di governo pienamente competente a valutare e disporre in merito al conferimento dell’incarico di Direttore dell’ASSR;

- sussistono al contempo esigenze di dare attuazione a quanto stabilito con la più volte richiamata propria deliberazione 413/2014, con specifico riferimento alla revisione organizzativa della Agenzia e alla predisposizione del suo piano programma 2015-2017;

Rilevata, pertanto, l’esigenza di assicurare la necessaria continuità nel presidio di tutte le attività di competenza dell’incarico soprarichiamato;

Richiamate:

- la legge 6 novembre 2012, n.190 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”;

- il decreto legislativo 8 aprile 2013, n.39 recante “Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell’articolo 1, commi 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n.190” e, in particolare, l’art. 20 che prevede l’acquisizione della dichiarazione di insussistenza delle cause d’inconferibilità rilasciata da parte dell’interessato ai fini dell’acquisizione dell’efficacia dell’incarico;

- la deliberazione della Giunta regionale n 783 del 17.06.2013 ad oggetto “Prime disposizioni per la prevenzione e la repressione dell’illegalità nell’ordinamento regionale. Individuazione della figura del responsabile della prevenzione della corruzione”;

- la deliberazione della Giunta regionale n 68 del 27.01.2014 ad oggetto “Approvazione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016”;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 1179 del 21 luglio 2014 ad oggetto “Proroghe contratti e incarichi dirigenziali”;

- la determinazione del Direttore all’Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica n. 3687 del 20/03/2014 ad oggetto “Trasformazione da comandi a distacchi delle assegnazioni temporanee presso la R.E.R. di dirigenti degli enti del Servizio Sanitario Regionale”;

Valutato, pertanto, opportuno, alla luce di quanto sopra esposto e in coerenza con quanto disposto con la richiamata deliberazione n. 1179/2014:

- prorogare al dott. Roberto Grilli l’incarico di Direttore dell’ASSR, in scadenza il 30/09/2014, dal 01/10/2014 fino al termine del terzo mese successivo a quello dell’insediamento della nuova Giunta regionale;

- stabilire che la proroga dell’incarico sia condizionata sospensivamente all’acquisizione della dichiarazione di assenza d’interessi finanziari e conflitti di interessi, di cause di inconferibilità e incompatibilità ai sensi del DPR 62/2013, D.Lgs. 39/2013, DGR n. 783/2013 e Art. 35 bis D.Lgs. n. 165/2001, che dovrà avvenire in occasione dell’istruttoria volta alla proroga del distacco;

- autorizzare il Direttore generale competente a disporre la proroga del distacco del dott. Roberto Grilli per la durata della proroga dell’incarico stabilita fino al termine del terzo mese successivo a quello dell’insediamento della nuova Giunta regionale, alle condizioni definite nella suddetta determinazione n. 3687/2014, previa acquisizione della suddetta dichiarazione;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore a “Sviluppo delle risorse umane e organizzazione. Cooperazione allo sviluppo. Progetto giovani. Pari opportunità”, Donatella Bortolazzi, dell’Assessore a “Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l'immigrazione, volontariato, associazionismo e terzo settore”, Teresa Marzocchi e dell’Assessore a “Politiche per la salute”, Carlo Lusenti;

A voti unanimi e segreti

delibera: 

1) di modificare le declaratorie delle Direzioni generali centrali Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021) e Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica (codice D0000022) dal 01/08/2014, come riportato nell’allegato A, parte integrante e sostanziale del presente atto;

2) d’istituire il Servizio Pianificazione finanziaria e controlli (codice 00000468) presso la Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio (codice D0000021), dal 01/08/2014, a cui sono assegnate le competenze definite nella declaratoria riportata nell’Allegato B, parte integrante e sostanziale del
presente atto;

3) di aggiornare la denominazione e la declaratoria del Servizio Approvvigionamenti, centri operativi, controllo di gestione (codice 00000434), dal 01/08/2014, come riportato nell’allegato B, parte integrante e sostanziale del presente atto;

4) di dare atto che i Direttori generali alle Risorse finanziarie e patrimonio e all’Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica provvederanno, con propri atti, agli eventuali adeguamenti organizzativi e di allocazione delle risorse umane e finanziarie, conseguenti a quanto disposto ai punti precedenti;

5) di sostituire, dal 01/08/2014, i punti della deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29/12/2008 come specificato nell’allegato C, che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto;

6) di demandare, ad un atto del Direttore generale all’Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica, la definizione dei criteri e delle modalità da seguire nel monitoraggio del rispetto delle procedure standard in materia di acquisizione di beni e servizi da parte delle singole Direzioni generali;

7) di stabilire che la Direzione generale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica presenti una relazione sugli esiti del monitoraggio di cui al precedente punto 6), che sarà tenuta in considerazione nella valutazione dei Direttori generali e sull’evoluzione sul processo di accentramento dei procedimenti di approvvigionamento di beni e servizi;

8) di dare atto che per la copertura delle strutture e posizioni dirigenziali si seguono i criteri definiti dalle deliberazioni della Giunta regionale n. 660/2012 e n. 1011/2014;

9) di sostituire, con efficacia dal 01/08/2014, l’allegato 1 “Disposizioni generali di carattere organizzativo”, parte integrante e sostanziale della deliberazione della Giunta regionale n. 2191 del 27/12/2010 con l’allegato D, parte integrante e sostanziale del presente atto;

10) di dare atto che, dal 01/08/2014, la Direzione generale Sanità e politiche sociali subentra alla Direzione generale centrale Risorse finanziarie e patrimonio come Direzione di riferimento per l’Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici INTERCENT-ER;

11) conseguentemente ai cambiamenti disposti ai precedenti punti 9) e 10), di demandare al Direttore generale alla Sanità e politiche sociali la sottoscrizione del vigente Accordo di Programma relativo alla regolazione dei rapporti per gli anni 2014-16 tra la Regione Emilia-Romagna ed INTERCENT-ER per lo svolgimento delle attività affidate a quest’ultima dal Capo VI e VI bis della L.R. n. 11/2004 e per quelle previste dal D. Lgs n. 163/2006, apportando le modifiche conseguenti a quanto disposto dal presente atto;

12) di precisare che la Direzione generale Sanità e politiche sociali assicura, per quanto riguarda lo svolgimento delle attività di cui al Capo VI bis della L.R. n.11/2004, il coinvolgimento della Direzione generale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica, nell’ambito delle più complessive attività per lo sviluppo della Società dell’Informazione e, in particolare, lo sviluppo delle infrastrutture abilitanti i processi di semplificazione a favore del sistema degli Enti locali, prevedendo a tal fine, nella formulazione dell’Accordo di Programma che sarà sottoscritto, apposite clausole di coordinamento;

13) di confermare la Direzione generale centrale Organizzazione, personale, sistemi informativi e telematica, quale Direzione generale di riferimento per l’Accordo di servizio con l’Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici INTERCENT-ER;

14) di dare atto che secondo quanto previsto dal D.Lgs n. 33/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella propria deliberazione n. 1621/2013, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

15) di notificare il presente atto all’Agenzia regionale per lo sviluppo dei mercati telematici INTERCENT-ER;

16) di prorogare l’incarico di Direttore dell’Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale al dott. Roberto Grilli, dal 01/10/2014 fino al termine del terzo mese successivo a quello dell’insediamento della nuova Giunta regionale;

17) di stabilire che la proroga dell’incarico di cui al precedente punto 16) sia condizionata sospensivamente all’acquisizione della dichiarazione di assenza d’interessi finanziari e conflitti di interessi, di cause di inconferibilità e incompatibilità ai sensi del DPR 62/2013, D.Lgs. 39/2013, DGR n. 783/2013 e Art. 35 bis D.Lgs. n. 165/2001, che dovrà avvenire in occasione dell’istruttoria volta alla proroga del distacco di cui al successivo punto 18);

18) di autorizzare il Direttore generale competente a disporre la proroga del distacco del dott. Roberto Grilli per la durata della proroga dell’incarico di cui al precedente punto 17), alle attuali condizioni definite nella determinazione n. 3687/2014, previa acquisizione della dichiarazione sull’assenza di cause di inconferibilità e incompatibilità ai sensi del DPR 62/2013, D.Lgs. 39/2013, DGR n. 783/2013 e Art. 35 bis D.Lgs. n. 165/2001.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it