E-R | BUR

n.192 del 02.07.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. 15/07, art. 4 c. 4: approvazione modifiche alla DGR 946/08 relativa agli indirizzi per la concessione dei prestiti finanziati con risorse di cui all'art. 4 commi 99 e 100 della Legge 350/03

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 

Visti: 

- l’art. 4 della Legge 24 dicembre 2003, n. 350, (Legge Finanziaria 2004) ed in particolare il comma 99, che prevede la concessione di prestiti fiduciari per il finanziamento degli studi agli studenti capaci e meritevoli iscritti ai corsi di cui al decreto del Ministro dell’Università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n.509, ed il comma 100, che prevede l’istituzione di un apposito fondo, con dotazione, definita nel successivo comma 102, per l’anno 2004, pari a Euro 10.000.000,00, finalizzato alla costituzione di garanzie sul rimborso di prestiti fiduciari nonché alla corresponsione agli studenti capaci e meritevoli privi di mezzi, di contributi in conto interessi per il rimborso dei predetti prestiti, concessi dalle banche o da intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale previsto dall’articolo 107 del testo unico 385/93;

- la legge 14 maggio 2005, n.80 recante “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 marzo 2005, n.35, recante “Disposizioni urgenti nell’ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale. Deleghe al Governo per la modifica del codice di procedura civile in materia di processo di cassazione e di arbitrato nonché per la riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali ” ed in particolare l’art.6, comma 7 nel quale è stabilito che il fondo di garanzia di cui all’art. 4 comma 100 della legge 350/03 sia ripartito tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano con decreto del Mi.U.R. sulla base di criteri e di indirizzi definiti d’intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano;

- i Decreti Mi.U.R. n. 53 del 3 novembre 2005, con il quale sono definiti i criteri di riparto del Fondo di cui all’art.4 comma 100 della Legge 350/03, pari ad Euro 10.000.000,00, e n. 67 del 15 dicembre 2005, con il quale viene ripartito il Fondo per la concessione dei prestiti fiduciari tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, assegnando alla Regione Emilia-Romagna la quota di Euro 914.065,37; 

Richiamata la legge regionale 15/07 “Sistema regionale integrato di interventi e servizi per il diritto allo studio universitario e l’alta formazione”, ed in particolare: 

- l’articolo 4 “Programmazione regionale”, comma 4 lettere b), c) e d), secondo cui la Giunta regionale, previo parere della commissione assembleare competente, approva i criteri per la determinazione da parte dell’Azienda regionale per il diritto agli studi superiori (di seguito ER.GO) dei requisiti per l’accesso e la fruizione degli interventi e dei servizi attribuibili per concorso, con particolare riferimento ai requisiti di reddito e di merito, i limiti minimi e massimi entro i quali sono fissati gli importi dei sostegni economici, nonché i criteri per perseguire un sostanziale equilibrio nell’attribuzione di servizi ed interventi di sostegno economico;

- l’articolo 11 commi 1 e 3, secondo i quali si prevede la concessione di prestiti;

- l’articolo 19 “Azienda regionale per il diritto agli studi superiori”, comma 2, lett. a), secondo cui l’Azienda provvede, tra l’altro, a definire annualmente, sulla base di quanto stabilito dalla Giunta regionale ai sensi dell’articolo 4, comma 4, della L.R. 15/07, i requisiti per l’accesso ai servizi e agli interventi e il sistema tariffario riferito ai diversi servizi e ad approvare i relativi bandi di concorso; 

 Richiamata la propria deliberazione 946/08 con cui, tra l’altro, si approvano gli “Indirizzi per la concessione dei prestiti, per l’a.a. 2008/09, di cui all’art. 11 della L.R. 15/07”, contenuti nell’Allegato 2, parte integrante della medesima deliberazione e si assegna a ER.GO il finanziamento nazionale pari a euro 914.065,36 destinato alla concessione dei prestiti secondo le modalità contenute nei medesimi indirizzi e trasferito alla Regione ai sensi dell’art. 4 commi 99 e 100 della Legge 24 dicembre 2003, n. 350; 

Richiamata la deliberazione n. 73 del 17/04/12 dell’Assemblea Legislativa che approva il piano regionale degli interventi e dei servizi ai sensi dell’art. 4 della L.R. 15/07 relativo al triennio accademico 2012-2014; 

Richiamati gli obiettivi prioritari contenuti nella sopracitata programmazione e in particolare, con riguardo agli interventi di sostegno economico, la priorità del raggiungimento della più ampia copertura degli studenti idonei alle borse di studio, da perseguire attraverso l’ottimale utilizzo di tutti gli strumenti finanziari disponibili; 

Visto il decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 68 “Revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio e valorizzazione dei collegi universitari legalmente riconosciuti, in attuazione della delega prevista dall’art. 5, comma 1, lettere a), secondo periodo, e d), della legge 30 dicembre 2010, n. 240 e secondo i principi e i criteri direttivi stabiliti al comma 3, lettere f), e al comma 6”; 

Visto in particolare l’art. 18, comma 6, del citato DLgs 68/12 che stabilisce che, al fine della razionalizzazione dell’uso delle risorse disponibili, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono autorizzate a destinare alle borse di studio le residue risorse di cui all’articolo 4, commi 99 e 100, della legge 24 dicembre 2003, n. 350; 

Preso atto della relazione – acquisita agli atti del competente servizio regionale – inviata in data 27/5/14 da ER.GO che contiene gli esiti relativi ai prestiti concessi e finanziati con le risorse assegnate con la sopracitata propria deliberazione n. 946/08 e nella quale viene determinata in circa 200.000,00 euro l’attuale quantificazione delle somme residue, in considerazione delle somme destinate ai prestiti già concessi e alla costituzione delle garanzie previste per i bandi di concorso attuali e di prossima pubblicazione; 

Valutato opportuno, in applicazione del sopracitato art. 18, c. 6, del DLgs 68/12 e al fine di realizzare l’ottimale utilizzo di tutte le risorse finanziarie disponibili per raggiungere l’obiettivo prioritario della più ampia copertura degli studenti idonei alle borse di studio, approvare, ai sensi della L.R. 15/07 art. 4 c.4, la modifica agli indirizzi per la concessione dei prestiti di cui all’Allegato 2 parte integrante della propria deliberazione n. 946/08, autorizzando ER.GO a destinare al finanziamento delle borse di studio tutte le residue risorse già assegnate per la concessione dei prestiti, di cui all’art.4 commi 99 e 100 della legge 350/2003; 

Vista la legge 13 agosto 2010, 136 “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e succ. mod.; 

Viste altresì:

- la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011 n. 4 in materia di tracciabilità finanziaria ex art. 3, legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche;

- il DLgs 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicita', trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

- la propria deliberazione n. 1621 dell’ 11 novembre 2013 avente per oggetto “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”;

- la propria deliberazione n. 68 del 27 gennaio 2014 “Approvazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità 2014-2016”; 

Vista la legge regionale n. 43 del 26 novembre 2001 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni;

Sentita in data 05/06/14 la Consulta regionale degli studenti, ai sensi dell’art. 6, c. 5, della L.R. 15/07;

Informata in data 05/06/14 la Conferenza Regione-Università, di cui all’art. 53 della L.R. 24 marzo 2004, n. 6;

Acquisito il parere della Commissione assembleare competente “Turismo Cultura Scuola Formazione Lavoro Sport”, ai sensi dell’art. 4, comma 4 della L.R. n. 15/07, espresso in data 11/06/2014; 

Richiamate le proprie deliberazioni 1057/06, 1663/06, 2060/10, 1377/10 così come rettificata dalla deliberazione 1950/10, 1222/11, 1642/11 e 221/12;

Richiamata inoltre la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008, recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e succ. mod.;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore competente per materia; 

A voti unanimi e palesi

delibera: 

per le motivazioni espresse in premessa e che qui si inten­dono integralmente riportate: 

1) di approvare, ai sensi dell’art.4, c. 4, della L.R. 15/07, in applicazione dell’art. 18, c. 6, del DLgs 68/12 e al fine di realizzare l’ottimale utilizzo di tutte le risorse finanziarie disponibili per raggiungere l’obiettivo prioritario della più ampia copertura degli studenti idonei alle borse di studio, la modifica agli indirizzi per la concessione dei prestiti di cui all’Allegato 2 parte integrante della propria deliberazione 946/08, come specificata al successivo punto 2);

2) di autorizzare ER.GO a destinare al finanziamento delle borse di studio la somma residua di cui all’art.4 commi 99 e 100 della legge 350/03, attualmente quantificata da ER.GO in circa Euro 200.000,00 assegnata per la concessione dei prestiti con propria deliberazione n. 946/08, nonché le eventuali ulteriori somme residue che si renderanno disponibili;

3) di dare atto che, secondo quanto previsto dall’art. 26, comma 1, del D.Lgs. n. 33/2013, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nelle proprie deliberazioni 1621/13 e 68/14, il presente atto è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi previsti;

4) di disporre la pubblicazione del presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico (BURERT).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it