E-R | BUR

n.161 del 09.06.2017 (Parte Seconda)

XHTML preview

Specifiche in merito alla attuazione delle operazioni approvate con DGR n. 2243 del 28/12/2015

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamata la propria deliberazione n. 1670 del 2/11/2015 recante “Approvazione dell'"Invito a presentare operazioni PO FSE 2014/2020 obiettivo tematico 8 - priorità di investimento 8.1 accesso all'occupazione per le persone in cerca di lavoro e inattive”;

Dato atto che nel suddetto Invito, Allegato 1), parte integrante e sostanziale della sopra richiamata deliberazione n.1670/2015, al punto J) si indicava che le operazioni finanziate mediante il suddetto Invito dovevano concludersi entro il 31/12/2016;

Vista la propria deliberazione n. 2243 del 28/12/2015 recante “Approvazione operazioni - PO FSE 2014/2020 obiettivo tematico 8 - priorità di investimento 8.1 accesso all'occupazione per le persone in cerca di lavoro e inattive - presentate a valere sull'Invito di cui all'Allegato 1 della D.G.R. n. 1670/2015”, con la quale:

- sono state approvate n. 9 operazioni, elencate nell'Allegato 2 parte integrante e sostanziale del suddetto atto, dal costo complessivo di Euro 9.998.730,42, per un finanziamento pubblico di pari importo;

- si è previsto che con successivo proprio provvedimento, ai sensi della L.R. n. 40/2001 ed in applicazione della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm.ii, si sarebbe provveduto al finanziamento delle operazioni per il costo complessivo di Euro 9.998.730,42 e un contributo pubblico di pari importo con le risorse di cui al Programma Operativo FSE 2014/2020 Obiettivo Tematico 8. - Priorità 8.1;

Vista la propria deliberazione n. 549 del 18 aprile 2016“Finanziamento delle operazioni presentate a valere sull'Invito di cui all'allegato 1) della DGR n. 1670/2015 e approvate con D.G.R. n. 2243 del 28/12/2015 – Accertamento Entrate”, con la quale:

- si è proceduto al finanziamento delle n.9 operazioni approvate con la propria citata deliberazione n. 2243/2015 per un costo complessivo di Euro 9.998.730,42 e per un finanziamento pubblico di pari importo di cui alle risorse del Fondo Sociale Europeo 2014/2020, obiettivo tematico 8 - priorità di investimento 8.1;

- si è previsto che ogni variazione – di natura non finanziaria - rispetto agli elementi caratteristici delle operazioni approvate deve essere motivata e anticipatamente richiesta, ai fini della necessaria autorizzazione, al Servizio Lavoro, pena la non riconoscibilità della spesa;

- si è dato atto che, come previsto con l'Invito approvato con propria delibera n. 1670/2015, lett. J, le attività di cui alla spesa oggetto del suddetto atto, sono da svolgersi nel 2016;

Vista altresì la propria deliberazione n. 2140 del 05 dicembre 2016 “Autorizzazione alla proroga della conclusione delle operazioni approvate con D.G.R. n. 2243 del 28/12/2015”, che proroga al 30/6/2017 la conclusione delle operazioni elencate nell'allegato 1) “Elenco operazioni approvate e finanziabili in attuazione della delibera di Giunta regionale n. 2243/2015” parte integrante e sostanziale della propria deliberazione n. 549/2016;

Visto in particolare che le operazioni approvate in risposta al sopra citato Invito di cui all’allegato 1) parte integrante e sostanziale della propria deliberazione n. 1670 del 2/11/2015:

-­ sono articolate in progetti finalizzati a rendere disponibili alle persone percorsi individualizzati definiti in attuazione di quanto previsto dal Patto di servizio;

-­ la durata e i tempi di realizzazione e conclusione dei singoli percorsi individualizzati dipendono dal momento della effettiva presa in carico da parte dei servizi pubblici competenti, dalla complessità e articolazione in misure del patto di servizio;

-­ tra le misure previste è compreso anche il servizio di accompagnamento al lavoro per l’attivazione di un rapporto di lavoro articolato nelle differenti fasi di scouting delle opportunità occupazionali, promozione dei profili, delle competenze e della professionalità presso le imprese, preselezione e accompagnamento nella prima fase di inserimento lavorativo che necessariamente è attivabile solo al termine dell’erogazione delle azioni orientative e formative;

Dato atto che si rende necessario garantire a tutte le persone che hanno avviato il proprio percorso individuale il completamento dello stesso nel rispetto di quanto previsto dal patto di servizio indipendentemente dal momento di avvio dello stesso e della complessità e durate delle singole misure nel quale lo stesso si articola;

Valutato pertanto per quanto sopra stabilire che la data del 30/6/2017 di cui alla propria sopra citata deliberazione n.2140/2016 debba essere considerata come data di conclusione dell’avvio di nuovi percorsi alle persone fermo restano pertanto che i soggetti attuatori dovranno garantire a tutte le persone la conclusione dei percorsi individualizzati attivati così come definiti nel patto di servizio;

Ritenuto inoltre di prevedere che il Responsabile del Servizio Attuazione degli interventi e delle politiche per l’istruzione, la formazione e il lavoro provvederà a comunicare quanto sopra definito ai soggetti attuatori titolari delle operazioni elencate nell'allegato 1) “Elenco operazioni approvate e finanziabili in attuazione della delibera di Giunta regionale n. 2243/2015” parte integrante e sostanziale della propria sopra citata deliberazione n. 549/2016;

Richiamati:

- il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 "Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni" e ss.mm.ii;

- la propria deliberazione n. 89 del 30/1/2017 "Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2017 - 2019";

- la propria deliberazione n. 486/2017 “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del Piano Triennale di prevenzione della Corruzione 2017-2019”;

Visto il Decreto Legislativo 23 giugno 2011, n. 118 ad oggetto “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli Enti Locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 Maggio 2009 n.42” e ss.mm.ii.”; 

Richiamate inoltre le Leggi regionali:

- n.40/2001 recante "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n.4" per quanto applicabile;

- n.43/2001 recante "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e ss.mm.ii;

- n.25/2016 recante "Disposizioni collegate alla legge finanziaria per il 2017";

- n.26/2016 recante "Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2017-2019 (legge di stabilità regionale 2017)";

n.27/2016 recante "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019";

Richiamata la propria deliberazione n. 2338/2016 recante "Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019";

Viste le proprie deliberazioni:

- n.2416/2008 "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007" e ss.mm.ii, per quanto applicabile;

- n. 468/2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n.56/2016 "Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale dell'art.43 della L.R.43/2001";

- n.270/2016 "Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

- n.622/2016 "Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

- n.1107/2016 "Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015";

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

 A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

  1. di stabilire che la data del 30/6/2017 di cui alla propria sopra citata deliberazione n. 2140/2016 debba essere considerata come data di conclusione dell’avvio di nuovi percorsi alle persone fermo restano pertanto che i soggetti attuatori dovranno garantire a tutte le persone la conclusione dei percorsi individualizzati attivati così come definiti nel patto di servizio;
  2. di prevedere che il Responsabile del Servizio Attuazione degli interventi e delle politiche per l’istruzione, la formazione e il lavoro provvederà a comunicare quanto stabilito al punto 1. che precede ai soggetti attuatori titolari delle operazioni elencate nell'allegato 1) “Elenco operazioni approvate e finanziabili in attuazione della delibera di Giunta regionale n. 2243/2015” parte integrante e sostanziale della propria sopra citata deliberazione n. 549/2016;
  3. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;
  4. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it