E-R | BUR

n.157 del 26.05.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

DGR n. 1759/2020. Approvazione del Programma degli interventi di pulizia dei fiumi presentato dall'Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile

IL DIRETTORE GENERALE

Richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 1759 del 30 novembre 2020, esecutiva ai sensi di legge, con cui si è provveduto a trasferire a favore dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile la somma di € 1.000.000,00 per la realizzazione di un Programma di interventi di pulizia dei fiumi, in attuazione dei tematismi ambientali e delle esigenze territoriali del Piano di Azione Ambientale vigente, confermate con Delibera di Assemblea Legislativa n. 46/2011, nell’ambito dell’obiettivo strategico 1 “Prevenzione della produzione di rifiuti e potenziamento della raccolta differenziata” nonché dell’art. 8, commi 1 e 2, della L.R. 30/2019;

Dato atto che nella citata DGR n. 1759/2020 si precisava che gli interventi da includere nel suddetto Programma, individuati dall’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile:

- avrebbero dovuto necessariamente includere le seguenti azioni:

a) raccolta, trasporto ed avvio, preferibilmente, ad operazioni di recupero dei rifiuti presenti in alveo ivi incluse le operazioni di pulizia spondali;

b) installazione di sistemi anti marine-litter finalizzati ad intercettare i rifiuti in plastica nei corsi d’acqua oggetto di intervento;

- avrebbero dovuto essere realizzati prioritariamente nei fiumi di competenza regionale, in prossimità della costa e del delta del Po al fine di massimizzare la riduzione della dispersione dei rifiuti plastici in ambiente marino;

Preso atto che:

- l’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile con nota prot. n. 18187 del 30 marzo 2021, acquisita agli atti del Servizio regionale competente con il Port. n. PG.2021.0284471 del 30 marzo 2021, ha trasmesso il Programma degli interventi di pulizia dei fiumi in attuazione di quanto disposto dalla citata DGR n. 1759/2020;

- il suddetto Programma prevede le seguenti misure:

a) Raccolta e rimozione rifiuti/materiali depositati o in situ, il cui obiettivo è prevenire che i rifiuti abbandonati o depositati sulle sponde possano essere trasportati dalle acque di piena e quindi divenire flottanti con le conseguenti difficoltà di raccolta e soprattutto di separazione delle diverse matrici. Questa azione consentirebbe dunque di avviare i rifiuti raccolti alle corrette forme di recupero;

b) Sistemi di intercettazione materiali flottanti con particolare riferimento ai rifiuti plastici, il cui obiettivo è di intercettare i materiali fluttuanti durante gli eventi di piena in modo da “bloccarli” in un unico punto, evitando così che essi possano depositarsi in più punti diversi. Ciò agevolerebbe anche le modalità di prelievo e dunque la differenziazione in loco dei rifiuti ai fini dell’avvio alle corrette modalità di gestione (recupero o smaltimento a seconda delle caratteristiche). Nello specifico, in base alle caratteristiche dei punti individuati, si prevede di utilizzare sistemi fissi (nei corsi d’acqua minori) o sistemi mobili galleggianti nei sostegni in prossimità del fiume Po.

- gli interventi inclusi nel Programma concernono, come meglio dettagliato nel programma stesso:

1) i corsi d’acqua di pedecollina-pianura negli ambiti di Modena, Reggio Emilia e Piacenza, per quanto riguarda l’area emiliana afferente al bacino del fiume Po;

2) gli ambiti di Ferrara, Ravenna e Forlì – Cesena, per quanto riguarda l’area della Romagna;

Ritenuto pertanto che il Programma di interventi di pulizia dei fiumi presentato dall’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile sia coerente con quanto prescritto dalla citata DGR n. 1759/2020 e si possa procedere dunque alla sua approvazione con il presente provvedimento, cui è allegato quale parte integrante e sostanziale;

Visti:

- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 recante “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”, per quanto applicabile;

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 recante “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss. mm. ii.;

- la propria deliberazione 29 dicembre 2008, n. 2416 avente per oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss. mm. ii.;

- il D. Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss. mm. ii.;

- il Decreto Legislativo 25 maggio 2016, n. 97 “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell'articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”, in particolare il comma 1 dell'art. 42;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 111 del 28 gennaio 2021 avente per oggetto: “Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza. Anni 2021–2023”;

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale n. 468 del 10 aprile 2017 e 2018 del 28 dicembre 2020;

Viste le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Attestato che il sottoscritto dirigente, responsabile del procedimento, non si trova in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto;

determina

1) di approvare il Programma di interventi di pulizia dei fiumi, presentato dall’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile in attuazione della DGR n. 1759/2020, allegato quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

2) di confermare che alla liquidazione delle risorse finanziarie di cui alla DGR n. 1759/2020 provvederà, con propri atti formali, il Responsabile del Servizio regionale Giuridico dell’ambiente, rifiuti, bonifica siti contaminati e servizi pubblici ambientali, ai sensi della normativa contabile vigente e della deliberazione della Giunta regionale n. 2416/2008 e ss. mm. ii., in un un’unica soluzione a seguito dell’approvazione del Programma in oggetto;

3) di stabilire che l’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile:

- dovrà preventivamente comunicare alla Direzione Generale Cura del territorio e dell’ambiente ogni modifica riguardante gli interventi inclusi nel suddetto Programma, in particolare l’eventuale aggiornamento della distribuzione delle risorse trasferite in base alle effettive esigenze riscontrate ed accertate in fase di progettazione definitiva-esecutiva degli interventi stessi;

- dovrà trasmettere alla Direzione generale Cura del territorio e dell’ambiente, con riferimento al termine stimato di 18 mesi per la realizzazione degli interventi inclusi nel suddetto Programma, una relazione semestrale sullo stato di attuazione del Programma nel suo complesso;

- dovrà trasmettere alla Direzione generale Cura del territorio e dell’ambiente, per ogni intervento concluso ricompreso nel suddetto Programma, una relazione finale circa i rifiuti raccolti, i costi sostenuti ed i benefici conseguiti;

4) di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa; 

5) di trasmettere il presente provvedimento al Direttore Generale dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione civile;

6) di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale Regionale Telematico.

Il Direttore Generale

Paolo Ferrecchi

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it