E-R | BUR

n.260 del 29.09.2017 (Parte Seconda)

XHTML preview

POR-FESR 2014-2020 Asse 5 Azioni 6.6.2. e 6.7.2. - Approvazione delle modalità per la presentazione dei progetti di promozione

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- la comunicazione della Commissione Europea COM (2010) 2020 “Europa 2020: una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva” adottata dalla Commissione Europea nel marzo 2010 e dal Consiglio Europeo il 17 luglio 2010 per uscire dalla crisi e per preparare l’economia del XXI secolo;

- il Regolamento n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel quadro strategico comune e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, relativo al periodo della nuova programmazione 2014-2020 che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 ed in particolare l'art.123 paragrafo 6;

- la Decisione di Esecuzione C(2015) 928 del 12/2/2015 della Commissione Europea che ha approvato il Programma Operativo Regionale (in seguito POR FESR) 2014/2020 dell’Emilia-Romagna nel suo testo definitivo;

- la propria deliberazione n. 179 del 27/2/2015 recante “Presa d'atto del Programma Operativo FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e nomina dell’autorità di gestione”;

- l’Accordo di Partenariato approvato dalla Commissione Europea con decisione C(2014) 8021 del 29/10/2014;

Considerato che:

- il POR FESR 2014/2020 dell’Emilia-Romagna risulta costituito da 6 Assi prioritari che costituiscono la struttura operativa sulla quale si basa il raggiungimento degli obiettivi strategici e specifici individuati;

- l’Asse 5 persegue l’obiettivo specifico di valorizzare le risorse artistiche, culturali e ambientali della regione per contribuire al rafforzamento strutturale del sistema economico regionale;

Considerato altresì che la competitività sui mercati internazionali si gioca sempre più sulla competitività dei sistemi territoriali e necessita quindi di un approccio di area vasta nelle politiche territoriali, anche per quanto concerne le attività di sostegno e diffusione della conoscenza del patrimonio ambientale e culturale;

Ritenuto pertanto strategico superare una visione frammentata degli interventi al fine di migliorare, attraverso la valorizzazione sistemica e integrata di risorse e competenze territoriali, le condizioni di offerta e il sostegno alla fruizione del patrimonio nelle aree di attrazione culturale e/o naturale di rilevanza strategica, tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo, in una logica di marketing strategico che utilizzi prioritariamente le nuove tecnologie ICT per arrivare alla costruzione di una offerta integrata di servizi a carattere materiale e immateriale;

Dato atto che:

- il Comitato di Sorveglianza del POR FESR 2014-2020 ha approvato nella prima sessione del 31 marzo 2015 i Criteri di selezione delle operazioni relative alle singole attività di ogni Asse del POR FESR 2014/2020 integrati con procedura scritta dell’11 giugno 2015 e con decisione del comitato di sorveglianza del 28 gennaio 2016;

- in particolare, per l’Asse 5, sono state individuate le seguenti attività:

- 6.6.1 Interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale di rilevanza strategica (aree protette in ambito terrestre e marino, paesaggi tutelati) tali da consolidare e promuovere processi di sviluppo;

- 6.6.2 Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio naturale attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi e l’utilizzo di tecnologie avanzate;

- 6.7.1 Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica, tali da consolidare e promuovere processi di sviluppo;

- 6.7.2 Sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, attraverso la creazione di servizi e/o sistemi innovativi e l’utilizzo di tecnologie avanzate;

- 6.8.3 Sostegno alla fruizione integrata delle risorse culturali e naturali e alla promozione delle destinazioni turistiche;

Per le succitate attività sono stati individuati i Criteri di ammissibilità sostanziale, i Criteri di valutazione e i Criteri di priorità;

Dato atto che con delibera n. 1737/2016, concernente: “POR-FERS 2014-2020 - ASSE 5- MISURE 6.6.1, 6.7.1 RECEPEMENTO DELLE GRADUATORIE APPROVATE DA PARTE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE. APPRVAZIONE GRADUATORIA DI FINANZIAMENTO DEI PROGETTI AZIONI 6.6.1. 6.7.1. DELEGA AL DIRIGENTE PER LA CONCESSIONE E IMPEGNO DELLE RISORSE. APPROVAZIONE SCHEMI DI CONVENZIONI”, sono state approvate le graduatorie relative alle attività 6.6.1 e 6.7.1, e con atto dirigenziale n. 18155 del 24 novembre 2016, sono stati finanziati 5 progetti relativamente alla attività 6.6.1 e 18 progetti relativamente alla attività 6.7.1;

Considerato che le azioni 6.6.2 e 6.7.2 sono finalizzate alla realizzazione di attività di promozione rivolte alla valorizzazione, alla conoscenza ed alla fruizione dei beni ambientali e culturali riguardanti i progetti selezionati con deliberazione n. 1737/2016 e finanziati con atto dirigenziale n. 18155/2016, e che pertanto si ritiene di approvare anche le modalità di presentazione dei progetti di attuazione di tali azioni;

Ritenuto pertanto opportuno approvare le modalità per la presentazione dei progetti di promozione in attuazione delle azioni di sostegno alla diffusione della conoscenza e alla fruizione del patrimonio di qualificazione del patrimonio naturale (azione 6.6.2) e del patrimonio culturale, materiale e immateriale (azione 6.7.2), di cui all’allegato 1 alla presente deliberazione;

Considerato, inoltre, che la procedura oggetto del presente atto avrà validità per l’intero periodo 2017-2022, subordinata alle effettive risorse disponibili, dando atto che per l’anno 2017 sono stanziate risorse per un ammontare complessivo di euro 124.681,84;

Valutato di rimandare ad un successivo atto del dirigente competente l'approvazione degli schemi per la presentazione delle istanze;

Viste:

  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche;
  • la L.R. 15 novembre 2001 n. 40;
  • la propria deliberazione n. 468 del 10 aprile 2017 “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna;
  • l’art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 26 “Disposizioni per la formazione del Bilancio di previsione 2017-2019 (Legge di stabilità regionale 2017)” e succ.mod.;
  • la L.R. 23 dicembre 2016, n. 27 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019” e succ.mod.;
  • la propria deliberazione n. 2338 del 21 dicembre 2016 “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del Bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017–2019” e ss.mm.;
  • la L.R. n. 18 dell’1 agosto 2017 “Disposizioni collegate alla legge di assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;
  • la L.R. n. 19 dell’1 agosto 2017: “Assestamento e prima variazione generale al bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2017-2019”;
  • il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e successive modificazioni;
  • la propria deliberazione n. 89 del 30 gennaio 2017 “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;
  • la propria deliberazione n. 486 del 10 aprile 2017 concernente “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D. Lgs. n. 33 del 2013. In attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;
  • le proprie deliberazioni n. 56/2016, n. 270/2016, n. 622/2016, n. 702/2016, n. 1107/2016, n. 1949/2016, n. 477/2017 e n. 975/2017;
  • e la propria deliberazione n. 2416 del 29/12/2008, avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e succ. mod., per quanto applicabile;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore Regionale Turismo.Commercio

A voti unanimi e palesi

delibera

1) di approvare l’Allegato 1) parte integrante del presente atto “POR-FESR EMILIA-ROMAGNA 2014-2020 - ASSE 5 - Valorizzazione delle risorse artistiche, culturali ed ambientali. Sostegno alla diffusione della conoscenza e della fruizione del patrimonio culturale e ambientale. Modalità per la presentazione dei progetti di promozione nell’ambito delle azioni 6.6.2. e 6.7.2”;

2) di dare atto che il dirigente regionale competente per materia provvederà, con propri atti formali, all'approvazione degli schemi per la presentazione delle istanze;

3) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna (BURERT);

4) di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa;

5) di rendere pubblico infine il presente atto deliberativo sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it