E-R | BUR

n.328 del 30.09.2020 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Decreto 30 dicembre 2015 Ministero delle Politiche Agricole e Forestali - Anomala situazione meteorologica, maggiorazione delle attribuzioni di carburante agevolato per uso agricolo - Anno 2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 e successive modifiche, che approva il "Testo Unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative", ed in particolare l’art. 24, nonché il punto 5, della tabella A allegata a tali disposizioni, che prevedono l’esenzione o l’applicazione di aliquote ridotte di accisa per taluni oli minerali impiegati in lavori agricoli, orticoli, in allevamento, nella silvicoltura e piscicoltura e nella florovivaistica;

- la Legge 23 dicembre 1996, n. 662 ed in particolare il comma 126 dell’art. 2, il quale prevede che il Ministero delle Risorse Agricole e Forestali - ora Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - determini i consumi medi dei prodotti petroliferi per l’agricoltura, nonché il comma 127 dello stesso articolo, che prevede l’applicazione di una specifica aliquota ridotta di accisa per il gasolio utilizzato per il riscaldamento delle serre adibite a colture florovivaistiche;

- il Decreto Legge 15 febbraio 2000, n. 21, convertito in Legge 14 aprile 2000 n. 92, ed in particolare l’art. 1 comma 4, il quale prevede, tra l’altro, che detti consumi medi siano definiti con decreto del Ministero competente in materia di agricoltura;

- il Decreto 30 dicembre 2015 del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, ed in particolare:

- l’art. 1, nel quale sono determinati i consumi medi dei prodotti petroliferi da ammettere all’impiego agevolato in agricoltura previsti nell’allegato 1 del citato D.M.;

- l'art. 2, comma 2 lettera b), che ha dato facoltà alle Regioni di concedere ulteriori maggiorazioni alle assegnazioni dell’anno in corso al verificarsi di circostanze transitorie entro la misura massima del 100%;

- la propria deliberazione n. 2364 del 21 dicembre 2016 “D.M. 30 dicembre 2016 art. 1 e 2 - Modifiche integrazioni e maggiorazioni alle tabelle dei consumi medi dei prodotti petroliferi impiegati in lavori agricoli. Aggiornamento tabelle di cui alla deliberazione n. 957/2016;

- la propria deliberazione n. 284 del 13 marzo 2017 “D.M. 454/2001 modalità operative per il rilascio dell’assegnazione di carburante agricolo e per l’esecuzione dei controlli da parte dell’amministrazione regionale e attuazione della deliberazione n. 957/2016 in merito all’attività di assegnazione provvisoria da parte dei CAA”;

Considerato che le temperature registrate durante il primo semestre 2020 in Emilia-Romagna sono state caratterizzate da anomalie termiche, con periodi caldi che hanno prevalso nettamente rispetto a quelli più freddi del normale, in particolare fino alla fine di marzo 2020 l’indice termico in rapida crescita ha determinato fortissime alternanze di periodi caldi interrotti da intense gelate tardive;

Considerato, altresì, che:

- le precipitazioni da inizio anno restano inferiori alla norma, dal 1° gennaio al 30 giugno 2020 sono prossime a 330 mm rispetto ai circa 470 mm attesi, e sono stimate tra le più basse dal 1961, assieme a quelle registrate nel 2017, 2012, 2006, 2003, 2000 e nel 1993;

- l’intenso deficit pluviometrico comprende le aree centro-orientali della Regione, in particolare la siccità idrologica perdura nelle aree collinari e montane della Romagna;

- la persistente mancanza di precipitazioni significative, in concomitanza con l’aumento dell’evaporazione di acqua dai terreni, favorita dall’innalzamento delle temperature e della ventosità, determina forti stress idrici alle produzioni agricole;

- le lavorazioni di affinamento del suolo, durante la preparazione dei letti di semina, si sono intensificate per sminuzzare la crosta superficiale del suolo, assicurare un minimo livello di umidità e tessitura del terreno ed effettuare la successiva fase di semina delle colture;

- le colture irrigue della Regione hanno richiesto prolungati turni di irrigazione che, se non praticati, avrebbero compromesso l'esito del raccolto;

- le particolari condizioni climatiche (deficit pluviometrico, incremento delle temperature e repentini sbalzi termici) hanno favorito l’insorgenza d’ infezioni e di patogeni determinando l’aumento dei trattamenti fitosanitari necessari per la difesa delle produzioni agricole;

Accertato inoltre che:

- per eseguire i suddetti interventi sono stati utilizzati i quantitativi di prodotti petroliferi precedentemente richiesti per l'esecuzione delle operazioni colturali autunnali;

- avendo acquistato tutti i quantitativi di carburante assegnato, gli operatori sono impossibilitati alla normale prosecuzione delle operazioni colturali;

Considerata la richiesta congiunta pervenuta da alcune Associazioni Professionali Agricole Prot. 08/09/2020.0581703 “Richiesta maggioranza delle attribuzioni di carburante per uso agricolo causa andamento climatico anomalo”, successivamente integrata con comunicazione Prot. 11/09/2020.0593862;

Richiamata la facoltà che il citato D.M. 30 dicembre 2015 attribuisce alle Regioni di disporre motivate maggiorazioni delle attribuzioni per altre particolari condizioni presenti sul proprio territorio, ed in particolare l'art. 2, comma 2, lett. b);

Considerato che la propria deliberazione n. 284/2017, concede la possibilità, a fronte dell’assegnazione provvisoria richiesta, di presentare la domanda di assegnazione definitiva entro il 10 ottobre di ciascun anno;

Valutato opportuno:

- allineare la data per la richiesta della maggiorazione a quella di presentazione della domanda di assegnazione definitiva per coloro che hanno richiesto l’assegnazione provvisoria;

- differire al 30 ottobre il termine per la presentazione della domanda di assegnazione definitiva, contestualmente alla richiesta di maggiorazione;

Ritenuto pertanto necessario, per le motivazioni di cui sopra:

- maggiorare le assegnazioni per le lavorazioni di affinamento dei letti di semina, l’irrigazione ed i trattamenti fitosanitari relativi alle colture effettuate e già dichiarate entro il 30 giugno 2020, con quantitativi di carburante che non superino i valori precedentemente assegnati e pertanto con maggiorazione massima del 100%;

- integrare, ai soggetti che ne facciano richiesta entro il 30 ottobre 2020, le assegnazioni di prodotti petroliferi concernenti i fabbisogni per le lavorazioni di affinamento dei letti di semina, l’ irrigazione, nonché le assegnazioni per i trattamenti fitosanitari già dichiarati con la domanda di assegnazione originaria, o con la domanda di assegnazione definitiva, presentata secondo le modalità stabilite con deliberazione n. 284/2017, ove l’assegnazione originaria sia stata esaurita in data antecedente alla presentazione della richiesta di integrazione;

Dato atto che la Direzione Generale Agricoltura, caccia e pesca renderà disponibile anche per i CAA e le Organizzazioni Professionali Agricole l'aggiornamento al programma informatizzato attualmente in uso che consente di quantificare correttamente le integrazioni disposte con la presente deliberazione;

Visti:

- il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e successive modifiche;

- la propria deliberazione n. 83 del 21 gennaio 2020 recante “Approvazione Piano triennale di prevenzione della corruzione 2020-2022”, ed in particolare l’allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2020-2022”;

Viste altresì:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare l'art. 37, comma 4;

- le seguenti proprie deliberazioni:

- n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- n. 468 del 10 aprile 2017 recante “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- n. 1059 del 3 luglio 2018 “Approvazione degli incarichi dirigenziali rinnovati e conferiti nell’ambito delle Direzioni Generali, Agenzie, e Istituti e nomina del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT), del Responsabile dell’Anagrafe per la stazione appaltante (RASA) e del Responsabile della protezione dei dati (DPO)”;

- n. 733 del 25 giugno 2020 recante “Piano dei fabbisogni di personale per il triennio 2019/2021. Proroga degli incarichi dei direttori generali e dei direttori di Agenzia e Istituto in scadenza il 30/06/2020 per consentire una valutazione d'impatto sull'organizzazione regionale del programma di mandato alla luce degli effetti dell'emergenza Covid-19. Approvazione”;

Viste inoltre le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore all’Agricoltura e agroalimentare, caccia e pesca, Alessio Mammi;

a voti unanimi e palesi

delibera

 

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono pertanto parte integrante del presente dispositivo;

2) di maggiorare le assegnazioni per le lavorazioni di affinamento dei letti di semina, l’irrigazione ed i trattamenti fitosanitari relativi alle colture effettuate e già dichiarate entro il 30 giugno 2020, con quantitativi di carburante che non superino i valori precedentemente assegnati e pertanto con maggiorazione massima del 100%;

3) di differire al 30 ottobre 2020 il termine per la presentazione della domanda di assegnazione definitiva dell’anno 2020, per le imprese che hanno richiesto l’assegnazione provvisoria sulla base di quanto disposto dalla propria deliberazione n. 284/2017;

4) di integrare, ai soggetti che ne facciano richiesta entro il 30 ottobre 2020, le assegnazioni di prodotti petroliferi concernenti i fabbisogni per le lavorazioni di affinamento dei letti di semina, l’irrigazione, nonché le assegnazioni per i trattamenti fitosanitari già dichiarati con la domanda di assegnazione originaria, ove siano stati utilizzati i quantitativi di prodotti petroliferi precedentemente richiesti in data antecedente alla presentazione della richiesta di integrazione o con la contestuale domanda di assegnazione definitiva, presentata secondo le modalità stabilite con propria deliberazione n. 284/2017;

5) di trasmettere il presente atto al Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ed all’Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola - ENAMA;

6) di dare atto, infine, che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

7) di disporre infine la pubblicazione della presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico, dando atto che il Servizio Competitività delle imprese agricole ed agroalimentari provvederà a darne la più ampia pubblicizzazione anche sul sito internet E-R Agricoltura e Pesca.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it