E-R | BUR

n.442 del 23.12.2020 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

L.R. n. 4/2016 art. 7 comma 4 - Parziale modifica delle deliberazioni di Giunta regionale n. 1452/2020 e n. 1659/2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, con la quale è stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6 “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19”;

Vista l’ordinanza contingibile e urgente n. 1, “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, firmata dal Ministro della salute e dal Presidente della Regione Emilia-Romagna il 23/2/2020;

Dato atto che in attuazione del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, con successivi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri ed Ordinanze del Presidente della Regione sono state adottate misure di sorveglianza sanitaria per contenere e mitigare la diffusione della malattia infettiva diffusiva COVID-19, provvedimenti di sospensione delle attività economiche e sociali e di limitazione della circolazione, perdurate per tutto il periodo del cd. lock-down;

Visto il decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 25 maggio 2020, n. 35, recante «Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

Visto il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74, recante «Ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19»;

Visto il decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125 “Misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19 e per la continuità operativa del sistema di allerta COVID, nonché per l'attuazione della direttiva (UE) 2020/739 del 3 giugno 2020”;

Vista la delibera del Consiglio dei Ministri del 7 ottobre 2020, con la quale è stato prorogato, fino al 31 gennaio 2021, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Dato atto che in attuazione dei decreti-legge 25 marzo 2020, n. 19 e 16 maggio 2020, n. 33, con successivi decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri ed Ordinanze del Presidente della Regione sono state adottate misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, provvedimenti di sospensione delle attività economiche e sociali e di limitazione della circolazione;

Considerata la perdurante fase emergenziale che allo stato attuale limita notevolmente o sospende le attività economiche e sociali, con particolare riferimento alle attività in ambito turistico;

Preso atto che in tale fase gli Enti locali e le imprese ravvisano criticità nella realizzazione di attività e progetti per i quali abbiano ottenuto contributi, con particolare riferimento ai progetti di promozione in corso, e possono quindi incontrare difficoltà nel rispettare i previsti termini di conclusione e rendicontazione dei progetti finanziati;

Richiamate in particolare le proprie deliberazioni n. 1452 del 26/10/2020 e n. 1659 del 16/11/2020 con le quali si è proceduto alla approvazione dei progetti speciali 2020 e alla relativa concessione dei contributi ad enti locali e al CON.AMI Consorzio Azienda Multiservizi Intercomunale, ai sensi della L.R. n. 4/16 art. 7 comma 4 ed in attuazione della propria deliberazione n. 783/2017 e s.m.i.;

Considerato che nelle predette deliberazioni sono stati, tra l’altro, stabiliti i termini per la realizzazione dei progetti e per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo regionale concesso, indicati rispettivamente nel 31/12/2020 e nel 28/2/2021;

Ritenuto di modificare le sopracitate deliberazioni n. 1452/2020 e n. 1659/2020 consentendo, su motivata richiesta dei beneficiari:

- la modifica delle attività progettuali, purché coerenti con gli obiettivi del progetto approvato;

- la proroga delle scadenze dei termini per la realizzazione e rendicontazione dei progetti, da richiedere entro il 31 dicembre 2020, come di seguito specificato:

  • termine massimo della proroga per l’ultimazione delle attività progettuali 30/04/2021;
  • termine massimo della proroga per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo regionale concesso 30/05/2021;

Visti:

- il D. Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e ss.mm.ii.;

- il D.lgs. 14/3/2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;

- la propria deliberazione n. 83 del 21/01/2020, avente ad oggetto “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza 2020-2022” ed in particolare l’allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D. Lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2020-2022”;

Vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni e integrazioni;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii.;

- n. 468/2017, n. 1059/2018 e n. 733/2020;

Vista la determinazione dirigenziale n. 2373 del 22/2/2018 “Conferimento dell’incarico dirigenziale di responsabile del Servizio "Turismo, Commercio e Sport";

Attestata la regolarità dell’istruttoria e dell’assenza di conflitti di interesse da parte del Responsabile del procedimento;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore regionale Mobilità e Trasporti, Infrastrutture, Turismo e Commercio

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa e che si intendono qui integralmente richiamate:

1. di modificare le proprie deliberazioni n. 1452/2020 e n. 1659/2020 consentendo, su motivata richiesta dei beneficiari dei contributi ivi concessi:

- la modifica delle attività progettuali, purché coerenti con gli obiettivi del progetto approvato;

- la proroga delle scadenze dei termini per la realizzazione e rendicontazione dei progetti, da richiedere entro il 31 dicembre 2020, come di seguito specificato:

  • termine massimo della proroga per l’ultimazione delle attività progettuali 30/4/2021;
  • termine massimo della proroga per la trasmissione della richiesta di liquidazione del contributo regionale concesso 30/5/2021;

2. che all’approvazione delle modifiche delle attività progettuali e alla concessione delle proroghe richieste provvederà con proprio atto il dirigente regionale competente;

3. di dare atto che la concessione dell'eventuale proroga di cui al precedente punto 1. comporterà la rivisitazione delle scritture contabili ai fini della corretta registrazione;

4. di dare atto che per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

5. di pubblicare integralmente il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it