E-R | BUR

n.222 del 21.08.2015 (Parte Seconda)

XHTML preview

Rettifiche per errore materiale alla DGR n.773/2015 "POR FESR 2014-2020. Azioni 1.1.1 e 1.1.4. Approvazione bando per progetti di ricerca e sviluppo delle imprese"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il Regolamento n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel quadro strategico comune e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, relativo al periodo della nuova programmazione 2014-2020 che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006, ed in particolare l’art.47, comma 1, in cui si stabilisce che per ciascun Programma Operativo, lo Stato membro istituisce un Comitato di Sorveglianza, entro tre mesi dalla data di notifica della decisione di approvazione del Programma Operativo medesimo;

- il Regolamento delegato (UE) n. 240/2014 della Commissione del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell’ambito dei fondi strutturali e d'investimento europei, e in particolare l’art.10 “Norme che disciplinano la composizione del comitato di sorveglianza”;

- il Programma Operativo Regionale FESR Emilia-Romagna 2014/2020,approvato con Decisione di Esecuzione della Commissione Europea C(2015) 928 del 12 febbraio 2015;

- la propria deliberazione n. 179 del 27/02/2015 recante “Presa d'atto del Programma Operativo FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e nomina dell’autorità di gestione”;

- il Decreto Legislativo n.33 del 14/03/2013 e succ. mod.;

- la DGR n. 1621/2013 recante “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33”;

- la DGR n. 68/2014 recante “Approvazione del programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014-2016”;

- la DGR n. 57/2015 recante “Programma per la trasparenza e l’integrità. Approvazione aggiornamento per il triennio 2015-2017”;

Considerato che in data 29/06/2015 è stata approvata la delibera di Giunta regionale n. 773 avente ad oggetto “POR FESR 2014-2020. Azioni 1.1.1 E 1.1.4. Approvazione bando per progetti di ricerca e sviluppo delle imprese.”

Dato atto che nel testo dell’allegato A, in particolare nel “Bando per progetti di ricerca industriale delle imprese rivolti agli ambiti prioritari della Strategia di Specializzazione Intelligente” e nel testo dell’allegato B consistente nel manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione” sono stati rilevati dei refusi ed altri meri errori materiali che possono indurre in errore i potenziali presentanti domande.

Preso atto che tali refusi ed errori materiali nell’allegato A consistono in:

  • nel par. 2.1 Caratteristiche dei progetti dopo il terzo capoverso è necessario aggiungere “I progetti dovranno prevedere la collaborazione con laboratori di ricerca come meglio indicato al par. 9.1.”;
  • nel par. 2.1 Caratteristiche dei progetti è scritto “18 mesi per la tipologia A” mentre è da intendersi “16 mesi per la tipologia A”;
  • al par. 3. Soggetti beneficiari, punto 3, è scritto “che come tali sono iscritti” mentre si deve intendere “che come tale è iscritta”;
  • al par. 4. Parametri di affidabilità delle imprese sotto il profilo economico finanziario, ipotesi A, punto 3, si legge “fatturato medio” mentre deve leggersi “fatturato”;
  • al par. 5. Spese ammissibili, sesto capoverso, è scritto “… si può utilizzare personale di un’altra azienda ma dello stesso gruppo purché tale costo…” mentre deve leggersi “…si può utilizzare personale di un’altra azienda ma dello stesso gruppo e con sede di lavoro abituale sita in Emilia-Romagna e purché tale costo…”;
  • al par. 6. Contributo regionale, al sesto capoverso è scritto “Le assunzioni di nuovi ricercatori non possono essere …” mentre si deve intendere “Le assunzioni di nuovi ricercatori, compreso il caso delle assunzioni di ricercatori previste al par. 3 per le grandi imprese, non possono essere …”;
  • al par. 6.1 Risorse e cronogramma, laddove è scritto “Azione A” e “Azione B” si deve intendere “Tipologia A” e “Tipologia B” ed anche in tutto il resto del testo;
  • al par. 8.1 Inammissibilità della domanda, al punto f) è scritto “inviate prima od oltre il termine di presentazione previsto dal bando” mentre deve intendersi “inviate oltre il termine di presentazione previsto dal bando”;
  • al par. 11. Modalità di rendicontazione ed erogazione del contributo, tipologia A punto 2, è scritto “Al 31/08/2017 dovrà presentato il saldo delle spese sostenute nel periodo 01/03/2017- 31/07/2017.” Mentre deve intendersi “Al 31/10/2017 dovrà presentato il saldo delle spese sostenute nel periodo 01/03/2017- 30/09/2017.
  • al par. 11. Modalità di rendicontazione ed erogazione del contributo, tipologia A punto 2, è scritto “Tale richiesta dovrà essere debitamente motivata e inviata ai competenti uffici regionali almeno entro il 31/05/2017.” Mentre è da intendersi “Tale richiesta dovrà essere debitamente motivata e inviata ai competenti uffici regionali almeno entro il 31/07/2017.

Preso atto che tali refusi ed errori materiali nell’allegato B consistono in:

  • al par. 1.2 Periodo d’eleggibilità delle spese per i progetti ammessi a contributo, è scritto “la data di inizio dei progetti è fissata al 1/04/2015” mentre è da intendersi “la data di inizio dei progetti è fissata al 01/04/2016 per la Tipologia A e al 01/05/2016 per la Tipologia B.”;
  • al par. 1.2 Periodo d’eleggibilità delle spese per i progetti ammessi a contributo, è scritto “(fissata al 01/04/2015 per l’azione A e al 01/05/2016 per l’azione B)” mentre è da intendersi “(fissata al 01/04/2016 per la Tipologia A e al 01/05/2016 per la Tipologia B);
  • al par. 2. Descrizione delle spese ammissibili, punto 3 delle spese, è scritto “Tali spese sono ammissibili nella misura massima del 5% del totale del progetto” mentre deve intendersi “Tali spese sono ammissibili nella misura massima del 25% della spesa indicata al precedente punto 2.”;
  • al par. 4.1 Principi generali, Azione A punto 2,è scritto “Al 31/08/2017 dovrà presentato il saldo delle spese sostenute nel periodo 1/03/2017- 31/07/2017.” Mentre deve intendersi “Al 31/10/2017 dovrà presentato il saldo delle spese sostenute nel periodo 01/03/2017- 30/09/2017.
  • al par. 4.1 Principi generali, Azione A punto 2, è scritto “Tale richiesta dovrà essere debitamente motivata e inviata ai competenti uffici regionali almeno entro il 31/05/2017.” Mentre è da intendersi “Tale richiesta dovrà essere debitamente motivata e inviata ai competenti uffici regionali almeno entro il 31/07/2017.
  • al par. 4.1 Principi generali, Azione B, punto è scritto “nel periodo 01/05/2017-31/03/2018” mentre è da intendersi “nel periodo 1/05/2017-30/04/2018”;

Ritenuto pertanto opportuno di:

  • modificare il testo del bando e del manuale allegati alla delibera 773/2015, parti integranti della stessa ed indicati come allegato A e allegato B secondo le modifiche sopra descritte;
  • riapprovarne pertanto il nuovo testo, allegandoli al presente atto deliberativo, come parti integranti dello stesso e indicati come allegato A "Bando per progetti di ricerca e sviluppo delle imprese” e allegato B il manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione”.

Viste:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, recante "Testo unico in materia di Organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna", ed in particolare l'art. 37, comma 4;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 2416 del 29 dicembre 2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm;

- la DGR n. 627/2015 “Approvazione della carta dei principi di responsabilità sociale delle imprese e applicazione del rating di legalità”;

- Decreto 20 febbraio 2014, n. 57 - MEF-MISE - Regolamento concernente l'individuazione delle modalità in base alle quali si tiene conto del rating di legalità attribuito alle imprese ai fini della concessione di finanziamenti;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore a Attività Produttive, Piano energetico, Economia Verde e Ricostruzione post-sisma, Palma Costi

A voti unanimi e palesi

delibera:

1. di prendere atto dei refusi ed errori materiali contenuti negli allegati A e B alla delibera 773/2015 descritti in premessa;

2. di approvare le correzioni indicate in premessa;

3. di approvare il nuovo testo coordinato con le modifiche approvate con il presente atto deliberativo dell’allegato A "Bando per progetti di ricerca e sviluppo delle imprese” e dell’allegato B, il manuale “Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione”;

4. di pubblicare la presente deliberazione comprensiva degli allegati “A” e “B” nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it/;

5. di dare atto infine che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n.33 del 14/03/2013 e succ. mod.,nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nella deliberazione di Giunta regionale n.1621/2013 e di quanto recato nella deliberazione n.56/2015, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it