E-R | BUR

n.69 del 12.03.2021 (Parte Seconda)

XHTML preview

Eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016 - Approvazione del "Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016" e riepilogo degli interventi ancora in essere

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

- il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112 “Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59” e ss.mm.ii.;

- il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401 “Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile”;

- il Decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1 “Codice della protezione civile”, successivamente modificato dal D. Lgs. n. 4 del 6 febbraio 2020 “Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 2 gennaio 2018, recante “Codice della Protezione Civile””;

- la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 1 "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell'Agenzia regionale di protezione civile";

- la legge regionale 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro Unioni” e ss.mm.ii., ed in particolare l'art. 19 “Riordino delle funzioni amministrative. Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile” che prevede, tra l’altro, la ridenominazione dell'Agenzia regionale di protezione civile in “Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile”;

Premesso che:

- nel periodo compreso tra il 27 febbraio e il 27 marzo 2016 il territorio della Regione Emilia-Romagna è stato interessato da eccezionali avversità atmosferiche, che hanno provocato fenomeni franosi, esondazioni di corsi d'acqua con conseguenti allagamenti di centri abitati, danneggiamenti alle infrastrutture viarie ed alle opere di difesa idraulica, ad edifici pubblici e privati, nonché alla rete dei servizi essenziali ed alle attività agricole e produttive;

- gli eventi sopra descritti hanno determinato una situazione di pericolo per la pubblica incolumità, l'isolamento di frazioni, nonché l'evacuazione di alcune famiglie dalle loro abitazioni

Richiamate:

- la deliberazione del Consiglio dei Ministri del 10 maggio 2016, pubblicata nella G.U. n. 117 del 20 maggio 2016, con la quale è stato dichiarato ai sensi e per gli effetti dell’art. 7, comma 1, lettera c) e dell’art. 24, comma 1 del D.lgs. n. 1/2018, lo stato di emergenza in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito i territori delle Province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna, dei Comuni di Alfonsine, di Faenza, di Russi, di Brisighella, di Casola Valsenio e di Riolo Terme in Provincia di Ravenna, dei Comuni di Formignana, di Vigarano Mainarda, di Argenta, di Ferrara e di Cento in Provincia di Ferrara, dei Comuni di Sant'Agata Feltria, di Gemmano, di Montescudo-Montecolombo e di Coriano in Provincia di Rimini e dei Comuni del territorio collinare e pedecollinare della Provincia di Forli-Cesena, disponendo nel limite massimo di euro 9.200.000,00 le risorse finanziarie per i primi interventi urgenti;

- l’Ordinanza del Capo Dipartimento di protezione civile n. 351 del 3 giugno 2016 (G.U. n. 137 del 14 giugno 2016) con la quale il Presidente della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna è nominato Commissario delegato per il superamento dell’emergenza in parola;

- il Decreto del Commissario delegato n. 175 del 1 agosto 2016 (BURERT n.243 del 2 agosto 2016) con il quale viene approvato, previa approvazione del Capo Dipartimento di protezione civile, il “Piano dei primi interventi urgenti di Protezione Civile” e il decreto n 88 del 30 maggio 2017 con il quale viene approvata la rimodulazione del piano;

Dato atto che:

- per la realizzazione degli interventi di cui all’OCDPC n. 351/2016 è stata aperta presso la Tesoreria Provinciale dello Stato - sezione di Bologna la contabilità speciale n. 6017 intestata al Commissario delegato individuato nel Presidente della Regione Emilia-Romagna, in forza dell’autorizzazione di cui all’art. 3, comma 2, della medesima ordinanza;

- l’art.1, comma 1 dell’OCDPC 477 del 29 agosto 2017 con il quale la Regione Emilia-Romagna è individuata quale amministrazione competente al coordinamento delle attività necessarie al completamento degli interventi necessari per il superamento del contesto di criticità determinatosi a seguito degli eventi precedentemente indicati;

- l’art. 1, comma 2 dell’OCDPC 477/2017 con il quale il Direttore dell'Agenzia è stato individuato quale responsabile delle iniziative finalizzate al definitivo subentro della medesima Regione nel coordinamento degli interventi integralmente finanziati e contenuti in rimodulazioni dei piani delle attività già formalmente approvati alla data di adozione della citata ordinanza;

- a seguito della sopracitata ordinanza, la contabilità speciale n. 6017 risulta intestata a “DIR AG SICUREZZA TERRIT E PROT CIV REGIONE EMILIA-ROMAGNA OCDPC 351-16 E 477-17” acronimo di Direttore Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile Regione Emilia-Romagna OCDPC 351/2016 e 477/2017;

- l’Ordinanza del Capo Dipartimento di protezione civile n. 527 del 18 giugno 2018 con la quale è stato prorogato il termine della scadenza della contabilità speciale 6017 fino al 5 maggio 2020;

- ai sensi del D.L. 34/2020 convertito con modificazioni dalla L. 17 luglio 2020, n. 77, l’art. 14 comma 4 prevede che “i termini di scadenza degli stati di emergenza, diversi da quello dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020 per il COVID-19, già dichiarati ai sensi dell'articolo 24 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n.1 e delle contabilità speciali di cui all'articolo 27 del medesimo decreto legislativo n. 1 del 2018, in scadenza entro il 31 luglio 2020 e non più prorogabili ai sensi della vigente normativa, sono prorogati per ulteriori sei mesi. Alle attività connesse alle proroghe di cui al presente comma si provvede nell'ambito delle risorse già stanziate a legislazione vigente per i relativi stati di emergenza e conseguentemente dal presente comma non derivano nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica”;

Richiamate:

- la nota protocollo PG. 775757 del 23/11/2020 con la quale il Presidente della Regione Emilia – Romagna ha inviato al Capo del Dipartimento di Protezione Civile la Relazione finale relativa alla scadenza dell’operatività della Contabilità speciale n. 6017 dalla quale si evince il seguente quadro finanziario relativo agli interventi programmati:

Somme programmate: 9.200.000,00

Somme liquidate: 7.643.397,85

Somme presenti su C.S.: 1.556.602,15

Interventi in via di ultimazione: 705.248,52

Economie accertate: 851.353,63

- la nota protocollo n. PG 75582 del 28/1/2021, con la quale il Presidente della Regione Emilia-Romagna ha trasmesso al Capo del Dipartimento di Protezione Civile la proposta di “Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che nel periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016 hanno colpito il territorio delle Province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna, dei Comuni di Alfonsine, di Faenza, di Russi, di Brisighella, di Casola Valsenio e di Riolo Terme in provincia di Ravenna, dei comuni di Formignana, di Vigarano Mainarda, di Argenta, di Ferrara e di Cento in Provincia di Ferrara, dei Comuni di Sant'Agata Feltria, di Gemmano, di Montescudo - Montecolombo e di Coriano in Provincia di Rimini e dei Comuni del territorio collinare e pedecollinare della Provincia di Forli-Cesena” contenente:

- 10 interventi, pari a complessivi € 851.353,63 finanziati dalle economie accertate derivanti dai precedenti Piani approvati;

Precisato che gli interventi individuati sono finalizzati al completamento della fase di superamento delle criticità determinate dagli eventi calamitosi in parola, come si evince dalle schede intervento elaborate dai soggetti attuatori;

Preso atto che il Capo del Dipartimento della Protezione Civile con note:

- POST 9863 del 24/2/2021 ha approvato la proposta di Piano di cui al precedente punto ed ha autorizzato il trasferimento delle risorse per la copertura degli interventi del Piano pari ad € 851.353,63 giacenti sulla contabilità speciale n. 6017 sul Bilancio dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile;

- con la medesima nota ha autorizzato il versamento pari a € 705.248,52 delle risorse che residuano sulla contabilità speciale n. 6017 per il completamento degli interventi ancora in corso di ultimazione direttamente sul bilancio dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile;

Ritenuto pertanto di:

  1. approvare il “Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che nel periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016 hanno colpito il territorio delle Province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna, dei Comuni di Alfonsine, di Faenza, di Russi, di Brisighella, di Casola Valsenio e di Riolo Terme in provincia di Ravenna, dei comuni di Formignana, di Vigarano Mainarda, di Argenta, di Ferrara e di Cento in Provincia di Ferrara, dei Comuni di Sant'Agata Feltria, di Gemmano, di Montescudo - Montecolombo e di Coriano in Provincia di Rimini e dei Comuni del territorio collinare e pedecollinare della Provincia di Forli-Cesena” per € 851.353,63, comprensivo delle disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa, allegato quale parte integrante e sostanziale del presente atto;
  2. approvare la tabella di cui all’allegato 1 parte integrante del presente provvedimento relativa agli interventi in via di ultimazione, derivanti da Piani precedentemente approvati ed ammontanti a complessivi € 705.248,52;
  3. autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, in qualità di soggetto responsabile ai sensi dell’art n. 1, comma 2, dell’OCDPC n. 477 del 29 agosto 2017 a trasferire dalla contabilità speciale n.6017 al Bilancio dell’Agenzia le risorse finanziarie di complessivi € 1.556.602,15 di cui € 851.353,63 necessarie per l’attuazione del Piano di cui al citato punto 1 e € 705.248,52 necessarie per il completamento degli interventi in corso di ultimazione;
  4. autorizzare i soggetti competenti dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, a provvedere all’adozione di tutti i provvedimenti amministrativi, impegni di spesa e atti di liquidazione degli interventi in corso di cui alla Tabella riportata nell’Allegato 1 al presente atto e di quelli ricompresi nel Piano di cui al punto 1;

Visto il D.Lgs. n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni” e successive modificazioni, ed in particolare gli articoli 26 e 42;

Vista la propria deliberazione n. 111/2021, recante “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e della Trasparenza. Anni 2021-2023", contenente, tra l’altro, nel relativo allegato D la “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D. Lgs.
n. 33 del 2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2021-2023”;

Richiamata:

- la L.R. n. 43/2001, “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm.ii.;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008, recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni”;

- n. 1770 del 30/11/2020 con la quale è stata approvata la riorganizzazione, con decorrenza dal 1 gennaio 2021, dell'Agenzia regionale";

- n. 1921/2020 “Approvazione del bilancio di previsione e del piano delle attività dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile per gli anni 2021-2023”;

- n. 1962 del 21/12/2020 “Assunzione di un dirigente ai sensi dell'art. 18 della L.R. n. 43/2001 e ss.mm.ii. per il conferimento di incarico di Direttore dell'Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile;

- n. 2018 del 28/12/2020 “Affidamento degli incarichi di direttore generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001 e ss.mm.ii.”, con la quale è stato conferito l’incarico di Direttore generale “Cura del territorio e dell’ambiente”;

Viste:

- la propria deliberazione n. 468/2017 avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale prot. n. PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e n. PG/2017/0779385 del 21/12/2017, riguardanti le disposizioni attuative della sopracitata DGR n. 468/2017;

- la determinazione n. 2657 del 1/9/2020 del Direttore dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile “Adozione sistema controlli interni all’Agenzia in attuazione della DGR 468/2017 e della DD 700/2018”;

Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazioni di conflitto, anche potenziale di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore all’”Ambiente, difesa del suolo e della costa, protezione civile”;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le ragioni espresse in parte narrativa che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di approvare il “Piano degli interventi per il superamento della situazione di criticità determinatasi in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche che nel periodo dal 27 febbraio al 27 marzo 2016 hanno colpito il territorio delle Province di Piacenza, di Parma, di Reggio Emilia, di Modena, di Bologna, dei Comuni di Alfonsine, di Faenza, di Russi, di Brisighella, di Casola Valsenio e di Riolo Terme in provincia di Ravenna, dei comuni di Formignana, di Vigarano Mainarda, di Argenta, di Ferrara e di Cento in Provincia di Ferrara, dei Comuni di Sant'Agata Feltria, di Gemmano, di Montescudo - Montecolombo e di Coriano in Provincia di Rimini e dei Comuni del territorio collinare e pedecollinare della Provincia di Forli-Cesena” per € 851.353,63, comprensivo delle disposizioni procedurali per l’attuazione degli interventi e per la rendicontazione della spesa, allegato quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

2. di approvare la tabella riportata nell’Allegato 1 parte integrante del presente provvedimento relativa agli interventi in via di ultimazione, derivanti da Piani precedentemente approvati ed ammontanti a complessivi € 705.248,52;

3. di autorizzare il Direttore dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in qualità di soggetto responsabile ai sensi dell’art n. 1, comma 2, dell’OCDPC n. 402 del 8 novembre 2016 a trasferire dalla contabilità speciale n.6017 al Bilancio dell’Agenzia le risorse finanziarie di complessivi € 1.556.602,15 di cui € 851.353,63 necessarie per l’attuazione del Piano di cui al citato punto 1 e € 705.248,52 necessarie per il completamento degli interventi ancora in corso;

4. di autorizzare i soggetti competenti dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, a provvedere all’adozione di tutti i provvedimenti amministrativi, impegni di spesa, atti di liquidazione e mandati di pagamento degli interventi in corso di cui alla tabella riportata nell’Allegato 1 al presente atto e di quelli ricompresi nel Piano di cui al punto 1 che precede;

5. di dare atto che il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ai sensi dell'art. 26, del D. Lgs. 33/2013 e ss.mm.ii.;

6. di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e, altresì, sul sito web istituzionale della protezione civile regionale al seguente indirizzo:

https://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/piani-sicurezza-interventi-urgenti/ordinanze-piani-e-atti-correlati-dal-2008/ordinanza-351-2016/Ocdpc%20351%202016

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it