E-R | BUR

n.83 del 21.03.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

P.S.R. 2007/2013 - REG. (UE) 1310/2013 - Disposizioni transitorie - Programmi operativi Misure 211 e 212 per l'annualità 2014 con valenza di avviso pubblico regionale

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Richiamati:

- il Regolamento (CE) n. 1698 del 20 settembre 2005 del Consiglio europeo sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1290 del 21 giugno 2005 del Consiglio europeo sul finanziamento della politica agricola comune e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1974 del 15 dicembre 2006 della Commissione europea che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (UE) n. 65 del 27 gennaio 2011 della Commissione europea che stabilisce modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 1698/2005 per quanto riguarda l’attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le Misure di sostegno dello sviluppo rurale, abrogando il Regolamento (CE) n. 1975/2006 che già disciplinava le suddette procedure e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 73 del 19 gennaio 2009 del Consiglio europeo che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e che modifica i Regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 ed abroga il Regolamento (CE) n. 1782/2003;

- il Regolamento (CE) n. 1122 del 30 novembre 2009 della Commissione europea che reca le modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (UE) n. 335 del 12 aprile 2013 che modifica il Regolamento (CE) n. 1974/2006 recante disposizioni di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

- il Regolamento (UE) n. 1310 del 17 dicembre 2013 che stabilisce alcune disposizioni sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che modifica alcuni Regolamenti(UE);

Visti:

- il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2007-2013 (di seguito per brevità indicato come P.S.R.) attuativo del citato Regolamento (CE) n. 1698/2005, nella formulazione allegata alla deliberazione n. 1493 del 21 ottobre 2013 (Versione 9) approvata dalla Commissione europea con Decisione ARES (2013)3202451 dell’8 ottobre 2013;

- la L.R. 30 maggio 1997, n. 15 e successive modifiche recante norme per l’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura;

- la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna, formalmente riconosciuta quale Organismo pagatore regionale per le Misure del P.R.S.R. con Decreto del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del 13 novembre 2001;

Atteso che per avviare l'attuazione delle Misure comprese nel P.S.R., secondo la sequenza procedurale definita nel medesimo Programma, alla Regione compete l’adozione dei Programmi Operativi d'Asse e di Misura per definire nel dettaglio le procedure d'accesso ai finanziamenti, le modalità di gestione ed i tempi di attivazione delle procedure di selezione delle domande;

Richiamate le deliberazioni:

- n. 168 dell’11 febbraio 2008 con cui è stato approvato il Programma Operativo dell’Asse 2 del P.S.R., che comprende i Programmi Operativi delle Misure 211, 212, 214 (esclusa l’Azione 7), 216 (Azione 3) e 221;

- n. 363 del 17 marzo 2008 con cui sono state emanate disposizioni inerenti l’attribuzione delle zonizzazioni, la definizione del meccanismo di selezione Misure/Azioni, oltre ad altre disposizioni di integrazione e modifica alla deliberazione n. 168/2008;

- n. 281 del 13 marzo 2009, n. 196 del 8 febbraio 2010, n. 303 del 7 marzo 2011 e n. 220 del 27 febbraio 2012, recanti modifiche e adeguamenti ai Programmi Operativi della Misura 211 "Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane" e della Misura 212 "Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane";

- n. 1393 del 20 settembre 2010 che ha apportato modifiche ai Programmi Operativi di cui alla sopra citata deliberazione n. 168/2008 e sono state approvate, tra l’altro, la versione consolidata dei Programmi Operativi dell’Asse 2, della Misura 214 e le Schede tecniche attuative delle Azioni;

- n. 2173 del 27 dicembre 2010 e n. 1618 del 7 novembre 2011 che hanno apportato ulteriori modifiche al Programma Operativo della Misura 216 Azione 3 e al Programma Operativo della Misura 214, a sua volta modificato con deliberazione n. 220 del 27 febbraio 2012;

- n. 1107 del 27 luglio 2011 che ha apportato modifiche alla deliberazione n. 1006/2008, con individuazione delle violazioni di impegni e il loro livello di gravità, entità e durata in applicazione al Reg. (UE) n. 65/2011 e al Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali n. 30125 del 2009 e successive modifiche ed integrazioni, a partire dall’annualità di pagamento 2011;

Dato atto inoltre che con le modifiche al P.S.R. di cui alla Versione 8, dal 2013 è stata prevista la possibilità di attivare avvisi pubblici regionali sull’Asse 2, in relazione alla necessità di ricondurre ad unitarietà le procedure attuative del programma, al fine di semplificare la gestione e massimizzare l’utilizzo delle economie nella fase finale di ultimazione della programmazione;

Viste le deliberazioni n. 1585 del 29 ottobre 2012 e n. 1536 del 28 ottobre 2013, che hanno riapprovato la versione consolidata del Programma Operativo dell'Asse 2 “Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale”, e hanno approvato i Programmi Operativi delle Misure 214 “Pagamenti Agroambientali” e 216 “Sostegno agli investimenti non produttivi” relativamente all’Azione 3 “Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario” con attivazione degli avvisi pubblici regionali per impegni decorrenti rispettivamente dal 1 gennaio 2013 e dal 1 gennaio 2014;

Dato atto dello stato di attuazione finanziaria delle Misure 211 e 212 (come desunto dal Servizio Programmi, monitoraggio e valutazione, sulla base delle informazioni rese dal Sistema Operativo Pratiche di AGREA), ed in particolare delle risorse libere relative alle suddette misure, come riportate nella tabella che segue:

Misura

Risorse P.S.R.2007/2013 libere

211“Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane”

Euro 5.919.956,00

212“Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane”

Euro 804.837,00

Atteso che l'art. 41 ter del Regolamento (CE) n. 1974 del 2006, introdotto dall'art. 1 del Regolamento di esecuzione (UE) n. 335 del 2013, stabilisce:

- che se l’importo assegnato al programma e/o alla misura è esaurito a una data anteriore al termine ultimo di ammissibilità di cui all’art. 71, paragrafo 1, del Regolamento n. 1698/2005, gli Stati membri non assumono nuovi impegni giuridici nei confronti dei beneficiari;

- che gli Stati membri non assumono nuovi impegni giuridici nei confronti dei beneficiari in virtù del Regolamento (CE) 1698/2005 a partire dal giorno in cui iniziano ad assumere impegni giuridici nei confronti dei beneficiari nell’ambito del quadro giuridico che disciplina il periodo di programmazione 2014-2020;

- che gli Stati membri possono applicare il primo comma a livello di programma o a livello di misura;

Dato atto inoltre che il Regolamento (UE) 1310/2013 prevede:

- all’art. 1, paragrafo 1, che gli Stati membri hanno facoltà di continuare ad assumere nel 2014 nuovi impegni giuridici nei confronti dei beneficiari relativamente alle Misure di cui all’art. 36 del Regolamento n. 1698/2005, conformemente ai programmi di sviluppo rurale adottati in base al predetto regolamento, anche dopo l’esaurimento delle risorse finanziarie del periodo di programmazione 2007-2013, purchè la domanda di sostegno sia presentata prima dell’adozione del rispettivo programma di sviluppo rurale per il periodo di programmazione 2014 - 2020;

- all’art. 3 che le spese relative ai predetti impegni giuridici sono ammissibili a beneficio di un contributo del FEASR nel periodo di programmazione 2014-2020 per i pagamenti effettuati tra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2015, se la dotazione finanziaria per la misura pertinente del rispettivo programma, adottato ai sensi del Regolamento n. 1698/2005 è già esaurita;

Rilevato che tra le Misure di cui all’art. 36 del Regolamento (CE) n. 1698/2005 rientrano la Misura 211 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane” e la Misura 212 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane” e che nell’attuale stesura del Programma Operativo dell’Asse 2 di cui alla citata deliberazione n. 1536/2013, per le predette Misure è prevista l’eventualità di attivare avvisi pubblici regionali nell’annualità 2014, qualora le disposizioni comunitarie ne consentano la possibilità;

Considerato che il programma regionale relativo allo sviluppo rurale per il prossimo periodo 2014-2020 è in fase di predisposizione;

Richiamato il Regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo agricolo per lo sviluppo rurale per il periodo di programmazione 2014 - 2020 che all'art. 88 prevede che, nonostante l'abrogazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005, quest'ultimo continui ad applicarsi agli interventi realizzati nell'ambito dei programmi approvati dalla Commissione ai sensi del medesimo regolamento anteriormente al 1 gennaio 2014;

Dato atto inoltre che l’art. 1, paragrafo 2, del già citato Regolamento (UE) n. 1310/2013 prevede che la condizione di cui all’art. 14, paragrafo 2, secondo trattino, del Regolamento (CE) n. 1257/1999 non si applichi ai nuovi impegni assunti dagli Stati membri nel 2014 ai sensi dell’art. 36, lettera a), punti i) e ii) del Regolamento (CE) n. 1698/2005;

Ritenuto, al fine di esaurire la disponibilità finanziaria sopra evidenziata, di approvare il Programma Operativo della Misura 211 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane” e il Programma Operativo della Misura 212 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane”, con valenza di avvisi pubblici regionali per l’annualità 2014, con una dotazione rispettivamente di Euro 5.919.956,00 e di Euro 804.837,00, prevedendo a fronte di eventuali richieste risultate ammissibili ma non finanziabili per completo utilizzo delle predette disponibilità di utilizzare anche risorse del periodo di programmazione 2014 - 2020, in applicazione dell’ art. 3 del Regolamento (UE) n. 1310/2013;

Richiamato il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Viste:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed integrazioni, ed in particolare l'art. 37, comma 4;

- la propria deliberazione n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- la propria deliberazione n. 1950 del 13 dicembre 2010 “Revisioni della struttura organizzativa della Direzione Generale Attività Produttive, Commercio e Turismo e della Direzione Generale Agricoltura”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell'Assessore all'Agricoltura, Tiberio Rabboni;

A voti unanimi e palesi, delibera:

1) di richiamare le considerazioni formulate in premessa che costituiscono pertanto parte integrante del presente dispositivo;

2) di approvare il Programma Operativo della Misura 211 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone montane”nella stesura di cui all’allegato 1 alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale, con valenza di avviso pubblico regionale per l’annualità 2014 con una dotazione finanziaria di Euro 5.919.956,00;

3) di approvare altresì il Programma Operativo della Misura 212 “Indennità a favore degli agricoltori delle zone caratterizzate da svantaggi naturali, diverse dalle zone montane” nella stesura di cui all’allegato 2 alla presente deliberazione quale parte integrante e sostanziale, con valenza di avviso pubblico regionale per l’annualità 2014 con una dotazione finanziaria di Euro 804.837,00;

4) di prevedere che a fronte di eventuali richieste risultate ammissibili ma non finanziabili per il completo utilizzo delle risorse di cui ai precedenti punti 2) e 3), si provvederà ad utilizzare risorse a valere sul periodo di programmazione 2014 - 2020, in applicazione dell’art. 3 del Regolamento (UE) n. 1310/2013;

5) di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che il Servizio Aiuti alle imprese provvederà a darne la più ampia pubblicizzazione anche sul sito internet E-R Agricoltura.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it