E-R | BUR

n.123 del 28.04.2021 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Attrazione degli investimenti in Emilia-Romagna. Accordi regionali di insediamento e sviluppo - Bando 2020 in attuazione dell'art. 6 della L.R. n. 14/2014 (delibera di Giunta regionale n. 1304/2020). Approvazione graduatoria

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

  • La Legge Regionale del 18 luglio 2014 n. 14 “Promozione degli investimenti in Emilia-Romagna” e s.m.i., ed in particolare, l’art. 6 della parte II “Accordi per l’insediamento e lo sviluppo delle imprese”;
  • La propria deliberazione n. 1304/2020, “Attrazione degli investimenti in Emilia-Romagna. Accordi regionali di insediamento e sviluppo - Bando 2020 in attuazione dell'art. 6, della L.R. n. 14/2014. Approvazione;
  • La propria deliberazione n. 1781/2020, “Delibera di Giunta regionale n. 1304/2020- Attrazione degli investimenti in Emilia-Romagna. Accordi regionali di insediamento e sviluppo - Bando 2020 in attuazione dell'art. 6 della L.R. n. 14/2014. Rettifica per mero errore materiale dei contenuti dell'art. 26 del bando e proroga alle ore 14.00 del 1 febbraio 2021 dei termini per presentare domanda di contributo”;
  • La determinazione dirigenziale n. 20260/2020, “ Attrazione degli investimenti in Emilia-Romagna – Accordi regionali di insediamento e sviluppo delle imprese - Bando 2020 (dgr n. 1304 del 2020). Approvazione fac-simile di modulistica”;

Considerato che il Bando sopra richiamato individua all’art. 1.2 quale finalità dell’iniziativa la stipula di Accordi regionali di investimento relativi a programmi di investimento rispondenti ad obiettivi di interesse regionale;

Considerato che, ai sensi del Bando, ogni programma di investimento doveva essere accompagnato da una serie di interventi specifici su cui richiedere il cofinanziamento alla Regione, che potevano rientrare tra le seguenti categorie di investimento, secondo i criteri della disciplina europea sugli aiuti di stato:

a. Aiuti agli investimenti per le infrastrutture di ricerca;

b. Aiuti a favore della ricerca e sviluppo;

c. Aiuti alla formazione e aiuti all’assunzione e all'occupazione di lavoratori svantaggiati e di lavoratori con disabilità;

d. Aiuti per la tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione alla produzione di energia da fonti rinnovabili nonché interventi per riciclo e riutilizzazione di rifiuti;

e. Aiuti agli investimenti nelle aree assistite;

f. Aiuti agli investimenti e per l'acquisto di servizi di consulenza (aiuti previsti per le sole e PMI);

Dato atto che, per la partecipazione al bando è obbligatoria la candidatura di investimenti relativi alla categoria di aiuti b.;

Considerato che il Bando, all’art. 11, in coerenza con l’art. 6, della L.R. n. 14/2014 e s.m.i., prevede la sottoscrizione di “Accordi Regionali di Insediamento e Sviluppo” tra la Regione e il soggetto proponente, comprendente tutti gli interventi presentati su cui è richiesto il contributo regionale, oltre all’impegno a realizzare l’investimento e che lo schema di accordo è riportato all’Allegato 2, parte integrante della citata propria deliberazione n. 1304/2020;

Considerato che:

  • l’art. 6 del bando in oggetto, prevede che la presentazione avvenga tramite l’applicativo Sfinge2020 all’interno di due finestre temporali, e che i termini della prima finestra, come prorogati con la citata propria deliberazione n. 1781/2020, per la presentazione delle istanze si sono chiusi il 1 febbraio 2021;
  • ad ogni tipologia progettuale, tra quelle previste dal bando, è stato assegnato un protocollo che identifica il progetto;
  • che l’impresa Greentech Laser Manufactoring spa, C.F. 91176770401, con sede legale nella Repubblica di San Marino ha trasmesso, pur entro i termini previsti, per motivi tecnici ad essa ascrivibili, la propria istanza tramite PEC, acquisita con prot.2021.0087860.E, e valutato che la modalità prescelta:
    • non recasse discrimine ad altri partecipanti o potenziali partecipanti alla procedura;
    • Non recasse aggravi procedimentali tali da interferire con le procedure previste dal bando;

si è deciso di ammettere l’istanza alla fase valutativa di cui agli artt. 7 e 8 del bando;

  • l’elenco delle imprese che hanno presentato domanda, completo delle specificazioni dei singoli progetti candidati, è riportato all’allegato 1) parte integrante della presente deliberazione;

Richiamata la determinazione dirigenziale n. 3588/2021 “ Nomina componenti gruppo di lavoro e nucleo di valutazione dei progetti presentati ai sensi del Bando ex delibera di Giunta regionale n.1304/2020” e n. 4036/2021 “Rettifica della Determinazione n 3588/2021, recante "Nomina componenti gruppo di lavoro e nucleo di valutazione dei progetti presentati ai sensi del bando ex delibera di Giunta regionale n.1304/2020", con la quale si è individuato il nucleo di valutazione incaricato dell’istruttoria di ammissibilità delle istanze chiamato ad operare ai sensi dell’art. 7 del bando e il nucleo di valutazione delle istanze chiamato ad operare ai sensi dell’art. 8 del bando;

Considerato che il nucleo di valutazione:

  • si è riunito in 3 sedute e che i verbali dei lavori svolti sono stati acquisiti agli atti con Prot.2021.0236288, Prot.2021.0271934 e Prot.2021.0325343;
  • ha svolto le proprie valutazioni secondo quanto stabilito dal bando, utilizzando i criteri di valutazione ivi previsti per assegnare i punteggi e individuando i programmi non ammissibili sulla base di quanto stabilito agli artt. art 8.2.1 e 8.2.5, che prevedono rispettivamente:
    • solo nel caso di valutazione positiva di almeno un intervento relativo alla tipologia B) tra quelli presentati dal soggetto proponente, il nucleo procede alla valutazione del programma di investimento nel suo complesso (art.8.2.1);
    • Sono considerati ammissibili al finanziamento i programmi di investimento che ottengono il punteggio minimo per ciascun dei criteri indicati nella suddetta tabella e un punteggio complessivo superiore a 70 (art. 8.2.5);
  • Sono considerati ammissibili al finanziamento i programmi di investimento che ottengono il punteggio minimo per ciascun dei criteri indicati nella suddetta tabella e un punteggio complessivo superiore a 70;
  • sulla base delle valutazioni effettuate, ha provveduto a stilare la graduatoria dei programmi presentati e l’elenco dei progetti ammissibili al finanziamento come riportato nell’allegato 2), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • sulla base delle valutazioni effettuate ha predisposto l’elenco dei programmi valutati come non ammissibili tale elenco è riportato all’Allegato 3), parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • solo nel caso di valutazione positiva di almeno un intervento relativo alla tipologia (B tra quelli presentati dal soggetto proponente, il nucleo procede alla valutazione del programma di investimento nel suo complesso perché;
  • per i programmi e i progetti risultati ammissibili, ha provveduto a rimodulare l’entità delle spese presentate, laddove ne ravvisasse la necessità, sulla base di una valutazione di congruità, ovvero di conformità alle normative vigenti e a formulare prescrizione ai sensi dell’art. 9.2 del bando, gli esiti sono riportati all’Allegato 4), parte integrante della presente deliberazione;

Considerato, altresì, che, in ragione degli importi dei contributi concedibili riportati nel citato Allegato 4), le risorse disponibili sui capitoli 22006, 22007, 22008 del bilancio finanziario gestionale 2021-2023, per l’annualità 2021, congiuntamente alle risorse disponibili sul capitolo 23032 del bilancio finanziario gestionale 2021-2023, per l’annualità 2021 e 2022 e alle risorse a valere dell’art. 12 del D.L. n. 74/2012 e s.m.i., sono sufficienti a finanziare i programmi ammissibili per un importo complessivo pari 7.293.365,76;

Ritenuto di dover prendere atto delle risultanze emerse in fase di valutazione e, pertanto, di dover approvare gli Allegati 1), 2), 3) e 4) parte integranti e sostanziali della presente deliberazione;

Richiamate le leggi regionali:

n. 40/2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione della L.R. 7/7/1977, n. 31 e della L.R. 27/3/1972, n. 4”, per quanto applicabile;

n. 11/2020 “Disposizioni collegate alla legge regionale di stabilità per il 2021”;

n. 12/2020 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2021-2023 (Legge di stabilità regionale 2021);

n. 13/2020 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna 2021-2023”;

Richiamata la propria deliberazione n. 2004/2020 "Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2021-2023";

Visti inoltre:

  • il D.lgs. 6/09/2011 n. 159 e ss.mm.ii., ed in particolare l’art. 83, comma 3, lett. e);
  • la Legge 13 agosto 2010, n. 136 "Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia", e successive modifiche;
  • la determinazione dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n.4 recante "Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell'art.3 della Legge 13 agosto 2010, n. 136" e successivo aggiornamento;
  • la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni;
  • il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.ii.;
  • la propria deliberazione n. 2416/2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.ii.;
  • la propria deliberazione n. 468/2017 avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;
  • la propria deliberazione n. 2013 del 28 dicembre 2020 ad oggetto “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell’ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027 e primo adeguamento delle strutture regionali conseguenti alla soppressione dell’IBACN”;
  • la propria deliberazione n. 2018 del 28 dicembre 2020 ad oggetto “Affidamento degli incarichi di Direttore Generale della Giunta regionale, ai sensi dell'art. 43 della L.R. 43/2001 e ss.mm.ii.”;
  • la propria deliberazione n. 415/2021 “Indirizzi organizzativi per il consolidamento e il potenziamento delle capacità amministrative dell'ente per il conseguimento degli obiettivi del programma di mandato, per fare fronte alla programmazione comunitaria 2021/2027: Proroga degli incarichi”;
  • la propria deliberazione n. 111 del 28 gennaio 2021 ad oggetto “Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza. Anni 2021-2023”;
  • le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Richiamata inoltre la determinazione del Direttore Generale Economia della Conoscenza, del Lavoro, dell’Impresa n. 23213 del 30 dicembre 2020 ad oggetto “Conferimento incarichi dirigenziali e proroga degli incarichi dirigenziali in scadenza”;

Attestata la regolarità dell’istruttoria e dell’assenza di conflitti di interesse da parte del Responsabile del procedimento;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore allo Sviluppo economico e green economy, lavoro e formazione, Vincenzo Colla;

A voti unanimi e palesi

delibera

Per le motivazioni riportate in premessa e che qui si intendono integralmente richiamate:

1. di prendere atto degli esiti delle procedure di valutazione, svolte ai sensi degli artt. 7 e 8 del bando approvato con propria deliberazione n. 1304/2020, dal gruppo di lavoro e dal nucleo nominati con le Determinazioni dirigenziali n. 3588/2021 e n. 4036/2021;

2. di approvare i seguenti allegati, parti integranti e sostanziali della presente deliberazione:

  • Allegato 1) elenco delle imprese che hanno presentato domanda;
  • Allegato 2) graduatoria dei programmi ammissibili e identificazione dei progetti finanziabili;
  • Allegato 3) l’elenco dei programmi valutati come non ammissibili;
  • Allegato 4) elenco dei programmi ammissibili e delle relative spese presentate e ammissibili e dei contributi concedibili e delle eventuali prescrizioni;

3. di stabilire che la competente struttura regionale proceda agli adempimenti previsti dall’art 9 del bando trasmettendo alle imprese interessate le prescrizioni riportate nel succitato Allegato 4);

4. di stabilire che si proceda alla stipula degli Accordi regionali di insediamento e sviluppo delle imprese con i soggetti identificati all’Allegato 4), secondo le modalità previste dall’art. 11 del Bando e al punto 9) della propria deliberazione n. 1304/2021;

5. di confermare, con riferimento alle procedure conseguenti alla presente deliberazione, quanto previsto dalla già richiamata propria deliberazione n. 1304/2021;

6. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;

7. di pubblicare la presente deliberazione comprensiva degli Allegati nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito http://www.regione.emilia-romagna.it/fesr/.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it