E-R | BUR

n.314 del 02.12.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Contributo finanziario regionale ai comuni per la manutenzione ordinaria, straordinaria e per la gestione delle sedi dei distaccamenti dei Vigili del Fuoco volontari - Anno 2015 - Assegnazione e impegno spesa

IL DIRETTORE

Visti:

- il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, recante "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59", e, in particolare, l'articolo 108 (Funzioni conferite alle regioni e agli enti locali);

- la legge 10 agosto 2000 n. 246 "Potenziamento del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco" ed in particolare l’art. 10, comma 2 che riconosce alle regioni e agli enti locali, singoli o associati, nel cui comprensorio territoriale operano i distaccamenti volontari dei vigili del fuoco, la possibilità di contribuire al miglioramento delle dotazioni di mezzi e strumenti operativi dei distaccamenti medesimi;

- la legge 21 novembre 2000, n. 353, recante "Legge-quadro in materia di incendi boschivi" e, in particolare gli articoli 1, commi 1 e 2; 3, comma 3; 5, comma 2; 7, comma 3 e 12, comma 2;

- il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, recante "Disposizioni urgenti per assicurare il coordinamento operativo delle strutture preposte alle attività di protezione civile e per migliorare le strutture logistiche nel settore della difesa civile", convertito, con modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401, e, in particolare l'art. 5, commi 4 e 4-bis;

- il decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 2002, n. 314, recante "Regolamento recante individuazione degli uffici periferici del Corpo nazionale dei vigili del fuoco" e, in particolare, gli articoli 2 e 3;

- la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 1, recante "Norme in materia di protezione civile e volontariato. Istituzione dell’Agenzia regionale di protezione civile" e, in particolare l’art. 20 comma 2, in cui si stabilisce l’autonomia tecnico-operativa, amministrativa e contabile dell’Agenzia stessa;

- la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1311 del 16 settembre 2013, con la quale è stato approvato lo schema di nuova convenzione-quadro tra la Regione Emilia-Romagna - Agenzia Regionale di Protezione Civile ed il Ministero dell’Interno - Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile – Direzione regionale per l’Emilia-Romagna, per la reciproca collaborazione nelle attività di protezione civile;

Dato atto che in attuazione della citata propria deliberazione, in data 24 settembre 2013 è stata sottoscritta la nuova convenzione-quadro di durata quinquennale;

Verificata la piena operatività di n. 25 Distaccamenti VVF Volontari sul territorio regionale, per l’anno 2015, di seguito elencati:

  • Valsamoggia (BO)
  • Bondeno (FE)
  • Borgo Val di Taro(PR)
  • Casola Val Senio (RA)
  • Castiglione dei Pepoli (BO)
  • Cesenatico (FC)
  • Civitella di Romagna (FC)
  • Collagna (RE)
  • Copparo (FE)
  • Fanano (MO)
  • Finale Emilia (MO)
  • Fontanelice (BO)
  • Frassinoro (MO)
  • Gaggio Montano (BO)
  • Luzzara (RE)
  • Medicina (BO)
  • Mirandola (MO)
  • Modigliana (FC)
  • Monghidoro (BO)
  • Monzuno (BO)
  • Pievepelago (MO)
  • San Giovanni in Persiceto (BO)
  • San Pietro in Casale (BO)
  • Savignano sul Rubicone (FC)
  • Villa Minozzo (RE).

Considerato:

- che pertanto, per l’anno 2015, i Comuni della Regione Emilia-Romagna, nel cui territorio è operativo un Distaccamento dei VVF Volontari, sono n. 25;

- che la già citata convenzione-quadro tra la Regione Emilia-Romagna e il Dipartimento Vigili del Fuoco sottoscritta il 24 settembre 2013, individua, tra le attività oggetto di collaborazione, il “Concorso finanziario per la copertura delle spese relative alla manutenzione ordinaria e straordinaria ed alla gestione delle sedi dei distaccamenti volontari dei Vigili del Fuoco, da definirsi con cadenza annuale a favore dei Comuni nel cui comprensorio territoriale operano i distaccamenti dei vigili del fuoco volontari, al fine del potenziamento della capacità, dell'efficienza e della prontezza d'intervento delle strutture operative sopra indicate operanti nell'ambito del territorio regionale. L’utilizzo del contributo da parte del Comune beneficiario dovrà essere preventivamente concordato ed inteso con il Comandante Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente ” (art. 1, comma 4, lettera n);

- che l’importanza degli obiettivi stabiliti dalle citate disposizioni legislative statali e regionali richiede, da parte della Regione Emilia-Romagna e degli Enti Locali, un comune sforzo teso al continuo e costante miglioramento della qualità e della quantità dei servizi resi alla popolazione in materia di protezione civile;

Ritenuto che, per conseguire gli obiettivi posti dalle citate disposizioni legislative in armonia con gli indirizzi dalle stesse impartiti, occorra quindi riconoscere un concorso finanziario a favore dei Comuni nel cui comprensorio territoriale operano i distaccamenti dei vigili del fuoco volontari, finalizzato a sostenere le spese di gestione dei distaccamenti, in vista del più efficace potenziamento della capacità, dell'efficienza e della prontezza d'intervento delle strutture operative sopra indicate operanti nell'ambito del territorio regionale;

Ritenuto di procedere all’assegnazione di un contributo finanziario regionale complessivo pari a € 200.000,00, a favore dei n. 25 Comuni nel cui territorio è operativo un distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari, per un importo complessivo per ciascun Comune di € 8.000,00;

Preso atto che, per l’anno 2015 i predetti Comuni beneficiari potranno utilizzare il contributo concesso esclusivamente per l’espletamento delle spese con tipologia indicata nella relativa ricognizione trasmessa a risposta della nota PC.2015.1224 del 06.02.2015, ovvero, in assenza di risposta, per l’espletamento delle spese con tipologia assegnata d’ufficio in base alla disponibilità finanziaria sul bilancio dell’Agenzia;

Viste pertanto le relative note dei Comuni nel cui territorio è operativo un distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari, in cui vengono indicati i rispettivi preventivi di spesa finalizzati all’utilizzo del contributo, suddivisi per tipologia di spesa, si ritiene di suddividere il contributo assegnato a ciascun Comune, come di seguito indicato:

 

Comune

Spese Correnti

Spese C/Capitale

Tot. per Comune

1

Valsamoggia (Bo)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

2

Bondeno (FE)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

3

Borgo Val Taro (PR)

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 8.000,00

4

Casola Valsenio (RA)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

5

Castiglione dei Pepoli (BO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

6

Cesenatico (FC)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

7

Civitella di Romagna (FC)

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 8.000,00

8

Collagna (RE)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

9

Copparo (FE)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

10

Fanano (MO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

11

Finale Emilia (MO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

12

Fontanelice (BO)

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 8.000,00

13

Frassinoro (MO)

€ 4.780,00

€ 3.220,00

€ 8.000,00

14

Gaggio Montano (BO)

€ 3.000,00

€ 5.000,00

€ 8.000,00

15

Luzzara (RE)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

16

Medicina (BO)

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 8.000,00

17

Mirandola (MO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

18

Modigliana (FC)

€ 6.000,00

€ 2.000,00

€ 8.000,00

19

Monghidoro (BO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

20

Monzuno (BO)

€ 7.400,00

€ 600,00

€ 8.000,00

21

Pievepelago (MO)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

22

San Giovanni in Persiceto (BO)

€ 0,00

€ 8.000,00

€ 8.000,00

23

S. Pietro in Casale (BO)

€ 4.000,00

€ 4.000,00

€ 8.000,00

24

Savignano sul Rubicone (FC)

€ 8.000,00

€ 0,00

€ 8.000,00

25

Villa Minozzo (RE)

€ 6.500,00

€ 1.500,00

€ 8.000,00

 

Totale Spese

€ 159.680,00

€ 40.320,00

€ 200.000,00

Ritenuto altresì di procedere alla relativa erogazione del contributo finanziario regionale nei limiti massimi, per ciascun Comune, esclusivamente per l’importo di € 8.000,00, in un’unica soluzione, su presentazione, da parte del beneficiario, entro la data del 1 luglio 2016, di una dettagliata rendicontazione delle spese ammissibili sostenute, consistente nell’emissione di uno specifico atto, emanato dal competente organo comunale, di approvazione della rendicontazione, in cui siano riportati i seguenti riferimenti:

  • documento preventivo di spesa sottoscritto dal Comune e dal Comandante Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;
  • tipologia, importo, descrizione e data di realizzazione della spesa;
  • estremi della/e fattura/e comprovante/i la spesa;
  • estremi degli atti di impegno e liquidazione della/e fattura/e;
  • estremi del mandato di pagamento (se già emesso);
  • specifica dichiarazione di avvenuta verifica e controllo di congruità e regolarità tecnico-contabile delle spese rendicontate, nel rapporto tra le documentazioni di spesa ed il servizio effettivamente prestato e/o il prodotto acquistato;
  • specifica dichiarazione di disponibilità, presso gli uffici comunali, della documentazione in originale e/o in copia conforme all’originale, indicata nell’atto di rendicontazione.

Poiché il contributo verrà quindi erogato sulla sola base di quanto auto dichiarato nell’unico atto di rendicontazione, l’Agenzia Regionale di Protezione Civile si riserva la possibilità di effettuare, a campione, verifiche tecnico-contabili sulle documentazioni di spesa indicate.

Pertanto, potranno essere considerate ammissibili a rendicontazione le seguenti spese, sostenute per le finalità di seguito esposte:

TIPOLOGIA SPESE CORRENTI :

(per i Comuni che hanno preventivato l’utilizzo del contributo con le ” c.d. correnti “ e/o nel caso in cui la sede del distaccamento sia di proprietà privata)

Spese destinate alla produzione ed al funzionamento dei vari servizi prestati, per fini non direttamente produttivi, di seguito elencate:

  • spese destinate alla manutenzione ordinaria delle sedi dei distaccamenti (p.e. opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture dell’edificio; opere necessarie a mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti ), oppure destinate all’acquisto di beni di piccola entità e di immediato consumo, per l’ausilio alle attività del personale operativo e/o la normale sussistenza di base all’interno della sede (p.e. acquisto di piccola cancelleria, di derrate alimentari per sussistenza di base e di modesta entità economica, di prodotti per la piccola pulizia della sede, di prodotti per l’igiene di base del personale operativo, di prodotti per la piccola manutenzione della sede);
  • spese destinate al funzionamento delle sedi (p.e. canoni di locazione, canoni e consumi di servizi elettrici, gas, acqua, telefonia fissa – anche se utenze delle sedi distaccamenti intestate al Comune e/o altri enti proprietari delle sedi - spese per la pulizia dei locali, spese per pagamento tasse rifiuti);
  • le summenzionate spese c.d. correnti potranno anche riferirsi alla manutenzione ordinaria delle sedi dei distaccamenti che, in conseguenza del sisma che ha colpito la Regione Emilia-Romagna nel mese di maggio 2012, hanno subito lievi danni tali da non comprometterne l’agibilità;
  • inoltre, le summenzionate spese c.d. correnti potranno anche riferirsi a eventuali sedi di distaccamento volontario (di proprietà pubblica o privata) eventualmente utilizzate nel corso dell’anno 2015, a carattere provvisorio e/o temporaneo in totale sostituzione delle sedi principali rese totalmente o parzialmente inagibili in conseguenza del sisma che ha colpito la Regione Emilia-Romagna nel mese di maggio 2012;

TIPOLOGIA SPESE INVESTIMENTO / IN CONTO CAPITALE:

(per i Comuni che hanno preventivato l’utilizzo del contributo con le ” c.d. spese investimento – conto capitale “ ed esclusivamente nel caso in cui la sede del distaccamento sia di proprietà pubblica

Spese che incidono direttamente o indirettamente sulla formazione del capitale dell’ente pubblico:

  • spese destinate alla manutenzione straordinaria delle sedi dei distaccamenti ( p.e. opere e modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali dell’edificio, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso);
  • spese per acquisto di beni durevoli da inventariare tra i beni di proprietà comunale, che verranno temporaneamente dislocati per l’uso presso la sede del distaccamento, ma che, in caso di cessazione dell’attività del distaccamento stesso e/o di cambio di proprietà della sede, dovranno essere reintegrati nelle effettive disponibilità del Comune ( p.e. beni durevoli necessari per la normale sussistenza di base del personale operativo all’interno della sede - attrezzature, materiale e arredo - oppure beni durevoli di ausilio alle attività del personale operativo all’interno della sede - p.e. acquisto di hardware, software, scrivanie, armadietti, sedie, scaffalature, apparecchiature di telefonia fissa, fax, fotocopiatrici, lavelli, grandi elettrodomestici da cucina – frigo, forno, piano cottura, lavastoviglie -, lavatrici);

ai fini dell’utilizzo del contributo in oggetto possono fare ricorso alla predetta tipologia di spesa d’investimento (acquisto beni durevoli da inventariare ) tutti i Comuni in indirizzo, a prescindere dalla proprietà pubblica o privata della sede del distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari;

Preso atto che il contributo finanziario di che trattasi verrà concesso subordinatamente all’osservanza delle seguenti prescrizioni:

  • l’utilizzo del contributo da parte del Comune beneficiario dovrà essere preventivamente concordato ed inteso mediante apposito documento preventivo di spesa sottoscritto con il Comandante Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;
  • per le spese di tipologia corrente, l’utilizzo del contributo dovrà necessariamente avere avuto compimento nel corso di tutto l’anno corrente (dal 01.01.2015 al 31.12.2015);
  •  per le spese di tipologia in conto capitale, l’utilizzo del contributo dovrà necessariamente avere almeno avuto inizio ( per ogni singola spesa ) nel corso dell’anno corrente;
  • ogni spesa con caratteristiche difformi alle suddette prescrizioni non potrà essere ritenuta ammissibile a rendicontazione, e quindi non potrà essere liquidata; in ogni caso non saranno mai ritenute ammissibili a rendicontazione le spese per il personale comunale e /o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ( permanente e/o volontario) eventualmente impiegate in qualsivoglia attività tecnica, applicativa o intellettuale, finalizzata a manutenzione, addestramento, formazione e servizio;

Visti:

- il D.Lgs. 23 giugno 2011, n. 118, “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 5 maggio 2009, n. 42” e successive modifiche ed integrazioni;

- la Legge 23 dicembre 2014, n. 190 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2015)”, pubblicata sulla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014 - S.O. n. 99;

- il Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia regionale di protezione civile, adottato con determinazione del Direttore dell’Agenzia n. 335 del 21 aprile 2015;

- il Piano annuale delle attività per l’anno 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, adottato con determinazione del Direttore dell’Agenzia n. 336 del 21 aprile 2015;

- la Delibera di Giunta regionale n. 472 del 27/4/2015 di approvazione del bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2015 e piano annuale delle attività 2015 dell'agenzia regionale di protezione civile; 

-la determinazione n. 543 del 09/07/2015 “Approvazione primo stralcio programma operativo Agenzia di protezione civile anno 2015.”

-la Deliberazione della Giunta regionale n. 839 del 24 giugno 2013, “Approvazione, ai sensi dell'art. 21, comma 6, lettera a) della L.R. n.1/2005, del "Regolamento di organizzazione e contabilità dell'agenzia regionale di protezione civile” di approvazione del relativo regolamento di organizzazione e contabilità, adottato con determinazione dirigenziale n. 412 del 23 maggio 2013;

Richiamate:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavori nella Regione Emilia-Romagna;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali” e s.m.i;

- la deliberazione di Giunta Regionale 30 luglio 2012 n. 1080 con la quale è stato conferito allo scrivente l’incarico di Direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile;

- deliberazione di Giunta Regionale n. 335 del 31 marzo 2015 che ha approvato la nomina della dott.ssa Monica Lombini quale Responsabile del “Servizio Amministrazione, Volontariato, Formazione, Cultura di Protezione Civile” dell’Agenzia Regionale, incarico conferito con determinazione n. 196 del 23 marzo 2015;

Dato atto che gli oneri derivanti dall'assegnazione di cui al presente provvedimento, per la somma complessiva di € 200.000,00 come sopra indicato, trovano copertura finanziaria: 

  • per quanto attiene € 159.680,00 (spese correnti) sul Capitolo U20004 “Trasferimenti a Strutture pubbliche di ricerca ed a Enti delle Amministrazioni locali per assicurarne il concorso alle attività di protezione civile ai fini del potenziamento del sistema regionale di protezione civile (art. 138, comma 16 l. n. 388/00; artt.3,4,14,15,17,18,20 e 22 L.R. n.1/05)" di cui all’U.P.B. 1.4.200, del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, che presenta la necessaria disponibilità;
  • per quanto attiene € 40.320,00 (spese c/capitale) sul Capitolo U23003 “ Trasferimenti alle Amministrazioni locali per interventi a seguito di eventi calamitosi di rilievo regionale di cui all'art. 108, comma 1 del D.Lgs n.112/98 (art. 138, comma 16, l. n.388/00 - artt.8,9 e 10 L.R. n.1/05)” di cui all’U.P.B. 1.4.230, del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, che presenta la necessaria disponibilità;
  • Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui agli art.li 47 e 49 della L.R. 40/2001 e che, pertanto, l’impegno di spesa per l’assegnazione del contributo finanziario regionale per la manutenzione ordinaria e per la gestione delle sedi dei distaccamenti dei Vigili del Fuoco Volontari, ammontante a € 200.000,00, a favore dei n. 25 Comuni nel cui territorio è operativo un distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari, per un importo complessivo per ciascun Comune di € 8.000,00, possa essere assunto con il presente atto;

Visto il D.lgs n. 33 del 14/03/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Richiamata la deliberazione di Giunta Regionale n. 1621 dell’11 novembre 2013 avente ad oggetto: “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs. 14 marzo 2013 n. 33”;

Dato atto che a seguito dell’approvazione della presente determinazione si provvederà alla sua pubblicazione sul portale istituzionale ai sensi dell’art. 26 del D.Lgs. 14 marzo 2013 n. 33;

Dato atto dei pareri allegati;

determina

1) di richiamare integralmente le premesse del presente atto;

2) di impegnare la spesa complessiva di € 200.000,00 rispettivamente:

  • per quanto attiene € 159.680,00 (spese correnti) al n. 339 di impegno del Capitolo U20004 “Trasferimenti a Strutture pubbliche di ricerca ed a Enti delle Amministrazioni locali per assicurarne il concorso alle attività di protezione civile ai fini del potenziamento del sistema regionale di protezione civile (art. 138, comma 16 l. n. 388/00; artt.3,4,14,15,17,18,20 e 22 L.R. n.1/05)" di cui all’U.P.B. 1.4.200 del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile;
  • per quanto attiene € 40.320,00 (spese c/capitale) al n. 340 di impegno del Capitolo U23003 “ Trasferimenti alle Amministrazioni locali per interventi a seguito di eventi calamitosi di rilievo regionale di cui all'art. 108, comma 1 del D.Lgs n.112/98 (art. 138, comma 16, l. n.388/00 - artt.8,9 e 10 L.R. n.1/05)” di cui all’U.P.B. 1.4.230 del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile;

3) di dare atto che, per le finalità espresse in premessa, sull’impegno n 339 assunto sul capitolo U20004 del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, potranno avvalersi i seguenti Comuni beneficiari:

  • Valsamoggia (BO) per € 8.000,00;
  • Bondeno (FE) per € 8.000,00;
  • Borgo Val di Taro(PR) per € 4.000,00;
  • Casola Valsenio (RA) per € 8.000,00;
  • Castiglione dei Pepoli (BO) per € 8.000,00;
  • Cesenatico (FC) per € 8.000,00;
  • Civitella di Romagna (FC) per € 4.000,00;
  • Collagna (RE) per € 8.000,00;
  • Copparo (FE) per € 8.000,00;
  • Fanano (MO) per € 8.000,00;
  • Finale Emilia (MO) per € 8.000,00;
  • Fontanelice (BO) per € 4.000,00;
  • Frassinoro (MO)per € 4.780,00;
  • Gaggio Montano (BO) per € 3.000,00;
  • Luzzara (RE) per € 8.000,00;
  • Medicina (BO) per € 4.000,00;
  • Mirandola (MO) per € 8.000,00;
  • Modigliana (FC) per € 6.000,00;
  • Monghidoro (BO) per € 8.000,00;
  • Monzuno (BO) per € 7.400,00;
  • Pievepelago (MO) per € 8.000,00;
  • San Pietro in Casale (BO) per € 4.000,00;
  • Savignano sul Rubicone (FC) per € 8.000,00;
  • Villa Minozzo (RE)per € 6.500,00;

4) di dare atto che, per le finalità espresse in premessa, sull’impegno n 340 assunto sul capitolo U23003 del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2015 dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, potranno avvalersi i seguenti Comuni beneficiari:

  • Borgo Val di Taro(PR) per € 4.000,00;
  • Civitella di Romagna (FC) per € 4.000,00;
  • Fontanelice (BO) per € 4.000,00;
  • Frassinoro (MO)per € 3.220,00;
  • Gaggio Montano (BO) per € 5.000,00;
  • Medicina (BO) per € 4.000,00;
  • Modigliana (FC) per € 2.000,00;
  • Monzuno (BO) per € 600,00;
  • San Giovanni in Persiceto (BO) per € 8.000,00;
  • San Pietro in Casale (BO) per € 4.000,00;
  • Villa Minozzo (RE) per € 1.500,00;

5) di dare atto che in attuazione del D.lgs.n.118/2011 e ss.mm.ii., la stringa concernente la codificazione della Transazione elementare in relazione ai suddetti capitoli di spesa, come definita dal citato decreto risulta essere la seguente:

CAP U20004

Missione 11 - Programma 01 - Codice Economico U.1.04.01.02.003 - COFOG 03.2 - Transazioni UE 8 - SIOPE 1535 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

CAP U23003

Missione 11 - Programma 02 - Codice Economico U.2.03.01.02.003 - COFOG 03.2 - Transazioni UE 8 - SIOPE 2234 - C.I. spesa 3 - Gestione ordinaria 3

6) di dare atto che, per l’anno 2015, i Comuni beneficiari potranno utilizzare il contributo concesso esclusivamente per l’espletamento di spese di tipologia come meglio elencate e descritte nelle premesse del presente atto;

7) di dare atto che alla liquidazione del contributo a favore di ciascun soggetto beneficiario, esclusivamente per l’importo massimo di € 8.000,00 cadauno, si provvederà in un’unica soluzione, con successivi atti adottati dal dirigente competente, ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. 40/2001 e della deliberazione di Giunta Regionale n. 450/2007, su presentazione, da parte del beneficiario, entro la data del 1 luglio 2016, di una dettagliata rendicontazione delle spese ammissibili sostenute, consistente nell’emissione di uno specifico atto, emanato dal competente organo comunale, di approvazione della rendicontazione, in cui siano riportati i seguenti riferimenti:

  • documento preventivo di spesa sottoscritto dal Comune e dal Comandante Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;
  • tipologia, importo, descrizione e data di realizzazione della spesa;
  • estremi della/e fattura/e comprovante/i la spesa;
  • estremi degli atti di impegno e liquidazione della/e fattura/e;
  • estremi del mandato di pagamento ( se già emesso );
  • specifica dichiarazione di avvenuta verifica e controllo di congruità e regolarità tecnico-contabile delle spese rendicontate, nel rapporto tra le documentazioni di spesa ed il servizio effettivamente prestato e/o il prodotto acquistato;
  • specifica dichiarazione di disponibilità, presso gli uffici comunali, della documentazione in originale e/o in copia conforme all’originale, indicata nell’atto di rendicontazione.

Poiché il contributo verrà quindi erogato sulla sola base di quanto auto dichiarato nell’unico atto di rendicontazione, l’Agenzia Regionale di Protezione Civile si riserva la possibilità di effettuare, a campione, verifiche tecnico-contabili sulle documentazioni di spesa indicate;

8) di subordinare l’erogazione del contributo in parola ai seguenti adempimenti e prescrizioni:

  • l’utilizzo del contributo da parte del Comune beneficiario dovrà essere preventivamente concordato ed inteso mediante apposito documento preventivo di spesa sottoscritto con il Comandante Provinciale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;
  • per le spese di tipologia corrente, l’utilizzo del contributo dovrà necessariamente avere avuto compimento nel corso di tutto l’anno corrente ( dal 01.01.2015 al 31.12.2015 );
  • per le spese di tipologia in conto capitale, l’utilizzo del contributo dovrà necessariamente avere almeno avuto inizio ( per ogni singola spesa ) nel corso dell’anno corrente;
  • ogni spesa con caratteristiche difformi alle suddette prescrizioni non potrà essere ritenuta ammissibile a rendicontazione, e quindi non potrà essere liquidata; in ogni caso non saranno mai ritenute ammissibili a rendicontazione le spese per il personale comunale e/o del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ( permanente e/o volontario) eventualmente impiegate in qualsivoglia attività tecnica, applicativa o intellettuale, finalizzata a manutenzione, addestramento, formazione e servizio;

9) di pubblicare la presente determinazione ai sensi dall’art. 26 del D.lgs. 33/2013;

10) di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it