E-R | BUR

n.29 del 14.02.2012 (Parte Seconda)

XHTML preview

Rete Politecnica Regionale. Anno 2012

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Vista la propria deliberazione n. 775 del 9/6/2011 “Rete Politecnica Regionale. Approvazione del Piano Triennale Regionale della Formazione Superiore 2011/2013 e delle procedure di attuazione”;

Considerato che con la sopra citata deliberazione 775/2011 è stato approvato il Piano regionale triennale, previamente concertato e condiviso nelle sedi previste dalla normativa vigente con tutti i soggetti interessati, per costituire la Rete Politecnica Regionale che struttura e consolida un sistema regionale unitario della rete di relazioni tra le istituzioni scolastiche,gli enti di formazione professionale, le università e i centri di ricerca e le imprese, anche costituite in forme stabili e della rete dell’offerta capace di valorizzare la cultura professionale, tecnica, tecnologica e scientifica e di accrescere, qualificare e innovare le competenze tecniche e professionali;

Dato atto che con la presente deliberazione si intendono pienamente confermati:

- gli assunti sui quali si fonda il Piano triennale:

- piena valorizzazione delle connessioni tra la formazione superiore, l’alta formazione, la ricerca e il trasferimento tecnologico;

- strategicità dell’investimento sulle persone per lo sviluppo e la coesione in quanto leva fondamentale per stimolare la competitività futura e creare i “nuovi e migliori” posti di lavoro di domani;

- centralità del binomio “nuove competenze per nuovi lavori” per modernizzare i mercati occupazionali e consentire alle persone di migliorare le proprie competenze in tutto l’arco della vita e di conciliare meglio l’offerta e la domanda di lavoro;

- capacità di fondarsi sulla collaborazione/integrazione tra i soggetti che concorrono a costruire nuovi saperi e nuove competenze e soggetti che, attraverso la formazione, li devono rendere disponibili ai singoli e pertanto al sistema delle imprese;

- riconoscimento delle imprese come luoghi in cui le competenze si producono, cogliendo le diverse modalità attraverso le quali le imprese innovano;

- la definizione di Rete Politecnica Regionale come:

- rete di relazioni tra le istituzioni scolastiche, gli enti di formazione professionale, le università e i centri di ricerca e le imprese, anche costituite in forme stabili;

- rete dell’offerta capace di valorizzare la cultura professionale, tecnica, tecnologica e scientifica e di accrescere, qualificare e innovare le competenze tecniche e professionali;

- la specificità e complementarità dell’offerta della Rete Politecnica articolata in:

- Percorsi realizzati dagli Istituti Tecnici Superiori;

- Percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore;

- Percorsi di Formazione Superiore;

- gli obiettivi dell’offerta che nella sua articolazione deve:

- corrispondere organicamente alla richiesta di tecnici di diverso livello sapendo intercettare e rispondere in modo tempestivo ed efficace alle richieste di competenze del sistema produttivo;

- fare della relazione stabile con tutti gli attori del sistema lo strumento per una lettura di bisogni, anche differenti per livelli di complessità, non ancora espliciti ma funzionali all’innovazione;

- sviluppare una formazione che si costruisce con il concorso delle imprese e si completa nelle imprese per mettere in valore gli ambienti plurimi di apprendimento e le risorse tecnologiche più avanzate;

- promuovere una sempre più forte connessione tra competenze e lavoro e quindi tra formazione e lavoro;

- valorizzare la dimensione di accompagnamento al lavoro promuovendo l’apprendistato quale forma contrattuale che permette un successivo e ulteriore sviluppo delle competenze dei giovani;

Dato atto che nell’a.s. 2011/2012 sono stati avviati 9 percorsi realizzati dalle 7 Fondazioni ITS sui diversi territori come di seguito riportato:

- Tecnico superiore per l’infomobilita’ e le infrastrutture logistiche - ITS per la mobilità sostenibile - logistica e mobilità delle persone e delle merci - Piacenza;

- Tecnico superiore responsabile delle produzioni e delle trasformazioni agrarie, agro-alimentari e agro-industriali - ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy - sistema agroalimentare - Parma; 

- Tecnico superiore per l’innovazione di processi e prodotti meccanici - ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy sistema meccanica- meccatronica - Reggio Emilia;

- Tecnico superiore per l’innovazione di processi e prodotti meccanici - ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy- sistema meccanica e materiali - Modena;

- Tecnico superiore per l’automazione e i sistemi meccatronici - ITS per le nuove tecnologie per il made in Italy - sistema meccanica - automazione industriale - Bologna;

- Tecnico superiore per la conduzione del cantiere di restauro architettonico - ITS per le tecnologie innovative, i beni e le attività culturali – sistema per l’abitare - Ferrara;

- Tecnico superiore per l’approvvigionamento energetico e la costruzione di impianti - ITS per le tecnologie innovative, i beni e le attività culturali - sistema per l’abitare - sede distaccata di Ravenna;

- Tecnico superiore per la grafica multimediale e i sistemi di comunicazione - ITS per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione - Forlì-Cesena;

- Tecnico superiore per la valorizzazione delle risorse culturali, delle produzioni tipiche e della filiera turistica - ITS per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione - sede distaccata di Rimini;

Valutato rilevante, al fine del conseguimento degli obiettivi generali e specifici previsti dalla Rete Politecnica, garantire la continuità del segmento di offerta altamente qualificata e innovativa realizzata dalle Fondazioni ITS per l’A.S. 2011/2012, rendendo disponibili risorse regionali pari a euro 2.700.000,00 per il finanziamento di 9 percorsi biennali nelle more dell’approvazione della programmazione nazionale e del relativo finanziamento;

Ritenuto necessario richiedere alle Fondazioni ITS la presentazione del Piano triennale di attività 2012/2014, predisposto secondo le indicazioni della programmazione regionale ed in relazione alle tipologie di intervento indicate nel DPCM 25 gennaio 2008, allegato a), punto 4, unitamente al Progetto formativo, che dovranno essere inviati a Regione Emilia-Romagna - Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro- Viale A.Moro n. 38 - 40127 Bologna, entro e non oltre il 30 marzo 2012. La documentazione dovrà essere spedita attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno. Fa fede il timbro postale. 

Dato atto altresì che all’assegnazione delle risorse per i percorsi biennali si provvederà con successivo atto del Dirigente regionale competente a seguito del ricevimento della documentazione richiesta;

Valutato inoltre, al fine di sostenere la qualificazione e l’arricchimento dei percorsi biennali, di rendere disponili ulteriori euro 300.000,00 di risorse regionali per il finanziamento di:

- Azione 1. Attività per l’integrazione e la complementarietà dei percorsi biennali realizzati dalle Fondazioni ITS;

- Azione 2. Attività per rafforzare la dimensione europea della formazione: attivazione di Unità Capitalizzabili/ Moduli formativi in lingua inglese;

Dato atto che per il finanziamento degli interventi di arricchimento e qualificazione dei percorsi biennali le Fondazioni ITS dovranno presentare proposte progettuali come previsto nell’Allegato A) “Invito a presentare proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali realizzati dalle Fondazioni ITS - Anno 2012”, che si approva quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

Tenuto inoltre conto che l’Allegato B) della citata deliberazione 775/2001 “Invito a presentare percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e di Formazione Superiore da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Asse Capitale Umano - in attuazione del Piano Triennale Regionale della Formazione Superiore - Rete Politecnica 2011 - 2013”:

- ha inteso dare attuazione a quanto definito nel Piano Triennale Regionale della formazione superiore - Rete Politecnica 2011 – 2013 rendendo disponibili percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) e percorsi di formazione superiore;

- ha previsto al punto E) “Modalità e termini per la presentazione delle operazioni”, tre scadenze di candidatura delle proposte rispettivamente per gli anni 2011, 2012 e 2013 ed in particolare fissa alle ore 12.00 del 21/3/2012 la scadenza riferita all’anno 2012;

Valutato altresì che nel sopracitato Allegato B) della propria deliberazione n. 775/2011:

- si prevedeva che al fine di evitare eventuali sovrapposizioni tra l’offerta di IFTS e i percorsi realizzati dagli ITS l’offerta formativa approvata avrebbe tenuto conto dell’effettivo avvio di questi ultimi;

- si individuavano le figure professionali nazionali IFTS che con riferimento ai singoli territori sarebbero stati valutati e pertanto approvabili solo in caso di non avvio dei percorsi realizzati dagli ITS come di seguito indicati:

- BOLOGNA: TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE;

- FERRARA: TECNICO SUPERIORE CONDUZIONE CANTIERE;

- FORLÌ-CESENA: TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE;

- MODENA: TECNICO SUPERIORE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE INDUSTRIALE;

- PARMA: TECNICO SUPERIORE DELLA TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI AGROINDUSTRIALI;

- PIACENZA: TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA;

- RAVENNA: TECNICO SUPERIORE AMBIENTE, ENERGIA E SICUREZZA (IN AZIENDA);

- REGGIO-EMILIA: TECNICO SUPERIORE DI DISEGNO E PROGETTAZIONE INDUSTRIALE;

- RIMINI: TECNICO SUPERIORE PER L’ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO;

Dato atto che con la propria deliberazione n.1347/2011, verificata la sussistenza delle condizioni per l’avvio dei percorsi da parte degli ITS, non si è proceduto alla valutazione delle operazioni riferite ai percorsi sopra indicati;

Ritenuto pertanto di confermare l’esclusione delle figure professionali IFTS per territorio provinciale come da deliberazione n. 1347/2011;

Tenuto inoltre conto che:

- con le proprie deliberazioni nn. 1077/2011, 1286/2011 e 1502/2011 si è provveduto ad integrare il Repertorio del Sistema Regionale delle Qualifiche con nuove qualifiche alte e specialistiche;

- con la propria deliberazione n.1568/2011 è stato approvato l’integrazione allo studio approvato con la deliberazione n. 1119/2010 con riferimento alla standardizzazione dei contributi finanziari per i percorsi di formazione iniziale e superiore per applicazione/sperimentazione a partire dall’anno 2012;

Ritenuto pertanto di integrare l’Allegato B) di cui alla citata deliberazione n. 775/2011, in particolare:

- dando atto dell’integrazione del Repertorio del Sistema Regionale delle qualifiche;

- inserendo la previsione per i percorsi a qualifica delle modalità di rendicontazione a costi standard;

- inserendo tra gli elementi di priorità e di innovazione, di cui al punto D), la capacità di individuare elementi di complementarietà ed integrazione con i percorsi realizzati dagli ITS;

- adeguando e integrando le griglie di valutazione delle operazioni per recepire pienamente le priorità e gli elementi di innovazione introdotti;

Ritenuto altresì di allegare alla presente deliberazione l’Allegato B) alla sopracita deliberazione n. 775/2011 integrato dalle parti in carattere sottolineato ed evidenziate in carattere barrato le eliminazioni del testo;

Dato atto che:

- la validazione del Piano triennale di attività 2012/2014 e del progetto Formativo presentati dalle Fondazioni ITS verrà effettuata dal Servizio Regionale competente;

- la valutazione delle proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali - di cui all’Allegato A) verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato nominato con atto del Direttore Generale “Cultura Formazione e Lavoro”n. 8603 del 13/7/2011;

- la valutazione delle operazioni di cui all’Allegato B) verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato nominato con il sopracitato atto del Direttore Generale n. 8603 del 13/7/2011;

Dato atto infine che al finanziamento delle proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali presentati dalle Fondazioni ITS si provvederà con proprio successivo atto;

Richiamate le Leggi Regionali:

- n. 40/2001 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4”;

- n. 43/2001 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e ss.mm;

- n. 21/2011 “Legge finanziaria regionale adottata, a norma dell’art. 40 della L.R. 15 novembre 2001, n. 40, in coincidenza con l’approvazione del Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012 e del Bilancio pluriennale 2012-2014”, che è pubblicata nel B.U.R. Telematico n. 191 del 22 dicembre 2011.

- n. 22/2011 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l’esercizio finanziario 2012 e del Bilancio pluriennale 2012-2014”, che è pubblicata nel B.U.R. Telematico nn. 192, 192.1 e 192.2, del 22 dicembre 2011; 

Viste le proprie deliberazioni:

- n.1057/2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta Regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali”;

- n.1663/2006 “Modifiche all’assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;

- n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera n. 450/2007” e ss.mm;

- n. 1377/2010 “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”così come rettificata dalla deliberazione n. 1950/2010;

- n. 2060/2010 “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;

- n.1222/2011 recante “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;

- n. 1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro e modifica all’autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l’Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera

1) di integrare, per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate, l’Allegato B) “Invito a presentare percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore e di Formazione Superiore da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Asse Capitale Umano - in attuazione del Piano Triennale Regionale della Formazione Superiore - Rete Politecnica 2011 - 2013” di cui alla propria deliberazione n.775/2011, scadenza del 21/3/2012;

2) di approvare il nuovo testo dell’Allegato B) alla sopracitata deliberazione n.775/2011, integrato dalle parti in carattere sottolineato ed evidenziate in carattere barrato le eliminazioni del testo, quale parte integrante e sostanziale del presente atto;

3) di dare atto che la copertura finanziaria delle azioni di cui all’Allegato B) è prevista nell’ambito del Programma Operativo FSE Asse IV Capitale Umano per un importo complessivo di Euro 6.000.000,00 per ciascun anno di programmazione, pari complessivamente a euro 18.000.000,00 per il triennio 2011-2013;

 4) di dare atto, altresì, che al fine del conseguimento degli obiettivi generali e specifici previsti dalla Rete Politecnica per garantire la continuità del segmento di offerta altamente qualificata e innovativa realizzata dalle Fondazioni ITS per l’A.S. 2011/2012 si rendono disponibili risorse regionali pari a euro 2.700.000,00 per il finanziamento di 9 percorsi biennali, nelle more dell’approvazione della programmazione nazionale e del relativo finanziamento;

5) di prevedere la presentazione, da parte delle Fondazioni ITS, del piano triennale di attività 2012/2014, predisposto secondo le indicazioni della programmazione regionale ed in relazione alle tipologie di intervento indicate nel DPCM 25 gennaio 2008, allegato a), punto 4, unitamente al Progetto formativo, che dovranno essere inviati a Regione Emilia-Romagna - Servizio Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell’ambito delle politiche della formazione e del lavoro- Viale A.Moro n. 38 - 40127 Bologna, entro e non oltre il 30 marzo 2012. La documentazione dovrà essere spedita attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno. Fa fede il timbro postale. 

6) di stabilire che all’assegnazione delle risorse per i percorsi biennali provvederà, con successivo atto, il Dirigente regionale competente a seguito del ricevimento della documentazione richiesta di cui al punto 5) che precede;

7) di sostenere la qualificazione e l’arricchimento dei percorsi biennali rendendo disponili ulteriori euro 300.000,00 di risorse regionali per il finanziamento di: 

- Azione 1. Attività per l’integrazione e la complementarietà dei percorsi biennali realizzati dalle Fondazioni ITS;

- Azione 2. Attività per rafforzare la dimensione europea della formazione: attivazione di Unità Capitalizzabili/ Moduli formativi in lingua inglese;

8) di dare atto che per il finanziamento degli interventi di arricchimento e qualificazione dei percorsi biennali, di cui al punto 7) che precede, le Fondazioni ITS dovranno presentare proposte progettuali come previsto nell’Allegato A) “Invito a presentare proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali realizzati dalle Fondazioni ITS - Anno 2012”, che si approva quale parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;

9) di dare atto inoltre che:

- la validazione del Piano triennale di attività 2012/2014 e del progetto Formativo presentati dalle Fondazioni ITS verrà effettuata dal Servizio Regionale competente;

- la valutazione delle proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali - di cui all’Allegato A) verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato nominato con atto del Direttore Generale “Cultura Formazione e Lavoro” n. 8603 del 13/07/2011;

- la valutazione delle operazioni di cui all’Allegato B) verrà effettuata dal Nucleo di valutazione regionale interno all’Assessorato nominato con il sopracitato atto del Direttore Generale n. 8603 del 13/7/2011;

10) di stabilire infine che al finanziamento delle proposte progettuali per l’arricchimento e la qualificazione dei percorsi biennali presentati dalle Fondazioni ITS si provvederà con proprio successivo atto;

11) di rinviare per tutto quanto non espressamente previsto dall’Allegato B) al presente atto alla propria deliberazione n. 775/2011;

12) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it