E-R | BUR

n.226 del 26.08.2015 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Modalità per la valutazione dei progetti presentati in ordine alla DGR n. 1006/2015. Assegnazione delle competenze per la valutazione collegiale

IL RESPONSABILE

Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 1006 del 27/07/2015 con la quale, tra l’altro, sono state determinate le modalità di accesso ai contributi di cui all’art. 9, comma 1 della L.R. n. 12/2005 e ss.mm. e all’art. 9, comma 1 della L.R. n. 34/2002 e ss.mm. per l’anno 2015;

Preso atto che ai sensi della su richiamata deliberazione n. 1006/2015, la concessione dei contributi di cui sopra deve essere determinata in base a graduatorie di merito stilate sulla base di valutazione collegiale secondo modalità determinate dal Responsabile del Servizio regionale competente in fase di assegnazione dei compiti istruttori;

Preso atto che le graduatorie di merito relative ai finanziamenti di cui alla L.R. n. 12/2005 e ss.mm., dovranno essere stilate tenuto conto delle valutazioni eventualmente espresse dai Centri di Servizio per il Volontariato;

Ritenuto pertanto necessario: 

  1. assegnare le suddette competenze di valutazione e i relativi compiti istruttori ai collaboratori Ioppi Cinzia, responsabile della PO Implementazione delle politiche sociali attraverso la partecipazione a iniziative comunitarie e programmi europei, Ragazzini Francesca, responsabile della PO Programmazione sociale e socio - sanitaria e sistema dell'accesso ai servizi e Paltrinieri Fabrizia dell’Agenzia sanitaria e sociale regionale;
  2. assegnare alla collaboratrice Squarzanti Silvia il compito di verbalizzare i lavori di valutazione e istruttori;
  3. adottare, per i progetti presentati dalle associazioni di cui alla L.R. n. 34/2002 e ss.mm., una griglia di valutazione dei progetti che tenga conto degli elementi di priorità previsti dalla deliberazione n. 1006/2015 e di criteri di valutazione ordinati a classi di valore prioritario ben definite, così come risulta dalla Tabella "Griglia di valutazione progetti art. 9, comma L.R. n. 34/2002 anno 2015", che in allegato forma parte integrante del presente provvedimento;
  4. che le graduatorie dei progetti vengano stilate tenuto conto rispettivamente delle valutazioni eventualmente espresse dai Centri di Servizio per il Volontariato, per quanto riguarda i progetti presentati dalle organizzazioni di cui alla L.R. n. 12/2005 e ss.mm., e della griglia allegata alla presente determinazione, per quanto riguarda invece i progetti presentati dalle associazioni di cui alla L.R. n. 34/2002 e ss.mm.;
  5. rimandare alla deliberazione n. 1006/2015 per quanto riguarda l'entità dei finanziamenti; 

Richiamate le deliberazioni della Giunta regionale n. 2416/
2008 e successive modificazioni, n. 1057/2006, n. 1663/2006, n. 1222/2011 e n. 193/2015;

Attestata, ai sensi della delibera di Giunta regionale n. 2416/2008 e ss.mm., la regolarità del presente atto; 

determina:

  1. di assegnare le competenze di valutazione e i relativi compiti istruttori di cui in premessa ai collaboratori Ioppi Cinzia, responsabile della PO Implementazione delle politiche sociali attraverso la partecipazione a iniziative comunitarie e programmi europei, Ragazzini Francesca, responsabile della PO Programmazione sociale e socio - sanitaria e sistema dell'accesso ai servizi e Paltrinieri Fabrizia dell’Agenzia sanitaria e sociale regionale;
  2. di assegnare alla collaboratrice Squarzanti Silvia il compito di verbalizzare i lavori di valutazione e istruttori;
  3. di adottare, per i progetti presentati dalle associazioni di cui alla L.R. n. 34/2002 e ss.mm., una griglia di valutazione dei progetti che tenga conto degli elementi di priorità previsti dalla deliberazione n. 1006/2015 e di criteri di valutazione ordinati a classi di valore prioritario ben definite, così come risulta dalla Tabella "Griglia di valutazione progetti art. 9, comma 1 L.R. n. 34/2002 anno 2015", che in allegato forma parte integrante del presente provvedimento;
  4. di dare atto che le graduatorie dei progetti vengano stilate tenuto conto rispettivamente delle valutazioni eventualmente espresse dai Centri di Servizio per il Volontariato, per quanto riguarda i progetti presentati dalle organizzazioni di cui alla L.R. n. 12/2005 e ss.mm., e della griglia allegata alla presente determinazione, per quanto riguarda invece i progetti presentati dalle associazioni di cui alla L.R. n. 34/2002 e ss.mm.;
  5. di rimandare alla deliberazione n. 1006/2015 per quanto riguarda l'entità dei finanziamenti;
  6. di dare atto, infine, che il presente provvedimento sarà pubblicato nel BURERT.

La Responsabile del Servizio 

Maura Forni 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it