E-R | BUR

n.192 del 02.07.2014 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Accordo di collaborazione tecnico-scientifica tra la Regione Emilia-Romagna e Alma Mater Studiorum - Università di Bologna - Dip. Ing. Energia elettr. G. Marconi per attività di progettazione del modello/sistema di "clearing" regionale "Mi muovo" ai sensi dell'art. 15 L. 241/90. Concessione finanziamento. CUP n. E33D14000020001

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso:

- che la L.R. 30/98 e successive modifiche all’art. 39 comma 2, prevede l’attuazione della riforma del sistema tariffario caratterizzato dalla zonizzazione del territorio regionale e dall’applicazione di sistemi tecnologici gestionali e flessibili;

- che l’Atto di Indirizzo generale in materia di programmazione e amministrazione del trasporto pubblico regionale per il periodo 2011-2013 (delibera dell’ Assemblea legislativa regionale del 20/12/2010 n. 32) in fase di aggiornamento conferma tra l’altro, tra le azioni volte alla riqualificazione del servizio di trasporto pubblico locale e regionale, l’obiettivo dell’integrazione tariffaria attraverso l’attuazione del Progetto Stimer/Mi Muovo da parte dei gestori del servizio di trasporto pubblico locale e regionale operanti in Emilia-Romagna;

Viste:

- la propria deliberazione n. 637 del 5 maggio 2008 con la quale è stabilita l’attivazione, a decorrere dal 1 settembre 2008, del graduale percorso di avvicinamento all’applicazione del nuovo sistema di bigliettazione elettronica integrata Stimer/MiMuovo sull’intero territorio regionale, valido per tutti i soggetti titolari dei ricavi tariffari di TPL dei servizi autofiloviari e ferroviari regionali e locali, attraverso la definizione della “tariffa obiettivo” dei diversi titoli di viaggio regionali integrati;

- la propria deliberazione n. 2055 del 20 dicembre 2010 con la quale:

  1. è confermata l’estensione del sistema di bigliettazione elettronica Mi Muovo sull’intero territorio dell’Emilia-Romagna a tutti gli operatori compresi quelli ferroviari ivi operanti, in coerenza con l’impegno espresso nell’Atto di Indirizzo e nel “Patto per il TPL”;
  2. sono disposti gli indirizzi di dettaglio della politica tariffaria concertata nel “Patto per il TPL” con particolare riferimento ai criteri, ai titoli di viaggio e ai livelli tariffari di riferimento dei servizi di trasporto pubblico regionale e locale;
  3. è approvato l’Allegato 1 “Titoli e regole di viaggio del sistema tariffario integrato regionale “Stimer”/”Mi Muovo”, con il quale sono individuate le specifiche tecniche e di dettaglio del sistema medesimo per una applicazione omogenea ed uniforme sull’intero territorio regionale;

Preso atto della “Convenzione Mi Muovo”, sottoscritta tra gli operatori del sistema e dalla Regione Emilia-Romagna, con scadenza al 31/12/2013 e attualmente in fase di aggiornamento, con la quale sono regolati i rapporti reciproci tra le diverse società di trasporto autofiloviarie e ferroviarie, in modo da assicurare il regolare e proficuo svolgimento del servizio di trasporto integrato e delle attività connesse all’emissione e gestione dei titoli di viaggio integrati “Mi Muovo”;

Preso atto che:

  • nei nove bacini provinciali il sistema di bigliettazione elettronica Mi Muovo è ormai a regime e che dal secondo semestre del 2014 anche il servizio ferroviario regionale gestito da Trenitalia, sarà completato con le tecnologie necessarie al perfezionamento del sistema di bigliettazione elettronica e alla integrazione tariffaria;
  • si rende necessario procedere a definire puntualmente le modalità di clearing, (ripartizione degli introiti tariffari derivanti dall’uso dei titoli di viaggio TPL integrati) tra i diversi operatori del trasporto pubblico regionale, al fine di garantire in capo agli stessi l’equilibrio economico e consentire al contempo all’utenza, spostamenti più rispondenti alle proprie esigenze di mobilità e una migliore accessibilità ai servizi attraverso l’utilizzo di un unico titolo di viaggio sull’intero territorio regionale;

Preso atto altresì che, la società Start Romagna operante nei bacini di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini ha attivato una collaborazione con l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, volta all’analisi e progettazione di un modello informatico, necessario alla operatività di un sistema di clearing (ripartizione degli introiti) da effettuarsi tra i diversi operatori pubblici e privati autofiloviari presenti nei territori di competenza dei servizi affidati;

Viste le simulazioni e le analisi derivanti dalle attività di collaborazione svolte dall’Università nel merito di quanto richiesto da Start Romagna e valutati positivamente i risultati attesi;

Atteso che l’estensione di applicabilità a livello regionale del modello informatico sviluppato per i bacini romagnoli dall'Università ha evidenziato che le modalità di un Clearing regionale pongono un serie di complessità di rilevanza scientifica inerenti in particolare la privacy e la sicurezza dei dati da utilizzare, l’architettura del sistema distribuito di raccolta e concentrazione dei dati, la garanzia della consistenza temporale dei dati stessi, le modalità di implementazione degli algoritmi da utilizzarsi;

Considerato che la Regione ritiene opportuno lo sviluppo di un prototipo software, che estenda le funzionalità del modello informatico già predisposto, per consentire l’esecuzione di attività volte ad approfondire l’analisi e lo studio di soluzioni alle problematiche sopra evidenziate e di sviluppare metodologie scientifiche e operative a supporto delle attività di interesse regionale, finalizzate alla definizione del sistema di “Clearing” per la ripartizione degli introiti derivanti dalla vendita dei diversi titoli di viaggio integrati delle società di gestione dei trasporti pubblici in Regione;

Preso atto che l’esecuzione di quanto sopra descritto è in linea con le attività svolte dai gruppi di ricerca afferenti al Dipartimento d’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “G. Marconi” dell’Università di Bologna che hanno interesse ad applicare e validare risultati teorici acquisiti nel campo della sicurezza informatica, delle reti di telecomunicazioni e della gestione di sistemi distribuiti a contesti di rilevanza applicativa come il “Clearing” regionale e il cui sviluppo può portare a risultati scientifici innovativi;

Dato atto che l’art. 15 della L. 241/90 e ss.mm. stabilisce che:

  • le Amministrazioni pubbliche possono concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento, in collaborazione, di attività di interesse comune e che per tali accordi si osservano, in quanto applicabili, le disposizioni previste dall’art. 11, commi 2 e 3 della medesima legge;
  • che un’autorità pubblica può adempiere ai propri compiti anche in collaborazione con altre amministrazioni, in alternativa allo svolgimento di procedure di evidenza pubblica di scelta del contraente, cui affidare l’attività di interesse;

Dato atto che l’interesse di cui ai precedenti punti può qualificarsi come interesse comune ai sensi dell’ art. 15 della legge n. 241/90 e che esistono presso l’Università le competenze specifiche e le strutture adeguate allo svolgimento delle attività di cui ai punti precedenti;

Acquisita agli atti del competente Servizio regionale la nota prot. n.PG/2013/0290475 del 21/11/2013, con la quale l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna ha presentato una proposta per attivare un accordo di collaborazione, finalizzato allo sviluppo di un prototipo software utile all’analisi dell’architettura sistemistica e delle componenti funzionali di un sistema di “Clearing” regionale, atto ad integrare le informazioni sull’uso dei titoli di viaggio sui mezzi pubblici disponibili alle diverse società di gestione dei trasporti pubblici, con sviluppo di metodologie scientifiche e operative a supporto delle attività di interesse regionale, quali i contenuti di rilevanza scientifica nel campo della gestione della sicurezza dell’informazione (dati) e delle prestazioni di sistemi di elaborazione distribuita;

Ritenuto pertanto, sulla base dei disposti sopra evidenziati:

  • di accettare la proposta di collaborazione tecnico-scientifica di Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento d’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “G. Marconi”, finalizzata all'acquisizione del prototipo software utile all’analisi dell’architettura sistemistica e delle componenti funzionali di un sistema di “Clearing Regionale” come sopra descritto;
  • di attivare con Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento DEI un rapporto di collaborazione istituzionale, ai sensi dell’art. 15 della richiamata L. 241/90 e ss.mm., per concorrere alla realizzazione di quanto proposto attraverso un apposito “Accordo di Collaborazione” il cui schema è allegato al presente provvedimento, quale parte integrante e sostanziale dello stesso;
  • di prendere atto che l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento DEI, rende disponibili le risorse umane, strutturali e strumentali necessarie alla realizzazione di tutte le attività descritte nel “Programma tecnico scientifico” parte integrante dell’Accordo di collaborazione di cui all’allegato, che costituiscono la partecipazione dell’Ente nelle varie attività, e ne sostiene gli oneri come esplicitato nella nota citata e deposita agli atti del competente servizio regionale;
  • di concedere un finanziamento di €.180.000,00 a favore dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento DEI a parziale copertura delle spese che verranno sostenute per la realizzazione delle attività sopra descritte;
  • di approvare apposito schema di “Accordo di Collaborazione tecnico-scientifica” tra le parti con validità fino al 31 dicembre 2015, Allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, dando atto che alla sottoscrizione dello stesso provvederà, per questa Regione, in attuazione della normativa vigente, il Direttore generale Reti infrastrutturali, logistica e sistemi di mobilità Ing. Paolo Ferrecchi;

Dato atto che il relativo onere di Euro 180.000,00 è imputabile al cap. 43349 “Spese per la realizzazione di prodotti informatici per la promozione e l'attuazione dell'intermodalità e l'integrazione tra diversi tipi di trasporto (artt. 70,74,81 e 84 D.lgs. 31 marzo 1998, n. 112 e art.30, comma 1, lett. d) ed e), art.31, comma 2, lett. f) e art.36, L.R. 2 ottobre 1998, n.30) - Mezzi statali” di cui all’U.P.B. 1.4.3.3.16011 del Bilancio per l’esercizio finanziario 2014, che presenta la necessaria disponibilità;

Dato atto che ai sensi dell’art. 11 della L. 16 gennaio 2003, n. 3 è stato assegnato dalla competente struttura ministeriale all'attività in oggetto del presente provvedimento il codice C.U.P. (Codice Unico di Progetto) E33D14000020001;

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all’art. 47, comma 2, della L.R. n. 40/2001 e che, pertanto, l’impegno di spesa possa essere assunto con il presente atto;

Richiamate:

  • la LR 15 novembre 2001 n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna”;
  • le Leggi regionali n. 28 e n. 29 del 20 dicembre 2013;
  • la LR 26 novembre 2001 n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e s.m.;
  • la Legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture del 7 luglio 2011, n. 4, recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari, ai sensi dell’art. 3 della L. 13 agosto 2010, n. 136”;

Visti:

  • il DLgs. 14 marzo 2013, n. 33 del “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni.”;
  • la propria deliberazione n. 1621 del 11 novembre 2013 avente per oggetto: “Indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.Lgs 14 marzo 2013, n. 33”;
  • la propria deliberazione n. 68 del 27 gennaio 2014 avente per oggetto: “Approvazione del Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014 - 2016”;

Richiamate le proprie deliberazioni, esecutive ai sensi di legge:

  • n. 1057 del 24 luglio 2006, concernente "Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale". "Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali";
  • n. 1663 del 27 novembre 2006 "Modifiche all'assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";
  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 concernente "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007" e ss.mm.;
  • n. 2060 del 20 dicembre 2010 concernente "Rinnovo incarichi ai Direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010";
  • n. 1222 del 4 agosto 2011 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”;
  • n. 290 del 10 marzo 2014 concernente “Approvazione incarico dirigenziale nell'ambito della direzione generale reti infrastrutturali, logistica e sistemi di mobilità”;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell'Assessore a “Programmazione territoriale, urbanistica. Reti di infrastrutture materiali e immateriali. Mobilità, logistica e trasporti”;

A voti unanimi e palesi

delibera:

per le motivazioni espresse in premessa che qui si intendono integralmente richiamate:

  1. di attivare, aderendo alla proposta presentata e acquisita agli atti del competente Servizio regionale - prot. n. PG/2011/290862, un Accordo di collaborazione tecnico-scientifica, con Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento d’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “G. Marconi” - DEI, ai sensi dell’art. 15 della L. 241/90 e ss.mm.;
  2. di approvare l’apposito “Accordo di collaborazione tecnico-scientifica” tra le parti con scadenza al 31/12/2015, redatto secondo lo schema Allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  3. di specificare che tale “Accordo di collaborazione” come meglio descritto nel “Programma Tecnico-Scientifico” parte integrante ed essenziale del medesimo, è finalizzato alla definizione di un prototipo di software utile per il sistema di ripartizione degli introiti, “Clearing regionale”, riferito alla bigliettazione elettronica “Mi Muovo” per lo sviluppo di metodologie scientifiche e operative a supporto dell’attività di interesse pubblico e a risultati scientifici innovativi;
  4. di dare atto che alla sottoscrizione dell’Accordo medesimo provvederà, per questa Regione, in attuazione della normativa vigente ed in applicazione della propria deliberazione n. 2416/08 e ss.mm. il Direttore generale Reti infrastrutturali, logistica e sistemi di mobilità, con firma digitale a norma del comma 2 bis dell’art. 15 della L. 241/90 e ss.mm., introdotto dall’art. 6, comma 2, del D.L. 179/12 convertito in Legge 221/12;
  5. di dare atto che, di comune accordo tra le parti, l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento d’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “G. Marconi”, rende disponibili per l’attuazione delle attività individuate, risorse umane, strutture e strumenti a tal fine necessari allo sviluppo del prototipo software che costituiscono la partecipazione dell’Ente nelle varie attività;
  6. di concedere un finanziamento di Euro 180.000,00 a favore dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Dipartimento DEI a parziale copertura delle spese che verranno sostenute per la realizzazione delle attività sopra descritte;
  7. di dare altresì atto che il Codice Unico di Progetto (CUP) assegnato dalla competente struttura per il progetto di investimento pubblico connesso all'iniziativa oggetto del presente atto è il n. CUP E33D14000020001;
  8. di imputare la spesa di Euro 180.000,00 registrata al n. 2173 di impegno sul Capitolo 43349 “Spese per la realizzazione di prodotti informatici per la promozione e l'attuazione dell'intermodalità e l'integrazione tra diversi tipi di trasporto (artt. 70,74,81 e 84 D.Lgs. 31 marzo 1998, n.112 e art. 30, comma 1, lett. d) ed e), art. 31, comma 2, lett. f) e art. 36, L.R. 2 ottobre 1998, n.30) - Mezzi statali” di cui all’UPB 1.4.3.3.16011 del Bilancio per l’esercizio finanziario 2014, che presenta la necessaria disponibilità;
  9. di dare atto che il Dirigente regionale competente provvederà, con propri atti formali, alla liquidazione dell’importo sopra specificato, ai sensi dell’art.51 della L.R. 40/01 e della propria deliberazione n. 2416/2008 e ss.mm., con le modalità indicate all’art. 9 dell'Accordo di collaborazione di cui allo schema allegato al presente provvedimento;
  10. di dare atto, inoltre, che compete l’adempimento, ove dovuto, degli obblighi discendenti dalle disposizioni normative vigenti, per l’invio dei provvedimenti adottati alla Corte dei Conti, nonché, sempre ove dovuto, gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi della L. 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche, in capo all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna - Dipartimento d’Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione “G. Marconi”;
  11. di dare atto, infine, che si provvederà agli adempimenti di cui al DLgs. 14 marzo 2013, n. 33, secondo le indicazioni operative contenute nella proprie deliberazioni 1621/13 e 68/14;
  12. di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Telematico della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it