E-R | BUR

n.252 del 20.09.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Provvedimento di VIA della domanda di concessione in sottensione per la derivazione di acqua pubblica dal Fiume Reno attraverso l'opera di presa ed i canali gestiti dal Consorzio della Chiusa di Casalecchio di Reno presentata dal Consorzio della Bonifica Renana - Presa d'atto delle determinazioni della Conferenza di Servizi

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) la Valutazione di Impatto Ambientale positiva, ai sensi dell’art. 16 della LR 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, relativa alla domanda di concessione in sottensione parziale per la derivazione di acqua pubblica dal fiume Reno attraverso l’opera di presa ed i canali gestiti dal Consorzio della Chiusa di Casalecchio di Reno, ad uso irriguo, in comune di Casalecchio di Reno, provincia di Bologna, proposto dal Consorzio della Bonifica Renana, poiché l'intervento previsto è, secondo gli esiti dell’apposita Conferenza di Servizi, nel complesso ambientalmente compatibile;

b) di ritenere, quindi, possibile assentire la concessione suddetta, a condizione siano rispettate le prescrizioni riportate ai punti 1.C., 2.C. e 3.C. del Rapporto conclusivo della Conferenza di Servizi, che costituisce l’Allegato 1, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, di seguito trascritte:

1) Si assente il rilascio di quanto richiesto, ovvero un prelievo per la portata massima di 1750 l/s, confermando fino alla sua revisione, le modalità di distribuzione stabilite dalla DGR n. 840/2013, fermo restando che si raccomanda al Consorzio della Bonifica Renana, in caso di scarsità di risorsa di attivare tutte le possibili fonti alternative, affinché un quantitativo maggiore della risorsa disponibile dal Fiume Reno possa essere immesso nel Canale Navile e nel Savena Abbandonato; fermo restando inoltre che nella revisione della DGR n. 840/2013 la Regione Emilia-Romagna si riserva di modificare quanto in essa stabilito fissando i valori di DMV necessari per il raggiungimento degli obiettivi di qualità di cui alla Direttiva 2000/60/CE, ovvero pari a 1,33 mc/s da maggio a settembre e 2,04 mc/s da ottobre ad aprile.

2) Si ritiene possa essere assentita la concessione di derivazione al Consorzio di Bonifica Renana per irrigare mediamente 1500 ha, su un comprensorio totale di 11.386 ha, fino a una portata massima di 1750 l/s, con un volume derivabile alle teste dei distretti così come di seguito indicato:

  • Riolo: 1.050.000 mc/anno
  • Venenta: 770.000 mc/anno
  • Dozza: 7.100.000 mc/anno

per un volume complessivo di 8.920.000 mc/anno.

3) I dati provenienti dal sistema di monitoraggio dovranno essere annualmente inviati al Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua, Aria e Agenti Fisici della Regione Emilia-Romagna.

c) di dare atto che l’agenzia regionale ARPAE sez. Direzione Tecnica, con determina n. DET-AMB-2017-4001 del 26 luglio 2017 a firma del Responsabile della Direzione Tecnica Franco Zinoni, ha assentito la concessione per la “sottensione parziale per la derivazione di acqua pubblica dal fiume Reno attraverso l’opera di presa ed i canali gestiti dal Consorzio della Chiusa di Casalecchio di Reno, ad uso irriguo, in comune di Casalecchio di Reno (BO)”; tale atto, che costituisce l’Allegato 2, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;

d) di dare atto che il parere favorevole sull’impatto ambientale del progetto, ai sensi dell’articolo 18 della LR 9/99, da parte del Comune di Bologna, Dipartimento Riqualificazione Urbana, Settore Ambiente ed Energia, U.I. Qualità Ambientale, è stato acquisito il 21/1/2016 al prot. regionale PG/2016/029820, che costituisce l’Allegato 3, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; tale parere è stato fatto proprio dalla Conferenza di Servizi; il Comune di Bologna non ha partecipato alla seduta conclusiva della Conferenza di Servizi;

e) di dare atto che il parere favorevole sull’impatto ambientale del progetto, ai sensi dell’articolo 18 della LR 9/99, da parte Città Metropolitana di Bologna, Area Pianificazione Territoriale, Servizio Pianificazione del territorio, è stato acquisito il 11/10/2016 al prot. regionale PG/2016/0657223, che costituisce l’Allegato 4, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione; la Città Metropolitana di Bologna non ha partecipato alla seduta conclusiva della Conferenza di Servizi;

f) di dare atto che in relazione al parere sull’impatto ambientale del progetto, ai sensi dell’articolo 18 della LR 9/99, da parte del comune di Castelmaggiore; l’Amministrazione comunale di Castelmaggiore non ha partecipato alla riunione conclusiva della Conferenza di servizi e non ha firmato il Rapporto Ambientale che costituisce l’allegato 1 della presente deliberazione;

g) di dare atto che in merito al parere sulla concessione di derivazione in sottensione di acqua pubblica da parte della Autorità di Distretto Idrografico del fiume Po (ex Autorità di Bacino del Po), non ha partecipato alla riunione conclusiva della Conferenza di servizi e non ha firmato il Rapporto Ambientale che costituisce l’allegato 1 della presente deliberazione; trova quindi applicazione il disposto dell’art. 14-ter, comma 7, della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni;

h) di dare atto che in merito al parere sulla concessione di derivazione in sottensione di acqua pubblica da parte della Città Metropolitana di Bologna, non ha partecipato alla riunione conclusiva della Conferenza di servizi e non ha firmato il Rapporto Ambientale che costituisce l’allegato 1 della presente deliberazione;

i) di dare atto che per il parere in merito alla concessione di derivazione di acqua pubblica ed alla qualità delle acque da parte della Regione Emilia-Romagna, ha espresso parere favorevole partecipando alla conferenza di Servizi conclusiva un rappresentante delegato del Servizio Tutela e Risanamento risorsa acqua, aria e agenti fisici;

j) di trasmettere, ai sensi dell’art. 16, comma 3, della LR 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, per opportuna conoscenza e per gli adempimenti di rispettiva competenza, copia della presente deliberazione ad ARPAE Direzione Tecnica, al Comune di Bologna, al Comune di Castelmaggiore, alla Città Metropolitana di Bologna, al Autorità di Distretto Idrografico del fiume Po;

k) di fissare, ai sensi dell’art. 17, comma 10, della vigente L.R. 18 maggio 1999, n. 9, l’efficacia temporale della presente Valutazione di Impatto Ambientale in 5 anni, salvo eventuali proroghe ai sensi di legge;

l) di pubblicare per estratto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell’art. 16, comma 3, della LR 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, il presente partito di deliberazione;

m) di pubblicare integralmente la presente delibera sul sito web della Regione Emilia-Romagna. 

ALLEGATO 1: Rapporto sull'Impatto Ambientale – 05/07/2017

ALLEGATO 2: Concessione derivazione DET-AMB-
2017-4001 del 26/7/2017

ALLEGATO 3: parere del Comune di Bologna del 21/1/2016

ALLEGATO 4: parere della Città Metropolitana di Bologna del 11/10/2016

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it