E-R | BUR

n.30 del 08.02.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedura di verifica (screening) relativa al progetto di ampliamento dell'impianto di selezione e recupero rifiuti sito a Modena, in Via Caruso 150, per realizzazione di una nuova linea di trattamento del vetro - Proponente: Herambiente Spa (Titolo II LR. n. 9/1999)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

(omissis)

delibera:

a) di approvare le valutazioni e le conclusioni espresse nel documento “Istruttoria Tecnico-Ambientale”, predisposto da ARPAE SAC di Modena, allegato al presente atto a costituirne parte integrante e sostanziale (Allegato 1);

b) di escludere, ai sensi dell’art.10 della LR 9/1999, dalla ulteriore procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), di cui al Titolo III della medesima legge regionale, il progetto di ampliamento dell'impianto di selezione e recupero rifiuti sito a Modena, in via Caruso 150, per realizzazione di una nuova linea di trattamento del vetro, presentato dalla Società HERAmbiente Spa, con sede legale in comune di Bologna, Via Carlo Berti Pichat n.2/4, a condizione che siano rispettate le seguenti prescrizioni:

1. il limite complessivo massimo di rifiuti trattabili nell’impianto di selezione e recupero è fissato in 130.000 t/anno;

2. il progetto definitivo delle opere (da presentare alle autorità competenti al rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione ed all'esercizio):

a) deve proporre le azioni volte a dimostrare che l'impianto non supera il limite massimo fissato al precedente punto n.1;

b) in materia acustica, deve valutare e proporre gli interventi di dettaglio necessari per garantire il rispetto delle norme vigenti e minimizzare l’impatto ambientale, in particolare, presso i recettori individuati;

c) anche in relazione alla pezzatura attesa dei “frammenti di vetro” in stoccaggio, deve valutare e proporre gli accorgimenti e le azioni di dettaglio necessari per minimizzare le emissioni diffuse di polveri, considerando la possibilità di applicare le “tecniche” elencate al paragrafo 9.4.3.4 del PAIR 2020 (adottato con D.G.R. 1180/2014) o altre tecniche eventualmente ritenute efficaci;

c) di determinare le spese per l’istruttoria relativa alla procedura predetta a carico del proponente in euro 500,00 ai sensi dell’articolo 28 della LR. n. 9/99 e della deliberazione della Giunta Regionale 15/7/2002, n. 1238, importo correttamente versato all'avvio del procedimento;

d) di trasmettere il presente atto alla società proponente, nonché ad A.R.P.A.E., Comune di Modena, Provincia di Modena, A.U.S.L. Modena, Autorità di Bacino del fiume Po, Agenzia Interregionale per il fiume Po (AIPo), Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile e al Consorzio della Bonifica di Burana per gli adempimenti di rispettiva competenza;

e) di pubblicare per estratto nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell'art. 10, comma 3 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, il presente partito di deliberazione;

f) di pubblicare integralmente sul sito web della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell’art. 20, comma 7 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, il presente atto.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it